Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 29 maggio 2016

Gort - Pestiferous Worms Miasma

#PER CHI AMA: Black Old School, Darkthrone, Mayhem
Abbiamo incontrato il buon Wolf recentemente nella recensione dei Terrorfront, lo ritroviamo qui con un'altra band partenopea, i Gort, il cui anno di fondazione cita addirittura 2002. Dopo quasi 15 anni di militanza, il quartetto di Napoli conta 4 demo all'attivo, 3 split album e due full length, tra cui il qui presente 'Pestiferous Worms Miasma', disco di otto pezzi, uscito qualche mese fa per la Lupus Niger. La proposta musicale dei nostri si rifà ad un black metal vecchia scuola, che scomoda per intensità i vecchi grandi del passato, da Darkthrone a soprattutto i primi Bathory e Celtic Frost. Le torrenziali e gelide chitarre di "Black Katharsis", coadiuvate dalle caustiche vocals di Lord Lemory (ex frontman dei Tenebra), ci riportano indietro nel tempo, grazie alle sue ataviche melodie e a quel feeling, tipicamente anni '80, abbracciato dai quattro musicisti campani. Non aspettatevi quindi una certa ricercatezza nei suoni, che a dire il vero spesso risultano scarni nel loro corrosivo incedere. “Old Bleeding Scars” esprime perfettamente quanto detto sinora, anche a fronte dei continui "Uh!" che si concede il vocalist, quasi ad omaggiare il vecchietto T.G. Warrior dei Celtic Frost. Stiamo parlando di musica che incarna i dettami in voga 30 anni fa e che qui viene riproposta nuda e cruda, senza tanti orpelli stilistici, lasciando che sia il solo suono tagliente delle chitarre a suggestionarci, a farci rivivere il mito delle registrazioni nelle foreste norvegesi, la follia dilagante delle chiese incendiate, degli inni a Satana o degli assurdi omicidi che falcidiavano la scena scandinava. Nel frattempo le song avanzano minacciose, turpi e sporche nella loro fangosa proposizione, sfoggiando rallentamenti al limite del doom nella mefitica "I Am Thy End", che vanta peraltro un bel basso posto in primo piano a guidare le belligeranti ritmiche dei Gort. Tracce di melodia si scorgono nell'incipit di "The Macabre Show of Life" prima che la furia guerriera divampi nelle linee impetuose di chitarra/batteria e basso, sorrette dalle sempre animalesche scream vocals di Lord Lemory, in quella che trovo essere la traccia più epica e battagliera dei Gort. Si prosegue verso la seconda metà dell'album e non c'è troppo spazio per variazioni al tema, sebbene "The Misanthrope" sveli un'epica voce che mi ha rievocato 'Vinterskugge' degli Isengard, un'altra delle diaboliche creature di Fenriz. Il sound della band italica continua con i suoi rimandi alla tradizione black scandinava, citando l'epicità degli Enslaved di 'Vikingligr Veldi', le sfuriate a la Mayhem, i tenebrosi richiami agli Emperor, il folklore dei Satyricon di 'Dark Medieval Times', l'ardore degli Ancient, senza dimenticare la crudezza dei Darkthrone o dei primissimi vagiti di Quorthon. Se vogliamo aggiungere poi che la band fa l'uso dell'italiano in "Odium Vincit Omnia", è facile accostare i Gort anche agli Aborym di 'Kali Yuga Bizarre'. Per farla breve, 'Pestiferous Worms Miasma' è raccomandato a tutti i nostalgici del black old school, ma anche a coloro, che per la prima volta, vogliono assaporare l'emozionalità di un genere che ha segnato il corso della storia nella nostra musica. (Francesco Scarci)

(Lupus Niger - 2016)
Voto: 70

The Pit Tips

Francesco Scarci

Fallujah - Dreamless
Novembre - Ursa
Convulse - Cycle of Revenge

---
Kent

Zoviet France - A Flock Of Rotations
Культура курения - Некрофилия
Psychonaut 4 - Have A Nice Trip

---
Don Anelli

Decrepit Soul - The Coming of War
The King Must Die - Murder All Doubt
Wormed - Krighsu

