Cerca nel blog

lunedì 13 agosto 2018

Firtan - Okeanos

#FOR FANS OF: Pagan/Black
Firtan is a well known German band founded in 2010 in Lörrach, a nice city located in Baden-Wüttemberg. From the first inception of this project there are only two original members left. Oliver König, who plays the bass and performs the backing vocals and Philipe Thienger, who plays the guitars, keys and the main vocals. They are accompanied by other two members who have joined the band in the last two years. Firtan plays a blend of pagan and black metal with an atmospheric touch played on the stage with a great passion. Their good performances helped them to carve a cult status among black metal fans across Europe. During these eight years the band has released two EPs and an interesting debut entitled 'Niedergang', reviewed on these pages.

Due to the line-up changes, it has taken some time to compose the sophomore album entitled 'Okeanos'. The second effort is always a pivotal release for any band, because it can confirm the potential of the debut, but it also demands a step forward in the band’s evolution. 'Okeanos' is thankfully a move forward for the band and it should confirm Firtan’s potential in this genre. The album opener “Seegang” is a truly powerful and long track, which sums up Firtan’s characteristics. As it is traditional with many German black metal bands, the vocals are truly powerful, very high pitched and full of hate. Philip makes a great job on vocals with polyvalent and strong screams which fit perfectly well the music. Musically speaking, the band sounds more progressive than ever, adding many tweaks to the compositions. The song flows easily from the heaviest and more straightforward sections to the instrumental and calmer ones, which act as a bridge to the next vigorous section. In those calm sections, acoustic guitars are a commonly used resource which works quite well. Other tracks follow a similar pattern, which is not bad at all, because it means that each track of the album is highly dynamic and brings a wide range of riffs and a progressive touch which make the compositions quite interesting. Though the album is clearly a guitar driven work, it contains some atmospheric touches in the form of occasional keys and the addition of some violins in “Nacht Verweil” and the beautiful and melancholic instrumental “Purpur”. Moreover, the band adds some interesting choirs which shine specially in “Uferlos”. They do sound solemn and dark making this track the most atmospheric one. It´s difficult to choose a favourite track but the closing epic song “Siebente, Letzte Einsamkeit” is indeed a serious contender. In its nine minutes, the composition contains all the characteristics that define this album. The background keys play a good role, while the guitars sound as strong and varied as ever. This is indeed a good way to close this second effort.

In conclusion, Firtan has achieved their target with 'Okeanos' which is supposed to happen with a sophomore album. 'Okeanos' sounds like a step forward reinforcing Firtan’s strong points and being a more mature release, with a stronger progressive nature. A band to follow. (Alain González Artola)


(Art of Propaganda - 2018)
Score: 80

https://firtan.bandcamp.com/album/okeanos

Lenore S. Fingers - All Things Lost on Earth

#PER CHI AMA: Gothic Rock, The Gathering, Anathema
Il secondo album dei calabresi Lenore S. Fingers uscito per la My Kingdom Music, conferma la linea intrapresa dal precedente 'Inner Tales', proponendo musica malinconica, piena di pathos con piccole digressioni progressive e incursioni mirate e controllate di metal gotico. La formula funziona alla perfezione e gli stacchi neo prog di "Rebirth" e della title track "All Things Lost on Earth", unite alla soave, decadente e romantica voce di Federica Lenore Catalano, completano un panorama sognante e cupo alla stessa maniera. Immancabile la vicinanza sonora con i The Gathering anche nelle lievi incursioni elettroniche (vedi la conclusiva "Ascension"), verosimilmente l'aver suonato con i Kirlian Camera deve aver avuto un certo effetto sulla straordinaria voce di Federica perchè il suo tono è sempre esposto al meglio, con una leggera venatura di nordic folk unita ad un tocco raffinato e di classe come poteva essere quello di Harriet Wheeler, regina dell'alternative britannico sotterraneo di fine anni ottanta/inizio novanta, e questo paragone è per me il valore aggiunto della band, che ha tra le sue armi, il potere e la volontà di riscrivere pagine di un genere abusato e per molti versi non più credibile. Così, arpeggi e voce in prima linea a costruire musica dalle tinte grigie, dall'umore triste, con chitarre distorte che escono al momento opportuno e il piano, colmo di note struggenti sul calar del post rock e del classicismo volto alla luna si uniscono per far uscire canzoni come "Lakeview's Ghost" o "Ever After" che simulano il piano di volo degli ultimi ancestrali Anathema. La vena di un gothic metal moderno e dinamico è sempre presente, la bravura dei musicisti si sente in ogni singola composizione, tra l'altro molto interessanti e ben sviluppate in un disco omogeneo ed interessante da ascoltare fino in fondo. Sorpresa sull'intro/ritornello in lingua madre di "Luciferines", anche se la resa migliore resta la lingua d'albione per questo tipo di approccio musicale. Una carrellata di brani ben studiati e sviluppati dove tutto è al posto giusto, buona la produzione che non spinge troppo sui canoni metal favorendo un ingresso naturale del cantato melodico anche nelle linee più dure mantenendo un'ottima naturale qualità d'ascolto. In quest'album niente è lasciato al caos nel nome dei maestri d'arme Novembre. La melodia e la malinconia sopra ogni cosa, uno splendido lavoro per una band in grande crescita. Consigliato l'ascolto. (Bob Stoner)

Kayser - Kaiserhof

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Thrash/Doom, Slayer, Black Sabbath
Kayser non si riferisce al prefisso di una nota squadra di calcio tedesca, nemmeno il nome di una marca di acque minerali, bensì trattasi della creatura formata da Spice (ex-Spiritual Beggars), Mattias Svensson (The Defaced), Bob Ruben (ex-The Mushroom River Band) e Fredrik Finnander (ex-Aeon), una super band che fu scovata a suo tempo dall'attenta Scarlet Records. Questo super gruppo, traendo spunto dalle formazioni di origine, e da altre influenze che si rendono palesi fin dai primi dieci secondi del disco, rappresenta l’anello di congiunzione che mancava, tra Slayer e Spiritual Beggars. Il risultato, devo ammettere, è molto affascinante, perchè rievoca nella mente, echi ormai lontani, di 'Season in the Abyss' degli stessi Slayer, abilmente miscelati alle melodie seventies di 'Ad Astra' degli Spiritual Beggars, con richiami più o meno forti a Black Sabbath e Megadeth, abilmente reinterpretati con il sound moderno e le tecnologie oggi disponibili. 'Kaiserhof' sfoggia un’ottima produzione, affidata ai Caesar Studios (che hanno ospitato anche Soilwork e The Defaced), presenta un ottimo songwriting e buone vocals che si rifanno palesemente agli Spiritual Beggars, band nella quale Christian "Spice" Sjöstrand ha offerto i propri servigi per anni. La band svedese mostra poi tutta la sua grandissima classe attraverso le prestazioni dei singoli: alla buona prova del cantante si aggiunge l’ottima performance dei due axeman, bravi e già affiatati sia in fase ritmica che in quella solistica (da delirio gli assoli in “Like a Drunk Christ” e “Cemented Lies”); preparato come sempre Bob Ruben alla batteria, con il suo stile molto vicino al fenomenale Dave Lombardo. Insomma, se apprezzate le band sopra citate, non dovreste farvi mancare neppure il debutto 'Kaiserhof'; se poi non siete amanti dell’attitudine “hard seventies” degli Spiritual Beggars, non vi preoccupate, perchè qui troverete di che divertirvi anche con quella cattiveria tipica degli Slayer. (Francesco Scarci)

