Cerca nel blog

martedì 27 settembre 2022

Dream Theater - The Astonishing

#PER CHI AMA: Progressive Metal
Nel 2285 l'oppressivo Impero del Peto Preponderante, comandato dal fetido tiranno Na-fart avrebbe vietato tassativamente i rutti, se non fosse che il dotato Gabri-burp salverà il mondo portando clandestinamente in tournée un musical intitolato This is ruttosound! (leggetevi la sinossi nella wiki-pagina inglese di 'The Astonishing' prima di insultarmi, dopodiché pensate come se la riderebbe un Frank Zappa che immaginereste ancora seduto ancora là, a sbronzarsi nel garage di Joe con un paio di quarts-a-beer). Tecno-tarabaccolamenti disseminati ovunque ("Descent of the Nomacs", "The Hovering Sojourn" o "Digital Discord"), una pompo-spettrale "Dystopian Overture" in realtà più simile a un pre-cog medley dei temi poi sviluppati (ma quello che accade un po' prima del secondo minuto ha del ridicolo). E poi, davanti a voi, una colossale distesa di prog-ballad tipo ritagli di, boh, "Forsaken" ("The Answer", "When Your Time Has Come" e tre quarti del resto) ammonticchiate le une sulle altre a mo' di discarica sonora, interpretate con la consueta professionale convinzione dal buon FiatelLaBrie ("Act of Faythe"). E poi applausi, chiacchiericci, rumori assortiti, estemporanee sortite (le trombette tardomedievali di "A Saviour in the Square", le cornamuse di "The X Aspect", il finale di "A Better Life" che trasmuta in una sorta di tango interstellare) e un desolante sahara creativo a comporre la più ponderosa, tronfia, pretestuosa e sfrangiata collezione di scarti della storia del rock. Stupefacente, sì. Esattamente. (Alberto Calorosi)

(Roadrunner Records - 2016)
Voto: 50

https://www.facebook.com/dreamtheater/

GoldenPyre - Apocryphal

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Death Metal
Se non conoscete i portoghesi GoldenPyre, questa potrebbe essere la buona occasione per farlo. Il genere da questi proposto è un death metal arricchito da una non trascurabile vena melodica, arioso, ben curato, eseguito con una certa perizia, variegato al punto giusto (anche nell'uso delle vocals). A ciò si aggiunga che i testi sono originali e ben scritti, e benché risultino incentrati sulle classiche tematiche di carattere mitico-religioso (il conflitto fra il Dio biblico e gli angeli ribelli, la caduta di Lucifero, ma gli si perdona tutto visto che questo era il primissimo demo del 1998), sfuggono ai banali stereotipi satanisti oggi in voga. In copertina è riprodotta una xilografia di Albrecht Dürer, tratta dalla serie dedicata all'Apocalisse di San Giovanni (nel booklet, però, la fonte non è dichiarata). Un demo interessante, non c'è che dire.

Abhor - Sex Sex Sex (Ceremonia Daemonis Anticristi)

#FOR FANS OF: Occult Black Metal
The Italian veterans Abhor, a band founded in 1995 in Padua, have returned with its eighth opus entitled 'Sex Sex Sex (Ceremonia Daemonis Anticristi)', once again released by the always reliable label Iron Bonehead Productions. I have always enjoyed those black metal bands, whose lyrics are strongly focused on occultism and witchcraft, among other similar concepts, as this conceptual influence makes the music sound quite distinctive. From my personal point of view, those themes are sonically better represented when the band creates compositions with a strong atmospheric touch. Abhor is a fine example of it as these sorts of bands successfully mix the expected ferociousness and rawness of the black metal genre with a sinister and mysterious ambience, making the songs actually sound as a proper witches' sabbath.

Abhor’s latest opus 'Sex Sex Sex (Ceremonia Daemonis Anticristi)' is a fine exemplification of this aforementioned idea. The first proper track "Ceremonia Daemonia Anticristi" is a great album opener, where we can listen to the main characteristics of this album, the band achieves a nice mixture of slightly raw guitars, vicious raspy vocals, and a great atmospheric arrangement in the form an organ. This instrument is for sure, the most adequate one to create this dark and hypnotic atmosphere. Pace wise, the album is not especially fast as the compositions are more focused on mid-tempo sections where the riffs, which have a nice old-school touch, and the keys shine a lot. In any case, we can hear some punctual speed bursts in songs like "Ode to the Snake", for example, although they don’t last too much. This song in particular, is a highlight in terms of pace change as it is quite varied and enjoyable. I especially like how marked are the different sections in terms of intensity, and how naturally a quite aggressive part is followed by a much more atmospheric one, always keeping the composition a natural flow. "Ritual Mentor" is another great song, when we speak about making a clear contrast between the different intensities that we can find in a composition. But never leaving behind the fact, that the song and the whole work have a strong occult atmosphere which permeates every track. "October 31st, 2010" is the longest composition and probably one of my favorites as it summarizes all the strong points of this album. A long and mysterious introduction creates the appropriate mood for another fine display of occult black metal, once again with an appropriate balance between the most aggressive parts and keyboard driven spooky sections, where the band is especially inspired.

All in all, 'Sex Sex Sex (Ceremonia Daemonis Anticristi)' is a very solid effort where rawness and atmosphere are perfectly balanced, so any fan of black metal can enjoy this album. The vicious vocals and the solid riffing are perfectly complemented by the organs and keys, which enhance the occult and dark atmosphere that band wants to represent with its music. (Alain González Artola)


Soilwork - The Chainheart Machine

#FOR FANS OF: Melo Death
I know it's a little much to give this album a perfect score, but I can't say anything except positive things about it. However, I may be biased because melodic death metal is my favorite genre in metal. They seem to fall under this category early on in their career changing some over the years. But this album is a landmark release from these Swedish metallers. A good follow-up release dominating over 'Steelbath Suicide' and my all-time favorite Soilwork album in their entire discography. The energy is full throttle throughout the whole album. There wasn't a song on there that I disliked.

The title-track, "Neon Rebels", "Millionflame" and "Spirits of the Future Sun" are my favorites. They tune their guitars down to B I believe, and they're fast the whole way through. The energy is rampant. How these guys put forth such an effort on here is amazing. The energy they have and the original riffs. Blast! What a wild guitar extravaganza in these songs just shining in metal glory. Their later releases don't compare to this one maybe a close call is 'A Predator's Portrait'. That's about it, I see this release as flawless. The vocals compliment the guitar whole handedly. There were really no clean vocals at all!

