Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 4 maggio 2016

Decrepit Soul - The Coming of War

#FOR FANS OF: Black/Death Metal, Abominator, Bestial Warlust
With two albums released back-to-back like these, Aussie war metallers Decrepit Soul could’ve easily burnt themselves out before they started though luckily that is not the case on their second full-length. Like most such groups, this one is predicated around primal, savage-sounding blackened death metal riff-work filled with swirling tremolo rhythms and the occasional mid-tempo atmospheric sprawling section thrown in for the sake of diversity, that all comes from the playbook of the acts typified in the particular genre. The fast rhythms and utterly blasting, filthy drum-work is a dynamic, devastating attack that works really nicely at generating the kind of furious patterns that makes for that wholly fun experience here even with that overly familiar style which is only exacerbated by the main flaw in the overall brevity. This is where the quick turn-around somewhat hurts this as the short running time isn’t really offering the kind of opportunities to explore more here with this one giving it a rather uniform appeal over the short number of tracks. It easily could’ve used some additional tracks to help this one out. The tracks themselves aren’t all that bad. Opener ‘Awaken’ uses a sampled approaching-storm intro that turns into ravenous drumming and blasting, tightly-wound rhythms keeping the frenetic tremolo riffing scalding along through the savage tempo changes as the furious paces gives way to a mid-tempo sprawl leading back into the furious pounding in the final half for an impressive opening effort. ‘Feral Howling Winds’ features rattling tremolo riffing and steady drumming turning into a frantic burst of furious blasting and tight, intense rhythms carrying the swirling rhythms along into ravenous buzzing patterns leading into the swarming riff-work and intense blasting in the final half for a stellar highlight. The title track utilizes frenetic blasting drumming and swirling tremolo riffing into a frantic, intense blast full of blistering up-tempo paces carrying the buzzing tremolo riff-work alongside the blistering drumming as the screeching leads whip through the extended-noise finale for an impressive and dynamic if one-note offering. ‘Perished in Flames’ uses a slow-building intro with plenty of melodic rhythms through a fine mid-tempo buzzing riff-work leading into the tight, furious blasting and swirling tremolo rhythms firing through scalding tempos with frantic leads into the solo section and into the relaxing final half for a solid, enjoyable effort. ‘Piscatorial Death’ takes the storm-cloud intro before gradually coming into the frantic, furious blasting with charging patterns and plenty of swirling tremolo riffing leading along through the sprawling mid-tempo sections filled with the tight rhythms along the finale for another solid track. ‘Black Goats Breath’ uses immediate blasting drumming and steady mid-tempo rhythms running along to the swirling tremolo patterns along the chaotic drumming with the frantic riffing leading through the tight leads with the buzzing patterns holding the intensity throughout the final half for a solid highlight. Lastly, album-closer ‘Storm of Steel’ features an extended melancholic intro with the change-over into tight blasting drumming and furious mid-tempo rhythms holding the tight, frantic patterns along with furious buzzing tremolo riff-work and blasting drumming running through the steady frenetic paces into the extended fade-out finale for an explosive and charging lasting impression. For the most part the songs work, it’s the brevity that holds it back. (Don Anelli)

