Cerca nel blog

martedì 19 giugno 2018

Bible Black Tyrant - Regret Beyond Death

#FOR FANS OF: Post Metal/Sludge, Yob, Neurosis
An album filthier than the nether regions of a three dollar lady of the evening, hard at work over Fleet Week in Norfolk, Virginia, Bible Black Tyrant brings a brash and densely infectious noise akin to the sludge seeping from twixt the illicit worker's legs that incubates in its fetid fecundity and ravages a population with plague and progeny alike. In contrast to the namesake of the state in which her underground business operates, her tang is corrupted by the abuse and unrestrained voracity of the lowly yet it is impressive in its epidermal malleability and her constitution's resistance to its own incubation of potential epidemic.

Featuring fluid flows of 'Celestial' sludge throughout the album, especially noticeable when the guitar grain melts and eventually isolates the drums, similar to a breakdown in “Glisten”, this album incubates its own deleterious concoction that remorselessly punishes a listener and leaves him curious as to what more substance may issue from such seemingly interminable captivity. However, Bible Black Tyrant refrains from indulging the bounce and hardcore leanings of Isis in favor of drawing out its oppressive march. The closest moment to a hyper speedy passage is in the disorienting first moments of the title track where the feedback and resonance of a guitar nearly sounds like a lo-fi blast beat which the band then admonishes the listener for entertaining such a notion by scraping strings and slamming the squeaking gate of freedom to draw him back into this dreary penitentiary. In stark opposition to the general flow of a the average album, this title track is merely a minimalist ambient piece separating two segments of creeping and undulating terror as the mechanism of control relishes its reign and resists revolution throughout this audial arc.

Much of 'Regret Beyond Death' is large, lumbering, and jerky with very few moments that combine such spastic contortions and relentless stomping in order to naturally move and flow. The oppressive atmosphere, a constant weight of grain upon one's ears that overcomes conscience and sense of self alike, seems to have no rhyme or reason except to torture and control the listener's thoughts, creating suffocating and delirious expectations as though the trials of a gulag meant not to mine prosperity for a society but to reduce the reproduction of its most wretched refuse. However, when such a combination of rhythm and riff does finally breach these prison walls, what eventually glides through the atmosphere is a greatly welcome moment that flows like fresh water after a drought. The album is unnerving until finally falling into a comfortable groove in “Wilderness of Steel and Stone” as a busy Sabbath style guitar followed by slow and hard cymbal pounding and a chanting chorus of 'the king of the slaves' takes over. Finally a flowing guitar riff on which to build rather than simply oppressing without any present design clears the air and a fresh feeling of freedom inspires an eruption of revolution, as though a mortal coil sheds like snake skin and rapture is achieved in the breaking of chains.

For a band named after a line in “The Legend of Sleepy Hollow”, a short story by Washington Irving featuring the ever-menacing Headless Horseman, there is an apparent horror throughout 'Regret Beyond Death' that seems to usher in a revolt against its confinement after “New Verse Inferno”, sweeping away its own oppressors. Recorded in different locations in the northwest and West Coast, the ensemble comes together well with its abrasive guitar layering, shouted vocals, and bassy percussion that brings grainy cycling in “A Terror to the Adversary”, cracking string whips in “The Irony”, and an almost psychedelic crunch in “The Standard”. A brash swinging in “Instead Of” will pick up its rhythm in order to better bash its own head into pavement while the grip of the hostile treble monopolizes the mix with its relentless reverberations.

Like the climbing guitar tones in “A Terror to the Adversary”, reeking of filth in spite of its undertone of grungy, almost reverential cries to become an anthem, 'Regret Beyond Death' yearns to become something better, but the crushing pain of existence and the weight of tyranny is impossible to truly overcome. The hints of a story arc help the album progress, but the endless deprivation throughout the album make for a release marred by its own misery. It will be interesting to see if Bible Black Tyrant may be able to escape its Hell and subjugate its oppressors, relishing its own revenge after enduring such a ravenous reign, but for now the band seems to be nurturing an uprising that quickly may be quashed. (Five_Nails)

(Argonauta Records - 2018)
Score: 65

https://bibleblacktyrant.bandcamp.com/releases

lunedì 18 giugno 2018

Sons of Alpha Centauri - Continuum

#PER CHI AMA: Instrumental Post Rock
A chi pensava che la band fosse definitivamente scomparsa dalle scene, ecco che i Sons of Alpha Centauri spiazzano tutti e tornano alla ribalta ad oltre dieci anni di distanza dal precedente lavoro. 'Continuum' è il titolo del nuovo album della band inglese, contenente otto song strumentali, aperte dalla spettrale "Into the Abyss", una breve song dal piglio post-rock affidata interamente ad un giro di sola chitarra. Poi, ecco "Jupiter", una traccia che sembra muoversi tra blues rock, post e progressive, in una melliflua song che si muove timidamente tra chiaroscuri elettrici. Decisamente più aggressiva "Solar Storm" che, al pari di una tempesta solare, si lancia in una roboante cavalcata stoner/post metal che trova nel suo corso un break atmosferico in stile Riverside, capace di mitigare la veemenza del quartetto britannico. Con "Io" le cose tornano ad adombrarsi, affidandosi ad una ritmica compassata in cui il problema principale è, come spesso accade, la mancanza di un vocalist in grado di conferire maggiore dinamicità ad una proposta che rischia alla lunga ahimè di annoiare. E cosi, questo brano non decolla realmente mai e procede stancamente fino a "Surfacing for Air", un intermezzo di quasi due minuti che introduce a "Interstellar", un pezzo notturno, che parte in sordina e fatica ad emergere almeno fino a due terzi quando i toni si fanno finalmente più aspri. Sebbene abbia una durata minore rispetto alle precedenti, non arrivando nemmeno ai tre minuti, "Orbiting Jupiter" è una song interamente suonata al pianoforte, sicuramente piacevole ma non poi cosi coinvolgente. Si arriva ai minuti conclusivi di "Return Voyage" che ci consegnano gli undici minuti finali di questo 'Continuum', in una traccia che tra parti atmosferiche e squarci elettrici, ha modo di rievocare lampi dei Pink Floyd, con la sola differenza che la band più famosa del mondo, poteva contare anche sulla performance di un cantante dietro al microfono. Qui c'è ancora parecchio da lavorare per togliersi di dosso scomodi paragoni con i maestri del psych/space rock ma anche e soprattutto con l'alternative dei Tool. Peccato, dopo dieci anni mi sarei aspettato qualcosa di decisamente superiore. Per ora è solo un album carino come ce ne sono tanti in giro. (Francesco Scarci)