The only thing that was not that substantial was the length of the album. It clocked in about 40+ minutes. I would've had liked to hear more length or more songs on here. It still reigns supreme in terms of originality, precision and uncompromising energy. These guys just suffered a loss in David but he was not featured on here as he joined the band I believe in 2012. What a tragedy, though. I'm surprised that the average scores on here was at 79%. I always liked this album the most but the critics are the way they are, even in my text here. However, I felt that this was a pinnacle release by the band.

I ordered this CD to show further support for the band and music in extreme metal altogether. Soilwork has so many peaks and valleys in their discography I'll always view 'A Chainheart Machine' as their best. The music, the vocals, the leads, and overall sound met perfection. You can doubt me well just listen to the album. The riffs, leads and vocals are sublime. I'm glad that this is a part of my collection. Old Soilwork is dead, long live old Soilwork! Pick this up a physical copy don't just cheap out and stream it. It's a critical time for the band, they just lost a brother, show them gratitude! (Death8699)

(Listenable Records - 2000)
Score: 90

https://www.soilwork.org/

Mortuary Drape - Tolling 13 Knell

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Black/Death
Tredici funerei rintocchi di campana, tredici anni di onorata carriera: era il 2000 e i Mortuary Drape festeggiavano la ricorrenza (che cadeva, a dire il vero, nel '99, anno di composizione del presente cd) con un album che sento di consigliare caldamente a tutti coloro che non amano le cacofonie senza senso, ma prediligono invece trame musicali ricercate e suggestive. Con i Mortuary Drape s'intraprende un viaggio nell'aldilà, in una dimensione ctonica, catacombale. È un piacere immergersi nelle ben architettate, spettrali atmosfere di questo cd, articolato in dieci brani. Non si tratta di un concept album, eppure vi si può ravvisare un elemento unificante, che conferisce all'insieme un tocco di qualità: questo comun denominatore è il carisma dei Mortuary Drape. Un ingrediente di assoluto pregio.

(Avantgarde Music/Peaceville Records - 2000/2013)
Voto: 75

https://www.facebook.com/mortuarydrape

sabato 24 settembre 2022

Bjørn Riis - A Fleeting Glimpse

#PER CHI AMA: Psych Rock, Pink Floyd
Cavolo, non sono nemmeno passati sei mesi dall'ultimo 'Everything to Everyone' che il bravissimo Bjørn Riis ci delizia con un altro piccolo gioiellino di prog rock. Solo quattro pezzi questa volta per il musicista norvegese ed un EP totalmente inatteso dai fan. Quattro pezzi dicevamo, che mostrano la totale devozione di Bjørn per i maestri di sempre, i Pink Floyd. Un qualcosa che si palesa nelle delicatissime note dell'opener "Dark Shadows (Part 1)", dove con una carrambata da leggenda, il polistrumentista scandinavo piazza accanto alla propria voce, Durga McBroom, corista dei Pink Floyd dal "A Momentary Lapse of Reason Tour" del 1987 fino al concerto finale del "The Division Bell Tour" nell'ottobre 1994, senza contare le sue apparizioni in studio in 'The Division Bell' e 'The Endless River', e ancora nel tour solista del 2001 di David Gilmour. Fatte queste ennesime premesse, non sarà cosi complicato ascoltarci dentro a questi 26 minuti di musica space prog rock un turbinio di suoni che riportano Bjørn alle proprie radici, tributando in lungo e in largo la band britannica. Penso soprattutto alla strumentale "A Voyage to the Sun" che chiama inequivocabilmente in causa la leggendaria "One of these Days", per il suo evocativo tambureggiare, i suoi splendidi e ipnotici giri di chitarra che vanno via via crescendo ponendosi sopra l'abile armeggiare dei sintetizzatori. "Summer Meadows" è un'altra traccia strumentale che apre con un bell'arpeggiato figlio degli anni '80, carico di un flusso emozionale da brividi che ci condurrà fino all'ultima song, "Dark Shadows (Part 2)". Qui si riprende là dove Bjørn aveva lasciato con la prima traccia, questa volta con un supporto vocale più risicato da parte di Durga, relegato solo nel finale. Il risultato tuttavia non sembra risentirne vista la bravura del frontman dietro al microfono ed un sound che oltre ad evocare i Pink Floyd, sublima in stratificazioni elettroniche alla 'You All Look the Same to Me' degli Archive. Poi quando la scena se la prende la chitarra solista, beh sono solo applausi per un paio di minuti fino a che subentra la voce di Durga. E pioveranno ancora solo applausi. (Francesco Scarci)

Abused Majesty - Serpenthrone

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Symph Black
Pensavo fossero rimasti i soli Dimmu Borgir al mondo a proporre black sinfonico, invece scopro che in Polonia c’è un’altra band che segue le orme di Shagrath e compagni, con risultati ahimé non altrettanto eccellenti. La release in questione risale al 2004, quando uscì per la Empire Records e l’anno seguente l’Adipocere Records ne acquisì la licenza per rilasciarla in Europa e Nord America. Da più parti considerati come gli eredi degli Emperor, per la loro capacità di unire il black più intransigente con la melodia e le parti atmosferiche, per me non sono altro che un discreto gruppo che non ha inventato nulla di nuovo. I nostri se la cavano degnamente nell’assemblare il black/thrash stile Old Man’s Child con il sound sinfonico dei Dimmu Borgir, grazie a piacevoli inserti tastieristici e a chitarre talvolta ispirate. 'Serpenthrone' è ad ogni modo un album fiero e selvaggio, dove s'incontrano la brutalità del death metal con la malvagità del black. Le violente ritmiche spazzano via con la loro furia ogni cosa incontrino sul proprio cammino, i riffs elaborano complesse strutture musicali, forse vero punto di forza di questo disco, perchè consentono di mantenere la concentrazione costante, durante l’intero ascolto del cd. I pezzi alla fine però, tendono ad assomigliarsi un po’ tutti, anche se notevole è l’impegno da parte della band di ricercare intermezzi dal feeling oscuro, capaci di spezzare il ritmo incessante creato dalla ritmica martellante. Da copione infine, il solito duetto tra la voce scream e il cantato growl. Interessanti le liriche, basate su una vecchia leggenda slava di un mitico re dei serpenti, il tutto ispirato agli antichi racconti della tribù della Regina Lechits, racchiuse nel libro 'The Tome of Ashes'. Peccato che alla fine, l’album puzzi di già sentito, altrimenti mezzo punto in più l’avrebbe forse meritato. Per i soli nostalgici di Emperor e Limbonic Art, ascoltate questo disco! (Francesco Scarci)