(Iron Bonehead Productions - 2016)
Score: 80

https://www.facebook.com/decrepitsoul

Bernays Propaganda – Politika

#PER CHI AMA: Synth Wave, New Order
Se non è sempre vero che le difficoltà portano ad un miglioramento, di sicuro fortificano chi le attraversa. Quando un paio d’anni orsono la loro sezione ritmica ha detto addio, i macedoni Bernays Propaganda – già incontrati da queste parti con il loro precedente 'Zabraneta Planeta' – hanno dovuto riflettere sul proprio futuro, meditando se sciogliersi definitivamente o proseguire, e in che modo. Oggi, il loro nuovo album 'Politika' ne sancisce il ritorno con non poche novità, che non si limitano a quelle puramente di formazione. Abbandonate le incandescenti atmosfere post-punk del passato, qui si registra un deciso cambio di rotta verso sonorità decisamente più influenzate dalla synth wave dei primi New Order o Depeche Mode, sterzata stilistica che ricorda in qualche misura quella effettuata dai tedeschi Notwist all’altezza del loro capolavoro 'Neon Golden'. Se all’inizio non si può che rimanere un po’ spiazzati, dopo un po’ il nuovo suono dei Bernays Propaganda finisce per piacere, in virtù di un’atmosfera un po’ più rilassata e meno barricadera. Sulle barricate rimangono invece i testi della band, sempre tesi alla critica della società, tanto a livello locale quanto globale. Peccato solo che il fatto di essere tutti rigorosamente in lingua madre (rinnegata quindi anche la scelta di usare ogni tanto anche l’inglese) finisca per limitare fortemente la fruibilità della loro proposta al di fuori dei confini nazionali. Al di là dell’effetto straniante provocato dalla lingua macedone, è infatti indubbio che brani quali “Armija”, “I Dvete”, “Lazi Me, Lazi Me” risultino fascinosi e accattivanti, anche grazie alla voce di velluto di Kristina Gorovska e alle chitarre di Deni Krstev, che ben si integrano con la matrice elettronica che costituisce l’ossatura di un suono completamente ridisegnato. Se è vero che la dimensione in cui la band si è sempre espressa al meglio è quella live, con questo album la loro musica assume nuove sfumature che sarei curioso di vedere traslate sul palco. In definitiva un disco interessante, che potrebbe aprire una strada nuova per il gruppo, anche se l’ortodossia linguistica potrebbe rappresentare un’ostacolo non indifferente. (Mauro Catena)

Behold! The Monolith - Architects of the Void

#PER CHI AMA: Sludge/Doom
Il vuoto cosmico primordiale, l’assenza di gioia o dolore, la catarsi mistica come in ammirazione di un uragano che con le sue spire distrugge una città in pochi secondi: questo è l’effetto che fa 'Architects of the Void'. Questa è la terza fatica dell’act Californiano edita per Arctic Forest Records e prodotta dal leggendario Billy Anderson, già al mixer per Eyehategod, Neurosis, Melvins e molti altri mostri sacri. L’artwork, curato da Dusty Peterson, rappresenta magnificamente il contenuto dell’opera, un demone guardiano con una spada che osserva la valle infuocata degli inferi, senza paura, perchè nulla lo può scalfire. I Behold! The Monolith sono una band preparata e consapevole delle proprie capacità. A cominciare da Jordan Nalley frontman della band che, con la sua timbrica vocale degna dei peggiori demoni alati, è in grado di ipnotizzare gli astanti e trascenderli in un’esistenza parallela fatta di tenebre e oscurità. Anche gli altri musicisti non sono da meno: alla chitarra Matt Price dispensa bordate di distorsione e cattiveria senza lasciare indietro schizofrenici assoli e parti lead allucinate, perfettamente sostenute dagli imprevedibili colpi di batteria di Chase Manhattan; completa il quadro il profondissimo e ruggente basso di Jason "Cas" Casanova. Chi scrive ha avuto la fortuna di vedere i Behold! in concerto ed una sola parola mi sovviene: monolitici. In sede live viene esattamente riprodotto 'Architects of the Void': già la magnifica intro, “Umbral Vale”, fa capire in che girone dell’inferno siamo capitati, in una traccia sospensiva, che sembra non avere né fine né inizio, ma che è in grado di tracciare un chiaro sentiero nella valle di fuoco che andremo ad attraversare. La sensazione è quella di varcare la soglia di un’antica città aliena, abbandonata da tempo immemore. Il paesaggio è incredibile, nessuno crederà a quanto ho visto e non potrò condividere l’estasi della visione desolata delle rovine, rimarrà un’esperienza esclusivamente mia. La lama del filosofo, la seconda traccia, forse la più emblematica e immediata del disco, libera un’immensa quantità di energia oscura, come se il demone in copertina entrasse in azione ed inizi a vibrare fendenti con la sua spada nera, nulla può fermare la sua avanzata, tutto viene travolto dalla sua furia. L’iniziale ritmo tribaleggiante, accompagnato da immense note di chitarra, si tramuta in una frazione di secondo in un riff compulsivo così grosso da far pensare ad un esercito di fantasmi in groppa a neri cavalli lanciati al galoppo in un’ultima gloriosa carica verso il nemico. Approdiamo a "Mithirdist", un pezzo mistico con ambientazioni a tratti oniriche, a tratti pesantemente ciniche e disilluse. Qui, oltre a godere di una grande prova di Chase alla batteria, vi segnalo una parte tra le mie preferite, ossia quello stacco in blast beat che ritroviamo più volte nella song per cui sembra quasi mandare il tutto fuori tempo ma in realtà è assolutamente perfetta nello scorrere della musica, come se il demone guardiano subisse per la prima volta qualche colpo di arma nemica che lo fa tentennare ma subito reagire con il doppio della potenza. "Lord of Bones" descrive le tormentate distese degli inferi con un incedere iniziale lento e spezzettato per arrivare ad un delirio finale di rara violenza della lunghezza di quasi 4 minuti. Un ultimo respiro si prende con l’intermezzo drone ambient “Black Days of..” per poi arrivare all’immenso finale con i due conclusivi pezzi “Between Oder and the Vistula”, massima espressione di rabbia del disco, e l’imponente title track, un concentrato di creatività, sperimentazione, esalazioni sulfuree e potenza allo stato puro. Ascoltare quest’opera dei Behold! The Monolith è un’esperienza che non lascia indifferenti, la carica di energia che ne deriva è così potente da distruggere qualsiasi ostacolo che la vita può presentare. L’ascoltatore può attingere forza dallo spirito invincibile di quel demone che vigila sull’intera opera, per difendersi dagli attacchi delle forze negative che minacciano la nostra esistenza reale. (Matteo Baldi)