(H42 Records/Electric Valley Records/Robustfellow - 2018)
Voto: 65

https://sonsofalphacentauri.bandcamp.com/album/continuum

Les Lekin - Died With Fear

#PER CHI AMA: Psych/Post Rock, Godspeed You! Black Emperor
Il secondo album dei Godspeed You! Black Emperor di Salisburgo si apre con una obnubilante galoppata interiore, assolutamente ed emozionalmente lisergica. Basso e batteria indistricabilmente avvinghiati, la chitarra come una sorta di delirante propaggine onirica. Ombre di nuvole meccaniche tratteggiano il profilo semantico dei suoni. Qualcosa a metà tra il Neil Young di 'Change Your Mind' e gli Ozric Tentacles di 'Erpland'. A passo uno. Rigorosamente a passo uno. Nel prosieguo, la riverberante "Inert" appare invece più post/something, tumultuosa ma dialetticamente centrifuga. Diametralmente opposta, seppure altrettanto post qualcosa, la successiva "Vast", sillogistica, persino circolare tanto nella melodia quanto nella dinamica sonora. L'epos si innalza, lentissimamente ma inesorabilmente, nella conclusiva "Morph", sonicamente desertica eppure volonterosamente tersa e nevrile, protesa verso la deliquescenza del (lunghetto, ammettiamalo) climax finale. Ascoltate questo disco, strafatti di peyote, mentre immaginate voi stessi che saltellate da un cactus all'altro tentando di sfuggire ad una fittissima pioggia di tarantole azzurrognole. (Alberto Calorosi)

(Tonzonen Records - 2017)
Voto: 80

https://leslekin.bandcamp.com/album/died-with-fear

venerdì 15 giugno 2018

Charming Timur - So Far, So Good

#PER CHI AMA: Experimental Music, Godflesh, Nine Inch Nails
Pronti per entrare in un tunnel di follia? Si perchè con la one-man-band finlandese dei Charming Timur, vi scontrerete con un sound ostico e paragnostico, fatto di suoni psicotici, in una mistura il cui stesso creatore definisce come un incidente aereo che non si limita ad un genere in particolare, ma che in realtà ruota attorno al modern metal, al nu metal e al post-qualcosa. Beh, io lo definirei semplicemente sperimentale, questo perchè quando "You Are Next" irrompe nel mio stereo e innesca il delirio incluso in questa compilation intitolata 'So Far, So Good', rimango piuttosto basito dall'assalto noisy dell'opening track. Suoni abrasivi, voci schizoidi tra il pulito e il cibernetico, una linea melodica completamente disconnessa. Ecco il marchio di fabbrica dell'artista di Helsinki che ci delizia con ben 18 brani votati alla totale sperimentazione sonora, che di certo non starò qui a descrivervi uno per uno. Magari posso citarvi la seconda acida e doomish "A Human Cell", psichedelica quanto basta per dirvi che sono uscito dal suo ascolto quasi avessi assunto una dose massiccia (forse letale) di LSD. E quell'effetto di stordimento prosegue anche nella successiva e più pesante "Dangerous To Self And Others", dove tra voci assimilabili a dei rumori, atmosfere rarefatte e disagiate, suoni cibernetici, si viene inglobati in un mondo futuristico molto vicino a quello sceneggiato in 'Blade Runner'. La voce malinconica e malata del frontman finlandese si lascia maggiormente apprezzare (ma soprattutto criticare per la sua scompostezza e stonatura) in "Our Day Is Beautiful", una traccia musicalmente (non di certo per le vocals) più lineare rispetto alle precedenti, figlia però di certe influenze dei Radiohead. Man mano che si avanza con l'ascolto del disco, si apprezzano i cambi stilistici del folle mastermind, questo perchè i brani arrivano dai vari album inclusi nella discografia dei Charming Timur. Sembrano più metallici pezzi come "(This Day Could Be) My Last" e "Keep You Safe", anche se quest'ultima ha una certa aura eterea, mentre più dark oriented sembra essere "How To Be A Creepy Perv". Il disco alla fine non è quanto di più semplice ci sia da ascoltare oggi, complici sonorità che talvolta sconfinano nell'industrial richiamando Nine Inch Nails o dei Godflesh stralunati (in "Ego Machine" il buon Lohi sfodera anche una voce growl), post punk ("Close"), o addirittura evocando un che dei Placebo in "This Miracle" o degli Smashing Pumpkins in "The Uplift". Se devo eleggere le mie song preferite, ecco che arrivo a "Falling Dawn", complessa, furiosa, abbastanza fuori di testa e con una linea di chitarra in tremolo picking davvero raggelante. In seconda battuta, sceglierei invece "Gone Blaze", un'altra traccia abbastanza selvaggia ma al contempo sperimentale che è riuscita sicuramente a conquistare i miei indifesi padiglioni auricolari. In cosi tanti brani c'è ovviamente qualcosa che non va (oltre alla delirante componente vocale): una produzione non sempre all'altezza o l'uso di una drum machine fredda e distaccata. Insomma, di lavoro da fare ce n'è ancora molto, tuttavia credo che 'So Far, So Good' sia un buon modo per avvicinarsi con cautela alla bizzarra proposta dei Charming Timur. (Francesco Scarci)

mercoledì 13 giugno 2018

Monophona - Girls on Bikes Boys Who Sing

#PER CHI AMA: Instrumental Post Rock/Trip Hop, Portishead
Il quarto album dei Massive Attack lussemburghesi propone una indietronica concettuale, politica e sensibilmente consapevole ("Here After") a tratti indissolubilmente folkeggiante ("The Benefit of the Doubt"), o rocchettara ("Folsom Prison Blues") o ancora cheerleader-parecchio-carina-ma-altrettanto-strafatta-like alla Warpaint ("Lada"), altrimenti collocabile tra il terzo e il quarto album di Björk (non tutto l'album, eh, ma almeno l'opener "Courage" e "Hospitals for Freedom"). Interessanti gli episodi più off, vale a dire l'angrr-triphop di "Tick of a Clock" e la funktoplasmatica "We'll Be Alright" in chiusura, fervida di vocine ultraterrene. Ma a voi, però, sarà per la intensa valenza iconica, sarà che ormai siete diventati un manipolo di vecchi coglioni pseudometallari delle mie ghiandole rinsecchite, a voi, dicevo, vi salta soprattutto all'orecchio la profusione bristoliana di rumorettini off stage: il mescolio di un cocktail in "The Benefit of the Doubt", una lattina stappata in "Courage", il fruscio di vinili nella portishosissima "I Will Be Wrong". Roba che avete già sentito un migliaio di milioni di volte, brontolerete infine. Ma sottovoce. (Alberto Calorosi)