---
Matteo Baldi

Converge - All We Love We Leave Behind
Cult of luna - Somewhere Along the Highway
Radiohead - A Moon Shaped Pool

sabato 28 maggio 2016

Scolopendra - Cycles

#FOR FANS OF: Death/Thrash, Legion of the Dead, Slaughterra
After several years between releases, French thrash/death metal group Scolopendra finally unleashes their debut offering, and manages to contain enough quality points to be a viable entry in the style moving forward. Basically making the whole affair a tight, crunchy thrash attack with the scattered deathly riff-work and vocals, this here is a lively affair full of dynamic rhythm changes and wholesale tempo shifts. The riffing here is capable of deftly maneuvering through these shifts with great ease, either at a generous mid-tempo gallop littered with steady, simple drumming, swirling thrash rhythms rattling along at a fine heavy charge or just bursting into full-throttle paces that explode with tight energy and frantic rhythms that allow their death metal roots the most opportunity to shine nicely here. Those are where the band really gets quite a lot of mileage out of this one, and showcase the most promise overall with their style generating it’s best work overall, though the fact that it gets quite so many chances is another story here since there’s a few too many tracks featured which manage to come off a little too bloated despite a shorter running time than expected here due to the shorter tracks on the second half which really comes into making this one quite so troubling. Beyond this though, there’s not a whole lot really working against it as the tracks here come off rather nicely. Instrumental intro ‘Dream Sequences’ takes a series of industrial noise riffing droning on into proper first track ‘Purity’ as the tight, crunchy riff-work and thrashy drumming work through a series of intense patterns with the razor-wire riffing working nicely alongside the furious drumming as the mid-section delves into a series of meandering melodic rhythms that charges back into the frantic blasting in the final half for a strong opener. ‘Awake Nightmare’ gradually works from light trinkling riffing that turns into a strong series of raging rhythms fueled by more frantic, full-throttled riff-work and pounding drumming that keeps building into the rather loose, bouncy rhythms rattling along through the finale for another rather strong and enjoyable effort. ‘Spartan Killer Instinct’ features tight, crunchy mid-tempo riff-work that explodes into utterly frantic and blasting patterns with plenty of charging up-tempo riffing bringing along the intense swirling riffing along throughout the solo section and bringing the stuttering, crunchy rhythms thrashing into the final half for an enjoyable and dynamic highlight. ‘Morbid Psychosis’ is another industrial noise collage offering a lead-in for next track ‘Mental Torture’ features swirling droning riff-work with plenty of plodding rhythms that carry on at a straightforward, simplistic chugging series of rhythms with hard-hitting-yet-simple drumming that picks up some energetic patterns driving along into the frantic final half for a decent enough if overall bland offering. ‘Psychic Paralysis’ features ravenous razor-wire riffing and plenty of blasting up-tempo drumming that settles on a frantic, up-tempo pace with a series of tight chugging riff-work alongside the more thunderous and savage pounding drumming that works through the tight finale for another rather blistering highlight. ‘End of Tunnels’ uses the sampled speech and chaotic noise to lead into next track ‘Pinhole of Diffraction’ as the savage swirling riffwork and pounding drumming burst through the chaotic opening before settling on a bouncy, mid-tempo paces with stuttering rhythms and pounding drumming that soon builds to a frantic finale for another strong effort. Bleeding through into follow-up ‘Pinhole of Diffraction (Part 2)’ with swirling stuttering rhythms with savage drumming taking the furious paces and tight riff-work alongside the savage, unrelenting drum-work that thumps along to rather enjoyable, bouncy patterns that work throughout the enjoyable finale for another rather enjoyable effort. ‘Psychotic Mass Murderer’ gradually fades into a thumping mid-tempo chug with plodding drumming and tight, stylish riffing with a light, sluggish rhythm holding loose swirling riffing into a mindless repetitive series of riffing throughout the final half for an overlong, unneeded and overall bland offering that doesn’t really belong here. Finally, album-closer ‘Soul Dissolution’ features distorted industrial noises and squealing effects driving into the classical piano notes alongside the deep droning sounds leading into the finale for another dull offering that really leaves this on a doubly bad impression. Still, there’s a lot more to like here that makes this enjoyable enough. (Don Anelli)

