Cerca nel blog

venerdì 17 settembre 2021

Morgoth - Ungod

#FOR FANS OF: Death Metal
This is a killer release featuring riffs that are impeccable. The sound quality of this album is also superb. Everything seemed to fit on this one. I don't own much of their material aside from digital, but I'll tell you this...it is a monument of an album 'Ungod' devastates. It's too bad this band is defunct. They really would've had a lot of years together. I get it if you lose the passion but they left the music scene on a great note because 'Ungod' is impeccable. I have nothing bad to say about this release. The music is amazing. And original sounding to the utter maximum degree! An array of metal perfection!

I like the guitar riffs and vocals plus the sound quality is illustrious. I think that this is one of the better death metal albums from 2015. They reached the pinnacle in the songwriting. Nothing shy of just an utter gem! The music is what takes it away and gets you in the realm of yes Morgoth. I haven't heard much of their earlier material but I'll be that it's good if not better than this one. I don't think that's possible though. 'Ungod' is an unmistakable album of perfection. Make no mistake about it the guitars and vocals just steal the listener. At least they did that with me. So much of a landmark.

I don't mind the vocals really, I actually thought that they complimented the music very well! And I can hear the tint of Industrial mixed with the death metal here. But overall, the riffs are totally death metal. I like the harmonies too, they enhance the rhythms. The riffs themselves are just so diametrically sound. They really did a great job in the songwriting. I wish a lot of death metal bands wrote like this. Just original, catchy, smooth, and ever flowing. They may come back to the music scene, who knows?! I'm just glad that I had a chance to review and appreciate this album their music.

It's very difficult to find this album maybe eBay because Amazon is just ridiculous as to what they want for this album. About $200 on Vinyl. Like I said, ridiculous. I may buy it on eBay, that is if I want to dish out $40 for the CD. It is good enough to spend that much on it rather than to just have it downloaded on Spotify. But in any case, it's an album well worth checking out. I had nothing ill to say about it. Everything seemed to flow. Enjoy this release if you come by it on Spotify. Then form your own opinion on it and I'm sure you won't be disappointed especially if you're into metal. Check it out! (Death8699)

(Century Media Records - 2015)
Score: 80

https://www.facebook.com/MorgothOfficial

giovedì 16 settembre 2021

Children of Bodom - Follow The Reaper

#FOR FANS OF: Power Death
What a powerful performance on all fronts! Long live Alexi Laiho! Just getting to reviewing this now, and wow, what a series of positive melodic death/power metal! The music on here is epic, I like it a little bit more than 'Hate Crew Deathroll', well...maybe. I think the compositions on here are sublime. They really did the listener good with this recording! The riffs, synthesizers, vocals, drums and production quality is more than adequate! The tear your speakers apart! Alexi was great on here rhythm and lead guitars. I think that this is the most thought out COB release ever. They tended to go downhill after this.

The music a divine music is what's on here. They did everything right on this album. Everything sounds original and to the point riff-writing wise. I think that it's pretty technical as well. Fast, ripping, and relentless. Such a great album. All was right when they wrote this release. I think the music is some of most original melodic death metal they've put forth! I dig the power metal element as well. They mix the instruments quite well and they are just relentless in terms of the energy! It's rapid fire music here, and Alexi's vocals are fantastic! Everything on here hit home with me nothing on here that I'd change.

The sound quality was top notch. Everyone on here sounded great and like I said I'd change nothing. It's a divine masterpiece. They knew exactly what to do with the songwriting. I don't know why they fell after this. Maybe the aggregate of fans then they got a little bit lazy perhaps. With the 'Hate Crew Deathroll' and 'Halo of Blood' I think were good solid albums but not to the equation of excellence that this held forth. They really did hit a pinnacle release here just wish they didn't regress all up until Alexi's death (RIP). It's rumored that he had a bad alcohol problem hence the nickname "Wildchild."

So to sum it up, 'Follow the Reaper' is probably the best COB in their entire discography. They hit home on every track. The aggression, hatred and vibe is totally sick. They definitely worked hard on this and what an output! From every aspect, they conquered. They didn't do anything wrong on here, simply said: NO MISTAKES. It's amazing the talent that the band had all up until the end. It's a sad reality that there will be no more COB. All we have now is to appreciate the memories by playing this classic and 'Hate Crew Deathroll'. I'm biased with that one though. Own this! (Death8699)


(Spinefarm Records - 2000)
Score: 90

https://www.facebook.com/childrenofbodom

mercoledì 15 settembre 2021

Vøidwomb - Altars of Cosmic Devotion

#PER CHI AMA: Black/Death
Arrivano dalla semisconosciuta Barroselas (Portogallo) questi Vøidwomb, oscuro e pericoloso quintetto dedito ad un black death old school, nonostante la band sia di recente formazione (2019). La voglia di ripescare sonorità mai dimenticate, viene a galla nella ritmica di "Summon of Utu-Shamash", che segue con le sue roboanti chitarre un'intro dal piglio liturgico. Poi spazio ad un sound old style tra chitarroni death thrash e vocalizzi d'oltretomba. Nulla di originale come potrete intuire, nemmeno a livello solistico, con un assolo di scuola floridiana (stile Deicide) davvero poco efficace. E allora si riparte con "Descent to Ersetu", tirata all'inizio e poi mid-tempo nella sua parte centrale, dove in sottofondo mi sembra di scorgere dei chorus celestiali, mentre la sei corde miete vittime con rasoiate di scuola black death svedese. Si prosegue con la cupezza sonora di "Architects of World Demise" e con quel suo incipit death doom a mischiare ancora una volta le carte in tavola, anche se poi i cinque lusitani si lanciano in ritmiche tirate (e poco melodiche) guidate dal growling cupo e a tratti acido di M.S.Vøid. L'ultima traccia è affidata alla title track e a quel suo inizio tribale che sembra mostrare un lato più personale della band, troppo poco per ingolosirsi di una release come questa, da consigliare esclusivamente agli amanti di sonorità qui troppo derivative e obsolete. (Francesco Scarci)

Tomarum - Wounds Ever Expanding

#PER CHI AMA: Prog Black/Death, Ne Obliviscaris
Ce li siamo distrattamente persi per strada lo scorso anno, in quel convulso susseguirsi di informazioni funeste sul Covid-19. Nel frattempo negli US i Tomarum si mettevano in mostra con il loro sound spaventoso e un EP mostruoso intitolato 'Wounds Ever Expanding', che in fatto di tecnica, non ha da invidiare nulla a nessuno. Ecco perchè l'abbiamo ripreso e portato alla vostra attenzione, perchè un lavoro cosi certosino che chiama in causa mostri sacri del genere, Death, Atheist e Ne Obliviscaris su tutti, non poteva essere certo trascurato. Due i brani a disposizione per 17 minuti di musica ispiratissima, intensa, melodica e devastante. E i primi sei minuti di "Throes of Life, Forever Entwined" lo dimostrano alla grande con un sound torrenziale, una pioggia di riff (di chitarra e fretless bass) contorti, melodie a fiumi, ed infine raffinati e ubriacanti tecnicismi che esaltano le qualità esagerate di un quartetto che in Europa sembra non aver calcolato nessuno. Molto male. "Crimson Severance" parte invece con una parte acustica per la classica quiete prima della tempesta che non tarderà certo ad arrivare con una proposta a tratti dissonante e con la voce del frontman a muoversi tra screaming e pulito. Ragazzi, ma che diavolo ci siamo persi, qui ce n'è per tutti i gusti. Di nuovo rallentamenti arpeggiati con delicate voci pulite e ripartenze indiavolate, black e death progressivo come solo pochi sanno suonare. Spero solo che i miei nuovi eroi di Atlanta non si perdano per strada e capiscano che le potenzialità ci sono tutte, e che ora quel che serve è solo un pizzico di fortuna. Mostruosi. (Francesco Scarci)