martedì 12 giugno 2018

Paragon Collapse - The Dawning

#PER CHI AMA: Doom/Gothic, The 3rd and the Mortal
La Romania ormai ha un sottobosco che pullula di molteplici creature. L'ultima che mi è capitata tra le mani, grazie al supporto della Loud Rage Music, è questa dei Paragon Collapse, quintetto di Iași al debutto con il cui presente 'The Dawning'. Il genere proposto? Presto detto, un doom carico di groove per un ascolto abbastanza agevole, reso ancor più semplice dalla performance di Veronica Lefter alla voce (e violino), per un risultato che scomoda facilissimi paragoni con i The 3rd and the Mortal. La performance della cantante rumena infatti è accostabile a quella della bravissima collega Kari Rueslatten, quando si lanciava nei magnifici e soavi gorgheggi in 'Tears Laid in Earth', primo stratosferico album dell'act norvegese. Quindi, non mi stupirei se anche voi come il sottoscritto, vi lasciaste sedurre dalla musica di questi musicisti, che sin da "The Endless Dream" (il pezzo più bello del disco), tra porzioni acustiche, riffoni doom, parti di violino e vocals eteree, mi acchiappa non poco. Chiaro che l'accostamento con l'ensemble norvegese è talvolta fin troppo palese, tuttavia non mi dispiace immergermi in quelle atmosfere, in taluni casi assai assai lugubri, e godere di cotanta musicalità decadente. D'altro canto, una lunghezza talvolta abbastanza impegnativa dei pezzi, rende francamente meno fruibile il cd. Dopo gli 11 minuti della opening track ce ne sono altri nove li ad attenderci in "The Stream" e, se non siete proprio degli amanti delle sonorità gothic doom, accompagnate da vocals soavi, ecco che il tutto rischia di pesare non poco. Per fortuna, a concedere qualche variazione al tema, ci pensa il violino della brava Veronica, e qualche brano di minor durata che, seppur si riveli più ostico da digerire, offre un sound che rischia addirittura di sconfinare nel prog, come nel caso della strumentale "A Whisper of Destiny". La proposta dei nostri soffre però anche di qualche calo tensivo: "Nirvana" è un po' piattina e per certi versi mi ha evocato gli Ashes You Leave più immaturi. La qualità del disco sembra assestarsi su un discreto livello qualitativo, complici linee di chitarra che talvolta suonano un po' troppo anacronistiche, sebbene possano richiamare anche i Paradise Lost degli inizi. Ci sarebbe bisogno di ben altro per rendere molto più appetibile il disco, anche se la lunghissima "Climbing the Abyss" sembra offrire parecchie variazioni al tema, tra chiaroscuri sonici, intermezzi folklorici e l'oscurità di un suono che sembra divenire via via più buio, abbagliato solamente dagli interventi azzeccatissimi della violinista. Alla sesta song, "A Winter Life", la figura di Veronica dietro al microfono diventa sempre più ingombrante e alla fine rischia di annoiarmi eccessivamente. Avrei dato maggiore spazio agli strumenti, alle fughe atmosferiche, anche alla presenza di un vocalist maschile che potesse porsi da contraltare cantante soprana, e in ultimo avrei dato una maggiore vivacità alle linee di chitarra, come invece accade nella conclusiva, robusta e più ondulatoria "Deliverance". C'è sicuramente ancora molto da lavorare, ma i presupposti per fare bene ci sono sicuramente tutti. (Francesco Scarci)

lunedì 11 giugno 2018

Neuraxis - Trilateral Progression

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Death/Grind, Cryptopsy, Despised Icon, Cephalic Carnage
Non mi sono ancora ripreso dalla batosta dei Berzerker, che già mi trovo costretto a recensire e farmi maciullare le orecchie da un altro combo dedito al death/grind, ossia i canadesi Neuraxis, band di Montreal attiva oramai dal 1994 e con parecchi album sulle spalle (questo è il quarto di sei). Dopo una breve intro, la rabbia distruttiva del quintetto nord americano si scatena in ogni sua forma: il sound proposto dalla band è un death violento, ma iper-tecnico che sfocia spesso in sfuriate grind, contrapposte ad inserti melodici dal vago sapore scandinavo. Rispetto al passato però, nonostante l’eccelsa tecnica della band e probabilmente al caparbio desiderio di strafare per andare oltre al precedente ed eccellente 'Truth Beyond', ho la sensazione che il combo canadese abbia perso un po’ di smalto e di idee. Non intendo affermare che 'Trilateral Progression' sia un brutto album anzi; però, data la sua estrema compattezza e monoliticità, il combo del Quebec ha perso un po’ di verve e originalità che ne contraddistingueva i passati lavori. Il platter è sicuramente interessante con tutte le sue peculiarità: chitarre tritabudella, voci growl contrapposte a demoniache scream vocals, schegge grind, accenni melodici, inserti techno death che richiamano il sound degli ultimi Death. Quello che alla fine mi lascia un po’ perplesso è quella sensazione, troppo spesso vissuta, di “già sentito” che ammanta l’intero disco. Ad ogni modo, 'Trilateral Progression' riuscirà sicuramente a soddisfare i fan della band canadese perchè, oltre a godere di una splendida produzione, comunque racchiude tutte le caratteristiche di una delle più valide e sorprendenti realtà nell’ambito della musica più estrema accanto ad altri mostri sacri quali sono i Cephalic Carnage... Annichilenti!!! (Francesco Scarci)

The Berzerker - World of Lies

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Industrial Grind, Cephalic Carnage, Napalm Death
Il terzo album degli australiani Berzerker è un malatissimo lavoro, che ci spara addosso un concentrato di furia estrema terrificante ad alta intensità, in grado di farmi implorare “pietà”!!! 99 schegge impazzite (che costituiscono i 14 brani del cd), 58 minuti di musica feroce, carica di rabbia che polverizzerà in brevissimo tempo le nostre inermi orecchie. Il combo di Melbourne non aggiunge nulla di nuovo a quanto fatto (e quanto farà) nelle precedenti (e successive) release, quindi se amate la musica dei nostri, fatta di ritmiche disumane con blast beats furenti, scream vocals che si alternano a gorgheggi inumani, inserti industrial-elettronici e chitarre più taglienti dei rasoi, beh direi che 'World of Lies' fa certamente al caso vostro. Le 14 songs dell’album si susseguono incalzanti (come sempre sono presenti degli inquietanti dialoghi tra un pezzo e l’altro), lasciandomi tramortito e senza fiato nel buio della mia stanza, con la faccia tumida, come se fossi stato preso a pugni da Mike Tyson in persona e completamente stordito dalla pesantezza schiacciasassi di questo lavoro. Il terrorismo sonoro dei Berzerker termina alla dodicesima traccia: seguono poi quattro minuti e mezzo di silenzio e l’ultima “Farewell”, una lunghissima e oscura song strumentale vicina, stranamente, al sound dei My Dying Bride, che chiude sorprendentemente e degnamente 'World of Lies', la colonna sonora ideale per il mio Armageddon. (Francesco Scarci)