(Empire Records/Adipocere Records - 2004/2005)
Voto: 65

https://www.facebook.com/abusedmajesty

Dead Man's Eyes - III

#PER CHI AMA: Indie/Pop Rock
In fondo, il terzo album dei Dead Man's Eyes, intitolato semplicemente 'III', risulterà come il resoconto di un cammino artistico che si alimenta di pop, indie, country e rock fin dagli albori, quindi, non sarà difficile farlo entrare nelle grazie dei loro fedeli fans più accaniti. Una copertina ultra psichedelica ci fa intuire fin da subito l'attitudine della band teutonica che apre le danze con un brano dal sapore molto country/folk, molto americano, con un'armonica ben in evidenza e una cadenza festosa ("High on Information"). Il disco è ben prodotto ed è uscito via Tonzonen Records, ha suoni caldi e profondi e la band si presenta compatta e determinata, verso una meta che fa dell'orecchiabilità, un fattore di qualità ("I'll Stay Around"), senza pensare nemmeno per un istante che ad essere pop si perda il gusto per la composizione raffinata e ben strutturata. A volte potrebbero rientrare anche nella scena musicale Paisley Underground alla The Dream Syndicate per intenderci, ed è il loro lato che preferisco, ma un'attitudine stilistica troppo mainstream, tradisce le loro ambizioni di mettersi in mostra veramente, presentando brani come "In My Fishbowl" o "Take Off Soon", che andrebbero anche bene per uno split con i Gorillaz. Però i Dead Man's Eyes sono astuti, e si ritagliano anche uno spazio tra i cuori degli amanti dell'indie pop rock più ortodossi, con pezzi dal forte umore alternativo e di buon impatto come "Into the Madness", "Never Grow Up" e "Nobody at All", tra le atmosfere dei Lindisfarne rivisitate, un blues rimodernato di scuola Canned Heat e la psichedelia morbida di Alan Hull (epoca 'Squire 1975'), e una vena rock che si muove sulle vie polverose dei Polvo. Il traguardo del terzo capitolo sonoro è una meta importante e la band tedesca non delude affatto, anzi affila le sue armi per apparire sempre più accessibile, anche se nel sottobosco sonoro, si avverte una cura quasi maniacale per i particolari e una ricerca di suoni di beatlesiana memoria. Nota di riguardo per "Time and Space", brano che risulta atipico per le sue movenze easy listening, brano strumentale dal taglio seventies, una linea melodica in mid-tempo, vellutata quel tanto che basta per creare un ottimo e confortevole stacco a metà dell'opera. Un disco questo da ascoltare attentamente e ripetutamente, per superare il suo facile approccio pop per poi scoprire tutta la bellezza delle sue sofisticate sfaccettature sonore. Consigliato! (Bob Stoner)

(Tonzonen Records - 2022)
Voto: 74

https://deadmanseyes.bandcamp.com/

Death - Scream Bloody Gore

#FOR FANS OF: Death Metal
Seems to be between Possessed '7 Churches' to Death's 'Scream Bloody Gore' where the conflict is which album founded the genre of death metal wholeheartedly? I'd have to say Death, especially well talked about on the Death By Metal documentary is that Possessed '7 Churches' was a bit "sloppy" and Death's 'Scream Bloody Gore' was "tighter". I'd have to agree with this synopsis. The music on here is raw, heavy and straightforward. Chuck did a great job on 3 avenues: vocals, guitar and bass Chris on drums. They practiced a shit-ton to get this album out and made. They had to go through some loopholes before finally making a recording on Combat.

Whether this is your first experience with Death or not, one view is this: Chuck did not make any album sound the same. 'Leprosy' was close but you could hear from that recording the songwriting progression. And different lineup as Chris was let go of his drum duties handed over to Bill Andrews ('Leprosy' and 'Spiritual Healing'). They acquired Terry Butler on those two recordings also on bass. 'Scream Bloody Gore' is nothing polished but the sound wasn't so raw that you couldn't make out the guitar riffs. And as Jim Morris from Morrisound Recordings says "Chuck is talking to you in the riffs." You'd better believe that!

The album itself is about 45 minutes and it's just brutal. Chris wanted to stay in the band but Chuck was already moving on. A lot of death metal bands keep producing the same records over and over, Chuck wanted to progress as a musician. So he never really fit that mold to playing death metal exclusively throughout his musical career. This album set the tone for other death metal bands like Morbid Angel, Deicide, Malevolent Creation, et al to move into this category. I think that the fact that he always thought "metal is metal" and it shouldn't follow in categories which now there are numerous categories of metal. He was opposed to these "categories."

These guys practiced and practiced for this to get made and out to listeners. What to expect in addition to what I said: "Zombie Ritual", what a great song! It's fast, it's catchy, but like all the songs on here. Other people have commented that this album is "boring" and just the same thing over and over. But those are the people who aren't really listening. The production isn't the best, but it was good enough for Combat and even though this album was initially turned down, they found someone that could put in the time to make the recording even though he didn't know what the band members talked about in this genre (Courtesy of Death By Metal documentary). Check it out! (Death8699)


(Combat Records/Relapse Records - 1987/2016)
Score: 90

https://death.bandcamp.com/album/scream-bloody-gore-deluxe-reissue

lunedì 19 settembre 2022

Anders Buaas – The Edinburgh Suite

#PER CHI AMA: Prog Rock
I dischi strumentali dei chitarristi di estrazione hard-prog non sono esattamente la mia tazza di tè, per cui mi sono approcciato a questo lavoro con una dose di diffidenza giustificata solo dai miei pregiudizi, anche se titolo e foto di copertina mi facevano comunque sperare in qualcosa di interessante (ho una mia teoria sulle copertine dei dischi, secondo la quale dischi belli possono avere copertine orribili ma non ho ancora trovato dischi orribili con belle copertine). Comunque sia, il norvegese Anders Buaas non è esattamente un ragazzino, e sa il fatto suo, tanto come chitarrista quanto come compositore e arrangiatore. Dopo una vita da turnista in band norvegesi e dopo aver accompaganto in tour gente del calibro di Paul Di Anno, da qualche anno ha intrapreso una carriera solista di cui questo rappresenta il sesto capitolo. Dopo un lavoro in tre parti sulla caccia alle streghe del sedicesimo e diciassettesimo secolo, uno di improvvisazioni chitarristiche e uno dedicato alle carte dei tarocchi, 'The Edinburgh Suite' è una lunga suite, appunto, divisa in due parti di circa venti minuti ciascuna. Accompagnato da una band di assoluto valore (basso, batteria, tastiere, percussioni e vibrafono), Mr. Buaas, che si rivela chitarrista di rango e dal bellissimo suono, ci regala un album davvero godibile ed estremamente curato in ogni passaggio e ogni particolare, riuscendo a passare con grande naturalezza da atmosfere acustiche e sognanti al folk britannico, al jazz, al prog metal, senza farsi mancare passaggi più tipicamente prog dominati dai synth. E riesce a farlo senza indulgere in eccessivi “sbrodolamenti” (il primo vero assolo di chitarra elettrica arriva dopo circa 10 minuti) e, cosa ancora più importante, riuscendo a tenere le varie parti della suite insieme con invidiabile coerenza e senso della misura. Davvero notevole poi la sua attitudine per le melodie “catchy”, epiche ma non fastidiose, quasi da colonna sonora. In definitiva, questa 'The Edinburgh Suite' è il primo disco del genere al quale riesco ad arrivare in fondo senza un malcelato senso di fastidio, da molto tempo a questa parte. Ottima sorpresa. (Mauro Catena)