martedì 14 settembre 2021

Teal - Hearth

#PER CHI AMA: Alternative/Progressive Rock
La Bird's Robe Records prosegue la propria campagna di riedizioni questa volta con gli australiani Teal e il loro debut EP, 'Hearth', datato 2013. La proposta del quartetto originario di Sydney si rifà ad un alternative rock assai orecchiabile. Cinque le tracce a disposizione dei nostri per poter dire che, anche se vecchio di otto anni, questo lavoro rimane alquanto attuale. Ottime (e un po' ruffiane) le delicate melodie dell'opener "Solitaires", dove a mettersi in luce sono i vocalizzi di Joe Surgey, uno che strizza l'occhiolino, anzi l'ugola, al frontman dei Muse, con risultati peraltro più che soddisfacenti, e con la musica che si muove anche tra le maglie del prog rock, tra chiaroscuri emozionali, guidati proprio dalla voce di Joe e accelerazioni quasi ringhianti, che rendono la proposta davvero interessante. In "Don't Wake Up" non vorrei prendermi del pazzo, ma su di un tappeto post math rock, ci ho sentito dei vocalizzi addirittura alla Bono, con il sound sempre bello carico ma in continuo movimento tra trame più morbide e altre più potenti. Con "Raptor", il combo del Nuovo Galles del Sud, si propone con sonorità che richiamano ancora Matthew Bellamy e soci, anche se qui i Teal sembrano meno esplosivi che in precedenza, fatto salvo per il comparto solistico, breve ma efficace. Se parliamo di esplosività (ma pure creatività) non possiamo non citare "Voss": partenza acustica stile primissimi Pearl Jam, sound mellifuo guidato dalla voce di Joe e poi accelerazioni belle toste che si alternano a parti più atmosferiche ed intimiste con tanto di tremolo picking alle chitarre. In chiusura, la più oscura e meditabonda "Three Hours", che con i suoi costanti rimandi ai primi Muse, chiude degnamente una release che ai più, sono certo, fosse passata inosservata. Chissà che stanno combinando oggi i Teal, ora mi vado ad informare, voi nel frattempo ascoltatevi 'Hearth'. (Francesco Scarci)

(Bird's Robe Records - 2013/2021)
Voto: 73

https://tealband.bandcamp.com/album/hearth-ep

lunedì 13 settembre 2021

De Press – Block to Block / Product



#PER CHI AMA: Punk/New Wave
Parlare di una band che in un solo anno di attività ha lasciato il segno nella storia del post punk europeo non è compito facile. I detrattori potrebbero dire che non era tutta farina del loro sacco, che dentro alla loro musica, in un periodo temporale a cavallo tra la fine del punk e la nascente scena post punk/new wave di primi anni '80, c'erano mille richiami stilistici di altri gruppi ben più noti e le correnti che attraversavano le composizioni di Andrej Nebb (Andrzej Dziubek) e compagni si cullavano tra riferimenti punk alla The Blood, tensione esistenziale alla Warsaw, punk oi!, ska, dark rock, art punk berlinese emiliano alla CCCP, new wave alla Theatre of Hate e per l'appunto, tutto il nascente fenomeno post punk. La musica dei De Press del primo album, 'Block to Block', era evidentemente debitrice di tutte queste band ma con una particolarità stilistica che li rendeva padroni di una formula musicale unica di quel periodo, ossia un'attitudine naturale e una singolare capacità di inglobare in ogni loro composizione, tutti assieme i dogmi e i modi di fare più consoni, di tutte le altre band appartenenti a questo genere musicale tanto trasversale al tempo e tanto diverso da quello che oggi viene chiamato erroneamente post punk. I primi due dischi della loro sterminata discografia, sono stati ristampati e rimasterizzati con cura e ottima qualità, anche in formato vinile, dalla Apollon records. Per festeggiare il quarantesimo anniversario di 'Block to Block' ed il secondo 'Product', del 1982, registrato con la band ormai già sciolta e che vedeva il trio spostare il suo sound verso lidi new wave ancor più convincenti e vicini alla musica di The Sound e Joy Division, vengono oggi riportati alla luce nella loro totale bellezza, due album che sono entrati nella leggenda e che rendono il giusto omaggio ad un gruppo imperiale. Nato e cresciuto nel panorama sotterraneo norvegese, la band ha lasciato un segno indelebile nella storia musicale dell'epoca, in Norvegia e Polonia ma anche nel resto d'Europa. La band resa famosa anche dal canto inusuale in lingua pseudo inglese/polacco/norvegese, dal bassista e vocalist, musicista e rifugiato politico dalla Polonia in Norvegia, con 'Block to Block' ha ottenuto, in terra scandinava, il riconoscimento di miglior album rock del XX secolo. Due dischi fondamentali, colmi di rabbia, immediatezza stilistica, impegno sociale, politico e tanta ribellione, che non possono mancare negli scaffali di un estimatore del post punk tout court, alla pari di 'Hymns of Faith' dei Crisis, 'Always Now' dei Section 25 oppure 'Westworld' dei Theatre of Hate. La prima incarnazione dei De Press chiude la propria discografia con l'ottimo epitaffio discografico live, del 1983, dal titolo 'On the Other Side', che depone le armi del trio e ne affossa definitivamente l'attività artistica di quel periodo. L'attività musicale riprenderà solo un decennio più tardi, per continuare fino ai giorni nostri senza interruzioni, con una nuova formazione capitanata sempre dall'instancabile Andrej Nebb, che nel 1991 fa rinascere la band sotto una nuova veste musicale a metà strada tra musica folk della tradizione polacca, reminiscenze rock e protesta sonora alla The Fall, confezionando ad oggi un'infinità di opere musicali. Ma questa è un'altra facciata della storia dei De Press su cui poter ancora scrivere diverse pagine. Una band che è stata un culto dell'underground, un fenomeno venuto dal grande nord che pochi ricorderanno, ma che vale la pena rispolverare e ammirare ancora una volta. (Bob Stoner)

Orgrel - Red Dragon’s Invocation

#FOR FANS OF: Black Old School

Let`s go with another interesting project, which literally comes from nowhere. The Italian project Orgrel has signed a deal with Iron Bonehead Productions to release its first opus entitled 'Red Dragon’s Invocation'. As this label usually releases quality stuff, it is clear that the band’s first effort must have something which should be worth of our time.

As I have no more info about this obscure project, I immediately decided to focus on the most important thing, the music itself. One needs only a couple of seconds to realize that Orgrel plays black metal in its purest and most iconic form. Every second of this powerful debut is a sincere and passionate tribute to the genre’s gold era, the never forgotten '90s. Production wise, 'Red Dragon’s Invocation' is an album with a good balance in terms of merging the current production standards and a devotion to that era. There is no crystal-clear sound here, but a quite good production, where the main instruments can be easily distinguished, while the overall sound is enough raw to fit the music. The vocals sound high and powerful, just in the front but without being over present, as they share the main role with the guitars and drums. As mentioned before, Orgrel plays black metal as quintessential as the genre can be, so there is no need to lose time trying to give a more refined definition of the band’s sound. 'Red Dragon’s Invocation' is an album where speed, ferocity and melody are fused together in a very natural way, like black metal has always been, as least when it has not been perverted. There is no black metal if we only find brutality without melody and this Italian project has perfectly understood this indispensable condition. For that reason, the seven songs of this debut album have a healthy balance of these elements, including a good dose of tempo changes, which is always a welcome aspect in this genre. The album opener "Burning Ruins", which is actually one of the top songs of this album, summarizes all the strong points of Orgrel’s music. It’s a fast track with ferocious vocals and an excellent work with the guitars, which sound equally strong and melodic and with a good degree of elaboration, as they guide all the tempo changes of this track. The composition has a handful of them, as it flows easily between fast, medium, and slow sections which make the song truly captivating. The tremolo riffing is the king in songs like "Amor Fati" or the album closer, the massive "Carved in Blood", especially in the fastest sections of these songs and in general in the whole album. On the other hand, we can find slightly more distorted guitars in the slowest parts, being maybe the clearest example the headbanging inducing "Gate of Eternal Life", which could be defined the slowest song of the album, although it doesn´t lack a pinch of power.