(Scarlet Records - 2005)
Voto: 75

https://www.facebook.com/Kaysertheband

Mindgrinder - Riot Detonator

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Cyber Death, primi Fear Factory, Morbid Angel
Un grido di guerra apre il secondo capitolo targato Mindgrinder, band norvegese, scoperta dalla Nocturnal Art, che già nel 2004 aveva impressionato positivamente la critica con il debut album 'Mindtech'. Il gruppo scandinavo, formatosi per mano dell’ex batterista/tastierista dei Source Of Tide, Cosmocrator, ha registrato 'Riot Detonator' agli Akkerhaugen Lydstudio (Emperor, Zyklon, Windir) nell’inverno 2004/2005. Il presente cd, contenente tra l’altro 2 videoclips, non sembra discostarsi dal lavoro di debutto, dove il cyber metal alla Fear Factory si fondeva con la veemenza dei Morbid Angel. Di quell’album, è rimasta sicuramente inalterata la violenza, che passa da registri squisitamente thrash (riscontrabili nella parte centrale del disco), ad altri che rievocano i Fear Factory di 'Soul of a New Machine' (nelle prime due tracce), ma con gli inserti dei synth sensibilmente ridotti, mentre parecchio pesanti restano i riferimenti ai Morbid Angel, soprattutto nei conclusivi due brani. Comunque, un po’ tutte le influenze death/thrash metal degli ultimi 20 anni, convogliano all’interno delle nove tracce di 'Riot Detonator'; pur essendo ben suonato, con una produzione ok, buoni assoli, e una batteria il cui uso talvolta lascia un po’ a desiderare, il motivo di risultare un super polpettone di stili e influenze alla fine stanca l’ascoltatore. Cosa volete che vi dica: a parte qualche episodio, “The Rebellion” ad esempio, dove le influenze dei Grip Inc. sono assai evidenti nell’uso delle chitarre e nell’assolo conclusivo, il resto dell’album viaggia su binari non proprio eccellenti, che meritano sì una sufficienza, ma solo per l’onestà della proposta. Per il resto roba già sentita. (Francesco Scarci)

(Nocturnal Art Productions - 2005)
Voto: 60

https://www.facebook.com/MINDGRINDERNORWAY

Construct of Lethe - Exiler

#FOR FANS OF: Black/Death
Bleak and barbaric, Construct of Lethe creates worlds of cataclysm governed by furious fates and overwhelming oblivion obfuscating its open originality with a haze that drains the color from the land and the living. In a twisted underworld where a guide wearing an azure-plumed hat gazes down the left hand path toward the sea on which subsists a writhing mass frozen in its romantic frenzy, this confinement on the edge of unreason brings the horrified humans to a hopeless realization. There is no salvation as even the Christian visage, crowned in thorns, wails in despair as he demeans himself by reaching out in deference to his new god.

Where a first listen would easily draw comparisons to the dismal crush of Immolation, Construct of Lethe thoroughly explores its confinement with rich and obsessive precision, finding splendid sorts of intrigue in every dingy corner to unearth a new truth of its island while supping from the dark waters of amnesia surrounding it. A churning of constant terror brings itself out even more horrifically when obfuscated by the bewilderment of amnesiac disorientation. This is no oasis, no life-bringing land from which to unburden the confined, but a place of squalor and screams where the fates seek to strip every semblance of sanity from their quarry as the Stygian passage opens to the paths of horror awaiting their true judgment by long ignored deities.

Throughout its bleak forty and a half minutes, moments of color rise, like the cloaked Hermes reveling in his own deified halo as he sets to the light-bringing task of diverting even the son of another god to an Olympian underworld. The confusion, betrayal, and bewilderment show themselves through the hallucinations in “Fugue State”. The liberation from dogmatic principles as holy suns abate comes in sweeping guitars clawing out of blindness and escaping the cradle of madness in blasting fits of “A Testimony of Ruin”, and the rolling reversal, an Immolation mainstay that inverts convention and sensibility in favor of a plummeting pummeling sound, makes “The Clot” hammer a heart into submission.

The Greco-Roman imagery and mixtures of Latin and Greek language in the lyrics accentuate the inescapable darkness throughout 'Exiler', one caused on Earth by the condemned Christ and his cohort now wailing among the insignificant mass, capturing a dauntingly detailed and unapproachably undulating atmosphere where confusion and captivity create a chaotic mindset manically manifesting myths and terrors. Such flights of fancy fantastically reflect the “Fugue State” across the entire album, endlessly blurring the lines between reality and imagination in order to further forge fear in its every aspect.

The opening in “Rot of Augury” is a strong misdirection, laying its melodic soloing with a bevy of blasting behind it as though calmly guiding sheep into a meat grinder. Stabs of soloing in “Soubirous” bring a moment of calm before fresh tortures are unleashed, taking the tone of the album to glimpse the sanctity of Elysium before being subjected to the “Terraces of Purgation” where puking in the background, angels abominably apostatizing, and Latin chanting create a scene as scary as it is goofy. Nilotic pinches ensure that riffing and lilting guitar moments stay fresh and challenging, brash soloing and varied riffing atop an ever-refreshing cavalcade of drumming pay homage to Morbid Angel as the closing song, “Fester in Hesychasm” shows a band with the stamina and range to expansively explore its esoteric notions. This construct is truly horrifying. (Five_Nails)

(Everlasting Spew Records - 2018)
Score: 80

https://constructoflethe.bandcamp.com/album/exiler

domenica 12 agosto 2018

Grind Inc. - Executed

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Brutal Death, Suffocation
Tolgo dal mio lettore il cd dei Gorerotted e infilo il lavoro dei Grind Inc.; con mia grande sorpresa e stupore, mi viene il dubbio che si tratti dello stesso album, in realtà confrontando la durata e il numero dei brani mi rendo conto che in effetti è 'Executed', il cd di debutto dei teutonici Grind Inc. E ora che faccio, cosa posso dire di diverso rispetto alla precedente recensione? Ok, ci provo... La band, proveniente dalla Germania, è stata fondata nel 2001, come side project di Adriano Ricci dei Night in Gales e Jochen Pelser, ma dopo un paio di demo e l’ingresso di Jan e Chris degli Hatefactor, è diventata una band a tutti gli effetti, e ha firmato un contratto con la Morbid Records che ha pubblicato il presente 'Executed'. Sedici brani per 35 minuti di musica: anche qui, ci troviamo di fronte ad un brutal death metal, privo di qualsiasi spunto innovativo e/o interessante e ispiratosi (male) ai maestri di sempre, Cannibal Corpse e Suffocation. Buona la base ritmica, complice anche una produzione che dà estrema enfasi alla potenza del quintetto tedesco. Il solo problema è, che di band che propongono questo genere, ne esistono a migliaia e, se non si lavora nel tentativo di emergere dalla massa, si rischia di rimanere intrappolati nella mediocrità generale, e divenire quindi il bersaglio preferito delle mie recensioni. Mi fermo qui, non voglio infierire, per ulteriori informazioni, leggasi la recensione dei Gorerotted, tanto per me gli album sono identici... (Francesco Scarci)

(Morbid Records - 2005)
Voto: 50

https://www.facebook.com/grindinc666

Gorerotted - A New Dawn for the Dead

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Death/Grind, Cannibal Corpse, primi Carcass
I Gorerotted sono stati una mediocre band inglese attiva tra il 1997 e il 2008. Il ridicolo nome, una funerea copertina che raffigura il viso di una ragazza in evidente stato di decomposizione, banali titoli gore, sembrano già delineare quale sia l’attitudine macabra della band. Il disco, rilasciato peraltro anche in edizione limitata con incluso un bonus DVD (con estratti live del Summer Breeze Festival, un video ed altri extra), è stato registrato agli Aexxys-Art Studios di Schwandorf (in Germania) da Markus Roedl, mixato da Stephan Fimmers (dei Necrophagist) e masterizzato da Tim Turan (Status Quo, Marilyn Manson, Emperor, Discharge) ai Turan Audio. Il genere? Beh sicuramente l’avrete già capito... truculento brutal death metal influenzato dai primi lavori di Carcass e Cannibal Corpse, mescolato a passaggi thrashy e ad altri (molto più rari, a dire la verità) in cui emerge la discreta tecnica dei sei ragazzi britannici. Per il resto, a caratterizzare questa 'Nuova alba per i morti' sono le solite chitarre grezzissime, sostenute come sempre dalla disumana prova del batterista (batteria che a volte ricorda più il suono di una pentola che di un tamburo), sfuriate grind, vocals che come sempre si altalenano tra il tipico cantato growl e timbriche più demoniache. Terzo full length per il gruppo albionico ed ennesimo lavoro, in cui alla fine, a dominare è solamente la noia. Esclusivamente per amanti dello splatter-gore. (Francesco Scarci)