(Arctic Forest Records - 2015)
Voto: 90

https://beholdthemonolith.bandcamp.com/

martedì 3 maggio 2016

Deadly Carnage - Chasm EP

#PER CHI AMA: Shoegaze, Alcest
Ecco un'altra delle band che seguiamo qui nel Pozzo sin dai loro esordi. Sto parlando dei romagnoli Deadly Carnage, che quest'anno per festeggiare il loro decennale di attività, hanno deciso di regalare ai propri fan un EP in formato 7". Due soli brani costituiscono 'Chasm', il cui sound prende chiaramente le distanze dal contenuto del precedente album, 'Manthe', che tanto mi aveva impressionato, per i suoi echi ai primi Katatonia, Primordial o Shining. Qui, la proposta della band riminese è stravolta, visto che le sue sonorità ammiccano ora pesantemente allo shoegaze degli Alcest. E "Night was the End" apre con i suoi riverberi lontani e malinconici, quasi a richiamare un che degli An Autumn for Crippled Children, ma soprattutto la band di Neige e soci, per via di quelle sue melodie eteree e per l'uso delle vocals, qui completamente pulite, seppur assai sofferenti. "Hole of Mirrors" è il side B del disco e anche lo straziante video che vi invito a guardare su youtube: il flusso sonico si fa ancor più decadente e le linee di chitarra si rivelano ancor più disperate nel loro vibrante incedere emotivo, per un suono che nella seconda metà del brano diventa più cupo e deprimente. Non so esattamente se questa sarà la nuova strada che la band nostrana percorrerà nel futuro, però è da apprezzare la sperimentazione che i nostri stanno mettendo in atto nella evoluzione del proprio sound, ora portavoce anche di elementi post rock, post punk e dark. Bella mossa ragazzi! (Francesco Scarci)