(Dooweet Records - 2016)
Score: 80

giovedì 26 maggio 2016

Ancst - Moloch/In Turmoil

#PER CHI AMA: Black/Hardcore/Crust
Con mia sorpresa, dopo aver infilato il full length di debutto degli Ancst (all'attivo però anche una distesa infinita di split ed EP) nel mio lettore, convinto di trovare le dieci tracce di 'Moloch', me ne sono ritrovate invece 23, perchè incluse nella mia versione, ci sono anche le 13 della compilation del 2013, 'In Turmoil'. E allora prepariamoci insieme a una scorpacciata di musica feroce, dritta in your face, che sfiora gli 80 minuti di musica. Un avvicendamento costante di brevissime song che oscillano tra i tre e quattro minuti di durata e che scorrono veloci, dipanandosi tra black, crust e hardcore. Si parte con la ferrea title track che apre il cd e mette in chiaro la sostanza dell'album: ritmiche killer, vocals graffianti in pieno stile hardcore, scorribande black, mini assoli e un discreto groove ad ammantare l'intera release. Questi gli ingredienti dell'intenso lavoro dei berlinesi Ancst (termine utilizzato per indicare il sentimento primario della paura). "Behold Thy Servant" ha un approccio più mid-tempo, ma non temete perchè la tempesta metallica ben presto si accanirà sulle vostre teste, soprattutto nella successiva "The Skys of Our Infancy", il cui incipit è di derivazione palesemente post black per poi mantenere, nel suo incedere sprezzante, una velata malinconia di fondo che la eleva immediatamente a mia song preferita dell'esteso lotto. Si torna a correre come assatanati con "In Decline", song micidiale e furibonda nella sua isterica cavalcata. Finalmente un attimo di pace, grazie al prologo più rilassato di "Strife", traccia che dischiude almeno inizialmente, derive post metal fin qui tenute celate; ovviamente il treno impazzito guidato dal quintetto teutonico riprende il suo turbinio sonoro tra violente accelerazioni (ove il suono della batteria non mi fa troppo impazzire) e momenti più compassati, su cui si stagliano le corrosive e arcigne vocals di Terston Bellafonte. Le scudisciate sonore dell'ensemble germanico persistono senza sosta alcuna anche con le successive "Devouring Glass", "Turning Point" e "Human Hive", presentando un sound ancor più infame e selvaggio, ideale per vomitare tutto il proprio dissapore per la società, relegando la melodia a puri sprazzi di spoken words e brevissimi bridge. L'irruenza dei nostri prosegue sugli stessi binari anche con "No More Words" prima che l'apocalittica "Lys" lasci intravedere antri ancor più bui in seno alla band. Esaurito l'olocausto sonoro di 'Moloch', ci addentriamo, un po' più superficialmente, nella compilation 'In Turmoil', che racchiude pezzi sparsi qua e là nell'estesa discografia dell'act di Berlino. Si parte con le spettrali atmosfere di "Ascetic", che mostrano un approccio più meditativo a cavallo tra black e post hardcore. Ovviamente è sempre meglio non lasciarsi traviare da simili manifestazioni, visto che con "Entropie" si torna a pestare sulla tavoletta con delle più consone cavalcate per i nostri, spezzate questa volta da inediti, almeno per il sottoscritto, break acustici, al limite del post rock, che mi fanno sobbalzare dalla sedia. Si picchia con crudeltà, non temete e un'altra folta schiera di tracce, mostrano tutta la veemenza di cui sono dotati questi ragazzi. Tuttavia non mancano le sorprese: l'inizio "cibernetico" di "The Faceless" ne è un esempio, cosi come il crust punk di "Patterns & Dreamers", le asfissianti ritmiche di "Seasons of Separation", il break di "Conditio Humana", la noisy "Howl", o l'intrigante finale affidato all'oscura "Peripheral", a dimostrare le varie facce della stessa medaglia rappresentata da questi baldi giovanotti tedeschi. Un lavoro sfiancante che ha evidenziato un sound molto più vario nella compilation datata 2013 a fronte di un disco più diretto, senza tanti fronzoli, qual è 'Moloch'. Laceranti! (Francesco Scarci)