Los Campesinos! - Sick Scenes

#PER CHI AMA: Indie/Alternative/Punk
La poetica sbronzaiol-esistenzial-hooligana (al Renato Dall'Ara, nel 1990 l'Inghilterra acciuffò i quarti di finale di Italia '90 al 119-esimo aggrappandosi al ciuffo di David Platt e, due anni più tardi, pigliò un goal al primo minuto nientemeno che da San Marino: si tratterebbe, secondo Gareth medesimo, di una vivace metafora della natura ondulatoria e beffarda del destino) diventa, complice l'inevitabile contingenza anagrafica dei bandmembers, una frizzante disamina sul ruolo della band medesima all'interno di un contesto musicale fortemente e inevitabilente (e fortunatamente) mutato. Non è così per i suoni, assertivi e conservativi: coretti ooo/ooo britpop alla, uh, The Vines ("Renato Dall'Ara (2008)" (Nessun match, semplicemente l'anno di esplosione/implosione della beautful/doomed supernova Los Campesinos!), batteria punk ("Sad Suppers"), chitarre fuzz, vocina stridula da insetticida e ("The Fall of Home") quello stupido xilofono tedesco chiamato glockenspiel presente in ogni fottutissima sedicente indie-ballad che abbia inquinato l'etere mondiale dal novantadue a oggi compreso. Quello che può succedervi, se vi capitasse di appartenere alla band più modaiola del pianeta, è di ritrovarvi, improvvisamente e senza neanche capire il perché, nella band più fuorimodaiola del pianeta. Non crucciatevi. Bene così. Ascolto distratto e passate oltre. (Alberto Calorosi)

venerdì 8 giugno 2018

The Canyon Observer - Nøll

#PER CHI AMA: Post Metal/Sludge/Doom
Tornano gli sloveni The Canyon Observer con un album nuovo di zecca, edito sempre dalla Kapa Records, in collaborazione questa volta con la francese Vox Project. Le coordinate stilistiche del quintetto rimangono fedeli alle origini, un post metal miscelato con sludge e doom, ove le ultime due componenti sono maggiormente enfatizzate e dove il tutto è infarcito di qualche altra trovata, anche di sapore elettronico. "Mirrors", l'opening track è un pezzo che suona più come una lunga intro piuttosto che un brano vero e proprio, sebbene trapeli evidentemente lo stile muscolare dei nostri. La faccenda s'ingrossa con la title track, "Nøll", 150 secondi di sonorità immonde fatte di un drammatico e putrescente sludge, corroborato da un cantato selvaggio. Un bel basso apre "Entities", a cui si accodano chitarre e batteria, in una progressione sonora che si preannuncia ipnotica ed edificante. Una montagna invalicabile creata da una stratificazione ritmica paurosa su cui poggia il cantato di Matic Babič e delle urla disumane collocate in sottofondo (opera probabilmente delle due asce) che evolve in un caos sonoro caustico e delirante. "Lacerations" ha invece un approccio più votato al crust/post-hardcore, con cambi di tempo vertiginosi che sanciscono il quasi definitivo allontamento dalle sonorità che caratterizzavano questi musicisti agli esordi. Tuttavia, nella seconda metà del brano, la band ritorna sui binari della civiltà, offrendo il proprio lato più intimista e meno veemente, che va lentamente rallentando fino all'arrivo di "Abstract", una delle due canzoni più lunghe del lavoro, insieme a "Circulation". Due brani che superano ampiamente gli otto minuti, più sperimentale il primo, con le sue lunghe fughe strumentali figlie di un post rock progressivo di settantiana memoria che si alternano ad un sound più abrasivo che arriva a sfiorare addirittura il black metal. Il secondo invece ha un lungo incipit dal sapore ambient/dronico che a metà brano si lancia in una trance psichedelica. Nel frattempo ci siamo persi per strada la furia rumoristica della scheggia impazzita "Fracture", un po' grind, un po' mathcore ma anche decisamente noisy. L'ultima traccia a mancare nella rassegna è "Neon Ooze", un altro pezzo lanciato da linee di basso tonante suonate però a rallentatore, grida lancinanti e altri elementi disturbanti che hanno il solo effetto di condurci nel nuovo incubo firmato The Canyon Observer. (Francesco Scarci)

(Kapa Records/Vox Project - 2018)
Voto: 75

https://kaparecords.bandcamp.com/album/n-ll

giovedì 7 giugno 2018

Euphoreon - Ends of the Earth

#PER CHI AMA: Melo Death, Wintersun
Gli Euphoreon sono il progetto di Eugen Dodenhoeft, mente dei teutonici Far Beyond, e di Matt Summerville, cantante e chitarrista neo zelandese. Il duo, che vive a distanza siderale l'uno dall'altro, nasce addirittura nel 2009 e in quasi una decade di vita, ha partorito una demo, un album di debutto omonimo nel 2011 e finalmente dopo 7 anni, un nuovo comeback discografico, questo 'Ends of the Earth'. Forti di un artwork mirabolante, i nostri rilasciano sette brani (più gli stessi in versione strumentale) all'insegna di un melo death di stampo finlandese, Wintersun su tutti. Il cd si apre con "Euphoria" che spiega la pasta di cui è fatta la band, ossia un death melodico corredato da una ritmica serrata, coadiuvata da bombastiche tastiere che forgiano l'ambientazione di fondo dell'intero album e dalle grim vocals del cantante, per un esito alla fine davvero entusiasmante, anche e soprattutto nella sua porzione solistica. Quello che più mi ha colpito sono comunque gli arrangiamenti con l'accompagnamento delle keys che mi hanno rievocato la colonna sonora di 'Inception'. La title track, che occupa la seconda posizione nel disco (peraltro uscito in due formati differenti, cd blu o rosso), si lancia in un'arrembante cavalcata melodica, in cui la voce del frontman s'intreccia con le chitarre e le tastiere e dove ancora una volta ad emergere dal frastuono melodico generato, è un intrigante assolo. E ancora tastiere quasi ad emulare il suono di un'arpa, come incipit di "Zero Below the Sun", per poi lanciarsi in un brano dal forte sapore sinfonico e dalla linea melodia (quasi black) davvero trascinante, munita peraltro di una certa vena malinconica. La song si colloca in cima alla mia personale classifica tra quelle contenute nell'album, per la sua duplice natura, ossia le sue fresche melodie ma anche la capacità di divenire più sommessa nella sua parte centrale grazie ad un break di violino e strumenti vari, interrotti da un assolo da urlo che ci conduce nuovamente verso momenti più ariosi. La song alla fine è un alternarsi di emozioni a metà strada tra death e black sinfonico (retaggio del buon Eugen nei suoi Far Beyond), epic e power metal, il tutto imbevuto di una velata dose di tristezza. "Mirrors" irrompe in modo inusuale con un chorus antemico già in apertura, in un brano che segue poi il canovaccio proposto sin qui dalla band e che vedrà nel suo svolgimento, altri interventi corali in stile Therion, mentre le sei corde sciorinano grande tecnica e spettacolari melodie. Si arriva cosi a "Craveness", song dal feeling più oscuro ma dalla linea melodica più forzatamente barocca, per quello che è invece il brano che meno ho apprezzato all'interno del disco. Decisamente meglio "Oblivion", forse anche per quella sua vena malinconica che riemerge forte, soprattutto nel fantastico break centrale, vibrazioni maestose per un'altra notevole traccia di questo 'Ends of the Earth', che trova modo di chiudere con "The Grand Becoming", e gli ultimi otto minuti di un lavoro sin qui importante. La traccia si apre con i tocchi di pianoforte punteggiati dal lavoro di chitarra, batteria e keys, in una song più ritmata che alla fine rappresenta la summa di tutto ciò che è contenuto in questo secondo lavoro targato Euphoreon. Per gli amanti del karaoke, beh perchè non godersi poi i brani in versione strumentale, io ne avrei fatto francamente a meno. Buona prova comunque, rimangono da affinare ancora un po' di cosine (un cantato troppo invasivo, una produzione che sembra mancare di potenza e un canovaccio che rischia di essere troppo scontato), ma i nostri sono sulla strada giusta. (Francesco Scarci)