Orgrel’s debut 'Red Dragon’s Invocation' will please of the fans of classic black metal, as the album keeps a quite good level through the entire work. It won´t shake the genre as the classic gems did, because I can´t find a song which is outstandingly brilliant, but I can´t either find a mediocre song or even section. In conclusion, everything here sounds packed, focused and consistent, giving us over thirty minutes of undoubted enjoyment. (Alain González Artola)


(Iron Bonehead Productions - 2021)
Score: 74

https://www.facebook.com/orgrelofficial  

Dying Empire - Dystopia

http://www.secret-face.com/
#FOR FANS OF: Melo Death
This album is way HEAVY and to the point. These guys show maturity in their songwriting skills. I'm glad that this was sent to me (as a gift). It's sure worth "playing time" since it's the genre that I highly respect: melodic death metal. There aren't enough bands nowadays that play this style anymore. At least, not to my knowledge. In any case, these guys really hit home here. It's not just "HEAVY" but it shows some ferocious tenacity. They really bleed the eardrums. The riffs are fantastic and straightforward. They leave no prisoners here. I though that album concept was simply ingenious. Great songwriting!

The vocals are split which suits the music. But you have an etch of Carcass in their during the 'Necoticism/Heartwork' days. Not entirely, but they show their influences as that. I'm surprised that they don't have an extra extent hearing this great melodic death metal! They deserve a bigger audience. With music like this, they play out a lot of modern bands. I believe that they're suited up for more great things! Their guitars are tuned low like Carcass and some of the melodies (like I said) reveal their true influences. And the vocal tradeoff (growls/screams) are a lot like other bands that have done it like that.

I'm hearing most of their own stuff though despite their obvious influences. They don't need to prove anything with their music, they've done it on here. I haven't heard their newer stuff, but on here is enough to get a feel for what the future has in store. Anyway, I have nothing but admiration of this band. They spent 42+ minutes of music that just has total balls to it. I'm in deep thought every time I hear this thinking of what good can I say here that they absolutely deserve. Well, expect heavy guitarwork, aggressive vocals, and great sound quality which makes it a pinnacle of an album. Nothing on here is "wishy washy." They killed it on here.

I would urge you to try this one if you're into extreme metal. It's got everything that makes for good in an album, remarkable. And the music if you're a guitar player is phenomenal. Technical at points and unrelenting. Definitely shows age and experience in writing for this release. I still can't believe that no one has commented on how great this release is! It's definitely up to par on simply great albums that I pointed out on this review. Please do yourself a favor and check out some of their work at least. Even if it's just a song on here, something! It's worth you listening time to this! (Death8699)


(Art Gates Records - 2015)
Score: 75

https://www.facebook.com/DyingEmpire

Barbarian Prophecies - Horizon

#FOR FANS OF: Black/Death
Absolutely the best Barbarian Prophecies album I've ever heard. It's just so diverse but not overly experimental. It's got elements of death metal and black together but it's also weaved into the genre of melodic death metal. The vocals are brutal (female) it doesn't sound like female vocals at all. But yes, these guys did a great job on everything on here. They seem to capture all avenues of metal here which makes it so not boring or long drawn out 52 minutes of boredom. It's anything but that. I like the tempo changes, the melodies, the brutality and the calm (when there is some!). I'm greatly appreciating the band's effort to step up their potential.

I do have to say that the vocals are yes a bit harsh making the music a bit drowned out, but not to the super degree that it is. It's actually all right, it's just at time a bit overbearing. But I didn't take points off because of it. I think it did fit the music well, it's just a little over-the-top but decidedly that, an excellent effort. What took me to liking the album so much was that it has so much variety and the riffs are totally original. I like the melodies a great deal. They kicked ass on the guitars/drums totally. They're not a lot of lead guitar action just a lot of melodies (as I've stated). Perfectly fine because a lot of leads can make or break an album.

I actually got to listen to this well before the album was released. I totally had a perfect "A" a couple of months ago before the albums release because I was that impressed. It really struck me as a great melodic death release. The production, sound quality, mixing was all there. The guitars stole it for me but as a band an ultimate success. No complaints really other than what I said before about the vocals. But that's rectified entirely. "Alpha" has to be my favorite track on the whole release though I liked all the song. A monument in their discography. It's amazing what a few years can make and maturity!

You'll have to wait till November for the CD to come into circulation. For the time being, Spotify and YouTube has the whole album. This band has come quite a ways since their 20 years in circulation via the music scene. They really have no holds barred on here but there are breaks during the songs it isn't all brutal. The melodies stole it for me. And the rhythms, but all in all an excellent release. Barbarian Prophecies needs to get more well known in the scene. Maybe popular in Spain (their origin) but not so much the United States. I'm hope that press will change that and they'll get noticed! Check them out! (Death8699)


giovedì 9 settembre 2021

Yawning Sons - Sky Island

#PER CHI AMA: Post Rock/Grunge
Quello degli Yawning Sons è un progetto anglo-americano formatosi nel 2008 e inizialmente costituito da membri delle leggende californiane del desert rock, Yawning Man e dai post rockers inglesi Sons of Alpha Centauri. Da qui la crasi dei due nomi con 'Sky Island' a rappresentare l'incontro delle due realtà musicali, che tornano quasi dodici anni dopo il loro debut del 2009, 'Ceremony to the Sunset', in un lavoro raffinato, che sembra prendere le distanze dagli stili musicali delle due band madri. "Adrenaline Rush" e quel suo pulsante basso in apertura, si muove infatti attraverso sonorità prog rock che mi hanno evocato Porcupine Tree e Riverside, e che ci riserva uno spettacolare coro che si affianca alla voce di Marlon King (chitarrista dei Sons of Alpha Centauri). Blues rock invece per la suadente "Low in the Valley" che si dipana tra post-rock e post-grunge, con la mia sottolineatura assegnata alla strepitosa voce di Dandy Brown (Hermano, Orquesta del Desierto), uno degli ospiti che popola questo lavoro. "Cigarette Footsteps" vede invece alla voce il mitico Mario Lalli (Yawning Man e Fatso Jetson) in un pezzo compassato ed ipnotico, per un viaggio nei meandri del post rock più onirico. Con "Passport Beyond the Tides", la band arriva ad esplorare mondi lontani e dilatati, a cavallo tra synth wave e space rock, in una caleidoscopica girandola di emozioni esclusivamente affidata al suono della sei corde e dei synth. Ci si muove veloci ed è il momento di "Shadows and Echoes", che ci stupisce per la presenza alla voce di Wendy Rae Fowler (We Fell to Earth) con quel suo stile canoro accostabile a Dolores O’Riordan, in un pezzo sciamanico dai forti rimandi malinconici. Ci si avvia verso il finale dove mancano ancora a rapporto una beatlesiana "Digital Spirit", sorretta dai vocalizzi di un altro mitico personaggio, Scott Reeder (Kyuss, The Obsessed e Fireball Ministry). E ancora, "Gravity Underwater" dove al microfono ritorna Dandy Brown in un pezzo dal forte piglio settantiano che però non mi ha convinto del tutto, nonostante il suo ottimo assolo. In chiusura la strumentale "Limitless Artifact" per un pezzo che incarna invece sia il desert rock dei Yawning Man che il post rock dei Sons of Alpha Centauri, a fare questa volta, una crasi dei loro stili musicali. Un elegante ritorno. (Francesco Scarci)

Aara - Anthropozän

#PER CHI AMA: Black melodico
'Anthropozän' è uscito originariamente nel 2019 come release esclusivamente digitale. Forti di un accresciuto interesse nei confronti del combo elvetico dopo lo strepitoso 'En Ergô Einai' dello scorso anno e l'altrettanto buono 'Triade I: Eos' di quest'anno, la Debemur Morti ha pensato di rilasciare questa release in un elegante 7". Un brano per lato: la corrosiva ed introspettiva "Anthropozän 1" sul side-A che si muove tra scorribande black e frangenti più atmosferici, dove a mettersi in mostra sono quelle riverberanti e melodiche linee di chitarra che sferrano attacchi all'arma bianca. Più compassata, almeno nei primi secondi, "Anthropozän 2", visto che si lancerà da li a breve in un vorticoso ed intrigante giro di chitarre, sopra il quale si palesa la caustica voce urlata di Fluss. Poi un break, il suono di un temporale, a stemperare le sferzanti ritmiche infuocate imbastite dal duo svizzero, prima di ripartire impetuosi più che mai e senza pietà. Splendida la melodia palesemente derivante dalla musica classica che va a chiudere il brano e sancire che gli Aara sono una di quelle realtà della new generation, da tenere assolutamente in considerazione. (Francesco Scarci)