Bloodshoteye - An Unrelenting Assault

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Metalcore/Deathcore
Un urlo in pieno stile Phil Anselmo, ai tempi d’oro dei Pantera, apre il secondo cd dei canadesi Bloodshoteye, intitolato 'An Unrelenting Assault'. Effettivamente quello della band nord americana è un vero e proprio assalto ai nostri padiglioni auricolari, un attacco deathcore al nostro cervello con il puro scopo di fonderlo. La cosa incredibile, che balza subito all’occhio leggendo la line-up del combo, è che il growling brutale profuso è ad opera di una donna, tal Jessica. Amici, l’avvenente singer ha una voce cattiva, profonda e intensa, anche quando, nei rari frangenti di tranquillità, la utilizza nella sua forma pulita e sussurrata. L’act dell’Ontario suona poi una sorta di metalcore in stile tipicamente americano, imbastardito e incattivito da un brutal death di derivazione sempre di origine statunitense: riff taglienti come rasoi costruiscono la base del disco; veloci blast-beat e l’oscuro vocione di Jessica completano il quadro di un lavoro non propriamente avveniristico ed originale. 'An Unrelenting Assault' è un lavoro monolitico che già verso la sesta traccia inizia a stancare ed annoiare il sottoscritto, che comunque imperterrito va avanti per ascoltare le evoluzioni canore della bella cantante. C’è da dire una cosa a sostegno della band: ossia il tentativo di costruire brani complessi che si discostino dall’ondata metalcore americana; grind, thrash, hardcore e techno death confluiscono infatti nelle note di questo cd. Per il resto, i Bloodshoteye avrebbero solo potuto sfiorare la bravura dei Killswitch Engage, non fosse altro che si sono sciolti dopo il successivo album complice il fatto di una incapacità di distinguersi dalla calderonica massa di band che suonava questo genere. (Francesco Scarci)

Ablaze in Hatred - Deceptive Awareness

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Funeral Doom
Un po' di sano doooom per le nostre orecchie, di quello maggiormente orientato al funeral e l’apocalittico, di quello nordico e ben fatto. E i nostri esecutori sono i finlandesi Ablaze in Hatred, band lappone, formatasi nel 2004, che giunse al tanto sospirato debut in un paio d'anni grazie alla Firebox Records. 'Deceptive Awareness' raccoglie sette brani dal sound funesto, marziale e devoto alla pesantezza più totale. Sette lunghe track, che demoliranno i nostri padiglioni auricolari, con il loro incedere malinconico e mortale, che preannuncia inevitabilmente la fine dell’umanità. A differenza dei compagni di scuderia, i Doom:Vs, il quartetto di Helsinki è forse meno atmosferico, più diretto e brutale, pur proponendo un sound che comunque si avvicina al side project di Johan Ericson dei Draconian. 51 minuti di musica deprimente, caratterizzata dai riff lenti, mastodontici e al tempo stesso melodici delle due asce, dal growling cupo e minaccioso di Mika Ikonen e dalle ariose tastiere atte ad impreziosire il sound dei nostri. La band finlandese si rifà agli insegnamenti dei Katatonia (era 'Dance of December Souls'), per quel suo abbinare tragiche melodie al tetro death doom. “When The Blackened Candles Shine” è il brano meglio riuscito del lotto, con i suoi nove minuti e passa, capace di coniugare egregiamente la lezione impartita dai maestri del passato, My Dying Bride e gli stessi Katatonia, al sound di Swallow the Sun e Daylight Dies in primis. 'Deceptive Awareness' non mi fece sicuramente gridare al miracolo, ma lasciava ben sperare in un futuro prossimo, che dopo 'The Quietude Plains' nel 2009, ahimè non ha più visto i nostri affacciarsi sulla scena. Gli Ablaze in Hatred hanno concepito un lavoro intenso, energico e cupo di funeral doom che potrà soddisfare tutti gli amanti di questo genere di sonorità e non solo. Un ascolto consigliato a tutti. (Francesco Scarci)

(Firebox Music - 2006)
Voto: 66

https://www.facebook.com/ablazeinhatred

domenica 18 settembre 2022

Grá - Flame Of Haephestus

#PER CHI AMA: Black Melodico
È un 7" quello che dovrebbe fungere come gustoso antipasto del nuovo album degli svedesi Grá. In attesa di godere di una più lunga e articolata release del duo di Stoccolma, ecco quindi 'Flame Of Haephestus', un side A ed un side B, dove gustarci la title track nel primo lato e "Stella Polaris" nel secondo. L'attacco è all'insegna di un black mid-tempo dove a mettersi in luce è senza ombra di dubbio la melodia di fondo delle chitarre e la voce di Heljarmadr (vocalist vi ricordo, dei Dark Funeral). Un giro di orologio e poi si scatena l'inferno con un maelstrom ritmico che evoca proprio la band madre del frontman. Poi la musica dei nostri si fa più lenta, cupa e minacciosa con un ampio spazio affidato al tremolo picking delle chitarre e ad una ritmica qui molto thrashy, con il basso bello pulsante in background. Poi è una grandinata sonora che mi ha evocato anche un che degli Old Man's Child. Il secondo pezzo apre con un lungo arpeggio che lentamente va gonfiandosi di intensità ma in realtà mai debordando, bensì mantenendosi in rigoroso assetto melodico-strumentale fino alla fine, aumentando contestualmente quel desiderio evidenziato inizialmente, di avere finalmente dopo quattro anni da quel meraviglioso 'Väsen', un lavoro decisamente più corposo. (Francesco Scarci)