(Self - 2018)
Voto: 75

https://euphoreon.bandcamp.com/

mercoledì 6 giugno 2018

Tusmørke - Fjernsyn I Farver

#PER CHI AMA: Psych/Space Rock, Yes, King Crimson
Il traguardo del sesto album non è cosa da poco. Ci sono riusciti i norvegesi Tusmørke con questo 'Fjernsyn I Farver' (che starebbe per "Televisione a colori") e il carico di musica folk psych prog rock che esso si porta. Sei i brani a disposizione dei nostri per cercare di stupirci con le loro melodie funamboliche che sembrano provenire direttamente da fine anni '60. Lo dimostra immediatamente la title track posta in apertura al disco, in cui flauto, percussioni varie e un cantato stravagante (in lingua madre) irrompono e dichiarano apertamente l'amore della band per i signori del calibro di King Crimson, Yes o Jethro Tull (ma più per un'assonanza legata all'utilizzo dei flauti), giusto per citare alcuni degli act più famosi ai quali i Tusmørke si ispirano. Notevoli i giochi di luce che l'ensemble riesce a creare, tra rallentamenti e accelerazioni psych rock, in cui il pallino del gioco è tenuto costantemente dai synth e da una voce non poi cosi facile da digerire. "Kniven I Kurven" conferma l'importanza del flauto nell'economia della band: esso apre infatti la song, mostrando un'ampia sinergia con le percussioni e un sound in generale che mi proietta indietro nel tempo di almeno una cinquantina d'anni, ove le chitarre sembrano invece relegate in secondo, anzi terzo piano. La traccia ha un incedere che potrei definire banalmente allegro, tuttavia manca di una spinta che la riesca realmente a rendere cooinvolgente. Il quintetto di Oslo prosegue con la propria proposta in "Borgerlig Tussmørke", un brano che appare come l'ideale colonna sonora di una fiaba, anche se il coro a metà brano sembra preso in prestito da "Hey Jude" dei Beatles. Che i nostri non siano degli sprovveduti lo si evince anche dalla debordante e sabbatiana "3001", una canzone che prende le distanze dalle altre song, sebbene l'intro risuoni come un videogames anni '80. La traccia si snocciola come un classico dei Black Sabbath, con addirittura la voce del frontman a voler emulare quella del buon vecchio Ozzy e un break a poco più di metà brano, che fa sprofondare il sound dell'act scandinavo in una porzione psych doom. Molto in stile Carlos Santana invece l'inizio di "Death Czar", cosi caraibica nei suoi suoni fragili e psichedelici, soprattutto a livello percussivo, con un finale più rock oriented che ne rigenera le sorti. "Tøyens Hemmelighet" è l'ultimo pezzo di questo disco, che vuole raccogliere una mistura di suoni funk e folk, evocandomi un che dei Carnival in Coal nel loro album 'French Cancan' ed in particolare nella cover di "Fucking Hostile" dei Pantera. Ascoltare per credere. (Francesco Scarci)

martedì 5 giugno 2018

Watchmaker - Erased From the Memory of Man

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Grind
Cos’è per voi il caos? Dopo aver ascoltato questo disco sicuramente ne avrete una vaga idea, perchè i 26 minuti di questo cd, rispondono alla perfezione alla mia iniziale domanda. 'Erased From the Memory of Man' racchiude diciotto tracce, tutte collegate fra loro da un unico comune denominatore: la caoticità della proposta musicale di questa seminale band statunitense di Boston. La musica dei Watchmaker è un vero assalto sonoro, fatto di rancidi e violenti suoni thrash metal miscelati rozzamente a schegge grind, ad urla disumane, il tutto spruzzato di suoni cacofonici provenienti da altri ambiti musicali: black, punk-hardcore e death. Fortunatamente il disco non dura molto, altrimenti un volo dal terzo piano, nessuno glielo avrebbe negato. Cos’è il caos per me? Alla fine pura noia... (Francesco Scarci)

Ribspreader - Congregating the Sick

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Swedish Death, Edge of Sanity
1,2,3... Neppure il tempo di prepararsi psicologicamente a questa release degli svedesi Ribspreader, che subito ci arriva un fendente micidiale tra i denti, con un assolo tagliente posto in apertura dell’album. Questo è il biglietto da visita di 'Congregating the Sick', album uscito nel 2005 di appena 31 minuti, che riprende chiaramente il tipico sound death metal alla Edge of Sanity (periodo 'The Unorthodox'). Forse per la presenza alla chitarra solista di Dan Swano (ex frontman proprio degli Edge of Sanity), la sezione ritmica risente pesantemente dell’influenza della band svedese. Comunque sia, la sezione ritmica potrebbe tranquillamente stare su 'Nothing but Death Remains' o sullo stesso 'The Unorthodox', così come pure, risultano molto simili la timbrica del vocalist e la struttura dei brani: pezzi brevi (sui 2-3 minuti) che viaggiano su mid-tempos, con vaghi accenni melodici, feroci accelerate, ma che ahimé alla fine, non danno vita ad alcun sussulto rilevante, se non al classico headbanging, troppo poco però. Si tratta dell’ennesimo mediocre album di death metal che sicuramente avrebbe avuto fortuna 25 anni fa e che, nonostante la presenza di Dan, non riesce a sprigionare alcun feeling positivo. Vorrei tanto capire cosa se ne fa il buon vecchio Dan Swano di suonare in una band cosi simile all’altro suo side-project, i Bloodbath, mah... Poco c’è da salvare di questo lavoro: a parte qualche buon assolo di Dan, anche la registrazione, avvenuta ai Soundlab Studios di Orebro, non è che sia proprio delle migliori. La cover poi... (Francesco Scarci)

Gabriel Hibert - Abducté

#PER CHI AMA: Noise/Post Rock/Math
Laminari stralci sonori apparentemente industrial (l'opener "Griserie", per esempio), vagamente noise ("Guirlandes", ancora per esempio) oppure blandamente math ("Pianoté", sempre per esempio, oppure "Matière") pretestuosamente concatenati con quella logica che la comunità scientifica anglofona, ostentando il caratteristico sense of humour, denominerebbe "at dog's penis". Se lasciate galoppare la fantasia oppure ci date dentro con l'advokaat, potreste individuare qualcosa dei Melvins in "Matière" o qualcos'altro dei Don Caballero in "Pianoté", o qualcos'altro ancora di vagamente kraut in "Uranus", ma la verità è che questa sequenza di crapulose dissonanze sedicentemente avanguardistiche generate attraverso una opinabile combinazione di batteria tradizionale e music pad (ciò che secondo le note biografiche di Bandcamp porterebbe l'autore a definire se stesso alla stregua di un multistrumentista), potrà al limite suscitarvi il medesimo pathos di una scena di sesso lesbo in un film d'azione seminale danese. Niente male, quindi. Ma solo a patto che siate appassionati di film d'azione seminali danesi. Oppure di... uh, lasciamo stare. (Alberto Calorosi)