(Metal Blade - 2005)
Voto: 50

https://www.facebook.com/gorerottedofficial

Davide Laugelli - Soundtrack of a Nightmare

#PER CHI AMA: Instrumental Prog, Devil Doll, Goblin
Nelle torbide elucubrazioni bassistiche di "A Night in Stonehenge", la linea melodica pare prog/ressivamente inabissarsi alla ricerca della sensazione più primordiale. La paura. L'horror-prog strumentale di Davide Laugelli vi sembrerà arrischiato ma affatto inedito: nel sogno avrete la sensazione di fluttuare dalle parti di Devil Doll (la suspense), John Carpenter (l'iperuranio sintetico da cui emergono gelidi i suoni), Goblin (la costruzione architettonica del brano). Suoni sinistramente funzionali, fatta eccezione per la batteria, troppo compressa, specie a basse frequenze (sentite il tùp della grancassa). Sensorialmente opposta la conclusiva "Climbing the Wrong Mountain", emotivamente ascensionale e indubitabilmente claudiosimonetti/ana. L'album si apre con una prosaica renderizzazione dell'Opera 49' di Brahms, la ninna nanna di tutti i carillon per bambini di questo mondo e si chiude con il bi-bip della sveglia collocata sul vostro comodino, incorniciando l'album e fornendo una (fin troppo) precisa collocazione all'interno della vostra psiche. (Alberto Calorosi)

Motorpsycho - The Tower

#PER CHI AMA: Alternative Rock
In comune con 'Black Hole/Blank Canvas' ci sono la durata pachidermica (in entrambi i casi prossima agli ottantacinque minuti) e la singolarità storica (specificamente, la volatilizzazione del batterista). Ma più di tutto una sorta di generalizzata attitudine trasversalmente secante. Là, tra i fervori anni '90 e le sofisticazioni, perdonate, fusion early '00. Qui, di nuovo i bollori anni '90 e le galoppate psych-prog affiorate negli anni '10. Generalmente si esordisce con un granitico riff-proto-metal 21st century crimsoniano, successivamente digressivo verso interludi quasi pastoral-prog (c'è il mellotron in "The Tower", il flauto in "In Every Dream Home") e prolungati tumulti psychotic-jam, vale a dire niente di troppo differente da ciò che trovaste su 'Behind the Sun' a suo tempo. La violentemente going-to-californiana "Bartok of the Universe" è invece aperta da un sconquassato riff che potrebbe riportare alla mente certe malvagità di 'Folk Flest' ("Kebabels Tårn", giusto per stare in tema di torri). Più che altrove, succede che le canzoni si decompongano in prominenti improvvisazioni ternarie modalmente psych-jazz (i 6/8 di "Intrepid Explorer") o jazz-psych (i 12/8 di "A Pacific Sonata"). Come già accadde in 'Child of the Future', si presta rinnovata attenzione alle armonizzazioni vocali, dichiaratamente CSNY/esche ("Stardust" e "The Maypole"), un lavoro senz'altro complicato, trattandosi delle armonizzazioni vocali di figuri quali Tacchinobentstrozzato e Tacchinosnahstrozzato. Il ruffianissimo singolo "A.S.F.E." fuoriesce da Barracuda con un colpo di coda per addentarvi direttamente il cervello. "Ship of Fools" sposta in avanti di qualche decibel la transenna della conoscenza umana relativamente al concetto di roboanza. Il ventiquattresimo babelicissimo album dei Motorpsycho, il primo con Tomas Järmyr, ex Zu, a manovrare i tamburi, vi parrà una supernova di energia e creatività. Avete sentito bene. Il ventiquattresimo album. Roba da non credere. (Alberto Calorosi)

(Stickman Records - 2017)
Voto: 85

http://motorpsycho.no/2017/07/the-tower/

Fotocrime - Principle Of Pain

#PER CHI AMA: Dark/Post Punk
Gli anni '80 in tutto il loro oscuro splendore rifulgono potenti in 'Principle of Pain', album d'esordio degli americani Fotocrime. I Joy Division sono uno dei riferimenti che mi salta più alla mente, dato dalle sonorità delle chitarre quasi strozzate, mai troppo aperte e che illuminano il sentiero come una moltitudine di fiaccole su un viale notturno in pieno inverno. Anche la batteria cadenzata e regolare, riporta alla mente gruppi seminali come i The Cure e i Depeche Mode, il rullante pare un colpo di revolver e le ritmiche sono coinvolgenti e fanno venir voglia di tenere il tempo con il piede. La voce di R. infine agglomera tutto e tiene insieme le canzoni con versi decadenti, timbriche scure e toni bassi in stile vagamente Trent Reznor. La sensazione generale è di equilibrio e di pace, ma non una pace angelica e splendente, più una pace che deriva dall’accettazione di sé, dall’accettazione che il male esiste e che è parte della vita, e che il male può essere bellissimo. Uno dei pezzi che mi ha più colpito è "Confusing World", una traccia in pieno stile post punk, ove la melodia è triste seppure il ritmo del pezzo sia incalzante, fino ad arrivare ad un ritornello orecchiabile in stile Killing Joke. Notevole anche "Gods in the Dark" con la collaborazione di una voce femminile assolutamente azzeccata per il genere e per la canzone, che per l’occasione sfoggia una lauta sezione di sequencer degna dei migliori Kraftwerk. Le rose, i serpenti e i pugnali si impongono nell’immaginario dell’ascoltatore, in un ambiente gotico, notturno quasi vampiresco, dove sembra di stare in un castello medioevale ad un ricco banchetto di carne al sangue, frutta e vino rosso versato in grandi coppe dorate. Gli astanti ridono sguaiatamente e s'intrattengono in orge ed ebrezza, i demoni alati danzano liberi assieme agli spettri, ad illuminare la stanza solo le fioche candele e la luce della luna filtrata delle lunghe tende di seta che pigre si muovono con il vento. Un ambiente da favola, un’atmosfera che fa venire una grande nostalgia di quello splendido periodo di musica che erano gli eighties, del chorus sulle chitarre, degli eyeliner e dei vestiti in pelle con milioni di fibbie. (Matteo Baldi)

sabato 28 luglio 2018

Organ - Eterno

#PER CHI AMA: Doom strumentale
In attesa di ricevere buone nuove dagli Amia Venera Landscape, andiamo a gustarci uno dei side project della band veneta: gli Organ. Formatisi nel 2014 per mano appunto di membri degli AVL, dei Discomfort e degli Hobos, gli Organ propongono, in questo lungo 3-track (della durata di quasi 28 minuti) intitolato 'Eterno', un concentrato orrorifico di doom strumentale. La band attacca con i dieci minuti e passa di "Aidel", song dall'intro dronico che pian piano evolve in una lenta e strisciante cavalcata doom, tra suoni potenti e rallentamenti da brivido, che risentono evidentemente del retaggio delle rispettive band madri, il che si traduce in lugubri riffoni dal chiaro sapore hardcore. Questa caratteristica dà quel pizzico di peculiarità alla band originaria di Venezia/Belluno. Sarebbe infatti troppo semplice saccheggiare la storia del doom mondiale e proporla in forma strumentale, i nostri invece ci mettono un po' della loro personalità, proponendo una visione alquanto melmosa del loro sound. Per forza di cose, la proposta degli Organ tende a sconfinare un po' qui e un po' là, in territori post metal e sludge, mantenendosi comunque focalizzata all'interno di binari doom dai forti tratti psichedelici, come testimoniato dalla seconda parte della opening track. Un bel riffone schiacciasassi fa il suo esordio in "Faithless" e qui il quartetto veneto ricorda che, oltre ai maestri Black Sabbath, anche i primissimi Cathedral si sono dati da fare egregiamente nel mondo doom. L'ossessività del riffing, unito a degli arrangiamenti deflagranti e ad una fortissima ripetititità di fondo, costituiscono l'ossatura portante del pachidermico trip al quale dovremo sottostare anche in questi asfissianti otto minuti della seconda traccia. Non bastano quelle tastiere in sottofondo a smorzare i toni mortiferi della song, così cupa e lenta nel suo incedere ipnotico. E non aspettatevi nulla di buono neppure da "Decadence", il terzo atto di questo EP, che prosegue nel suo malsano avanzare a rallentatore. Ecco, francamente, una cosi monolitica proposta senza un briciolo di growl, risulta parecchio difficile da digerire, soprattutto perchè il suono dei nostri non è particolarmente dinamico, fatto salvo un giro di chitarra riverberata in quest'ultima traccia, che ha nuovamente un pericoloso effetto disturbante per il cervello. Comunque, il terzo brano appare il più sperimentale dei tre, soprattutto per un altro bel cambio di tempo a metà pezzo e altre piccole diavolerie ricercate dall'ensemble italico. 'Eterno' alla fine è un lavoro che mi sento di consigliare a pochi eletti, o a chi è veramente preparato psicologicamente a scalare una cosi insormontabile montagna. (Francesco Scarci)

Cheap Trick - We're All Alright!