sabato 17 settembre 2022

Stellar Tomb - Antimatter Fluids of Creation

#PER CHI AMA: Cosmic Black
Contiene giusto un paio di pezzi quello che è il debut EP dei catalani Stellar Tomb. In realtà trattasi di one-man-band, guidata da Femto, uno che ha già bazzicato le scene in sella a nomi dell'underground quali Bastard of Loran, ARNA o Aonarach, giusto per citarne qualcuno. I due brani si aprono con il cosmic black di "Antimatter Fluids of Creation" che dà anche il titolo a questa release. La song ci lancia in un un tunnel spaziale e in quello che è il vorticoso sound del mastermind di Barcellona. Ritmiche tiratissime ma atmosferiche almeno fino a metà brano quando, il black viene soppiantato da sonorità elettroniche su cui si stagliano le oscure vocals del polistrumentista, per poi ripartire da qui, con synth e linee di chitarra al fulmicotone ma di totale godimento melodico. Difficile a credervi viste le velocità raggiunte davvero portentose, ma ammetto di essermi goduto non poco questo primo pezzo. Il secondo, "Absolute Chaos", dà voce al titolo stesso offrendo un caotico esempio di black dirompente che, dopo essersi scaldato per 45 secondi, si ammorbidisce in sonorità più mid-tempo, per poi offrire, nel corso dello stesso, un saliscendi di pura violenza. Il dischetto s'interrompe bruscamente con questa song, quando in tutta franchezza avrei desiderato averne di più. Le premesse sono buone (il voto si mantiene volutamente basso in proporzione all'esiguo numero di brani) ma auspico di sentirne a breve davvero delle belle. (Francesco Scarci)

1/2 Southern North - Narrations of a Fallen Soul

#PER CHI AMA: Occult Doom Rock
Della serie Les Acteurs de L’Ombre Productions colpisce ancora, ecco arrivare gli evocativi 1/2 Southern North con un esempio di dark doom occulto. ‘Narrations of a Fallen Soul’, primo capitolo della one woman band greca guidata dalla sacerdotessa IDVex Ifigeneia, si apre con la lunghissima “Alpha Sophia” che prova a darci le prime indicazioni della proposta dei nostri. Oltre dodici minuti di suoni oscuri, compassati, esoterici, psichedelici, deliziati dalle vocals della frontwoman ellenica. Il sound dei 1/2 Southern North mi ha evocato quello dei californiani Lotus Thief, abili miscelatori di psych rock, ambient, space, post e un non so che di black metal. Qui ci troviamo al cospetto di un’artista che si muove su coordinate similari e che fa sicuramente della propria voce l’elemento portante e distintivo che va poi a poggiare su atmosfere orrorifiche che vedono peraltro la presenza di una sgangherata partitura di violino nella title track a cura di Efraimia Giannakopoulou, una dei tanti ospiti che popolano questa release. “Hearts of Hades” affida la sua parte introduttiva ad una declamazione in greco che poggia su suoni di flauto e tamburo. L’effetto è sicuramente particolare, soprattutto quando la voce della cantante si fa più suadente, anche se otto minuti di questo tipo rischiano di frantumare i neuroni anche dei più stoici. E la ridondanza sonora è uno dei must di questo lavoro: ascoltatevi la parte introduttiva di “Breastfeed Your Delighful Sorrow” e ditemi se anche voi come il sottoscritto avete perso la pazienza dopo i primi 60 secondi. Poi il brano evolve in un crescendo melodico accattivante, tra parti atmosferiche, altre arpeggiate, ma che tuttavia rischia di stancare per la sua eccessiva durata, un’altra peculiarità di un disco che raggiunge I 67 minuti di durata con pezzi che si assestano tra gli 8 e i 12 minuti. L’unica eccezione è rappresentata da “Song to Hall Up High”, storica song dei Bathory dei tempi di ‘Hammerheart’, riletta completamente in chiave avanguardistica dai nostri, ma mantenendo intatta l’epicità dell’originale, “sporcandola” semmai di influenze noise/droniche. A completare il quadro delle canzoni incluse in questo disco, ci sono ancora l’inquietante “Elegy of Hecate”, forse il brano più sperimentale e progressivo del lotto che mi ha evocato peraltro anche un che dei Thee Maldoror Kollective di ‘Knownothingism’. Infine, gli oltre 12 minuti di “Remnants of Time”, un pezzo che ammicca addirittura al jazz e in cui a trovare posto sarà questa volta il sax di George Kastanos. Quello dei 1/2 Southern North è alla fine un lavoro davvero ambizioso, concettualmente interessante ma decisamente ostico musicalmente parlando, che pertanto necessiterà di svariati ascolti per essere assimilato. (Francesco Scarci)

(LADLO Productions/Satanath Records/Fog Foundation - 2022)
Voto: 68

Heat Fandango – Reboot System

#PER CHI AMA: Psych/Noise Rock
Già da qualche tempo ci troviamo ad avere a che fare con dischi che sono in qualche modo figli del lockdown, del distanziamento sociale o, comunque lo si voglia chiamare, di quella cesura nella vita di molti che è stato l’annus horribilis 2020. Ci sono dischi che sono nati “per colpa” (o merito) del lockdown nonostante questa cosa sia arrivata a prendersi gran parte della nostra vita sociale. 'Reboot System' fa molto probabilmente parte di questa seconda categoria: registrato tra marzo e maggio 2020, forzatamente “a distanza”, non è chiaro se i brani fossero stati scritti e provati prima, “in presenza” (inquietante quanto certe espressioni, altrimenti orribili e cacofoniche, siano ormai entrate nel nostro lessico quitidiano) dalla band al completo. Comunque sia, Tommaso Pela, Marco Giaccani e Michele Alessandrini hanno registrato questo loro esordio ognuno a casa propria ed il risultato finale è davvero di ottima fattura. I tre hanno all’attivo una lunga militanza nell’undergound marchigiano e portano in dote indiscutibile perizia tecnica, idee chiare sulla direzione da intraprendere e sul suono che vogliono avere. Le radici sembrano affondare con decisione nel garage rock americano in stile Fleshtones, ma il suono non è mero revival e cerca nuove strade, affiancando chitarra twang a synth taglienti e una sezione ritmica potente e precisa, di stampo quasi wave. E gli episodi migliori sono proprio quelli in cui la commistione tra queste due anime, quella garage e quale wave, viene esibita e spinta in maniera scoperta ("Controlled", "Guilty"). In definitiva, un disco che è una bella boccata d’aria, meno di 35 minuti molto divertenti e mai banali. Rimane la curiosità di capire se e quanto gli Heat Fandango suonino diversi visti dal vivo, tutti insieme sullo stesso palco. (Mauro Catena)