White Ward - Debemur Morti

#PER CHI AMA: Post Black Sperimentale
La Debemur Morti ha affidato l'arduo compito agli ucraini White Ward di celebrare con una loro uscita discografica, la duecentesima uscita dell'etichetta francese. Autori di due eccellenti album negli ultimi quattro anni, i sei ucraini rilasciano questo 'Debemur Morti', che affida alla title track in testa all'EP la missione di aprire le danze del qui presente. E la compagine conferma sin dai primi secondi le proprie qualità con quelle trame di piano e sax che avevo amato alla follia in due brani di 'Futility Report', ossia "Deviant Shapes" e "Stillborn Knowledge". Proprio da quelle sonorità nascono e crescono le melodie dell'act di Odessa che nei nove minuti dell'opener, ha modo di abbracciare black metal, sonorità progressive di scuola Ne Obliviscaris (anche a livello vocale) e suggestivi mondi sperimentali di scuola Ulver, per una song che potrebbe affiancarsi per bellezza e intensità, alle due canzoni sopra citate. E poi attenzione alla guest star dietro al microfono, ossia Lars Nedland (Borknagar, Solefald) che sfodera una prova strepitosa che innalza ulteriormente il livello qualitativo di un pezzo che ha ancora modo di lanciarsi in una portentosa ed epica cavalcata conclusiva che peraltro carica ancor di più di aspettative la successiva "Embers". Da applausi comunque. Ancora pianoforte e sax a braccetto per i primi quattro minuti della seconda traccia, con forti richiami che mi conducono a 'Blood Inside' degli Ulver, prima che sciabolate di post-black nudo e crudo vengano propagate in modo più o meno intermittente nei restanti quattro giri di orologio di una release che ha il solo difetto di durare troppo poco. (Francesco Scarci)

domenica 5 settembre 2021

Jordsjø - Pastoralia

#PER CHI AMA: Prog Rock
I Jordsjø sono un duo proveniente dalla Norvegia, con all’attivo già diverse uscite (dal 2015 se ne contano 8 tra demo, split, EP e album veri e propri). Qui ci troviamo nell’ambito del progressive più puro, e non parlo di prog metal alla Dream Theater o cose del genere, mi riferisco proprio al progressive rock che negli anni '70 irrompeva sulla scena mescolando in modo fino ad allora inaudito il rock figlio della rivoluzione 60s con il folk, il jazz e la musica classica. E se è vero che, a volte, il connubio ha generato mostri, è innegabile che abbia anche dato vita a diverse esperienze interessanti. I Jordsjø si tengono dalla parte “buona” della barricata. Quella che riesce ad ibridare linguaggi non sempre facilmente conciliabili in modo equilibrato ed elegante, senza eccedere nel virtuosismo autoindulgente o soluzioni eccessivamente cervellotiche e tenendosi bene alla larga dal gigantismo o la magniloquenza che caratterizzano le esperienze meno felici (e ahimè non sono poche) di quel movimento. In 'Pastoralia' i due scandinavi sembrano avere preso a modello i primi Gentle Giant (ascoltare i 7 minuti di "Skumring i Karesuando" per credere), filtrandoli attraverso le lenti del folk e certo jazz di stampo nordico, smussando gli angoli e smorzando il toni generali fino ad ottenere un prodotto di altissimo artigianato che riesce a risultare fuori dal tempo, nel suo coniugare prog anni '70 ad un afflato nordico quasi pop, soprattutto nell’uso della voce. Ecco allora che ci sono momenti in cui la ripresa del folk nordico risplende come un diamante, come nella notevolissima title track o l’incantevole "Fuglehviskeren", dove sembra di ascoltare i Pentangle. Altre volte ad emergere è l’amore per certe atmosfere jazzate ("Beitemark"), fino a far confluire nella conclusiva "Jord III" tutto il loro mondo fatto di arpeggi acustici alternati ad ispirati fraseggi elettrici, flauti, mellotron, piani elettrici e strutture complesse ma mai astruse. Disco molto bello, davvero di alto livello. Un must have per gli amanti del genere. (Mauro Catena)

(Karisma Records - 2021)
Voto: 80

https://jordsjo.bandcamp.com/album/pastoralia

venerdì 3 settembre 2021

Miles Oliver – Between the Woods

#PER CHI AMA: Indie Folk Rock
Cantautore e poeta parigino abituato a fare tutto da sé (armato di chitarre acustiche ed elettriche, piano e loop station) e a dividere il palco con nomi del calibro di Shannon Wright, Wovenhand e Be Forest, Miles Oliver è al suo quarto album, al solito registrato in proprio, in perfetta solitudine. Pare che 'Between the Woods' sia nato al ritorno da un tour di settimane negli US e che abbia visto la luce inizialmente come libro, una sorta di diario del tour corredato da fotografie e poesie che hanno poi originato le 12 canzoni racchiuse qui dentro. Fedele al motto che “l’importante è la canzone, e non il modo in cui si presenta”, i 12 brani si susseguono scarni e scarnificati da un lavoro di sottrazione che lascia ben poca carne attaccata ad uno scheletro fatto di chitarre acustiche, talvolta doppiate dall’elettrica raramente accompagnate da un piano elettrico, un basso o una drum machine altrettanto essenziale. Il risultato, lungi dell’essere minimamente originale, è comunque sincero nel mostrare le proprie fragilità attraverso una voce stridula che ricorda vagamente quella del compianto Vic Chesnutt, e interessante nel suo voler offrire un’affresco che, nelle parole dell’autore, rappresenta la sue personale visione della cultura americana. Dalle radici folk blues dell’iniziale "Save Me" (dove la voce non è sorretta da strumenti) alle menti alienate di "Deamontia", fino alla vendetta di una donna oppressa di The Song I hate, unica concessione ad un rock più o meno rumoroso, il lavoro si dipana attraverso bozzetti acustici ("Last Time"), fino all’immancabile dedica a Kurt Cobain di "Myberdeen" e la danza dolente di "This is a Lie", screziata di elettronica povera, che chiude con la giusta dose di malinconia un lavoro di ottimo artigianato. E se è vero che le canzoni non sempre lasciano il segno, Miles sembra sincero nel mostrarci il suo mondo, e l’impressione è che possa dare il meglio sé nella dimensione live. (Mauro Catena)

giovedì 2 settembre 2021

Kryptan - S/t

#PER CHI AMA: Black/Death
Chissà per quanto tempo ce li porteremo avanti gli effetti dettati dal Covid-19, non solo in termini clinici ma anche musicali. Non poteva rimanere immune a tale situazione un personaggio sensibile come Mattias Norman, ex bassista dei Katatonia, che da quell'evento ha maturato l'idea di fondare i Kryptan, oscuri portatori di black metal della vecchia scuola scandinava. Solo quattro i pezzi a disposizione per il mastermind svedese, sufficienti però a sviscerare in una ventina di minuti, il desiderio di Mattias di riproporre quelle sonorità maestose e taglienti che hanno reso grandi gente del calibro di Dissection, Lord Belial o Naglfar, questi almeno i primi nomi che mi sono venuti in mente. Si parte dalle vorticose ritmiche di "A Giant Leap For Whoredom" e si percepisce forte quell'assonanza musicale con i maestri svedesi, complici urticanti melodie corredate dallo screaming efferato di Alexander Högbom. Interessanti, ma francamente nessuna ragguardevole idea da aggiungere ad una scena un po' stantia. Ci si riprova con la martellante "Bedårande Bran" dove questa volta ci sento un che di Unanimated e Sarcasm nell'icnipit, mentre in quelle feroci e veloci, emerge un che dei Marduk e in quelle più atmosferiche, cenni dei primissimi Dimmu Borgir quasi a rendere omaggio a tutti i mostri sacri degli anni '90. "Blessed Be The Glue" evoca il black norvegese degli Immortal, in particolare di un brano come "Blashyrkh", tra epiche galoppate black e assalti thrash metal. Tutto molto bello ma sentito milioni di volte. In chiusura l'inequivocabile "Burn the Priest", un brano che avrebbe potuto tranquillamente stare su uno degli ultimi lavori degli Anaal Nathrakh, per un attacco finale all'arma bianca. (Francesco Scarci)