domenica 1 maggio 2016

Persona - Elusive Reflections

#PER CHI AMA: Power Symph
Il debut album dei Persona, band attiva dal 2012, ci arriva direttamente dalle desertiche lande della Tunisia. La terra dell'antica e splendente Cartagine non è di certo un ambiente molto battuto dalle band metal, ma anzi decisamente esotico per questa scena musicale. Per questo mi trovo a guardare (e ascoltare) questo disco con un occhio/orecchio piuttosto sorpreso. Questo esordio si apre subito come ci si aspetterebbe: atmosfere orientaleggianti vengono subito evocate grazie al sitar nell'intro e proseguono poi per tutto il pezzo con tempi e ritmiche davvero sahariane. Si nota infatti come “Somebody Else” riesca subito a calarci nella giusta atmosfera, fatta di sogni onirici e miraggi, immagini sfuggenti che ci avvolgono, magari dentro una tenda o intorno ad un fuoco, in un accampamento di Tuareg del deserto. Lo stile dei Persona si identifica come un power solido, con chitarre piene e un sound potente su una doppia cassa aggressiva e onnipresente, anche quando le ritmiche si fanno più blande. Le tastiere si ricavano ampio spazio all'interno dei brani, insistenti ma non eccessive, e vengono spesso coinvolte in sezioni strumentali e ricchi assoli, intrecciandosi con le chitarre. Un buon esempio può essere il brano "Blinded", in cui l'alternanza keys-guitars nella seconda parte del pezzo, apporta un tocco epico davvero suggestivo. A completare il quadro si aggiungono le vocals acute di Jelena Dobric, che perdurano fino alla fine sulle studiate linee melodiche (rafforzate anche da qualche sovrincisione qua e là). Unica eccezione la ritroviamo nell'interessante traccia "Monsters", in cui è presente un passaggio in growl . Brano particolare all'interno dell'album, che si distingue innanzitutto per le sue continue variazioni ritmiche e stilistiche, senza però uscire dal tema e mantenendo la sua solidità e compiutezza. Basti pensare al continuo cambio in ¾ (tanto amato dalla band tunisina) nei ritornelli, o al caratterizzante passaggio centrale che evoca sonorità desertiche ed arabeggianti, prima di passare alla sezione più aggressiva del brano, vicina a sonorità death. Altro punto di forza del pezzo l'ottimo e articolato assolo chitarristico sul finale, a sottolineare ancora una volta le buone doti tecniche dei musicisti. Il pezzo successivo, dai tempi più smorzati ,“He Kills Me More”, si apre con una forte linea di basso, che si rende protagonista fino alla conclusione. Infine, a chiudere questa prima fatica dei Persona, incontriamo la semiballad “The Sea Of Fallen Stars”, rigorosamente in ¾ ed accompagnata dal solito guitar-solo, questa volta più ricercatamente melodico. Dalle solide fondamenta di quest'album i Persona possono cominciare a modellare e rifinire il proprio stile, che per il momento si sofferma sui canoni classici del genere. Buono il livello tecnico della band, che seppur impeccabile nell'esecuzione, manca ancora di quel “guizzo” che sappia far emergere pienamente le proprie qualità. Per ora infatti, la band sembra non voler “osare” particolarmente oltre a questi orizzonti limitati, con l'unica eccezione di alcuni buoni elementi, come i passaggi e le sonorità orientaleggianti, che riescono a conferire una minima caratterizzazione al lavoro dell'ensemble tunisino.(Emanuele "Norum" Marchesoni)