#PER CHI AMA: Hard Rock
Se il riffone dell'introduttiva "You Got It Going On" vi susciterà l'inestimabile sensazione tipo come di scendere dalla moto e assistere a una gara di schiaffoni tra godsofmetallari e pausiniani all'autogrill di Somaglia, ecco, di sicuro vi sbagliate se solo pensate che il diciottesimo album dei piucchesenescenti Trucchetti Da Quattro Soldi vi lascerà lì così, a guardarvi i Dr. Maertens. Nel prosieguo, né il punkabilly "Radio Lover", né la stooges-punkeggiante "Nowhere", tantomeno la sleaze-like "Brand New Name On an Old Tatoo" si permetteranno di allentare la catena di trasmissione delle vostre rissose emozioni. E non saranno i mid-tempo astutamente escogitati qua e là e neppure le tentazioni folk-autoriali collocate nella seconda parte dell'album (pensate alla tom-spettynata "She's Alright" dondolante su accordi squisitamente southern, oppure ai beatles/ismi collocati nel finale di "The Rest of My Life" o nell'intera, conclusiva, "If You Still Want My Love" o ancora nella beatlesianissima "Blackberry Way", cover dell'unico hit degno di queste tre lettere dei già-beatlesianissimi-per-i-cazzi-loro "Move" nell'anno del signore millenovecento68) a farvi sfilare i tirapugni. Ascoltate questo album sorprendentemente ben scritto esclusivamente attraverso diffusori di bassa qualità, tipo quel maledetto walkman taroccato che pagaste comunque un patrimonio e che consumava due pile grosse come polpacci di cicciobello per un solo ascolto della vostra cassetta da novanta preferita, che aveva su ovviamente 'Heaven Tonight' e 'Dream Police'. Il problema, lo so, è infilare la cuffia sotto il casco. (Alberto Calorosi)

(Big Machine Records - 2017)
Voto: 75

https://www.facebook.com/cheaptrick

venerdì 27 luglio 2018

Majesty of Silence - Zu Dunkel Für Das Licht

#FOR FANS OF: Black/Gothic
Majesty of Silence is back with a brand new album entitled 'Zu Dunkel Für Das Licht'. The band is by no means a rookie as it was founded 22 years ago in Aarau, Switzerland. During the early years, they released three albums at a reasonable rate, but afterwards the band remained inactive during a long time. And, when many years pass, it is taken for granted that there won´t be any comeback, fortunately it wasn´t the case and Majesty of Silence was re-activated in 2016. It seems that the band was reinvigorated because it hasn´t taken too much time for the current two members to release a new album. It has to be mentioned that the band´s first line-up consisted of three members. Around 2005, an additional member joined the band, but nowadays Majesty of Silence continues as a duo with two of the founders, Peter Mahler and Christian Geissmann. 
 
Musically speaking, Majesty of Silence plays an interesting blend of black metal and gothic metal where the classic raspy vocals are dominant and the tempo is clearly faster and much more aggressive than we usually see with classic gothic metal bands. As it can be expected, the band adds some interesting keys which also have a mixed influence, at times they sound more black metal-esque and in other cases, they have a pure gothic metal touch. From time to time some female vocals appear, and they are a good contrast to the heavier and darker side of this band. During the first years the band used to sing in English but it was a matter of time that the band introduced the German language in their lyrics, which, in my opinion, makes the band sound even darker. German is indeed a powerful language and it sounds great when an extreme band uses it. 
 
'Zu Dunkel Für Das Licht' is, like its predecessors, a quite long album, as it has 14 songs and it lasts more than 70 minutes. Personally, I don´t like such long albums because they can become quite boring. Moreover, it is indeed difficult to keep a great quality when the release is so long. Fortunately, it seems that these guys have worked hard on this album and it’s clear that the band has tried to compose a varied yet powerful album. The balance between the black metal and gothic influences is a trademark characteristic of the new album. As for the production, the album has a powerful sound and both guitars and drums sound strong and convincing. Songs like the album opener “Der Untergang” or “Endstille” have very fast sections, tough like it happens with the rest of the album the pace is quite varied. Other tracks like “Dem Engel Noch Zuhören” have a greater gothic touch with very nice keys, which are simple but catchy and give a great atmospheric touch to this and other similar songs. I personally love how this track ends with that hypnotic key and a beautiful female voice in the background. The atmospheric intros are another winning formula used in several songs, those dark and calm intros are suddendly broken by the guitars and drums which enter furiously, Majesty of Silence surely knows how to make great debut for the songs, and “Zweiundzwanzig” is a good example of this use and one of the heaviest songs of the album. The female vocals are another satisfying addition that transpires in several tracks like the aforementioned one and “Sonne”, for example. 
 
In conclusion, Majesty of Silence has made a great comeback with an undoubtedly powerful and dynamic album. 'Zu Dunkel Für Das Licht' is a long work that brings us all the ingredients you can expect from a black-gothic metal band. Furious vocals occasionally accompanied by female vocals, powerful and dynamic guitars, catchy and enthralling keys and powerful drums. This album may be too dark for the light but not for our ears. Come to the Swiss darkness and enjoy! (Alain González Artola)