(Bloody Sound Fucktory - 2021)
Voto: 74

https://bloodysound.bandcamp.com/album/reboot-system  

Unità di Produzione - Antropocene

#PER CHI AMA: Alternative/Indie Rock
Sebbene il nome scelto da questo trio bergamasco richiami un brano di 'Tabula Rasa Elettrificata', l’album che portò i CSI a dominare le classifiche per una breve ed irripetibile stagione (cose che succedevano negli anni '90 anche in Italia), e nonostante il cantato salmodiante e declamatorio faccia venire in mente in più di un passaggio lo stile di Giovanni Lindo Ferretti, sarebbe ingiusto, oltre che sbagliato, derubricare gli Unità di Produzione a semplice clone della band emiliana. Gli UdP cantano in italiano e il loro panorama stilistico di riferimento rimanda dichiaratamente agli anni '90, ciononostante, i tre riescono a tenersi equidistanti, se non proprio a smarcarsi, dai più ingombranti modelli della scena alternativa italiana di quel periodo. Oltre ai già citati CSI, vengono in mente soprattutto i Marlene Kuntz, per lo stile vocale e i testi ricercati vicini allo stile di Godano, e i Massimo Volume, per l’aspetto musicale, un post-hardcore piuttosto scuro e squadrato, con chitarre vorticose e una sezione ritmica precisa e potente. Il risultato finale risulta comunque sufficientemente personale e il lavoro, nel complesso, è interessante. 'Antropocene' è un album che si propone come una riflessione sulle derive dell’uomo e della tecnologia, uno sguardo rassegnato su una società incapace di riconoscere il proprio ruolo, perché in contrapposizione con l’ambiente. Titoli ("Tecnocrazia", "Estetica del Declino", "Overture al Fallimento") e testi dipingono uno scenario scuro e privo di vie d’uscita, anche se a volte qualche scelta stilistica suona come forzatamente altisonante e poco spontanea. Peccati veniali, alla fine dei conti, per un album di spessore. Forma e sostanza, per dirla, ancora una volta, con Ferretti. (Mauro Catena)

Belphegor - The Devils

#FOR FANS OF: Black Metal
It takes a while to get into the vocals, but the music is probably the most highlighted throughout the whole release. Though the variety in measures (tempos) makes this a well rounded album. This is pretty much the intro that I've had with the band, I haven't heard of much else. I really enjoyed this release immensely. I like the rhythms and tempos and overall variety. It's a demonic album from these Austrian metallers they seem to hit-home on here. I've been listening to it for the past week and I've concluded that they are one unique act. They had session musicians but still, everything seemed to fit.

Variety on the vocals and a lot of heavy riffing. Chunky guitar seemed to fit in their trademark sound. They really went above and beyond on here. They're definitely a demonic sounding band hence the name "Belphegor." Basically, it means "demon." A real underground sound they are relentless and don't give up. An eerie intro paves the way for the album's overall sound. They are some lead guitar work but not much. However, the leads are technical (for the most part). The rhythms hold homage to the antichrist. Most the album is intense but there are songs that are kind of lower key. Not the first few songs though.

I like the production sound and mixing. It did the album justice. It's heavy, somber and depressing. But that's what it seems like they were aiming for on this release. I can't really compare it to past releases because I haven't heard any. I just know 'The Devils' and thought what an outstanding composition! They kicked some serious ass on here, everyone contributed to the overall sound and aura. These guys will most likely stay underground for their musical career. That or if they change their style, they'll probably change their name. I was surprised too that they're actually from Salzburg.

I'm glad that I bought the CD I like the audio quality more than digital albums. Plus, I'm showing support for the band. These guys better stick around for a while because they're great songwriters and they know how to pack a punch with their outputs. I think that this album shows how diverse they can be in the compositions and underground feel or vibe. They're definitely beholden to their name. Especially with the guttural vocals I like how they change it up though. The album is pretty brilliant and it has me listening to it ad nauseum. Pay respects to their effort and buy the album! (Death8699)


(Nuclear Blast - 2022)
Score: 80

https://belphegor-austria.bandcamp.com/

martedì 13 settembre 2022

Greyswan - Promo 2001

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Gothic/Dark
In che genere inquadrare i nostri Greyswan mi è abbastanza arduo. La definizione più giusta, secondo me, sarebbe quella di un gothic-doom metal molto malinconico, improntato su un buon lavoro della chitarre che incedono in riff ben articolati e in ritmiche semplici ed azzeccate. Discreta la voce che si esprime in un cantato pulito; nella seconda track noto una certa somiglianza con alcuni toni tipo Moonspell. Musica semplice ma ben articolata, dai toni soffusi ed allo stesso tempo depressi ed incazzati. Una nota particolare vorrei dedicarla ai testi, che con mio gran piacere ho trovato inclusi. Da notare la prima song, “Sleepless Night”, un manifesto al self-hateing, dove la solitudine la fa da padrone: un testo quasi degno del primo Nick Cave. Non posso dire che questo sia un masterpiece metal, ma la sua bella figura, tra le decadenti note di chi vive nella notte, la può fare benissimo.
(Self - 2001)
Voto: 68

Hyrgal - S/t

#PER CHI AMA: Black Old School
E sono tre i lavori da me recensiti degli Hyrgal: dopo ‘Serpentine’ nel 2018 e ‘Fin de Règne’ lo scorso anno, eccomi alle prese con il terzo capitolo della loro discografia, questa volta un album omonimo. La proposta del quartetto provenzale continua a mietere vittime in territori estremi, miscelando quanto prodotto nei primi due lavori, ossia un black nudo e crudo con divagazioni atmosferiche e sghembe, degne dei migliori Deathspell Omega. “Diablerie” tuttavia apre il disco con fare black old school, scuola Gorgoroth, e un riffing mid-tempo acuminato, oscuro e orrorifico che si affida comunque ad un barlume di melodia per costruire l’architettura complessa del brano in cui la voce di F.C prosegue (in compagnia di N.M) a terrorizzare con quel suo screaming paralizzante. Da sottolineare l’epico assolo a metà brano. Si prosegue con “Légende Noire”, un pezzo dalle ritmiche serrate, sinistre e distorte, con le vocals aberranti del frontman a farla da padrona. La bellezza del pezzo risiede nei suoi continui cambi di tempo e per la presenza di una splendida ed epica chitarra in sottofondo a guidare l’ascolto del brano tra sfuriate velenose e parti atmosferiche. “La Foudre Puis La Nuit” è il pezzo che forse più ho apprezzato durante un primo e più distratto ascolto del disco, forse perchè è quella che mi si è piantata nella testa e da li non si è più mossa. L’apertura è violentissima con chitarra e basso che frustano che è un piacere. Quando entra in scena la seconda chitarra è solo piacere per le mie orecchie e la divagazione della timbrica vocale, qui in territori più evocativi/pagani, vale veramente l’ascolto del pezzo, prima di un dronico ed inquietante break che ci accompagnerà per un tratto prima del diabolico e deturpante finale. Ancora mid-tempo per “Vermines”, ma l’impressione che si cela in queste note è quella della classica quiete prima della tempesta. Detto fatto. Il brano si scatena infatti in un terremotante assalto all’arma bianca, destinato a non fare prigionieri, sebbene mantenga una certa parvenza di linea melodica di fondo prima degli ultimi 60 secondi all’insegna di partiture ambient. “Serment de Sang” ha un approccio ancora una volta sbilenco nel suo lento e fluttuante incedere sonoro tra spettrali giri di chitarra, accelerazioni improvise e caustiche vocals. Si continua a martellare come fabbri anche con “Fureur Funeste”, altro brano davvero tagliente che trova la sua normale evoluzione in un epilogo più compassato in cui anche la voce del cantante diventa molto più comprensibile. Esperimento ben riuscito considerato che a chiudere il disco troviamo “Au Gouffre”, la giusta risposta su come conciliare black norvegese con quello francese per un’ottima e riuscitissima release estrema. (Francesco Scarci)