martedì 24 maggio 2016

Drakwald - Riven Earth

#PER CHI AMA: Folk Death, Ensiferum
Amanti di Korpiklaani ed Ensiferum fatevi sotto e godete anche voi della proposta dei francesi (si avete letto bene) Drakwald. 'Riven Earth' è il secondo disco della band di Tours che sorprende per la proposta di death pagano che strizza clamorosamente l'occhiolino alle band finlandesi sopra citate (a cui aggiungerei anche un che di Amon Amarth e Dark Tranquillity), ma soprattutto agli svizzeri Eluveitie. Si, perchè nella opener "Doomsday Argument" a far capolino, oltre al sapiente death melodico dei nostri, ci sono le cornamuse di Bertrand Renaud. La musica del quintetto transalpino è decisamente dinamico, con essenziali melodiche linee di chitarra che s'intrecciano con il sound inconfondibile della cornamusa, oltre all'utilizzo di flauti folklorici che inquadrano (e limitano) senza via di scampo, la proposta del quintetto. La musica dei Drakwald si muove quindi tra liriche fantasy, accelerazioni tipicamente death/thrash (il riffing serrato di "Chasm of Ignorance" ne è un esempio), contraddistinte dall'utilizzo di efficaci growling vocals (e spauracchi scream) a cura di Thibaud Destouches, aperture melodiche, epici cori ("Blood and Glory") e brevi assoli (date un ascolto a "Primal Dawn" o ancor meglio a "Never Rising Sun") a cui dovrete aggiungere tutto l'armamentario sonoro prodotto dagli strumenti a fiato, che alla lunga però finiscono di sfiancare, almeno il sottoscritto. Tra le altre tracce segnalerei "Despair of the Last Men", per quella sua capacità di combinare lo swedish death con un uso più personale della ormai famigerata zampogna, mischiando appunto la veemenza del death metal con la melodia della componente popolare, in un disco che peccherà alla fine solo la sua monoliticità sul versante folk. Gli amanti del genere avranno invece di che rallegrarsi nel sapere che una nuova realtà popola il sottobosco del melodic death folk metal. (Francesco Scarci)

(Self - 2016)
Voto: 65

https://www.facebook.com/Drakwald

lunedì 23 maggio 2016

Wyrding - S/t

#PER CHI AMA: Ethereal Funeral Doom, Decoryah
Più di vent'anni fa, venni ammaliato dalla musica di una band finlandese, autrice di due splendidi album e due EP; dopo il 1997 se ne persero ahimè definitivamente le tracce. Sto parlando dei Decoryah, un quartetto dedito ad un doom etereo, la cui impronta sonora ho ritrovato quando, per la prima volta, ho ascoltato l'album omonimo dei Wyrding. Non è il solito funeral doom quello che scorre nelle tracce di questo disco omonimo, c'è quasi qualcosa di ultraterreno che permea le song del quintetto del Wisconsin. Si percepisce nelle soavi melodie della opening track, "Poltergeist", cosi intrise di straziante malinconia, che lascia però intravedere un filo di speranza. La musica dei nostri è lenta, vibrante e solenne grazie ad un certo approccio corale che mette quasi in soggezione, come se stessimo entrando in chiesa e ci costringessimo al silenzio per non offendere chi è in preghiera. Tuttavia, lo psicotico video disponibile sul sito bandcamp dell'ensemble statunitense, non rende giustizia alle mie parole, dal momento che rischia di inquadrare erroneamente il quintetto come una black metal band. Per fortuna, ci pensa la poesia di "Longin's End" a palesare le qualità assolute dei Wyrding attraverso dilatati suoni doom e ispirate atmosfere decadenti. C'è gran poco nella musica dei Wyrding di quella matrice funeral che siamo soliti recensire su queste stesse pagine. I brani dei cinque di Antigo seguono la spiccata umoralità della band, senza seguire le regole definite impartite dal genere. La sensazione è, ascoltando la seguente "False Concept of Voyage" e in generale tutte le tracce ivi contenute, che i nostri si muovano senza schemi predefiniti, lasciandosi puramente guidare dall'istinto, da una emotività tangibile che qui fluisce tra anfratti oscuri in cui si insinuano le splendide e lamentose vocals di Troy, le suggestive linee di chitarra di Kyle e le introspettive keys di Bret (che si diletta anche nell'uso dell'organo), in un ritualistico lavoro senza tempo che trova la massima espressione in qualche assolo di chitarra (penso a "Ahold A Wren") che mi lascia senza fiato. Drammatici, eleganti e deprimenti, è difficile trovare aspetti ottimistici in un lavoro dai simili connotati; forse solo l'inedito artwork bianco, potrebbe smuovere pensieri positivi in un tale contesto liturgico, come il devastante strazio interiore che captiamo durante l'ascolto di "Impression II". Quello dei Wyrding è un album bellissimo, che implica un ascolto impegnato e impegnativo: in "Agony In Being I" ad esempio, collidono con il funeral semiacustico della band, altri due generi cosi diversi tra loro, il noise e il neofolk, in una traccia sicuramente più sperimentale, ma che innalza ulteriormente il livello di difficoltà nell'approcciare questo disco, lasciandoci in balia della conclusiva "Agony In Being II". Si tratta del pezzo più lungo del lp, e quello certamente più oscuro (non fosse altro per l'utilizzo del growling) sebbene interamente acustico, le cui ambientazioni dark doom raggiungono qui massimi livelli di delirante follia, in grado di condurci nell'abisso più profondo della coscienza umana. Incredibili, davvero! (Francesco Scarci)