(Rockshots Records - 2018)
Score: 85

https://www.facebook.com/Mosmetalband/

Immelmann - The Turn

#PER CHI AMA: Alternative/Post Metal, Isolation Process
Quando le scorribande notturne mi portano ad ascoltare band che non conosco a discapito di concerti che sicuramente mi piacerebbero, spero sempre di non dover pentirmene e affogare quindi il dispiacere al bancone del bar. Con gli Immelmann la serata è andata alla grande, sono bastate poche note per capire subito che davanti avevo una band cazzuta nonostante la situazione intima e minimalista. Il giovane quintetto è di Vicenza e debutta con 'The Turn', album che racchiude sei brani confezionati a regola d'arte, un perfetto mix di alternative e post metal che richiama alla mente sonorità nord europee. La band prende probabilmente il proprio nome dalla virata di Immelmann, una manovra acrobatica (turn appunto) inventata dall'omonimo aviatore tedesco. "Dive" apre in maniera lieve con un loop di drum machine e arpeggi di chitarra, il sottofondo perfetto per il tragitto che ci accompagnerà alla rampa di lancio del vostro quadrimotore diretto nello spazio profondo. Suoni moderni, volutamenti freddi ed evocativi grazie al sapiente uso di effetti, una profondità di campo che le vostre orecchie apprezzeranno quanto il vostro cervello. Nel frattempo il pezzo cresce con l'entrata della sezione ritmica e spicca il volo con l'accensione delle distorsioni che fanno da kick down, schiacciandoci sul sedile di guida. Il pezzo scorre molto bene fino alla chiusura, dove la band lascia fluire la propria energia prorompente per un finale che ci lascia senza fiato. "Greedia" parte con più slancio e ricorda i Katatonia di 'The Great Cold Distance', la sezione ritmica coinvolge con la sua asimmetria, mentre lunghe note di chitarra accorciano progressivamente le distanze per arrivare al crescendo e all'inevitabile deflagrazione. Qui la complessità aumenta e ci incatena in un turbine ad alta tensione grazie anche ai pattern di batteria e al cantato che si fa più profondo e torbido, poi l'entrata delle distorsioni rilassa i nostri nervi per un attimo, ma non c'è tregua con il brano a svincolarsi in altre direzioni melodiche e le ritmiche proiettate verso un'appagante conclusione. Il viaggio si fa sempre più interessante e si arriva ad "A Song of Misery", che si fa apprezzare per la complessa musicalità che forgia un brano oscuro e potente, caratteristiche che gli Immelmann sanno sfruttare al meglio, comunicando le emozioni in maniera profonda e mai banale. Si chiude con "Be" che pur essendo l'ultima traccia, non ha nulla da invidiare alle altre canzoni anzi, grazie all'ottimo lavoro di registrazione/mix/mastering che ricorda band quali Isolation Process e Boil, ci avvolge come una nebulosa di pura energia e ci conduce al di là del tempo e dello spazio per un viaggio epico intergalattico. Semplicemente la colonna sonora perfetta per un capolavoro del cinema come 'Interstellar'. Lavori come 'The Turn' sono estasianti, confermano che la scena musicale italica è ricca di talento e musicisti che sanno dare il meglio nonostante non possano essere (ancora) dei professionisti. Se nel prossimo lavoro gli Immelmann metteranno un po' più grinta e un tocco di rabbia, ci troveremo davanti ad una delle band più promettenti della scena underground nazionale. Nel frattempo 'The Turn' è già uno dei miei dieci dischi preferiti di questo 2018. (Michele Montanari)

The Pit Tips

Francesco Scarci

Sorrow Plagues / De La Nostalgie / Elderwind / Dreams of Nature - Mater Natura Excelsa
Maladie - Symptoms
Marunata / Deramshift / A Light in the Dark / Ghâsh - Colours Of The Mind

---
Alain González Artola

Atrocity - Okkult II
Foothill Roots - Nature Resonates
Vermilia - Kätkyt

---
Matteo Baldi

YOB - Our Raw Heart
Steven Wilson - Hand Cannot Erase
O - Pietra

---
Five_Nails

A Perfect Circle - Eat the Elephant
Overkill - The Grinding Wheel
Construct of Lethe - Exiler

giovedì 26 luglio 2018

Funerary Torch - S/t

#PER CHI AMA: Black/Doom, Disembowelment
Progetto australo (IV dei Ill Omen)/cileno (Daniel Desecrator dei Slaughtbbath) quello dei Funerary Torch che approdano alla Iron Bonehead Productions con questa demotape di due pezzi votati ad un mortifero black death. "Into Fathomless Oblivion" è il biglietto da visita per questo duo internazionale: un sound claustrofobico che prende la vena più plumbea e orrorifica degli Ill Omen e la combina con il black più intransigente degli Slaughtbbath. Il risultato è dato da poco più di 10 minuti di suoni e atmosfere spettrali, in cui le terrificanti vocals del frontman rimbombano come quelle di un fantasma in un castello infestato e le chitarre regalano raggelanti ritmiche da incubo, emulando le precedenti gesta di una band quale i Disembowelment. Il tutto si evince ancor di più ascoltando la seconda "Epiphanies From Misanthropic Slumber" e le sue ambientazioni da brivido, corredate da un riffing corposo e profondo. Peccato solo per una registrazione alquanto casalinga, che sembra essere ormai un marchio di fabbrica per l'etichetta tedesca. Nonostante tutto, intriganti. (Francesco Scarci)

Gates of Doom - Forvm IVLII

#PER CHI AMA: Melo Death, Norther, Omnium Gatherum
Dal Friuli Venezia Giulia ecco arrivare i Gates of Doom, fautori di quello che essi stessi amano definire come "furlan epic death metal". Detto che tale definizione mi fa alquanto sorridere, posso affermare semplicemente che il quartetto italico, con questo loro secondo EP intitolato 'Forvm IVLII', è fautore di un melo death di deriva finlandese. Tre i pezzi a disposizione della compagine di Udine, due dei quali peraltro già presenti nel vecchio EP omonimo, ma qui riarrangiati. Le danze vengono aperte dalla title track, epica nel suo breve epilogo che lascerà da li a poco il posto al sound heavy melodico dell'act friulano. La traccia scivola via piacevolmente tra riff classici e vocals rabbiose che evocano a random, un che dei Norther, degli Omnium Gatherum, o ancora dei Kalmah o dei Children of Bodom. L'EP è un concept basato sulla fondazione della loro regione, il Friuli appunto, e le loro origini legate alle popolazioni celtiche che abitavano questi luoghi (immagino si riferiscano ai Carni) e la successiva conquista romana. La song è comunque interessante, tra fughe melodiche, arrangiamenti dotate di una leggera vena orchestrale, qualche stop'n go, il tutto pervaso poi da un leggero senso folklorico. Più tradizionale e diretta invece, la seconda "Vnder the Grey Movntains", una traccia di death metal melodico di oltre otto minuti, in cui si contrappongo le due componenti vocali di Stefano Declich, una growl e l'altra scream, e che mette in mostra le qualità della band sia nelle parti più lente e atmosferiche, che in quelle più tecniche soprattutto quando il lead guitar mette a segno un bell'assolo a metà pezzo o quando gli axemen si lanciano in scorribande ritmiche al limite del post black nel finale. La pecca maggiore è a mio avviso di proporre una song cosi lunga in un ambito dove si dovrebbe privilegiare un più immediato impatto musicale. A parte questo cavillo, la band si fa apprezzare anche nell'ultima arrembante "Limes", gli ultimi quattro minuti di veemenza sparati in faccia dai Gates of Doom, che trovano modo di offrire anche un coro dal vago richiamo viking. Nota conclusiva per il suggestivo artwork a cura del pittore e mosaicista Giullio Candussio. La strada è quella giusta, sarebbe ottimale riuscire ad essere un po' più personali e originali. (Francesco Scarci)

martedì 24 luglio 2018

Progenie Terrestre Pura - StarCross

#PER CHI AMA: Extreme Avantgarde
Il nuovo EP dei Progenie Terrestre Pura (PTP) è un concept album che esce dalla mente di Davide Colladon, mastermind del progetto PTP fin dalla sua nascita e che in questo nuovo 'StarCross' vede il sound della band prendere una piega evoluta in un senso molto cinematografico. Non che questa propensione mancasse nella band fin dalle prime release, ma qui emerge proprio il tratto e la volontà di ragionare in stile propriamente da soundtrack. Sviluppato come in una saga spaziale, qui il protagonista sfida l'infinito all'inseguimento di un segnale sconosciuto, vagando nello spazio alla ricerca di questo contatto, e la sua colonna sonora non poteva che essere buia, sconsolata e cosparsa di momenti terribili e pieni di insidie. Con l'uso sapiente del black metal, l'industrial e alcune soluzioni thrash metal, qui ci si avvicina alla concezione di un metal intergalattico a cui sta stretta la gabbia di metal stesso e che aspira a divenire opera musicale vera e propria. La senzazione di intraprendere un viaggio verso l'ignoto è palpabile e reale, con trame space/horror importanti e l'introduzione di un ambient cupo e dilatato, su tappeti ritmici sintetici cari al settore harsh/EBM, con voci etno/ancestrali in sottofondo ed un cavernoso cantato violento che funge da nero Cicerone che rincara la drammaticità e la sensazione di incapacità verso la giusta scelta da fare da parte del protagonista di quest'avventura. Il disco si ascolta con sommo piacere scorrendo veloce nei suoi lunghi cinque brani (per circa una trentina di minuti) e, a dispetto dei suoi predecessori, porta una vena sci-fi più accentuata, del resto dicevo, è da vedere come vera e propria colonna sonora di un film di fantascienza, anche se l'impronta sonora rimane legata alla logica creativa di Colladon. Altra novità è poi l'abbandono della lingua madre nel cantato, a favore dell'inglese, con l'intento verosimile di raggiungere una platea più vasta, cosa che non stona affatto e rende giustamente più internazionale la proposta dei nostri a livello artistico (anche se li avevo ammirati particolarmente per il coraggio di usare l'italiano nei precedenti lavori). Immancabile la linea di paragone verso progetti sofisticati come Ulver o Solefald e l'insano esistere dei Borgne, ma la musica dei PTP si dimostra più fantascientifica ed il contatto con l'avanguardia è reale e il suono cosmico ben ricercato. Il passaggio tra l'elettro ambient di "Chant of Rosha" e "Toward a Distant Moon" mostra subito la vera identità del disco e l'accuratezza dei particolari, buona la produzione, la capacità compositiva di rendere una musica complessa ascoltabile è poi un segno distintivo nei PTP, una qualità che spinge l'ascoltatore alla voglia costante di sentire e scoprire cosa succederà brano dopo brano, proprio come in un inquietante film ben fatto o in un buon libro che rapisce e fa correre la fantasia. "The Greatest Loss" è la mia song preferita, in odor di Blut Aus Nord che si avvia al termine con la minimale, sospesa e conclusiva "Invocat", che lascia un filo sospeso tirato da un canto gregoriano che assume un'identità sinistra ed oscura. 'StarCross' è un album difficile da assimilare per la massa, ma geniale nel suo complesso, l'ennesimo salto di qualità per la band veneta, un progetto sonoro che si è ormai dimostrato nel tempo essere una garanzia. Da ascoltare indisturbati. (Bob Stoner)