(LADLO Productions - 2022)
Voto: 75

https://ladlo.bandcamp.com/album/--3

Dez Dare – Ulysses Trash

#PER CHI AMA: Garage Rock
Nuovo album per lo stravagante artista di Brighton, che dal suo cappello magico, estrae un altro disco veramente divertente, tutto da gustare. Un lavoro multicolore di psichedelia ortodossa, figlia di un amore assoluto verso la parte più acida del mondo del rock e del low-fi. La cosa che più colpisce della musica di Dez Dare è che, pur muovendosi all'interno di un contesto molto abusato e saturo come il fuzz sound di matrice seventies, riesce a renderlo ancora una volta affascinante, grazie ad un modo tutto suo di interagire con muri di riff distorti che sanno di vintage ma che non smettono di brillare di luce propria. Quindi, ci troviamo di fronte ad un ambiente cosmico che richiama alcuni viaggi degli Hawkins, fatti a bordo di un vecchio furgone Volkswagen T2, non in perfette condizioni ma coloratissimo, che fa apparire la contea di Brighton come la California dei Fu Manchu degli esordi. Una versione del suono distorto del mitico Hendrix che ha deciso di smettere con gli assoli e dedicarsi ad una musica più diretta, come se gli Mc5 fossero in procinto di partire per lo spazio ed il riff della perla sonica "1.9.8.5." fosse uno splendido manifesto della sua arte, tra potenza proto punk alla Stooges e garage rock underground. Il fatto che tutti i cantati, nelle loro linee melodiche ricordino molto da vicino la formula vincente di 'Licensed to Ill' dei Beastie Boys la dice lunga sullo stile di questo guru del fuzz, che non ci pensa due volte ad inserire vie tortuose nella sua musica, pur di definirne un concetto di libertà compositiva assoluta, anche a rischio di ricordare troppo qualche collega più famoso. È il caso del riff iniziale di "Trashin'" che suona come un remake di "For Whom the Bell Tolls" di Hetfield e soci, oppure quello di "Bloody Sea, Holy Fuck", che ricorda l'inizio di "Country House" dei Blur, rivisitato in stile Trailer Hitch, compianta e poco conosciuta band di camionisti americana uscita per la Man's Ruin Records nel 1997, un anno di grazia per lo stoner rock. Tra le brevi composizioni che compongono il nuovo scrigno magico, vi troviamo anche brani più complessi e introspettivi, come "Outrage, Metrics, Mechanics, Death", robotico e drammatico sabba dal fascino cupo e sinistro, dove l'artista britannico si muove tranquillamente a suo agio anche in veste più ambient/noise in salsa dark. In definitiva, l'arte rumorosa di Dez Dare è come un portale verso una nuova costellazione di un cosmo sconosciuto, creata da un cultore di suoni del passato, che non vuole assolutamente far dimenticare, e che con questo nuovo 'Ulysses Trash' riporta le sue teorie a suon di fuzz, in uno stato di grazia underground delizioso, continuando in maniera vigorosa la sua opera musicale iniziata nel 2020 con l'ottimo debutto 'So Cold, Josephine'. Nota di merito anche per l'artwork coloratissimo dalle acide, fumettistiche e strepitose copertine, che ne caratterizza ulteriormente la vena artistica indomabile, gli allucinati video che lo accompagnano e per i testi anti pop, dei vari brani, “ ...la mia testa è così piena che non riesco a sognare...” (...My Head is so Full I Can't Dream...). Lunga vita allo stregone psichedelico di Brighton! Lunga vita alla psichedelia sotterranea! Entrate nel mondo fantastico di un vero artista di culto underground! (Bob Stoner)

Hexahedron - When the Soul Disappear

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Black/Death
Mi sono compiaciuto con questi Hexahedron, metal band italiana dalle molteplici influenze: infatti, si parte da ritmiche prettamente thrash che sconfinano nel crossover fino a riff death black, con una voce molto versatile, pazzoide in alcuni frangenti. Devo far notare, per la seconda volta nella mia carriera di “recensore”, la bravura di una ragazza, Eleonora per la precisione, che si esibisce egregiamente alla chitarra solista. Tanto di cappello, “spacca” veramente. In soli due anni dalla loro fondazione, i nostri hanno saputo confezionare un bel suono, molto personale, che si divide bene tra veloce ed atmosferico, mai banale, con una produzione che mette perfettamente in risalto l’anima metal del gruppo. I pezzi sono veramente vari nel loro interno, dato che sono stati confezionati da validi musicisti: in primis, a fianco della nostra Eleonora alla chitarra, porrei il basso, pompato e ben arrangiato di Francesco e la voce parecchio cattiva e ben usata di Stefano. Una parola anche per l’artwork molto ben concepito e di sicuro effetto, da vedere. Presagivo un futuro roseo per i nostri, soprattutto visto il supporto della Kick Promotion Agency, ma se ne sono perse le tracce da tempo. Intanto per chi vuole sentire qualcosa di diverso e di ben suonato.

giovedì 8 settembre 2022

Miasmes - Vermines

#PER CHI AMA: Black Old School
Ecco una nuova creatura proveniente dalla Francia: si tratta dei Miasmes (nuovo mostro di Krig, ex membro dei Seth) e del loro black old school che richiama quello scandinavo di metà anni ’90, sia a livello di suoni che di proposta vera e propria. Cinque le tracce a disposizione dell’ensemble transalpino per dimostrare di quale pasta malvagia siano fatti. Parlavo inizialmente di black old style e questo fondamentalmente è quello che sento quando nel mio lettore irrompe la battagliera “Apostasie”, un brano velenoso che ci riporta appunto là dove tutto ebbe inizio con un sound minimalista, che fonde nelle sue devastanti ritmiche e nei suoi efferati screaming, estremismi sonori con influenze di derivazione punk (soprattutto nelle linee di basso). Scordatevi quindi ogni deriva sperimentale tipica della scena francese e immergetevi in un bagno di zolfo e cenere, lasciandovi investire dalla furia primordiale delle successive “Pestilence” e della più mid-tempo oriented “Desolation”, due brani che non fanno che confermare la natura estremamente aggressiva di questo trio, che saprà mostrarvi anche un lato leggermente meno crudele nelle rimanenti “Furies” (di nome e di fatto aggiungerei io) e “Vermine”, gli ultimi due capitoli di un disco all’insegna di un black metal nudo e crudo, scevro quasi del tutto di ogni componente melodica, destinata a non fare alcun prigioniero. (Francesco Scarci)

(LADLO Productions - 2022)
Voto: 65

https://ladlo.bandcamp.com/album/vermines

Megadeth - The Sick, The Dying...And The Dead!