Cyclocosmia - Deadwood

#PER CHI AMA: Gothic Symph., Tristania
I Cyclocosmia sono una band londinese, concepita inizialmente come solo project da James Scott nel 2011, a cui si sono progressivamente uniti altri membri più o meno stabili. In primis Lorena Franceschini, la vocalist venezuelana, entrata in pianta stabile a prestar la propria voce, poi Draven Gray (piano), Pete Hartley (violino) e Sebastian Cure (chitarra), come ospiti, a dare una mano per completare questo debutto. 'Deadwood' è il risultato di anni di lavoro, un disco costituito da 10 lunghe song, influenzate, in ordine sparso, da The Gathering, Lacuna Coil, Tristania, The 3rd and the Mortal e Trail of Tears, tanto per citare qualche nome. Avrete pertanto capito che siamo al cospetto di una band dedita prettamente a una forma di gothic metal, ovviamente grazie alla soave voce di Lorena, che si staglia su un tappeto sinfonico, che ogni tanto ha modo di sprigionare anche una carica di energia e violenza, grazie a backing growling vocals. Dando un occhio alla playlist, vediamo un po' quali sono le song che più mi hanno colpito: sicuramente la opener "Marionette", che traccia subito la direzione sinfonica dell'act inglese, la cui pomposità iniziale (quasi un tributo ai Dimmu Borgir), mi aveva quasi ingannato. La voce di Lorena prende infatti il sopravvento, ricordandomi per timbrica Anneke van Giersbergen, pertanto emozionandomi non poco, mentre il buon James ogni tanto piazza i suoi possenti growl, in una traccia che poteva stare tranquillamente in uno qualsiasi dei dischi dei Tristania. "Wither", per la sua vena malinconica, invece mi ha fatto ripensare a 'Tears Laid in Earth' dei The 3rd and the Mortal, con i vocalizzi di Lorena che ricalcano, se mi consentite il paragone, quelli magici di Kari Rueslåtten. La ninna nanna "Ubasute", sebbene la magia del violino, non mi convince per tre quarti, almeno fino a quando la ritmica non pigia sull'acceleratore, rendendo la song decisamente più viva. Una chitarra acustica accompagna la voce della brava cantante sudamericana in "Season of Regret", ma è la parte solistica a sorprendermi questa volta con un bel tracciante scaturito dalla 6-corde di James. "Little Girl Lost" è una lunga traccia di oltre nove minuti, in cui la costruzione del brano presenta costantemente una prima parte assai mansueta, in cui regina è la bella voce di Lorena, a cui segue, nella seconda metà, un irrobustimento nel sound del combo albionico, le cui linee di chitarra confermano sempre una spiccata dose di malinconia. La seconda metà del disco è a mio avviso un po' più deboluccia: interessante la nostalgica "...Y Dolor En la Tierra", anche se troppo melliflua per i miei gusti. La forte vena malinconica è però presente in tutto il disco, legato verosimilmente alla perdita della madre di James nel 2015 e forte è questa emozione nella drammatica "Aftermath". Insomma, 'Deadwood' alla fine è un buon debutto, seppur parecchio derivativo e a più riprese richiami questa o quell'altra band, d'altro canto, il gothic non è certo un genere nato oggi, ma che in oltre 30 anni di onorata carriera, ha partorito davvero pietre miliari della musica rock. (Francesco Scarci)

Aes Dana feat. Miktek – Far & Off

#PER CHI AMA: Trance/Ambient
Vincent Villuis e Michalis Alkaterinis, in arte Aes Dana & Miktek, hanno confezionato in questo inizio di 2016, e via Ultimae Records quest'ottimo album, ispirato ed evoluto, sia sotto l'aspetto compositivo che a livello emozionale. Ho apprezzato molto lo spesso booklet interno, costellato di belle foto, dentro al quale troviamo una lunga prefazione all'album, dove Vincent scrive “... rimuovere me stesso dalla turbolenza in corso e puramente svanire...” riferendosi alla vita frenetica e alla sua dannosità, alla volontà di fuga che esiste in ognuno di noi, una emozione/sensazione che spesso, per molteplici motivi, dobbiamo sopprimere, abbandonare, rifiutare e alla fine finiamo per soccombere alla frenesia del tempo moderno. Detto questo, le premesse sono ottime per un ascolto intenso, liberatorio, frutto di un lungo periodo di isolamento e ricerca a contatto della natura, con elementi naturali, come si può ben notare dalle foto. Il sound è ultra moderno, figlio della trance più sofisticata, astratta e riflessiva, completata da ritmiche frastagliate, nude, un drum'n bass scarnificato, minimale, criptico. Una forma cinematica che trasporta, un confine labile tra malinconia, tristezza, realizzazione e orgoglio, la fatica di vedersi liberi, umani in un mondo (forse non più) umano. Questo è ciò che trasmette nel suo insieme 'Far & Off', un disco animato da composizioni nuove e brani usciti anche in vinile come "Cut", traccia fantastica che rievoca atmosfere care a David Lynch, sospesa tra realtà irreale e fuga da brivido attraverso il sogno, e che insieme ad "Alkaline", "The Unexpected Hours", forma una cortina fumogena contro la forza annientatrice di questa vita moderna, contro l'annullamento dei nostri reali desideri più intimi. Trance dal taglio gelido, dub destrutturato, elettronica minimal, peculiare ambient music super tecnologica (la versione digitale su bandcamp è disponibile a 24bits), shoegaze cristallino ed effimero, rumore bianco, drone music, un pizzico di Alva Noto e Fennesz. Il brano "Small Thing Matter" sembra un outtake di 'Quique' (1993) dei Seefeel risuonato con tecniche hi-fi di ultima generazione per un ascolto inebriante, rigenerante. Un lavoro notevole di grande sforzo compositivo, sentito e appassionato, coinvolgente che trasferisce notevole intensità al suo ascolto. Un inchino agli autori, lo meritano davvero! (Bob Stoner)