(Debemur Morti Productions - 2021)
Voto: 70 
 

mercoledì 1 settembre 2021

Dez Dare - Hairline Ego Trip

#PER CHI AMA: Punk Rock
Un po' di insana follia punk rock era tempo che non la ascoltavo. Dovevo attendere questo frescone inglese nato in Australia che, durante il famigerato lockdown, ha pensato di mettersi in proprio e buttare giù un po' di stravaganti pezzi orecchiabili. Ecco la genesi di questo 'Hairline Ego Trip' dei Dez Dare. Nove brani che partono dal punk primigenio di "Dumb Dumb Dumb", tanto selvaggio quanto scanzonato per poco meno di due minuti di musica. La cosa prosegue con il garage rock di "Conspiracy, O' Conspiracy", niente di travolgente ma mostra un tocco che palesa già una certa personalità. Quella che emerge forte invece in "King + Queen Monstrosity", laddove potrebbe sembrare stravagante, ma non lo è affatto, parlare di psych punk doom, vista la natura slow motion del brano. Esperimento riuscitissimo. Si passa ad un surf rock sporcato di venature stoner con "My My Medulla", un pezzo che ci conduce direttamente agli anni '60. Non male ma un po' lontano dai miei gusti musicali. Divertente ma troppo vintage. Si continua a percorrere la strada dello stoner/desert rock polveroso con "Sandy’s Gonna Try" ed un cantato che invece sembra uscire da uno dei brani dei Sex Pistols, ma l'energia che emana ahimè non è la medesima. "Break My Vice" sono 100 secondi di uno stralunato post punk, mentre "Crowned by Catastrophe" ha quasi un piglio blues rock nel sua cantilentante incedere ipnotico. "Goodbye Autonomy" mette in scena altri 107 secondi di un sound tanto stravagante quanto difficile da etichettare senza doverci scrivere una tesi che descriva cosa il musicista di Brighton voleva realmente proporre. Ancora punk rock con la lunghissima "Tractor Beam, Shitstorm", quasi dieci minuti di musica psicotica e ridondante in grado di destabilizzare i sensi con i suoi giri di chitarra in loop ma anche in grado di sottolineare l'imprevedibile genialità di quest'artista britannico. (Francesco Scarci)

 Looking for people willing to write reviews in The Pit of the Damned and be part of the staff? Are you interested in?


Write to: thepitofthedamned@gmail.com

---------------------------------------------

Sei interessato a scrivere recensioni e far parte dello staff del Pozzo dei Dannati?

martedì 31 agosto 2021

Akercocke - Antichrist

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Black/Death
Continua la riscoperta di vecchi classici questa volta con i controversi Akercocke e un album veramente spaccaossa e tritabudelle, che ha avuto problemi di censura in mezzo mondo a causa del titolo e della cover abbastanza provocatori. 'Antichrist' è il quinto lavoro che porta il tipico marchio di fabbrica del quartetto albionico, che esce a distanza di un paio d’anni, da quel capolavoro dal titolo 'Words that Go Unspoken, Deeds that Go Undone'. Rispetto alle precedenti release, il sound proposto da Jason Mendonca e soci, si fa ancor più brutale, ma allo stesso tempo sperimentale, con la produzione, non certo pulitissima, a rendere 'Antichrist', ancor più selvaggio e malato. Il sound dei nostri prosegue quel cammino evolutivo, intrapreso dalla band già ai tempi di 'Choronzon', continuando quindi a miscelare in modo assai originale, elementi black, death e industriali, con un tocco progressive (parecchi gli intermezzi acustici, che rievocano gli Opeth), atmosfere emozionali e parti schizoidi (che mi hanno inevitabilmente ricordato, il sound dei nostrani Ephel Duath). Senza passare in rassegna ogni traccia, vi posso dire che questo disco è davvero notevole: riffs death/black si rincorrono per l’intera durata del cd, con le vocals di Jason che si alternano tra momenti in cui assomiglia più ad uno scarico di lavandino (tanto sono incomprensibili i growling), feroci screaming black e interludi in cui la ugola di Mr. Mendonca si avvicina a un ipotetico mix tra il vecchio cantante degli Ephel Duath (quello dalle clean vocals di 'The Painter’s Palette') e il vocalist degli Opeth. Le sonorità del combo inglese sono assai varie: si passa da brani in cui è il brutal death a farla da padrone (“Summon the Antichrist”) ad altri pezzi in cui emergono inaspettate influenze gothic/industriali, con parecchi frangenti acustici (“My Apterous Angel”), dove compaiono addirittura flauti e altri samples dal vago sapore orientale (fantastica “The Promise”). Come sempre i nostri hanno voluto sperimentare ulteriormente, mantenendo però intatto quel feeling oscuro e maligno che da sempre contraddistingue la band britannica. L’unica nota un po’ stonata, è il drumming, forse troppo caotico e martellante, però bazzecole di fronte a questo entusiasmante lavoro degli Akercocke. (Francesco Scarci)

(Earache Records - 2007)
Voto: 76

https://akercocke.bandcamp.com/

Manes - How the World Came to and End

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Avantgarde Music/Jazz
Dopo l’ascolto di quest’album, giunsi alla conclusione che in Norvegia ci doveva essere qualcosa di strano nell’aria, perché i gruppi norvegesi si sono rivelati, giorno dopo giorno, sempre più ispirati e in grado di reinventarsi musicalmente disco dopo disco. I Manes non sono mai stati esenti da tutto ciò: iniziata la loro carriera nel 1993 come blacksters super incalliti, hanno saputo evolvere il proprio sound in modo magistrale ed estremamente eclettico dapprima con 'Vilosophe' nel 2003. È seguito poi lo sperimentale 'View', presagio di cosa ci avrebbe riservato il futuro, arrivando con 'How the World Came to and End' a stravolgere totalmente la loro musica, con questo straordinario disco, che ho fra le mani. Questo lavoro sfugge infatti totalmente alla definizione di musica metal, perciò chi non dovesse avere una mentalità notevolmente aperta, si mantenga a distanza di sicurezza. Chi invece come il sottoscritto, ha saputo apprezzare l’evoluzione stilistica del sestetto scandinavo, potrà tranquillamente avvicinarsi a questa delirante produzione. Non saprei proprio da dove iniziare, tanto si presenta spiazzante all’orecchio dell’ascoltatore questo full length. Si parte con “Deeproted” che ci mostra subito la direzione cibernetica abbracciata qui dalla band: la voce di Asgeir è sempre ben riconoscibile su delle basi techno-jungle, che contraddistinguono il sound dei nostri. Con la successiva “Come to Pass” (e l’ottavo pezzo “The Cure-All”), assistiamo all’incredibile: l’uso di vocals rappate e suoni hip hop, stile Pleymo, inserito in un contesto oscuro e ipnotico, che termina in una fuga elettronica alla Prodigy. Con la terza traccia si celebrano atmosfere degne dei migliori Archive, mentre con “A Cancer in our Midst” vi è una ripresa dei suoni tanto cari ai Depeche Mode, con la sola differenza che le vocals sono filtrate, simil industriali. L’album di questi pazzi scatenati, viaggia lungo i binari del paradossale, attraversando lande desolate dal sapore vagamente jazzato, città futuristiche dai suoni spaziali e paesaggi notturni fatti di ritmi elettro-trip hop. I Manes hanno sempre avuto una marcia in più, versatili e dall’enorme inventiva: tutti i dieci brani riescono a catapultarci all’interno di un vortice di forme e colori, dal quale ne usciamo profondamente turbati e intontiti. Seguendo le orme dei compatrioti Arcturus e Solefald, ma ancor di più dei pionieri Ulver, i Manes hanno plasmato la loro mutante fisionomia, destabilizzando, con il loro sound, l'ormai “vecchia” concezione di musica metal. (Francesco Scarci)