(Econore/Tandori/Permafrost/Who's Brain Records/Cheap Satanism Records - 2016)
Voto: 50

https://acidegorp.bandcamp.com/

lunedì 4 giugno 2018

Mogwai - Every Country's Sun

#PER CHI AMA: Post Rock
Verosimilmente percepirete gli intenti conservativi (la batteria scalena, il riff dimesso di chitarra costituito rigorosamente da due note, le progressive stratificazioni sonore: il manierismo del primo singolo "Coolverine", collocato in apertura, ne fa l'ennesimo, innecessario bignamino post-rock griffato Mogwai) e irrotazionali (l'atmos/tronica di "Brain Sweeties", la cinematica progressiva di "Crossing the Road Material") del campo magnetico sonoro generato da questo terzo album post-'Cummings', prima ancora di tirare il disco fuori dalla cartella dei torrent download. Altrettanto iconico vi apparirà il crescendo aurale di "20 Size" e quello boreale della title track, "Every Country's Sun", in chiusura. Verosimilmente, soltanto la stupefacentemente crimsoniana "Old Poisons" e, poco prima, la cripto-carpenteriana (la definizione ahimè non è mia) "Aka 47" (sarebbe il Kalashnikov, se vi piacciono i calembour, also known as AK-47) riusciranno a sorprendervi almeno un po'. E il wave-pop di "Party in the Dark" (New Order, OMD, Pet Shop Boys, quella roba lì, insomma), seppure per motivi opposti. Criminale il missaggio: la mia versione era zuccherosa e satura come una colazione domenicale in una pasticceria palermitana. Che si trattasse soltanto di una cattiva codifica mp3? Lo vedi che cosa succede a tirare giù la musica dai siti pirata. (Alberto Calorosi)

(Rock Action Records - 2017)
Voto: 70

Svederna - Svedjeland

#PER CHI AMA: Black/Thrash, Taake, Kampfar
Punk thrash black epic, tutti questi generi insieme ad esplodere nella opener di questo 'Svedjeland', secondo capitolo discografico per gli svedesi Svederna. Ecco come si presenta "Brända Jordens Taktik", la song posta in apertura del disco che irrompe col suo drumming militaresco prima di abbandonarsi ad un riffing ronzante in tremolo picking e ad uno screaming efferato. Niente di nuovo sotto il sole, se non un bel sound old school accentuato da una produzione fredda ma potente. Se l'opener ha un certo mood epico, la seconda "Moratorium" è decisamente più feroce anche se vanta qualche parte più mid-tempo oriented. Molto più efferato l'inizio della terza "Slokum Svederna" anche se nella sua progressione, oltre a mostrare nuovamente il suo lato più pagano, trova modo di rallentare e transitare in territori cari ai Kampfar o ai Taake. Interessanti, non lo nego, però è quel senso di già sentito forse che non esalta un lavoro che probabilmente meriterebbe di più. Una traccia come "Dö I Tid" infatti non passa di certo inosservata: glaciale il riffing, furibondo il cantato, nient'affatto male la melodia di fondo che guida la song, cosi come l'assolo che trascina nella parte centrale il pezzo. "Kulor & Länder" ha un riffing thrash compassato che si alterna a rasoiate black sempre tremolanti, un po' in stile Old Man's Child, un po' primi Bathory. "Evärdligt" ha il solito riffing arcigno, ma nelle sue corde scorgo anche un mood malinconico, mentre "Hår Av Hin", il pezzo più lungo del lotto, è black purissimo, primordiale, senza compromessi. In conclusione, "Knöl" è l'ultimo atto di un album incendiario, urticante, vero. (Francesco Scarci)

(Carnal Records - 2018)
Voto: 70

https://svederna.bandcamp.com/album/svedjeland

domenica 3 giugno 2018

Dope Oüt - Scars & Stripes

#PER CHI AMA: Hard Rock, Alter Bridge
I Dope Oüt sono francesi, precisamente di Parigi, ma i loro connotati sono indubbiamente americani per lo stile musicale e il mood con cui vivono il loro sogno. Il quartetto è al secondo album, 'Scars & Stripes' appunto, uscito l'anno scorso dopo circa tre anni dal precedente 'Bad Seeds' che ha avuto un buon riscontro dal pubblico. L'album contiene dieci brani ed è stato autoprodotto dalla band che si fa però supportare dalla Dooweet Agency per quanto riguarda promozione e booking. La opening track "Scars & Stripes" presenta la band e il suo lavoro, partendo in quarta come una muscle car che non vede l'ora di divorare l'asfalto a suon di ottani. Subito si fa sentire il meticoloso lavoro fatto per ottenere i suoni del modern hard rock d'oltreoceano e bisogna dire che il risultato è davvero buono. Ne giova soprattutto la chitarra dalla distorsione corposa e ben equalizzata, bella presente nel mix come il basso pulsante che segue fedelmente le linee melodiche e i pattern minimal di batteria. Il brano fila liscio carico di groove per tre minuti circa, poi con il classico break rallenta e spezza lo schema che viene ripreso in chiusura. Il pezzo ricorda molto gli Alter Bridge incazzosi di "Metalingus", a cui i Dope Oüt si ispirano liberamente per il loro sound. "Lady Misfits" parte lenta e suona come una ballad moderna per la prima metà, poi i ragazzi aumentano il voltaggio e il brano cresce in maniera progressiva e convincente. Nota di merito al cantante per l'ottima spinta, ma anche i fedeli compagni si destreggiano bene, tessendo un crescendo solido e potente. Da questo singolo è stato tratto anche un video che ci mostra una lady appunto, che cerca di sfuggire dalle sue debolezze. Passiamo poi a "Clan of Bats" che si distingue per riuscire a fondere Black Stone Cherry e Blink 182, i primi per la parte strumentale più aggressiva e predominante del brano, i secondi per il cantato e il chorus che si solleva verso l'alto con sfumature più chiare. Una sorta di brano bipolare per intenderci. Proseguendo con l'ascolto si trovano altri brani che fanno l'occhiolino anche ai Velvet Revolver come "Balls to the Wall" e "Again", concentrati di puro rock veloce che non concede tregua dall'inizio alla fine del pezzo. Si chiude con "Soulmate", pezzo con chitarra acustica e cori che scomodano gli Oasis e Smashing Pumpkins per portarvi in spiaggia e chiudere la festa, un po' in sordina a dire il vero. Escludendo la chiusura un po' sottotono, i Dope Oüt hanno prodotto un bell'album, fresco e allo stesso tempo potente, un mix che riesce a catturare il pubblico giovane resistente al rock da vecchi e che rischierebbe di essere travolto e rapito dall'ondata trap. (Michele Montanari)