Throne - Consecrates

#PER CHI AMA: Sludge/Doom, primi Cathedral
Con incolpevole ritardo, ci arriva sulla scrivania l'ultimo album degli emiliani Throne, ormai datato dicembre 2017 ed uscito per la Black Bow Records. L'etichetta britannica ci ha visto sicuramente bene, mettendo sotto contratto una band di un certo spessore che si traduce nelle note di questo melmoso 'Consecrates'. Dico melmoso perchè l'act parmigiano, ha modo di condensare nelle note di questo loro secondo lavoro, sludge e doom, prodigandosi in uno spesso lavoro di chitarre, che chiamano in causa i primi Cathedral. Notevole a tal proposito l'opener “Sister Abigail” e i suoi super chitarroni che, pur non sfondando completamente nello stoner, evocano un che degli Electric Wizard e dei giri di chitarra più blues oriented che ammiccano ad una versione decisamente più sedata dei Pantera, originale non trovate? Non aspettatevi però le stesse voci della band inglese, qui il frontman sfodera quel suo bel vocione da toro imbufalito in un pezzo che trova comunque conferme nelle successive song. Sicuramente degna di nota è “Lethal Dose”, non fosse altro per quel riffone ipnotico a inizio brano e quei cori puliti che si affiancano al growling possente del bravissimo Samu. La song vede peraltro la partecipazione di Dorian Bones, voce dei Caronte e dei Whiskey Ritual. Lo confermo comunque, i ragazzi ci sanno fare. Non so se sia l'aria di Parma e le prelibatezze che quella terra ha da offrire, ma i Throne si rivelano convincenti e speriamo anche vincenti nella loro proposta, in un ambito dove ormai la competizione sembra essere ai massimi livelli e solo i migliori ce la fanno a sopravvivere. Detto che auspico che i Throne siano tra questi, mi accingo ad ascoltare "Codex Gigas" e il suo liquido flusso sonico che lisergico quanto basta, mi investe con il suo pachidermico incedere. E se parliamo di pachidermia, come non citare la granitica e oscura "There's No Murder in Paradise", song sparata a rallentatore ma che conserva nelle sue linee di chitarra, un'interessante vena blues rock. Questa comunque la ricetta vincente per i nostri, che nelle loro tracce sono abili a intrecciare e miscelare ad arte il groove dello stoner e chitarre più seventies, pur mantenendo la profondità e la potenza del death doom come accade proprio nella quarta traccia che evoca nuovamente i sortilegi dei Cathedral di 'The Ethereal Mirror'. L'essenza doomish della band viene confermata anche in "Baba-Jaga", sebbene suoni ben più canonica rispetto alle precedenti, però l'assolo finale non è affatto male. Anche la più catacombale "V.I.R." ha il suo perchè, anche se alla lunga rischia un po' di perdersi per strada nel suo lento e ossessivo comparto ritmico che ammicca a più riprese allo stoner. A chiudere 'Consecrates', ecco arrivare la riverberatissima "Lazarus Taxon" e il suo classico rifferama stoner a sancire l'amore della band ancora per vecchi classici blues rock. 'Consecrates' alla fine è un buon lavoro che dimostra le grandi doti della band emiliana (seppur alquanto derivative) e prospetta un futuro sempre più positivo per la scena di casa nostra. (Francesco Scarci)

(Endless Winter Label/Black Bow Records - 2017)
Voto: 75

https://thronetheband.bandcamp.com/album/consecrates

sabato 21 luglio 2018

La Scatola Nera - Istantanea Estesa

#PER CHI AMA: Garage/Alternative/Punk Rock
La giovane Brigante Records & Productions continua il suo percorso di crescita nell'ambito delle etichette italiane e oggi propone un'altra band molto interessante, La Scatola Nera e il loro nuovo album 'Istantanea Estesa'. Dopo aver recensito gli ottimi "briganti" Omza, Macabra Moka e Cruel Experience, non nascondo che ero curioso di ascoltare anche questo quartetto brianzolo attivo da quasi dieci anni e devoto ad un garage/alternative/punk rock. Andando a ritroso e ascoltando qualche vecchio pezzo della band (nella loro discografia compaiono anche un album ed un EP), salta subito all'orecchio un sound vicino al Teatro degli Orrori, passando per i Ministri contaminati dai vecchi QOTSA. 'Istantanea Estesa' alza il tiro, cerca meno pacche sulle spalle e sorrisoni dagli amici, mettendoci più introspezione, evolvendo in uno stile proprio e maturo. "Moby" è un'entrée che suona leggera ed eterea, grazie al cantato (in italiano) carico di riverbero, come le chitarre che si sporcano leggermente per dare maggiore enfasi, mentre la sezione ritmica ci mette il giusto groove per avere un brano da ballare in modo lascivo sotto una luna rossa. Dopo essere stati cullati amabilmente, si passa a "Cocktail", che ci agguanta subito grazie alla linea di basso profonda e ininterrotta. In progressione, si arriva al ritornello con chitarre più energiche, ma sempre con quel pathos sospeso tra pop teso e rock rilassato, sensazione che comincia a svanire in "Roche", dove il quartetto comincia a picchiare con più vigore e convinzione. I break e gli arrangiamenti di chitarra convincono e ci regalano il brano più riuscito di 'Istantanea Estesa'. Anche il cantante si sente più a proprio agio ed esprime al meglio la sua rabbia mista a frustrazione. Ci sta pure un bell'assolo finale che non fa altro che confermare il pregio di questa traccia. "51 Pollici" è una bel ceffone in faccia da meno di due minuti di durata che gira all'impazzata con un discreto carico di groove. Una vera e propria sveltina ma fatta con stile e quindi con tanta soddisfazione. In "Scogliera" e "Tringhe", la band si concentra su sonorità soft da dopo sbronza con degli interessanti giochi di voce e strumenti, entrambe delle ballate che potete ascoltare quando il cerchio alla testa non vi concede tregua. La Scatola Nera si è sicuramente evoluta con questo nuovo album, l'impatto sonoro è meno vigoroso a beneficio di atmosfere a momenti rilassate e subito dopo impazzite, con un filo conduttore basato su suoni, riff e cantato. Se prima li si ascoltava con una birra da supermercato in mano, adesso preparatevi un gin tonic di qualità oppure un vino rosso corposo e piacevole. (Michele Montanari)