(Ultimae Records - 2016)
Voto: 90

https://ultimae.bandcamp.com/album/far-off-2

Musicformessier - The Pleiades

#PER CHI AMA: Ambient/Post Rock
È una notte fatta di luna che si accontenta del suo ponente. È una notte rotta dal sussurro del vento. È un buio che si fregia del satellite sempre vivo in un imbrunire primaverile. È una premessa che giunta l'ora, sposta l'attenzione sugli ungheresi Musicformessier (inequivocabile il tributo all'astronomo francese Charles Messier, anche per quanto riguarda i titoli dei brani che richiamano i nomi delle stelle che compongono l'ammasso stellare delle Pleiadi). Non vi chiedo alcuna cordata d'insieme. Piuttosto vi invito a disgregare i vostri ascolti condivisi. Ora. Se avrete ascoltato il mio consiglio, sarete pronti a salire su questo velivolo spaziale. L'intro siderale è affidato a "Pleione". La seconda traccia suona come miele che cola su pane caldo nero tostato. "Maia". Dopo avere mangiato, preparatevi a sentire i vostri sensi scossi in una centrifuga di arancia, limone, zenzero e disinteresse. Lasciate che la musica faccia da padrone. Mentre siete ancora predati dalle nuvole agrumate, lasciatevi trasformare in ritmo ripetuto e ipnotico. "Elettra". Occhi serrati. Sensi all'erta e graffi acustici. Il trapasso non è così lontano. "Merope" è vitale, suonata con dita che si sentono scorrere sul metallo della chitarra, è carnale senza chiedere piacere. Diversa è invece l'impronta di "Atlas". Subliminale. Secca. Virtuosa. Pretenziosa. Per lasciare alla vita gli intenti, aspetto "Taygeta", "Alcyone" e "Celeano". Tre pezzi, tre. Suadenti. Graffianti l'estro subliminale dell'anima. Intensamente strumentali. 'The Pleiades' chiude con il duo costituito dal post rock di "Asterope" e dall'enigmatica "Pleiadians". L'ultimo brano, ove le note di speranza sono ormai assenti. Chiudo gli occhi. Apro l'anima. Abbandono la terra. Lievito. Sublimo la musica trasformandola in suoni puri. Chiudo l'album senza accorgermi che ho veleggiato tra ossigeno e suono, immersa in un oblioso ambient celestiale che mai mi ha fatto pensare. Voto? Il più alto! (Silvia Comencini)

(UAE Records - 2015)
Voto: 90

venerdì 29 aprile 2016

Rince-Doigt – Plinth

#PER CHI AMA: Math/Indie Rock
Ep d’esordio per questo trio belga, che si muove in maniera piuttosto interessante tra spire math e post-rock, con una freschezza davvero difficile da trovare anche nei lavori di formazioni ben più scafate. Folgorati sulla via del DIY, i tre ragazzi di Bruxelles giungono a questa pubblicazion dopo aver condiviso il palco con altre band più o meno balsonate come Mutiny on Bounty o Delta Sleep. Tutte rigorsamente strumentali, queste sei tracce si muovono agili nel minutaggio, frizzanti nella costruzione e dimostrano idee valide e buone capacità di realizzarle. La formazione classicissima chitarra-basso-batteria va dritta al sodo, spogliata di qualsiasi orpello o lungaggine, dimostra di conoscere bene il linguaggio indie, e mentre flirta da lontano con il math senza concedere nulla a inutili tecnicismi, cede alle lusinghe del miglior rock strumentale, con un suono asciutto e nervoso. Sostanza più che forma, quello che colpisce, come è giusto che sia, è la struttura dei brani più che il loro impatto sonoro. Non si cercano soluzioni ad effetto o distorsioni esasperate, ma il risultato si raggiunge attraverso una qualità compositiva magari acerba ma già evidente. È sempre un buon segno quando, mettendo assieme pochi elementi semplici quali ritmiche sincopate, chitarre pensanti e linee di basso precise, si riescono ad ottenere brani piacevoli e freschi come "Latéral Coup" ed "Pied o Dinosaurs". Sia quando fanno il verso al math piú tecnico ("Giboulée de Cobras"), sia quando si rivolgono all’indie americano ("No-Win Situation"), i Rince-Doigt lo fanno con gusto, ironia e una levità di tocco che ispira simpatia. Quello che manca, ancora, è un po’ di spessore e profondità in più. Qualcosa che renda i pezzi memorabili e non solo piacevoli. Ma i tre giovani belgi hanno tutto il tempo per crescere anche sotto questo aspetto. (Mauro Catena)