(Small Doses - 2015)
Voto: 85

http://wyrdingtheband.com/releases

domenica 22 maggio 2016

Soundscapism Inc. - S/t

#PER CHI AMA: Post Rock Acustico
Soundscapism Inc. è il progetto solista di Bruno A., ex membro dei portoghesi Vertigo Steps, un duo che aveva riscosso un discreto successo nella scena ambient-prog rock un paio di anni fa. Sulla falsariga del precedente lavoro, l'instancabile polistrumentista lusitano ha deciso di alimentare la sua inesauribile fiamma per la musica ambient/post-rock dando alla luce questo piacevole ed affascinante album. Il tutto è contenuto in un semplice jewel case dai colori tenui, dove in copertina si staglia l'immagine di una inquietante bambola rotta da cui escono degli alberi, una simbologia semplice ma forte allo stesso tempo. Le nove tracce sono la prefetta colonna sonora di un film onirico e surreale, come se Lars von Trier gli avesse commissionato l'intera produzione musicale di un suo film che racconta di spazi infiniti, dove cielo e terra sembrano non poter mai toccarsi, o quasi si trattasse di due amanti condannati all'infelicità eterna. La traccia di apertura, "The Breath Of Life And All Things The Sky Looked Upon", ne è l'esempio lampante. L'intro è una semplice armonia di campanelle che sembra uscito da un libro di fiabe e la sua precoce scomparsa viene rimpiazzata da un arpeggio di chitarra carica di riverbero e delay. Il tutto ricrea l'aura ricercata dall'autore, nel frattempo una voce parla (in tedesco mi pare) con un suadente tappeto di sintetizzatori ad arricchirne la trama che diviene via via più corposa, fino alla conclusione improvvisa, lasciandoci inebriati e allo stesso tempo un po' ansiosi per la repentina interruzione. "The Quiet Grand" fa proprie le sonorità tipiche dei The Cure, tra chitarre acustiche di accompagnamento e riff leggeri e melanconici, fino ad un totale di tre sovrapposizioni a riempire completamente lo spettro sonoro di questa traccia, sospesa tra ambient, post-rock e dark/new wave. Alcuni passaggi non sono ben definiti e rischiano di rubare sinergia al brano. Le tastiere fanno da filler e si arrichiscono anche di un leggero pianoforte, giusto per non farci mancare nulla, completando il tutto con la massima cura. "Sommerregen" cambia direzione: infatti è il primo brano dove si vede la collaborazione di un collega di Bruno alla voce, tal Flávio Silva, inoltre subentrano le percussioni, assenti in precedenza. Nota dolente è proprio la gran cassa che apre il brano, la timbrica è un po' troppo marcata per un brano di questa fattura, ma fortunatamente l'entrata degli altri strumenti ne attutisce il tono. Il brano alla fine è piacevole e l'innesto del cantato lo rende più pop, e potrebbe competere senza problemi con la attuale produzione commerciale, anzi, ne alzerebbe anche il livello artistico. Il vocalist cavalca le armonie e ne segue la corrente, si lancia anche in divagazioni alla Bono Vox, e se le può pure permettere visto che tecnicamente regge il confronto. Forse strizza troppo l'occhiolino alle sonorità dei primi album della band irlandese, comunque niente di illegale da segnalare. Il cambio a tre quarti si contamina di country/folk e la batteria (elettronica) ne rovina le atmosfere, questo a dimostrare che la scelta dei suoni è sempre la base di una buona produzione. Peccato per questo pugno nei timpani, davvero. Le altre canzoni si mantengono su un buon livello, anche se a volte la ripetitività negli accompagnamenti in acustico potevano essere sostituiti da altro più originale. Vorrei infine segnalare "Tomorrow´s Yesterdays", song che spicca per una salto notevole in termini di contenuto e atmosfere. Insomma quest'album di debutto è sicuramente da segnalare per gli amanti del genere, ma anche per chi si vuole concedere una pausa da sonorità più impegnative a livello uditivo. Ascoltato con cura si potranno percepire mille sfumature; per il futuro speriamo solo che Bruno cambi approccio per la sezione ritmica, allora sì che potremmo ritenerci soddisfatti. (Michele Montanari)