(Candlelight Records - 2007)
Voto: 80

https://manes.no/

venerdì 27 agosto 2021

Rakoth - Planeshift

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Black Folk
Ho al mio cospetto un gruppo russo di black con parti folk al suo esordio intitolato 'Planeshift' fuori per la Code 666, e le uniche parole che mi vengono in mente dopo l’ascolto dei Rakoth sono trasporto e tristezza. Parole chiave, che secondo me servono a spiegare la musica proposta, perché le canzoni ti trasportano attraverso sonorità epiche e sognanti in un viaggio ben orchestrato, fatto di furia black ma anche di emozioni tipiche del folk, impreziosite da un uso veramente azzeccato e tristissimo del flauto, e delle chitarre acustiche che donano quella malinconia giusta per affrontare un gruppo cosi particolare. Anche la voce si muove attraveso tonalità tristi cercando sempre soluzioni nuove all’interno dei pezzi. Molto buono anche l’uso della drum-machine e buona anche la registrazione. Per chi non avesse avuto modo di ascoltarli in passato, questo è il momento giusto per andare a ripescarli.

(Code 666 - 2000)
Voto: 75

https://www.facebook.com/rakothRu

Impur/Sadistic Demist/Unidentified Corpse - Three Way of Death

#PER CHI AMA: Brutal Death
Le Baleari, che posto incantevole, direi ideale per far proliferare la propria proposta death metal. Questo devono aver pensato gli Impur, che si sono poi messi alla ricerca di altri compagni di avventura per questo split album, ritrovandoli nei russi Unidentified Corpse e Sadistic Demise, a completamento di un disco che mostra fondamentalmente tre modi di proporre death metal. Da qui ‘Three Ways of Death Metal’, il titolo del qui presente cd, che vede appunto la band spagnola degli Impur aprire le danze con un granitico trittico di pezzi che si rifà alla tradizione scandinava dei primi Entombed e Grave, ma pure ai mostri sacri Carcass. Killer riffs, growling vocals, ritmiche arrembanti ed una buona vena solistico-melodica che vede nella traccia d’apertura “Slaves of Decay”, che dà peraltro il nome al loro EP, il mio pezzo preferito. I nostri comunque sono abili musicisti (per la cronaca ci sono ex membri di Carnage ed Helevorn nelle fila della band) il che accresce la qualità complessiva del prodotto, per 13 minuti totali di musica aggressiva e melodica quanto basta. A seguire i Sadistic Demise, band originaria di Kostroma, che con il loro ‘The Way of Sadistic’, ci propongono cinque tracce sanguinolente all’insegna ovviamente di death metal nudo e crudo, costituito da ritmiche martellanti e vocals che si muovono tra lo screaming efferato e il growling mefistofelico. Alla melodie è concesso veramente poco spazio per emergere, fatto salvo per quegli acuminati assoli (quello di “Sadistic Demise” è spettacolare) che per lo meno, donano una parvenza di melodia ed una relativa accessibilità alla proposta. Ovvio che se non siete dei cultori del death metal più spinto e disarmonico, farete una gran fatica ad approcciarvi a questi ragazzotti russi. Analogamente con gli Unidentified Corpse (che incorporano peraltro un membro dei Sadistic Demise) e il loro ‘Domination of Dying People’ (uscito originariamente nel 2013): slam brutal death metal ultra tecnico e consigliato solo agli amanti di queste sonorità spietate. Sette pezzi per 22 minuti di musica sbrodolante, voci animalesche, ritmiche serrate, gran poca melodia e un sound schiacciasassi che non vi darà la benchè minima tregua. A me francamente ha procurato molta noia e un fastidioso mal di testa. Alla fine della storia, per quelli che sono i miei gusti, gli Impur sono i vincitori morali di questa carneficina sonora, con il sound più controllato e melodico del lotto, delle due band russe avrei fatto volentieri a meno. (Francesco Scarci)

(Wroth Emitter Productions - 2021)
Voto: 63

giovedì 26 agosto 2021

Belvas - Roccen

#PER CHI AMA: Indie Rock
Dal nome e dall'artwork di copertina di questa band comasca mi aspettavo qualcosa di molto più aggressivo, violento, ruvido e sotterraneo. Tradendo le mie aspettative, la band lombarda qui al suo debutto, spiazza tutti i presenti, suonando un rock italianissimo, con venature blues incastrate a soluzioni tipiche della tradizione rock alternativa tricolore dell'ultimo trentennio, con l'aggiunta di suoni e idee rubate un po' qua e là, tra i grandi classici dei 70s e un pizzico della canzone d'autore del bel paese. Mostrano un buon sound i Belvas, a volte un po' di maniera, che quando è più sporco, forse incalza di più e stimola un piacevole ascolto, con il basso che corre libero e distorto. La ricerca poetica nei testi, sincera e ispirata, anche se a tratti ancora acerba e cosparsa di una forzatura pseudo maledetta, sembra talvolta fuori luogo per il trio lumbard. Mi sembra ovvio far cadere paragoni a pioggia, tra Afterhours e Il Santo Niente dell'ultimo periodo oltre a richiami più morbidi tra Estra, Negrita e Negramaro d'annata. Questo non deve essere frainteso come una nota dolente anzi, il tocco di orecchiabilità diffusa li rende per certi aspetti anche più originali di tanti altri lavori simili. Dopo tutto la band dimostra una grande voglia di originalità che a volte li avvicina a certe soluzioni musicali dei Verdena meno sperimentali. Con una produzione più ruvida, diciamo più vicina al suono di 'Birdbrain' dei Buffalo Tom, li avrei apprezzati anche di più, sebbene debba ammettere che il disco è ben fatto e ben suonato. Un sound più aggressivo, più abrasivo, si poteva anche rischiare (la parentesi funk del brano "Disco B" non la concepisco, per quanto sia carina come esperimento) e sono convinto che avrebbe calcato la mano sul lato più rock dei Belvas, e con i disarmanti Maneskin che spopolano ovunque, sarebbe stato interessante avere come contraltare in patria, una vera rock band, più sana, polverosa e sanguigna. L'insieme dei brani di 'Roccen' ha comunque dato i suoi frutti, creando un lungo lavoro che supera i 70 minuti (cosa molto insolita ai giorni nostri), con tanti brani variegati ed interessanti, tra cui "Bianco", "Niente Dentro Me", ed il singolo "Voci di Pietra", che mostrano un buon futuro per questo power trio, capitanato da una voce di tutto rispetto ed una chitarra che a volte esce dalle composizioni con tanto gusto armonico e fantasia. Il mio umile consiglio è di puntare ad ingrossare il sound e modularlo sulle corde di una sorta di post-grunge modellato sullo stile italiano, come fecero un tempo le band sopraccitate, che hanno dato molto a questo paese caduto in miseria musicale da tempo. Gli ingredienti ci sono tutti (ascoltate "Spaziale" per credere), basta correggere il tiro ed inasprire quei suoni che mancano da un po' nella scena rock italiana (magari una sterzata sonica verso certa nuova scena stoner rock europea potrebbe dare ulteriori benefici ed anche riascoltare vecchi e nuovi gioielli de Il Santo Niente) per salire di tono e dare una personalità ancora più forte a questo promettente giovane trio di casa nostra. (Bob Stoner)

Withering Soul - Adverse Portrait

#FOR FANS OF: Symph Black/Thrash
What an abomination of melodic black metal! Very much amongst the influence of bands like Darkthrone, Dark Fortress and Naglfar. But they have their own tweak/style amongst their melodic black metal/style. I'd have to say from start to finish this LP slays! It is dynamic in quality holding sheer faith in great riff-writing. This one clocks in at about a little over 40 minutes in length. I'm hoping that their latest will be even longer. I say this because I didn't want this one to end! The music is the highlight and the vocals much like those (some) on Dark Fortress's 'Eidolon'. But for the most time, Chris has his own vibe.