Khasm - Fenris

#PER CHI AMA: Hardcore/Thrash Old School, primi Entombed
Diavolo, dodici miseri minuti di musica mi fanno girare le palle e non poco. Tanto dura infatti 'Fenris', EP di debutto dei transalpini Khasm. I quattro energumeni di Colmar ci sparano in faccia la loro mistura fatta di thrash old school e hardcore, sintetizzata al massimo nelle quattro tracce ivi contenute. I motori si accendono con il basso pulsante della title track e vanno a scaldarsi con le chitarre di supporto. Un grido, in stile primi Entombed, e si inizia con il sound sporco dei nostri che scomoda proprio l'ingrombrante figura della band svedese come principale fonte di influenza. Il drumming va giù dritto che è un piacere, picchiando come un forsennato. Avrete modo di apprezzarlo soprattutto nella successiva "No More Justice", dove un fabbro a confronto vi sembrerà un pivello. La svolta inaspettata sta però in un break mid-tempo che inchioda il rmartellante incedere dei nostri, ma che riprenderà da li a breve, con ritmiche dirette, semplici, senza fronzoli e che nulla hanno da chiedere a nessuno. Qui troverete solo l'essenza di un certo death/thrash anni '80-90 che avrà modo di iniziarvi ad un pogo feroce, da cui probabilmente farete fatica ad uscirne vivi. Spettrale è invece la terza "Nightwatch", song che vede la presenza come guest star, di Per Nilsson, ascia degli Scar Symmetry che qui si concede per un assolo chitarristico tagliente come la lama di un rasoio, mentre i nostri continuano imperterriti a schiumare rabbia e produrre riffoni di scuola primi Entombed, mentre le liriche evocano 'Il Trono di Spade' e l'inverno che incombe ("Winter is Coming" nel chorus). Siamo già ai titoli di coda con "Turmoil" (il cui chorus inequivocabile, continuerà a ricordarvi il titolo della song), l'ultima traccia che si assesta sui due minuti e mezzo di suoni e che ha modo di scomodare anche gli Slayer di 'Season in the Abyss', vi sembra poco? In attesa di ascoltare il full length, non posso altro che dire che le premesse sembrano davvero buone. (Francesco Scarci)