(Self - 2017)
Voto: 70

https://www.facebook.com/Dopeout/

mercoledì 30 maggio 2018

Arbouretum - Song of the Rose

#PER CHI AMA: Psych Folk Rock
Il senso sarebbe stato di lasciarsi alle spalle il fuzzyforme, icosaedrico, eccellente 'Coming Out of the Fog' di quattro anni addietro allo scopo di approfondire un certo psych-folk americano (stile Grateful Dead o Steelye Span). Vi accorgerete presto che il nuovo album di Dave Heumann non ha nulla dello psicotrip lisergico interiore (interiore, sì ma pur sempre una sorta viaggio). Al contrario, confortevolmente seduto piedi per aria sul divano del tempo, esprime una staticità che vi risulterà irritante: lasciatevi per esempio nauseare dall'unica cantilena prima-si-sale-poi-si-scende ripetuta per tutti i sei e passa minuti della title track, "Song of the Rose", ben consapevoli che il resto del lato A e pure un po' del lato B, riserveranno ai vostri padiglioni annoiati il medesimo trattamento. Si muove qualcosa sul retro: la pacifica "Dirt Trails" approccia un certo grateful-folk analogamente alla conclusiva "Woke Up on the Move", forse la nenia meglio riuscita del disco. Il breve strumentale "Mind Awake, Body Asleep" vi mostrerà, non senza una punta di crudeltà, come avrebbe suonato questo disco se solo fosse stato missato invece che intinto nella melassa. (Alberto Calorosi)

martedì 29 maggio 2018

Granada - Silence Gets Louder

#PER CHI AMA: Alternative Rock, Radiohead
Successivamente all'immancabile abbrivio floyd-tronico (ma 'Silence Gets Louder' è forse un sequel di 'Silence is the New Loud' dei Kings of Convenience? Ahia, ahia, piano con le uova marce) qualcuno nell'ombra afferra il grosso interrutore e SCLANG dà corrente. Luce nei riflettori, al massimo gli ampli. Pubblico virtuale che inneggia all'unisono. Il suono ruvido della chitarra entra e non esce più. I beneaugurali suoni arena-oriented vi risulteranno più old-fashioned ("Smile", cfr. i Cure post 'Pornography') oppure nu-new-wave ("Breakthrough" e "Angel", cfr. con gli Editors di "White Lies") a seconda della vostra età anagrafica ma soprattutto di come vi siete svegliati stamattina. Sul retro (OK a questo punto dell'articolo fareste bene a girare il vostro ipod a testa in giù) viene svelata l'anima (brit) pop della band (i Radiohead sul double-decker rosso di "The Sky is Falling in") ma anche (e più genericamente) dollaro-pop alla Coldplay and/or Arcade Fire ("Siren" e "Miracles"). Apprezzabile la conclusione a-là-Radiohead di 'Kid-A', mirabilmente affidata alla mi-lamento-ballad-destrutturata "I Can Take Care of You". Songwriting derivativo eppure solidissimo. (Alberto Calorosi)

The Pit Tips

Francesco Scarci

Unreqvited - Stars Wept to the Sea
Primordial - Exile Amongst the Ruins
Black Kirin - 金陵祭 Nanking Massacre

---
Alain González Artola

Uhrilahja - En Fördärvad Värld
Celtachor - Fiannaíocht
EverWinter - Too Cold to Snow

---
Five_Nails

Puscifer - Money Shot
Between The Buried and Me - Automata I
Seversun - New World Chaos

---
Michele Montanari

La Fin - Empire of Nothing
Loimann - Drowning Merged Tantras
Origod - Solitude in Time and Space

---
Alberto Calorosi

Benjamin Clementine - I Tell a Fly
David Byrne - American Utopia
David Crosby - Sky Trails

lunedì 28 maggio 2018

Doomster Reich - Drug Magick

#PER CHI AMA: Psych/Stoner, Electric Wizard, Pentagram
I Doomster Reich sono un combo di navigati musicisti provenienti da Łódź, carichi di esperienza che si fa notare ormai in tutti i loro lavori, un gruppo che merita tutta la vostra attenzione considerato che dalla loro prima uscita discografica, i nostri sono cresciuti moltissimo. Devo ammettere che ci ho messo un bel po' di ascolti per convincermi che la nuova release della band polacca, uscita per la Aesthetic Death l'anno scorso, fosse stata registrata in una session live presso i Radio Lodz concert studio, tanto è buona la produzione quanto alto il valore della musica espressa. Prodotti da Kamil Bobrukiewicz in maniera ottimale fin dall'iniziale "Gimme Skelter", song peraltro irresistibile, 'Drug Magick' riesce a mantenere sia la tensione live che la qualità di un album doom/stoner/vintage hard rock di egregia fattura per tutta la sua durata. Brano dopo brano ci si immerge in una totalità cosmica e psichedelica acidissima (ascoltare "Rites of Drug Magick" per credere) , figlia dei Pentagram quanto degli ultimi Electric Wizard, con un sound ribassato ma molto frizzante, allucinato e con un calorosissimo pathos nelle parti più colorate. Ci sono poi esplosioni di memoria 70's come riuscivano ai migliori Nebula, suoni dilatati, assoli space oriented ideali per esplorare il cosmo, e una voce che sembra arrivare da una galassia ignota, pronta a salmodiare prediche politicamente scorrette condite di funghi allucinogeni ("Round the Band Satan"). L'attitudine doom emerge in "Meet the Dead" con un incidere blues e una chitarra che sputa note lisergiche come fossero lava ardente, e con i fantasmi di Hendrix e co. che si riaffacciano al mondo delle sette note con nuove colorazioni e rivisitazioni, in quasi nove minuti di sbornia psichedelica lasciata libera di creare effetti stupefacenti di ogni tipo. "Chemical Funeral" omaggia a suo modo gli insuperabili Cathedral, nel suo essere così vintage e nuova allo stesso tempo. Per chiudere, la più sperimentale e lunghissima "Black Earth, Red Sun", dove la band assume un'anima oscura, sinistra, desertica e mantrica di tutto rispetto, mostrando che di psichedelia non ci si stancherà mai e che le sue strade sono infinite, l'ennesimo viaggio ai confini della concezione psichica umana. Album sorprendente, non fatevelo scappare! (Bob Stoner)