#FOR FANS OF: Thrash/Speed
Definitely happy I got the CD version of this album. However, the streaming displays two bonus tracks not found in the physical copy of the album. It was definitely worth the wait despite the critics opinions of this release. I'm so into this one. It's probably one of their best in years. There's just a variety of thrash/heavy metal on here. What's not shown is that Steve DiGiorgio is on bass for the recording, not James Lamenzo. He's a permanent part of the band however and toured with them this past year (2021). I got a chance to catch them with Hatebreed, Lamb of God and Trivium! What a show!

The music on here is supreme balancing metal guitar with some clean parts (small amounts) mostly distortion. Kiko takes care of pretty much all of the leads so that Dave could focus on the rhythms and vocals. That's how it's going to be from now here on. The leads were technical reminiscent of Marty Friedman. It's a shame he left the band in 2000 but Kiko is darn good replacement! He had a read of Dave's book when he joined the band. These guys have been a band since 1983 ever since Dave got kicked out of Metallica. Megadeth never had as much success as Metallica but still they have loyal followers!

Pretty much every song on here I like and the production quality is top notch. The guitars and vocals did the album justice, still furious as veterans! They still have it after all these years and the lineup changing over time firings and deaths unfortunately. But as frontman, Dave is always in command showing his good songwriting even at 60 years of age. He still has the fire! This one does any but disappoint. It certainly doesn't one bit the music steals the album. These guys are still as creative as can be and the riffs are catchy as all hell. I think that they're a while from retiring!

Again, I'm glad I bought this CD and showed support for the music industry that's failing due to streaming services. I'll probably collect CD's till I die. This is an outstanding album. I say that it's a "77" average but it's because there are some things that could use improvement but not many things. I'm glad that they took this "old school" approach to thrash metal than their other releases which were more heavy metal. I'm not in favor of the lyrical concepts but that is immaterial. What these guys did on here was monumental. I hate other critics that damn this one where I see as one of the highlights of 2022 in metal. Own it! (Death8699)


(Universal Music Group - 2022)
Score: 78

https://megadeth.com/the-sick-the-dying-and-the-dead/

venerdì 2 settembre 2022

Peurbleue – La Ciguë

#PER CHI AMA: Black/Drone
La perlustrazione del sottosuolo francese prosegue senza sosta da parte della Les Acteurs de L’Ombre Productions, un’opera incessante volta a identificare i migliori talenti in terra transalpina. Quello dei Peurbleue è un progetto che fa capo a tal JC EX, un musicista legato all’underground drone ambient. Questo background diventa estremamente chiaro con l’incipit “Fecondation” che ci propina tre minuti di inquietanti suoni industriali. Auspicando che l’intero lavoro non segua la stessa piega, mi accingo all’ascolto della successiva “A la Gloire!”, ma anche qui accanto ad una voce quasi declamatoria, sono sonorità spettrali, fluttuanti e angoscianti a palesarsi, almeno fino al terzo minuto, quando la proposta destrutturata del duo, sembra finalmente prendere una forma più delineata ai confini di un suicidal black. Questo sound inizia a prender forma con la terza “Rosee Eternelle”, un brano orrorifico per componente vocale, atmosfere totalmente sghembe che richiamano quelle di film in cui l’immagine della realtà sembra distorcersi nella rappresentazione dello spazio, quasi fossimo in pieno hangover e non ci reggessimo nemmeno in piedi. I suoni sembrano frutto di una pura improvvisazione tra pazzi psicotici rinchiusi da decenni entro quattro mura di una stanza dalle pareti bianche imbottite. Questo per dire che quanto incluso in ‘La Ciguë’ non è qualcosa di cosi semplice da assimilare viste le influenze derivanti da band come gli Xasthur e vari epigoni o da ambiti musicali che fanno della distorsione, della follia e della sperimentazione il proprio mantra. Penso alla breve “Survie” e alle sue alterazioni sensoriali all’insegna di drone e ambient, cosi come alle stralunate atmosfere della successiva “Caniveau”. Quello dei Peurbleu, sia ben chiaro, non può essere definito un disco di cui possa apprezzare in toto i suoi contenuti, cosi schivi, tormentati e demoniaci, ma non posso nemmeno schiantarne la voglia esagerata di seguire nuove strade di ricerca, un qualcosa a cui ambisco ogni qualvolta mi metto ad ascoltare e recensire un disco. Insomma, ben vengano dischi di tali contenuti, anche se non apprezzabili tout court. Per ora va bene cosi, ma in futuro mi aspetto un pizzico di accessibilità in più altrimenti il rischio è che album di questo tipo sia riservato solo ad un pubblico di pochi eletti. (Francesco Scarci)

(LADLO Productions - 2022)
Voto: 68

https://ladlo.bandcamp.com/album/la-cigu

Vanitas - Das Leben Eintraum

BACK IN TIME: recensione gentilmente concessa da Nihil Zine
#PER CHI AMA: Gothic/Death/Black
Un disco, questo degli austriaci Vanitas in cui si potrebbero spendere fiumi di parole senza mai riuscire a inquadrare il loro particolarissimo stile che riesce ad abbracciare diversi generi come il gothic, il death, il black o ancora la musica classica senza mai essere banale o scontata. I pezzi superano di media i cinque minuti e alternano parti veloci ad altre tristi offrendo anche bellissime melodie con cantati growls nel classico stile degli Amorphis (primo periodo) fino ad arrivare a stacchi di soprano alla Nightwish, riuscendo cosi a conferire ai pezzi un’affascinante impronta barocca.

(CCP Records – 2000)
Voto: 74

Looking for people willing to write reviews in The Pit of the Damned and be part of the staff? Are you interested in?


Write to: thepitofthedamned@gmail.com

---------------------------------------------

Sei interessato a scrivere recensioni e far parte dello staff del Pozzo dei Dannati?