What I noticed at first was the structure of their guitar riffs. A lot of changes in the tempos but nothing overtly fast, but quality is their style ABSOLUTELY! I think that "Hex Illusion" is my favorite track but all of them are quality. The aura is dark and an evil sort of stitch to to it. It goes well with the lyrical concepts. I'd have to saw that altogether this band started in one direction then gripped this melodic black metal style. I think that they should keep to this because their riffs and synthesizers do it justice in keeping to this specific genre. I dig this style anyway, but I don't think enough bands can hack it as well as Withering Soul can!

The production quality is top notch and everything seemed to be all right in the mixing. It did the album a boatload of justice! Without this quality, they wouldn't have sounded as good as they did. I think that altogether the band put forth one helluv a strong full-length! I think that as they progress, they'll only get even better. The guitarwork is sublime and you'll notice right away that it steals the show with just inconceivably top notch music! I support them as the progression gets even better! The music stole it totally! What you'll notice is the darkness of the riffs and the high-quality tremolo picking and takeaway with the leads.

Unfortunately, there was no physical copy of this album. But you can find it on Spotify/Bandcamp. In any event, I think they're definitely worth checking out. If you do like the bands I mentioned as examples, you'll like Withering Soul. They are unique in their own front and they definitely are an underrated band. Maybe their previous wasn't well received, maybe because of a more gothic style of metal rather than on this being melodic black metal. These guys rip and I don't think you'll find anything that disappoints on here. If you are, then you don't appreciate this style! Check them out! (Death8699)


The Pit Tips

Francesco Scarci

Déhà - Contrast II
Zeal & Ardor - Wake of a Nation
Inferno - Paradeigma (Phosphenes of Aphotic Eternity)

---
Alain González Artola

Vallendusk - Heralds of Strife
AIAA 7 - Flores En Mayo
Knights of Nvrul - Sword of Äonheart

---
Death8699

Cardiac Arrest - …In Rotten Retrospect
Destruction - Thrash Anthems
Megadeth - Countdown To Extinction

Edredon Sensible - Vloute Panthère

#PER CHI AMA: Jazz/Avantgarde
Due sassofonisti e due percussionisti, un disco di debutto ed una copertina assurda per una musica ipnotica, poliritmica ed influenzata dalla follia di certo jazz sperimentale quanto dall'avanguardia. Non dimentichiamoci poi di un impatto folle, tra il primo disco degli Ottone Pesante ed i Naked City, meno inquietante e più naif, il tutto nel segno dell'ipnosi psichedelica di certe band trance dei 90s (vedi Seefeel) ed una certa follia liberatrice nello stile del Krautrock. Detto questo, il disco dei francesi Edredon Sensible è molto interessante: gli schemi compositivi a volte si ripetono volutamente per indurre l'ascoltatore in un volo sciamanico/tribale di moderna concezione, evoluzioni soniche con lunghi assoli di sax che si rincorrono, ritmi incalzanti e stravaganti, quasi a immaginare il sound degli X-Ray Spex, spogliato di tutto ma non della sua istericità e del nervosismo tipico del punk. Quando i nostri rallentano sembrano una versione esotica dei Morphine, senza voce né basso, virati all'allucinazione come nel favoloso lunghissimo brano "Blirprulre", dove tra una esplosione e l'altra, poliritmi ossessivi ed una ottima produzione, ritrovo il piacere e l'interesse d'ascolto che un tempo apprezzavo tanto nei fantastici dischi del trio Medeski Martin and Wood, con la stessa fantasia e profondità per la composizione e per la ricerca del suono caldo, vivo, pulsante e presente. Il jazz in 'Vloute Panthère' è sempre dietro l'angolo e fa da solida base, ma la struttura ritmica si contorce e muta in maniera funambolica, tanto che "String et Bermuda", potrebbe essere una rilettura dei concetti percussivi espressi nel capolavoro 'Flowers of Romance' dei Pil, rielaborati con il tocco folle, dissacrante e genuinamente transalpino di band come Brice et Sa Pute, Lfant, Piol, Piniol, un modo di intendere e fare musica ("Jus d'Abricote" ha un'indole spettacolare tra atmosfera cinematografica e danza rituale woodoo) non convenzionale, figlio del dio Zorn ma con uno stile proprio di una scena che conta un sacco di idee e ottime realtà musicali d'avanguardia. Un disco davvero stimolante ma forse non per tutti, semmai adatto ad orecchie ricercatrici, che amano la sperimentazione ortodossa, quella che costruisce passo dopo passo composizioni varie, inaspettate ed ispirate e non vive di sola improvvisazione, ma unisce arte, rumore, capacità tecnica e tanto amore per la musica libera da ogni convenzione. L'ascolto di questo disco è un dovere e a buon intenditore poche parole dovrebbero bastare. (Bob Stoner)

(Les Productions du Vendredi - 2021)
Voto: 78

https://edredonsensible.bandcamp.com/album/vloute-panth-re

mercoledì 25 agosto 2021

Necroart - Let the Carnage Begin

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Death/Thrash
Storico demo (2000) di quattro pezzi più intro e outro per i Necroart, formazione attiva dal 1999 ma che solo un anno dopo sembra aver trovato una formazione stabile. Il nastro sembra risentire della storia travagliata del gruppo poiché è assai eterogeneo: le canzoni presenti sul lato A hanno lo sguardo rivolto verso gli anni ‘80 e alla scuola thrash europea; il lato B contiene pezzi più “freschi”, il cui riferimento principale è un death metal di impronta svedese più o meno melodico. Il tutto è comunque di buona fattura, a tratti personale e ben prodotto, che lascia già intravedere gli interessanti spunti che i nostri mostreranno in futuro.

Misotheismus - Demo 1

#PER CHI AMA: Black Old School
Skoll e Maldu rappresentano due terzi degli Amuleto de Calamidades, e il 100% di questi Misotheismus. I due musicisti, il primo svedese, il secondo dell'Ecuador, suonano poi in un'altra miriade di band del più profondo underground, chissà poi se con gli stessi nefandi suoni. Si, perchè quello dei Misotheismus è un black old school, registrato probabilmente nello scantinato di casa, con le confezioni delle uova attaccate ai muri che evidentemente non sortiscono i desiderati effetti. Che cosa aspettarci da questi quattro pezzi di questa prima demo? Chitarre zanzarose sparate alla velocità della luce, una batteria al fulmicotone che tira fortissimi schiaffi sui piatti, screaming vocals, qualche raro rallentamento (a metà di "Skändad Och Styckad" o la claustrofobica "Lögnens Slut" ), un'attitudine nera come la pece e poco altro. Sono salvabili, qualcuno si chiederà? Beh, se siete dei nostalgici di quelle demotape di fine anni '80, con registrazioni pessime, ma con il gelido calore emanato dal raw black contenuto nei minimalistici 12 minuti di questo nastro, forse i nostri potrebbero anche fare al caso vostro. Se non soddisfate tutti i requisiti qui sopra, lasciate perdere, rischiereste solo di farvi del male con la furia primigenia dei Misotheismus. (Francesco Scarci)

Malgöth - Primordial Dawn

#PER CHI AMA: Black/Death
Ho letto cose addirittura grandiose su questo album in rete, uscito digitale e autoprodotto a fine 2020 e solo a giugno di quest'anno, in versione fisica (12" Lp) per la Iron Bonehead Productions. Ecco, sgombriamo subito il campo col dire che sebbene a volte mi sorga il dubbio di essere un po' stronzo e non esaltarmi cosi facilmente all'ascolto degli album, 'Primordial Dawn' non è assolutamente nulla di avvincente ed emozionante. La band di oggi arriva dal Canada e propone un death/black esoterico (almeno nelle litaniche vocals dell'introduttiva "Possessed Sword of a Thousand Deaths") per poi esplodere in un cacofonico e mal registrato lavoro, che vede ritmiche iper mega serrate e vocalizzi dall'oltretomba, il tutto suonato in modo poco ispirato e decisamente poco originale. I quattro pezzi inclusi nel disco si assomigliano un po' tutti visto il minimo comun denominatore costituito da questa linea di chitarra marcescente, con le vocals (growl profondo e screaming fastidioso) che ci si piazzano sopra non sortendo alcun effetto catalizzante l'attenzione, ma anzi portandomi a lunghi sbadigli. Ci prova il terzetto di Toronto a cambiare le sorti di un EP (di debutto peraltro) destinato alla ghigliottina e lo fanno con l'inserimento di altre parti liturgico/ambientali (l'incipit di "The Opposer"), ma alla fine non ci siamo per nulla e salvare il salvabile, diventa impresa assai ardua. Speriamo che i nostri possano imparare dai propri errori e tornare con sonorità meno moleste. Mi domando invece se quelli che hanno osannato questo album, fossero sotto l'influsso di droghe o cosa... (Francesco Scarci)