(Aesthetic Death - 2017)
Voto: 80

https://doomster-reich.bandcamp.com/

Lychgate - The Contagion in Nine Steps

#PER CHI AMA: Symph. Doom, Tristitia, Wyrding
Quando tra le tue fila hai un artista che risponde al nome di Greg Chandler (frontman degli Esoteric), credo che nulla possa essere precluso. Se poi aggiungi altri musicisti che militano negli Acherontas o negli Ancient Ascendant, credo che tutto sia decisamente più semplice. Ecco che il terzo album per gli inglesi Lychgate potrebbe rivelarsi un esercizio di stile per sfoderare una prova di assoluto valore e prestigio. E questo è già avvalorato nell'opener di questo mirabolante 'The Contagion in Nine Steps', "Republic", in una magniloquente orchestrazione che lascia sin dai primi secondi a bocca aperta, per la caratura tecnica e la creatività già sprigionate dopo poco, in un'evoluzione sonora davvero imprevedibile e imperdibile. Come definire questo sound? Non è per nulla semplice, forse un doom sinfonico di stampo avanguardistico, impregnato di suoni progressivi in salsa gotica. Chiaro no? L'unica cosa certa è probabilmente la voce di Greg, che intreccia il suo insano growl con il cantato pulito di alcuni ospiti e con le prodezze di Vortigern, vero mostro alle tastiere, organo e mellotron, gli strumenti che più degli altri si riveleranno fondamentali durante l'ascolto di questo disco. L'atmosfera criptica di "Unity of Opposites" si trasforma da li a poco in giri chitarristici (e di basso) da death jazzato, cori dal sapore liturgico in un ambientazione che mi ha evocato i Tristitia, mentre la song prosegue in un frullato sonoro che lascia disorientato per il quantitativo di idee espresse in cosi pochi minuti. Una traccia di 360 secondi e poco più, in cui la sensazione finale è quella di aver ascoltato un intero album. Incredibile, perchè nulla appare scontato qui dentro. C'è finissima arte infatti nel saper creare e condensare in 40 minuti quello che ascolterete in 'The Contagion in Nine Steps', che si candida già ad essere uno dei migliori dischi dell'anno, sicuramente tra i più complessi. Con "Atavistic Hypnosis", pezzo ispirato al libro 'The Invincible' dello scrittore polacco Stanisław Lew, i suoni rallentano paurosamente e si entra in un incubo sonoro ad occhi aperti da cui sarà difficile riprendersi. È funeral ma non nell'accezione convenzionale del termine, non ci sono in effetti chitarroni profondissimi che vanno a rallentatore, ma solo suoni stralunati al massimo su cui si staglia la voce acida di Greg, in una progressione sonora comunque fuori da ogni tipo di schema, in cui le atmosfere si rivelano suggestive, surreali, e la proposta vede alcuni punti di contatto con gli americani Wyrding e nel cantato pulito anche con il folletto canadese Devin Townsend. Insomma, è intuibile che qui si entra nei meandri della sperimentazione che tanto prediligo e che alla fine i londinesi Lychgate non siano proprio una band come le altre. Ma questo lo si era già capito dalle precedenti release. Se comunque non siete ancora del tutto convinti, catapultatevi nel mondo sotterraneo di "Hither Comes the Swarm", un altro pezzo dove il delirante sound dei nostri trova modo di coniugarsi con derive dal sapore blackish. La musica classica, che già aveva primeggiato nel debut album, torna sovrana anche in "The Contagion", con giri maestosi di pianoforte e cantati puliti che entrano in collisione col growling infernale di Mr. Chandler in uno dei brani dotati di maggiore teatralità dell'intero disco, che nella sua seconda metà, rintocca campane a morto. Nonostante le mie parole al miele, sia chiaro che l'ascolto di 'The Contagion in Nine Steps' si rivela come un qualcosa di estremamente complicato, per quanto quest'album rientri tra i lavori più raffinati che io abbia ascoltato negli ultimi dieci anni. Serve una mente aperta, cosi come un cuore che sia in grado di abbracciare una musicalità cosi ostica e mai scontata. A chiudere il disco, il pezzo più breve del cd, "Remembrance", song che induce gli ultimi cinque minuti di riflessione, e che mostra un notevole approccio corale avvicinando nuovamente le proprie sonorità a quanto ascoltato dai Wyrding. Che altro dire, se non invitarvi a godere di questi 42 minuti di catarsi sonica che vi concilierà col mondo... dei morti. (Francesco Scarci)

venerdì 25 maggio 2018

Metamorphosis - The Secret Art

#PER CHI AMA: Black/Heavy, Celtic Frost, Amorphis, Septic Flesh
Il buon Boris Ascher, factotum dei Metamorphosis non ci crederà, ma io conservo ancora la cassetta 'Life Is Just a Joke' che comprai nel lontano 1994 direttamente da lui per una manciata di dollari. Era la demotape di debutto per la one-man-band bavarese, da allora, con estrema calma, sono usciti sei album, di cui 'The Secret Art' è appunto l'ultima opera, rilasciata lo scorso autunno. Cosa cambia rispetto agli esordi? Il supporto, qui c'è un cd in digipack anzichè un nastro, per il resto lo spirito genuinamente black metal di Boris sembra essere rimasto inalterato lungo questi 24 anni. Il musicista teutonico prosegue sulla sua strada di un black metal atmosferico e melodico, come certificato dalla traccia in apertura del disco, nonché title track, di cui vorrei sottolineare l'eccellente performance corale che rende il tutto assai epico, nonostante un riffing che si pone poi a metà strada tra il death/thrash e il black. Un interludio strumentale è quanto servito in "The Beckoning", poi è la volta di un arpeggio, quello che apre "Night on Bare Mountain", in cui su un riffing quasi techno death, si colloca il growling stridulo del mastermind tedesco, mentre il flusso sonico subisce una serie di rallentamenti, accelerazioni e cambi di tempo, che francamente mi ricordano per spirito i Celtic Frost, mentre per ciò che concerne gli arrangiamenti di stampo sinfonico, ecco che le mie rievocazioni mentali mi guidano verso i greci Septic Flesh, anche per una certa magniloquenza delle atmosfere. "As Legions Rise" parte robusta e arrogante per poi dissipare le tempestose nubi death thrash in azzeccatissime linee di chitarra e ottimi assoli. "God of the Dead" è una song strumentale che vanta una piacevole melodia di fondo che scomoda facili paragoni con i primi Amorphis, con le tastiere che creano successivamente un'ambientazione spettrale. Sembrano infatti le catene di un fantasma imprigionato in un castello, quelle che si avvertono in sottofondo, mentre il buon Boris sciorina un rifferama che vede nel drumming il solo punto debole del pezzo (aggiungerei anche dell'album che avrebbe sicuramente necessitato di una migliore produzione), mancando di una certa potenza che avrebbe reso il tutto assai più maestoso. "A Fateful Night" è un altro esempio di come il musicista originario di Holzkirchen, riesca a coniugare con estrema semplicità death e black, peraltro regalando vertiginosi ma non troppo lunghi, assoli da brivido. Complice una certa brevità dei brani, tutti assestati attorno ai 4-5 minuti, devo ammettere che è ancor più immediato e facile assaporare il feeling emanato dal fluire del cd, come nella settima "Holy Wounds", in cui a guidare è un bel riffone thrash sul quale si staglia il vocione del vocalist, mentre in background sono delle minimaliste quanto funzionali keyboards a creare quell'aura mefistofelica. "Invictus" è un altro mid-tempo thrash/death, il cui break centrale prende le distanze da ogni tipo di sonorità estrema, virando verso un sound decisamente più leggero, quasi hard rock. Se non ci fosse il growling oscuro di Boris e verosimilmente tematiche volte a temi occulti, probabilmente starei parlando di tutt'altra proposta musicale, come quella che incontro nella nona traccia, "The Crypt", che mi ha ricordato un che dei Running Wild meno power. Boris alla fine sorprende per la sua voglia di sperimentare, ma questo mi era già chiaro perfino nel 1994. (Francesco Scarci)

(The Devil's Ground Productions - 2017)
Voto: 75

https://thedevilsground.bandcamp.com/album/the-secret-art