(Ethereal Sound Works - 2015)
Voto: 70

https://soundscapisminc.bandcamp.com/releases

Fading Waves - Catching the Phantoms

#PER CHI AMA: Post Rock/Post Metal
Da Rostov sul Don ritorna sulle pagine del Pozzo dei Dannati, il mastermind russo che si cela dietro al moniker Fading Waves. Dopo aver recensito positivamente il precedente EP ma soprattutto lo split album con gli Starchitect, riecco la band alle prese con un EP costituito da quattro pezzi usciti dalle sessioni di 'The Sense of Space' (risalenti al biennio 2010-2012), questa volta autoprodotti. Si parte con i riverberi chitarristici di "Zero Point", breve song che prosegue musicalmente quanto fatto in precedenza, enfatizzando qui le partiture più prettamente post rock. La musica continua ad esser guidata da una chitarra collocata in primo piano, con basso e batteria che assolvono al loro compito con una certa eleganza. La voce rimane invece più dietro alle quinte in un'espressione a metà strada tra il growl e l'etereo. Gli arpeggi squisitamente post rock, aprono anche la seconda "Nightmares", brano più complesso da ascoltare, grazie alle sue calde atmosfere autunnali. Ideale per una serata di lettura a lume di candela, la traccia, completamente strumentale, inasprisce la propria ritmica nella seconda metà, tracciando però il sentiero per quello che avverrà in "Distance", dove il sound decadente e malinconico della one man band russa, segue i dettami di gente del calibro di Explosions in the Sky, garantendo otto minuti di commoventi melodie ed esplosioni strumentali. Alexey Maximuk è un ottimo musicista, con idee interessanti, lo scrivevo all'epoca dello split album con gli Starchitect, lo sottoscrivo oggi ascoltando questo EP, peraltro esclusivamente digitale ma che troverete in download gratuito su bandcamp. A chiudere l'EP arriva la sensuale "Spin", la traccia più nervosa tra le quattro, ma anche quella che va alla ricerca di nuove strade di sperimentazione e in cui fa capolino l'angelica voce di Anastasia Aristova. Rimaniamo in attesa di ascoltare nuovo materiale per capire la direzione stilistica intrapresa nel frattempo da Alexey, se dobbiamo attenderci un disco completamente strumentale o se forse il sentiero tracciato dai Katatonia è stato finalmente solcato anche dai Fading Waves. (Francesco Scarci)

(Self - 2016)
Voto: 70

https://fadingwaves.bandcamp.com/

mercoledì 18 maggio 2016

Fight Cloud - We'll Be Alright

#PER CHI AMA: Noise/Math
Richmond (USA) rappresenta la terra natia dei Fight Cloud, l'ensemble di quest'oggi, già attivo dal 2012 e 'We’ll Be Alright' è il loro secondo LP, preceduto da due ottimi EP, 'Simple Structures' e 'Where’s My Shakespeare'. Con i nostri si va fin dentro al DNA, come vedere un seme dall’interno che lentamente si trasforma in un albero immenso. Difficile però inquadrare in modo definito il sound della band della Virginia, a cavallo tra noise, math rock, qualche slancio shoegaze fino a sfiorare il metal. La delicatezza della voce e le linee vocali sognanti si scontrano con le chitarre vetrose, brillanti e al limite della dissonanza, immerse in una ritmica singhiozzante a tratti, e a tratti fluida come il vento che soffia tra i rami freschi di rugiada al mattino. La sensazione di rassicurante speranza permea tutte le tracce, che si lasciano ascoltare senza tanti intoppi o noie, senza lasciare indietro la malinconia ineffabile di un sottobosco umido e avvolto dalla nebbia. I Fight Cloud suonano come un incidente aereo tra Mars Volta e A Perfect Circle, con un risultato finale davvero convincente. Alla prova del play infatti, la band risponde egregiamente con un violento inizio dettato dalle ritmiche del brano “Bath Method”, song intervallata da ambienti spaziali e parti matematicamente incastrate come rovi di spine. La traccia è seguita da “Poppyseed” che con il suo arpeggio compulsivo e schizofrenico esplora zone sconosciute dell’immensa foresta pluviale dalla quale i Fight Cloud sembrano provenire. Imprezioniscono l’opera alcuni interludi strumentali come il laconico “Long Live Zorp” e “A Rare Thing like Neon”. Degna di nota è “The Real Ricky”, dove scrosci di chitarre in palm muting, guidate da una ritmica serrata e tribaleggiante, aprono la strada ad accordi risonanti che sostengono una voce lontana e ancestrale. Non mancano nel brano alcuni passaggi propriamente math, tuttavia ben mascherati nel sound da non risultare, come spesso accade per il genere, frammentati, ma anzi mostrano una certa scorrevolezza pur mantenendo intatta la particolarità dei tempi scombinati e delle ritmiche scritte attraverso funzioni matematiche. Pur essendo un'opera di alto valore, si sente ahimé la mancanza di un brano che spicchi sugli altri, che possa trainare la proposta della band anche alle orecchie più esigenti. Il talento dei quattro giovani è evidente, l’originalità pure, ci sono le potenzialità per arrivare molto in alto. Ad ogni modo, un plauso è dovuto per la capacità di equilibrata commistione tra generi in sè molto diversi che nella musica dei Fight Cloud convivono in placida armonia. Il disco chiude con “Year of the Bold”, che mischia scenari aritmetici e compulsivi con ambienti incantati quasi da fiabe Disney, a riprova ancora una volta dell’estro del quartetto. Questo disco è un’esperienza: immaginate di percorrere un sentiero incontaminato e surreale con la sola compagnia di pioggia, foschia e vegetazione aliena; la meta sembra molto distante e il viaggio assai lungo, ma nessun timore potrà raggiungere il viaggiatore perchè... 'We’ll Be All Right'. (Matteo Baldi)