Riverside - Rapid Eye Movement

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Prog Rock, Porcupine Tree
Ero un grande fan della band di Varsavia quando ascoltai questo lavoro per la prima volta, mi aspettavo che 'Rapid Eye Movement' fosse l’album della consacrazione, il top dell’anno per questo genere, in grado di surclassare anche i Porcupine Tree, ma alcune sbavature e passaggi a vuoto, non hanno fatto altro che rimandare questa gioia per il sottoscritto e anzi lentamente disinnamorarmi dei Riverside. 'Rapid Eye Movement' resta senza dubbio un ottimo lavoro che sicuramente non deluderà gli amanti delle sonorità progressive e tutti i fan (quelli un po’ meno esigenti del sottoscritto), del combo mittle-europeo. L’opener è affidata alla magnetica “Beyond the Eyelids” che insieme a “02 Panic Room”, rappresentano le mie songs preferite: ambientazioni oscure, atmosfere eleganti garantite dalle ottime tastiere di Michal Lapaj e poi, e poi c’è la voce meravigliosa di Mariusz Duda, in grado sempre di regalare emozioni da brivido. I Riverside, con questo terzo full lenght, che ha come tema portante la fase R.E.M. del sonno, caratterizzata dalla percezione di immagini e suoni apparentemente reali, ci catapultano nel loro mondo onirico, proseguendo il discorso musicale iniziato con 'Out of Myself' e 'Second Life Syndrome'. Anche se rispetto a questi due lavori è stato fatto un piccolo passo indietro, la musica dei nostri è capace di toccare nell’intimo, come poche volte accade: distillati di malinconia, atmosfere toccanti, melodie sognanti ci regalano enormi emozioni. Oltre ai due brani già citati, “Schizophrenic Prayer”, “Through the Other Side” e “Embryonic”, stimolano i nostri sensi, con le loro dolci melodie sognanti e suggestive. Discorso a parte, meritano invece “Rainbow Box” e “Parasomnia”, le songs che insieme a “Cybernic Pillow”, ci mostrano il lato più aggressivo della band e che sinceramente ho meno apprezzato. La conclusiva “Ultimate Trip”, fonde nei suoi tredici minuti, il meglio dei Riverside, spaziando da momenti tipicamente progressive a sfuriate metalliche, con la voce talentuosa di Mariusz a dimostrare il suo immenso valore e a suggellare le qualità di una band sempre troppo sottovalutata. (Francesco Scarci)

(Inside Out Music - 2007)
Voto: 77

https://riversideband.pl/en/

Katavasia - Invoking the Spirit of Doom

#PER CHI AMA: Hellenic Black, Absu
Giusto un paio di pezzi per testare lo stato di forma dei Katavasia, super band greca formata da membri di Varathron, Aenaon, Hail Spirit Noir, che lo scorso anno era uscita con il secondo lavoro 'Magnus Venator'. Tornano oggi, anzi lo faranno il primo ottobre per la Iron Bonehead Productions, con questo 7" intitolato 'Invoking the Spirit of Doom'. Dicevo due brani, "Descending to Acheron" e "Premonition of Doom" che li rendono abili portabandiera del famigerato hellenic sound, anche se la traccia del lato-A, in realtà mette in luce un sound che richiama fortemente gli statunitensi Absu con quel giro di chitarra però tipico delle band black greche. Il risultato non è affatto male, anche se c'è da dire che i Rotting Christ proponevano tali sonorità nel 1991, trent'anni fa quindi. Pertanto non aspettatevi chissà quale innovativa proposta sonora, scordatevi gli sperimentalismi delle band madri di questi non più giovanotti e lasciatevi avvolgere dal magnetico sound ellenico. Molto meglio la seconda traccia, forte di una ritmica tagliente ed estremamente melodica che nella sua parte iniziale rievoca gli svedesi Sarcasm e che ritorna sul binario del black atmosferico con quelle tastiere in sottofondo ad edulcorare una ritmica a tratti schiacciasassi, sorretta dai vocalizzi malefici di Necroabyssious dei Varathron. Insomma, l'unica pecca di questo EP è la durata, ma 'Invoking the Spirit of Doom' per lo meno ci tranquillizza del fatto che i nostri stiano bene e abbiano ancora tanta voglia di rievocare i fasti di un passato mai andato perduto. (Francesco Scarci)

(Iron Bonehead Productions - 2021)
Voto: 70

https://www.facebook.com/katavasiaofficial

martedì 24 agosto 2021

Nicta - Rage and Fury Fed Us

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Symph Power, Dimmu Borgir, Rhapsody
Ricordo una piacevole chiacchierata a quattro occhi con il vocalist e il chitarrista dei Nicta, e poi mi ritrovai fra le mani, il loro Mcd autoprodotto, 'Rage and Fury Fed Us': quattro brani per un totale di mezz’ora di musica per la band di Rovigo, che definiva il proprio genere, extreme power. Le songs contenute in questo lavoro ci consegnavano una band preparata e matura al punto giusto, quasi da meritare il salto di qualità e firmare un contratto per una casa discografica, che potesse garantir loro una distribuzione decente su tutto il territorio italiano ed europeo. Invece non se ne fece niente eppure ero straconvinto che la band potesse realmente riscuotere un discreto successo in Germania e in nord Europa, grazie alle sonorità qui proposte. Partiamo comunque con calma, esaminando traccia dopo traccia, la musica proposta dal quintetto veneto. La band suonava una sorta di death/black dalle tinte power sinfoniche e di primo acchito verrebbe da indicare come influenza primaria i Children of Bodom. Tuttavia un ascolto più accurato non fa altro che evidenziare l’ampio spettro di influenze mostrato dai nostri: notevole l’ispirazione della musica classica nelle note di “Civil War”, dove le tastiere assumono un ruolo da protagonista nell’evolversi del brano. Le chitarre, corpose e melodiche, possono richiamare alla mente i Dimmu Borgir di 'Death Cult Armageddon'; la voce si alterna tra un cantato growling (ma non troppo), sporadici scream e clean vocals in pieno stile power. La successiva “Frozen Sleeper” è probabilmente il brano più complesso del Cd; nonostante la sua lunga durata (quasi 9 minuti), i cinque ragazzi sono abili nel tenere vivo l’interesse dell’ascoltatore dall’inizio alla fine. Si passa da atmosfere doom ad altre tipicamente power con una ritmica bella potente (ottima la prova dei singoli) con le tastiere che dipingono paesaggi autunnali laddove, reminiscenze di Rhapsody e Graveworm, escono allo scoperto. “Blossom of Pain” parte su una base funerea, sostenuta sempre dall’ottima prova alle keys di Graziano, per poi scatenarsi in una lunga cavalcata power, i cui intermezzi potrebbero costituire tranquillamente la colonna sonora di un film horror. Anche la conclusiva e mia preferita “Set the Fury Free”, la song più aggressiva e malvagia del lotto, ci mostra una band valida e piacevole da ascoltare. Come sempre, ottime sono le orchestrazioni e gli arrangiamenti (Dimmu Borgir docet), così come pure la sezione ritmica, veloce e martellante, con la voce di Fabio al limite dello screaming black. Non eravamo di certo di fronte ad un disco originale al 100%, tuttavia le idee erano buone, peccato solo che questo sia rimasto un episodio isolato nella discografia dei nostri. (Francesco Scarci)

(Self - 2007)
Voto: 70

http://www.nicta.it/