(Brigante Records - 2018)
Voto: 70

Love Machine - Times to Come

#PER CHI AMA: Psych/Krautrock 
Entrare nel mondo dei Love Machine è come fare un passo indietro di quasi mezzo secolo, guardare il loro look e la cover di copertina del nuovo album è tornare al tempo del "flower power", della "summer of love", della folk psichedelia acustica e di tutti quei colori fluorescenti che hanno fatto grande un'epoca musicale divenuta culto tra i '60 e i '70. Diciamo subito che la band di Düsseldorf è irresistibile, terribilmente perfetta, tremendamente a stelle e strisce, esagerata nel ricreare quelle atmosfere vintage, luminosa e abbagliante ma al contempo introversa e cupa, esattamente come un brano dei The Doors, dove rabbia, voglia di cambiamento e ribellione, uscivano da ogni nota in forma lisergica e allucinata. Capitanati da un vocalist spettacolare (Marcel Rösche) e da un sound spiazzante per il suo non essere contemporaneo, la compagine teutonica riesce a sembrare veramente una band di quell'epoca. Senza emulare o copiare i loro maestri, i Love Machine si ritagliano, in un settore quello del vintage rock, uno splendido spazio di originalità da far impallidire band come gli ottimi Church of the Cosmic Skull, con composizioni assolutamente inaspettate, mescolando rock, psichedelia, folk pastorale e il country di sopravvivenza alla Johnny Cash, unendo storie da crooner solitario alla Leonard Cohen, con un velato gusto musicale latino ed il magico spirito acido dei Jefferson Airplane, l'immancabile krautrock, un tocco hawaiano alla Elvis, quello più sperimentale, senza mai dimenticare il salmodiare del re lucertola che rende più sofisticato ed attraente l'intero 'Times to Come'. Alla loro terza prova discografica, i nostri risultano una band stratosferica, al di sopra della media, con una fantasia retrò davvero invidiabile per coerenza, stile ed un fascino incredibile nel sound e nella composizione, musica liquefatta altamente allucinogena. Un'erudizione sul genere pazzesca, un'indole oscura su note abbaglianti e luminose, aprire la mente pensando, musica stellare senza tempo, i Love Machine meritano veramente un altare a due passi dall'olimpo musicale, grazie ad un album formato da brani che sono gemme assolutamente luminose! Due i brani top, "Blue Eyes" e la velvettiana "Times to Come". Nostalgici ma geniali. (Bob Stoner)

(Unique Records - 2018)
Voto: 80

giovedì 19 luglio 2018

Hertz Kankarok - Make Madder Music

#PER CHI AMA: Avantgarde/Experimental/Prog, Tiamat, Riverside, Meshuggah
Non so assolutamente nulla di questo progetto solista a nome Hertz Kankarok, se non che la band arriva da Acireale e questo 'Make Madder Music' rappresenta il secondo EP per l'artista siciliano (qui coadiuvato da Andrea Cavallaro alle chitarre, al basso e ai synth, e dal fido Dario Laletta). La proposta dei nostri conferma quanto di davvero buono è stato fatto nel precedente 'Livores' e ancora mi domando per quale assurdo motivo non esista una release fisica di questo e del precedente lavoro (li vorrei quanto prima, in quanto delittuoso). Questo perchè la musica di Hertz Kankarok è davvero intrigante, in quanto collettrice di molteplici umori, sapori e profumi provenienti dalla cultura sicula che si vanno a incontrare con una tradizione metallica di più ampio respiro. L'opener "Deceive Yourself!" miscela infatti sonorità derivanti dal djent, con il prog e la musica etnica mediterranea per un risultato straordinariamente notevole. La seconda "Cargo Cult" ha una ritmica più devota ai dettami di Meshuggah ma ovviamente, quando subentra una certa tribalità/ritualità soffusa, non posso che rimanere del tutto spiazzato, prima di essere ributtato nella centrifuga avvolgente di un suono le cui trame risuonano apparentemente estreme. Il gioco si ripeterà per oltre otto minuti fatti di stop'n go, rilassamenti, melodie accattivanti, fughe lisergiche e quant'altro. Spettacolare. "Who is Next" sancisce la genialità di un artista che ha ancora modo di passare attraverso influenze che chiamano in causa i Tiamat di 'A Deeper Kind of Slumber', in una song dal piglio cinematografico, in cui mi sembra avvisare in sottofondo, anche l'eterea voce di una gentil donzella. Con "The Great Whirlpool" si torna solo inizialmente al ritmo graffiante di scuola Meshuggah/Gojira, con la voce del mastermind catanese a muoversi tra uno stile urlato, voci cibernetiche e altre  delicate e più pulite, che ben si adatterebbero ad un disco dei Porcupine Tree o dei Riverside. La sfuriata black a metà brano e un finale strettamente progressive chiudono quest'incredibile, in quanto inatteso, 'Make Madder Music'. Maestosi, geniali, sognanti, semplicemente italiani. (Francesco Scarci)

mercoledì 18 luglio 2018

Finis - Visions of Doom

#PER CHI AMA: Black/Death, Celtic Frost
'Visions of Doom' è l'EP d'esordio dei teutonici Finis, che arrivano a questo traguardo dopo aver rilasciato un demotape nel 2016, intitolato 'At One with Nothing'. La band tedesca, di cui poco si sa a livello di line-up e città di origine, si affida a tre pezzi per provare a conquistare l'audience. Il genere è un seminale black death che partendo dagli albori dei Celtic Frost sembra poi abbracciare la produzione degli anni '90. Niente di nuovo quindi sotto il sole in questi tre pezzi, tuttavia l'opener, "11 Temple Stones", offre un sound atmosferico all'insegna della cinematografia horror. Splendido infatti il lungo break centrale in cui su una ritmica lisergica, s'instaurano vocals demoniache e delle chitarre dal forte sapore esoterico. Convincenti, davvero. Altrettanto non si può dire della title track, selvaggia e priva di personalità, potrebbe essere infatti un brano di una qualunque band uscita a cavallo tra gli anni '80 e '90, sebbene la band provi a metà brano a sparigliare le carte, aumentando il senso di disagio e di maligno che si percepisce nell'aria, affidando al basso la guida negli oscuri meandri ritualistici della band, raddoppiato poi da delle chitarre tremolanti. Questo è il reale punto di forza per la band, che in "Fosforos" sembra trovare la propria consacrazione attraverso un pezzo strumentale e le sue ipnotiche melodie. Mezzo punto in meno per la sporcizia di suoni che avrebbero reso molto ma molto di più se maggiormente curati. (Francesco Scarci)


martedì 17 luglio 2018

Pa Vesh En - A Ghost

#PER CHI AMA: Raw Black
Della serie one-man-band crescono, ecco arrivare dalla Biellorussia il nuovo EP del misterioso Pa Vesh En: due tracce per una quindicina di minuti scarsi dediti ad un black ambient minimalista. Si parte con la spettrale e rumoristica "Haunting and Mourning" per arrivare alla più doomish "Gruesome Exhumation". I suoni dell'opener sono impastati e di pessima qualità con la proposta del musicista biellorusso che si alterna tra il raw black, un suicidal black mid-tempo (grazie anche a delle scream vocals disperate) e rari intermezzi ambient. Il problema sta tuttavia nell'ascoltare una simile accozzaglia di suoni che probabilmente, se registrati come dio comanda, avrebbero potuto suscitare un minimo interesse. Qui invece è tutto caotico, nemmeno fosse il più scarso dei demotape. La storia si conferma anche con la seconda traccia, più orientata ad un sound abissale anche se qui non mancano delle velenose scorribande black. Capisco l'underground, non comprendo invece l'Iron Bonehead Productions che rilascia una simile release. Mah, scelta quanto meno discutibile. (Francesco Scarci)

lunedì 16 luglio 2018

Ruxt - Behind the Masquerade

#PER CHI AMA: Hard Rock, Whitesnakes
Fin dalle prime minacciosissime note di chitarra di "Scare my Demons", il singolo al cui confronto ascoltare 'Holy Diver' sembrerà di sentire "Another Day in Paradise" di Phil Collins, l'album d'esordio dei RuGGGine (nel GGG si leggano quelle G dure che generalmente fuoriescono, per esempio, dalla chitarra di uno come Eddie Van Halen) naviga navigato tra consolidati melodic-flutti Frontiers-like più (la svolazzante "Where Eagles Fly") o meno (la roboante "Between the Lies") epicheggianti, molto ("Spirit Road") o moltissimo ("Soul Keeper") coverdaleggianti (anche, anzi, soprattutto il ballatonzo strappareggiseni "Forever Be") librandosi alto, fuggitivo e rocchenroll ("Soul Keeper") nella luminescente e boccolosa galassia-Coverdale, soltanto accidentalmente sfiorando i Rainbow di Biondino Bonnet ("Daisy"), fino a raggiungere in chiusura quella svettante, quintessenziale spremuta di Coverdale che è "Soldier of Fortune", qui in una versione più agiografica che soltanto devota. (Alberto Calorosi)