martedì 17 maggio 2016

Dimlight - The Lost Chapters

#FOR FANS OF: Gothic/Death Metal, Crematory, Atrocity
The third full-length from Greek dark/death metal unit Dimlight offers even more to like here with the bands’ take on symphonically ornate gothic overtones with death metal ferocity. As can be expected here, lush, grandiose keyboards swirl around throughout the majority of the work here which makes for an over-the-top display of orchestral work here from the keyboards being accompanied rather nicely with the operatic vocals being featured. Mixing the striking clean female soaring vocals with the raspy male counterparts may seem like Gothic metal basics but it works here with the slow, pounding rhythms at the forefront of the bands’ other attacks. Coming complete with pounding drumming and the occasional deluge into romantic arrangements within the rest of the music here, it’s all quite fun and dynamic here with this one mostly utilizing the up-tempo work and offering plenty of Gothic-tinged symphonics to put a lot of enjoyable work on display here. The band does tend to fall into minor trouble with the fact that there’s nothing really unique or creative about this kind of symphonically-charged Gothic/Death Metal as it’s pretty basic and by-the-numbers styled work generating all the rather familiar notes here with one-note blistering drumming, up-tempo riffing and orchestral-styled keyboards offering a bombastic symphonic undertone. They’re clearly competent and cohesive enough but not without a lack of identity to really stand out here even if the songs themselves are enjoyable. Instrumental intro ‘The Inception’ features a deep droning noise intro with a spoken-word storytelling set-up that leads into proper first track ‘Spawn of Nemesis’ featuring blistering drumming amidst grand orchestral keyboards charging along into a frantic series of symphonic flurries while keeping the Gothic rhythms at the forefront with the over-the-top keyboards and drumming continue swirling along into the light choppy rhythms throughout the final half for a fun overall effort. ‘Shattered Idols’ uses grandiose symphonics over blazing drumming and tight riff-work carrying along simple rhythms while keeping the over-the-top symphonics buzzing along through the series of thumping patterns with the extended instrumental interlude carrying the symphonics throughout the finale for a dynamic highlight. ‘Invoking the Hunter’ features a dark, haunting swirling series of riffing alongside the sweeping patterns and pounding drumming into a steady mid-tempo attack as the swirling rhythms lift for romantic keyboards and soft riffing that off-sets the quiet energy throughout the final half for a decent enough effort. The instrumental mid-album breather ‘Dark Things of the Desert’ simply uses a brief storyline segue to lead into next track ‘Children of Perdition’ with swirling riff-work and a blistering series of orchestral symphonics alongside utterly raging drumming that soon settles into a mid-tempo series of meandering rhythms and light melodic work carrying through the slight variances in tempos throughout the finale for a solid if unspectacular effort. ‘Torrents of Blood’ takes a swirling operatic intro with the symphonic keyboards leading into blasting drumming and sweeping riff-work leading the tight chugging riff-work and light symphonics plodding along to a slow, sluggish pace with plenty of sweeping orchestral work in the final half for another overall solid-if-unspectacular offering. ‘Fear of Heavens’ uses strong swirling symphonic keyboards alongside blasting drumming with plenty of tight riff-work that flows into a steady mid-tempo series of chugging symphonic patterns with blasting drumming carrying the bombastic keyboards along into the charging symphonic-led finale for a strong and impressive offering. ‘Clash of Immortals’ features light, soft romantic patterns before exploding into furious drumming alongside sweeping majestic symphonic keyboards and light gothic riff-work that deviates nicely between several strong tempos with sweeping orchestral work coming through into the spoken-work final half for an overall fun effort. Lastly, ‘Fields of Carnage’ takes epic symphonic keyboards and haunting melodic notes to gradually build into crushing drumming blasting throughout the sweeping majestic keyboards that turns into driving mid-tempo symphonics with plenty of tight rhythms and ornate symphonic orchestral movements leading throughout the grandiose finale for a solid lasting impression. It’s mostly all about the lack of identity with this one that keeps it down. (Don Anelli)