Ulver - The Assassination of Julius Caesar

#PER CHI AMA: Electro/Experimental
Il concept prende lentamente la forma di un inno alla decadenza ("Southern Gothic", "So Falls the World"): una generica riflessione sulla necessità umana di superominismo ("Rolling Stone") e trascendenza ("1969"). Vivere immersi in una storia circolare, acronica e spietata: un universo dove la morte di Lady Diana e il rogo di Roma ad opera di Nerone ("Nemoralia") confluiscono in un'unica locuzione temporale, il 18 di luglio, o giù di lì. Dove l'attentato a Giovanni Paolo II non è altro che una transverberazione perpetrata dall'onnipotente medesimo ("Transverberation", appunto). L'ultimo, colloidale album degli Alphaville di Oslo suggerisce tinteggi episodicamente iconoclastici rispetto alla fluortodossia synthpop dei bei tempi. Per esempio nelle declinazioni slow-dance-fico-funk di "Rolling Stone", collocabile tra i Daft Punk che ritirano il Grammy e i Depeche Mode inizio-millennio-III che mangiano la pastasciutta, con una progressione finale che potrebbe riportarvi alla mente "On the Run", sì, quella dei Pink Floyd. O nell'oscurità renderizzata della conclusiva "Coming Home", una specie di "Pimpf" eseguita dai Nine Inch Nails nella formazione di "Downward Spiral". O infine nelle tinte atmos/kraut di "So Falls the World", o magari nel Belouis Some ginecomastico di "Transverberation". Una ricontestualzizazione del suono, pensateci, quasi dadaista, tipo fontana di Duchamp. Un dadismo rivolto al passato. Un dadaismo vintage. Uh, niente a che vedere con Duchamp, quindi. (Alberto Calorosi)

venerdì 13 luglio 2018

Closet Disco Queen - Sexy Audio Deviance For Punk Bums

 #PER CHI AMA: Noise/Stoner
Un'introduzione intuitivamente sospesa tra il post-rock flirtante con certi rigori math e i King Crimson più aleatoriamente psych, dopodiché il suono erompe fluido eppur magmatico in un modo che ricorda gli Stone Roses fluviali di "Breaking Into Heaven", poi il suono diventa più etereo e al contempo più materico in un modo che potrebbe ricordare certe cose del terzo album dei Landskapp (nell'opener "Ninjaune"). Le tentazioni stoner/metal diventano crescentemente irresistibili e rendono il chitarrismo epiteliale e poi esofitico nella successiva "El Moustachito". Difficile infine non individuare una devozione nervosamente zeppeliniana nella conclusiva "Délicieux". Nonostante la (straordinaria ma) fuorviante copertina, in queste (sole) tre sensuali audio-perversioni per chiappe punkettare, il duo svizzero chitarra/batteria composto da due ex spaccametalloni, individua una traiettoria visibile a occhio nudo eppure vividamente conturbante. Vedremo. (Alberto Calorosi)

Unreqvited - Stars Wept to the Sea

#FOR FANS OF: Atmospheric Black Metal
Unreqvited is a Canadian solo project formed back in 2016. The debut album entitled 'Disquiet' gained some recognition among the blackgaze, post rock and atmospheric black metal fans. It was indeed a quite interesting debut, which mixed those styles, always putting a great effort on creating an intense atmosphere with undoubtedly beautiful melodies. That album had quite long instrumental sections and extensive ambient and quiet parts that, though being nice, had a negative effect after some listens. The album sounded at times a little bit unfocused. In my opinion, the debut lacked more metal infused sections which could have helped to achieve a stronger final result.

Now, only two years after their debut, Unreqvited makes a comeback with a sophomore album entitled 'Stars Wept to the Sea'. The question for me was, will the new album have exactly the same sound, including the strengths and weaknesses? Well, after some listens, the answer could be yes. The overall sound and style remains the same. Unreqvited plays a blend of atmospheric post-rock/metal with a strong blackgaze and ambient influence. It’s pretty clear that Unreqvited has a masterful talent to create delicate and beautiful melodies with a hypnotic atmosphere, as it is clearly the heart in the long opening track “Sora”. But the band sounds even better when it mixes its softer side and beauty with some black metal, like it happens with the second song, “Anhedonia”. When both worlds are fused, the band achieves its greatest level, and the music itself becomes more interesting. The problem, at least for me, is that the rest of the album has a little portion of metal and very few vocals; I personally miss his shrieks which give a special and intense boost to the album. Songs like “Kurai”, “Empirean” or “White Lotus”, have little or no metal and an almost inexistent intensity. Yes, they contain some beautiful melodies, but the album can be considered neither a metal album nor an ambient work which, in this case, can be confusing. I personally love both styles and prior to this album, I have enjoyed albums which combine both worlds. But with Unreqvited, I have the feeling that I am missing something, the quality and beauty are there, but I honestly think that it should have contained more tracks like the aforementioned “Anhedonia” or the excellent closer, “Soulscape”. This is probably the best track of 'Stars Wept to the Sea', not only because it has some metal or at least a blackgaze touch, but because it has some tweaks and variety, which make the already mentioned excellent taste for the melodies bright more than ever.

In conclusion, with this sophomore album, Unreqvited follows the same path of the debut, repeating the good and bad aspects of that work. I personally think that this band could be greater if the tracks would include much more black metal, and obviously more vocals. Merging both worlds with a more balanced mix, could make the band´s music more focused. This also would help to create more enriching compositions with more tweaks and surprises. (Alain González Artola)

giovedì 12 luglio 2018

Engulf - Gold and Rust

#PER CHI AMA: Brutal Techno Death, Suffocation
La Everlasting Spew Records torna con un nuovo EP della one-man-band americana degli Engulf. Hal Microutsicos, il polistrumentista che si cela dietro a tale moniker, rilascia 'Gold and Rust', secondo lavoro per la band del New Jersey, offrendo altri 11 minuti abbondanti di suoni schizoidi che hanno in Gorguts e Morbid Angel, i principali punti di riferimento del mastermind statunitense. Tre pezzi che si aprono con la frastagliatissima e dinamitarda "Maul", il cui attacco frontale richiama inequivocabilmente gli "Angeli Morbosi" (e anche i Suffocation), ma che per un'andatura un po' obliqua e dissonante, scomoda qualche paragone con la techno band canadese. Il risultato è una song dai ritmi serratissimi che accende la miccia nel generare una forte ansia interiore durante il suo ascolto. La veemenza del musicista americano (rafforzata da un growling cavernoso) prosegue anche nei tre minuti di "Misshapen Abomination", in cui il riffing subisce rallentamenti vertiginosi, prima di ripartire più incazzato che mai. Siamo già al terzo brano, e l'urticante "Sovereign to the Seven Underworlds" ha l'ingrato compito di chiudere un cd che vuole essere l'antipasto (il secondo a dire il vero) per un album di durata più appetitosa. In attesa del full length, lasciatevi investire dalla brutalità degli Engulf, capaci di portarvi sull'orlo del dirupo e spingervi con delicatezza verso il vuoto. (Francesco Scarci)

(Everlasting Spew Records - 2018)
Voto: 65

https://everlastingspewrecords.bandcamp.com/album/gold-and-rust