(Five Starr Records - 2015)
Score: 80

https://www.facebook.com/Dimlighttheband/

Skoll - Of Misty Fire We Are

#PER CHI AMA: Black/Pagan
Mi domando per quale motivo nessuno in Italia abbia dato una chance agli Skoll. Stiamo parlando di una band attiva nell'underground italico da più di vent'anni, fautrice di un black pagano che affonda le proprie radici nella tradizione folklorica nostrana. Che esce però per un'etichetta coreana e qui sta l'anomalia. Ci hanno comunque visto bene gli amici della Fallen Angels Productions a prendere sotto la propria egida l'act piemontese, che nella propria line-up vanta peraltro membri ed ex di Opera IX, Huginn e The True Endless, tanto per citare solo alcuni nomi. Il nuovo 'Of Misty Fire We Are' segue a distanza di tre anni 'Grisera', che ben aveva impressionato per il suo epico viking black. La sensazione con il nuovo disco è quella di immergersi nella desolata brughiera e li attendere, anche se non so cosa esattamente. E l'evocazione della opener "La Luna del Lupo", oltre a richiamarmi per mal celati motivi, 'Il Trono di Spade', è alla fine un epico e malinconico inno alla Luna e al suo essere in totale equilibrio con quanto di naturale stia sotto la sua luce. Il sound è quello di sempre, capace di miscelare un po' tutte le componenti black, pagane e vichinghe che da sempre contraddistinguono la band di M. e soci. "Into the Misty Forest I Go" è una tiratissima traccia di black thrash in cui a mettersi in luce è il martellare incessante del drummer Mayhem e a sorprendere invece una seconda parte dai forti connotati folk, sia a livello musicale che vocale. "Teutoburgo" è la narrazione di una battaglia, tra il fragore delle armi e le urla dei guerrieri, il tutto cantato rigorosamente in italiano (ma non è la sola traccia del disco ad utilizzare il nostro divin linguaggio), in un epico sound che può essere facilmente accostabile a quello degli Spite Extreme Wing. "Exercitus Antiquus" presenta invece un'importante componente atmosferica, fin qui tenuta in secondo piano, ma che qui assolve invece il ruolo predominante nell'economia di un brano che probabilmente per intensità emotiva, incedere doom e per il contenuto delle liriche, si conferma la più oscura del lotto. Non la mia preferita però, rappresentata piuttosto dalla successiva "Misty Mountains", con quel suo sound a metà strada tra Primordial e i Dimmu Borgir di 'Enthrone Darkness Triumphant', in cui la voce di M. si diletta tra l'evocativo e un growl sempre facilmente comprensibile. Arriviamo a "La Tempesta degli Elementi", il penultimo pezzo dei disco e non possiamo che rimanere piacevolmente colpiti dal suo incedere minaccioso, sorretto da sprazzi tastieristici che si contrappongono alle possenti trame ritmiche. A metà brano arriva anche il vento a sferzare con potenza l'aria, riuscendo addirittura a suggestionarmi e indurmi brividi di freddo, prima che il pezzo si infuochi nella sua seconda metà tra decadenti melodie e cupi fraseggi. A chiudere il disco ci pensa la breve ma efficace "Eternal Path" che in pochi minuti riassume l'epica e suggestiva strada imboccata dagli Skoll. Dei pagani! (Francesco Scarci)

(Fallen Angels Productions - 2016)
Voto: 75

https://www.facebook.com/BandSkollIta