giovedì 28 aprile 2016

Steal the Universe - Ascend

#PER CHI AMA: Metalcore/Djent, Meshuggah, Tesseract
La Francia è diventata ormai un paradiso musicale. Da Dijon giungono oggi i metalcorers Steal the Universe con il loro debut EP, 'Ascend'. Il genere come avrete già capito è all'insegna di un metalcore stracarico di groove in ogni sua singola nota. Si parte alla grande con le ritmiche sincopate di "Breather", song che oltre ad avere il classico piglio ruffiano, trademark del genere, ha modo di sciorinare un breve ma efficace assolo di stampo heavy metal, per poi continuare ad attaccare con sonorità arrembanti, stop'n go, ritmiche serrate, frangenti acustici e growls accattivanti, tutto nell'arco di soli quattro minuti, un lampo se pensate al minutaggio di per sè, un'eternità per le innumerevoli evoluzioni che scorreranno nelle vostre orecchie. "Eternal" è l'atto secondo: le linee di chitarra sono ultra melodiche e costantemente in evoluzione tra cambi di tempo improvvisi, aperture classiche, vocioni e riff pestanti, il tutto sempre catalizzato da una elevata vena melodica e condensato in pochi spiccioli di minuti, tre e mezzo in questo caso. Anche qui l'assolo è da urlo. C'è più cupezza nelle note di "Illusions", song che continua sulla linea delle precedenti, strizzando l'occhiolino inevitabilmente a destra ai Meshuggah e a manca ai Tesseract, per i suoi poliritmici traccianti chitarristici. Quello che continua a stupirmi, oltre a una certa preparazione tecnica, è la fase solistica dell'ensemble transalpino con melodie che si piantano nella testa e non si scollano più, cosi come quella melodia iper ruffiana della successiva "Lonely". Sia ben chiaro che gli Steal the Universe non sono degli sfigati musicisti che suonano canzoncine per quindicenni, nelle note di 'Ascend' c'è davvero buona musica, magari la giudicherete derivativa, ma di idee ce ne sono parecchie e da sviluppare ulteriormente nell'immediato futuro. "Daylight" è roboante nel suo ingresso, con debordate ritmiche che martelleranno non poco lungo tutta la schizofrenica traccia, in cui a confermarsi sopra la media sono però questa volta gli ottimi vocalizzi di Benjamin Doussot. L'ultima "Introspection", come suggerisce anche il titolo, ha una vena più introspettiva, meditativa, quasi malinconica, pur mantenendo inalterato lo stile dei nostri e suggellando il tutto con un altro sorprendente assolo. Magari c'è da rivedere ancora qualcosa (forse il vocalist è troppo incalzante), ma se il buongiorno si vede dal mattino, gli Steal the Universe si trovano sulla strada giusta. (Francesco Scarci)

mercoledì 27 aprile 2016

Un Giorno Di Ordinaria Follia - Rocknado

#PER CHI AMA: Rock/Blues/Stoner
Oggi parliamo di un quintetto che fa tremare il padovano già da qualche anno, gli Un Giorno Di Ordinaria Follia (UGDOF) che giungono alla seconda autoproduzione (la prima risale infatti al 2012). Il gruppo nel suo moniker omaggia chiaramente il film ben interpretato da Michael Douglas nel 1993, assumendone appunto il nome e portando sul palco un look ad esso inspirato, anche se li dovremmo bacchettare perchè si limitano al completo da impiegato e alla mazza da baseball, quando un bel bazooka farebbe la sua sporca figura. La band brucia del sacro fuoco del rock e come la tradizione vuole, lo vive al 100%, dalla sala prove alla vita di tutti i giorni. Il digipack di 'Rocknado' è ben fatto, la grafica è in stile fumetto ed prende esempio dal grande Frank Miller e in particolare dal suo capolavoro 'Sin City'. Un investimento che appaga anche la parte visiva e tattile della musica. Al suo interno troviamo sette brani che gocciolano puro rock mischiato a blues, grunge e pure qualche rimembranza stoner, ossia tutto il bagaglio musicale che l'allegra combriccola ha maturato negli anni. L'album parte in gran carriera con "Polar", una rocambolesca cavalcata rock fatta di batteria che scalcia come un toro rinchiuso, basso che trasuda palpitazioni sub soniche e chitarre che si divertono come bambini in un negozio di dolci. I riff si susseguono in rapida sequenza come un tornado che si abbatte su una città inerme e rassegnata all'accidia, mentre gli assoli potrebbero risvegliare attitudini sexy anche nel novantenne più assopito. Il cantato è rigorosamente in italiano ed il timbro del vocalist è maturo, quello di uno che qualche palco se l'è sudato e non rifiuta uno o due shot di buon doppio malto. Nonostante la band abbia una palese attitudine ironica e goliardica, i testi affrontano anche temi sociali ed esistenziali, questo per insegnare che il rock e la musica in genere, sono sempre un buon strumento per far passare dei concetti importati senza banalizzarli. "The Fonz" è il singolo a cui la band ha dedicato un video continuando con i riferimenti cinematografici/televisivi, in questo caso viene preso in causa il meccanico dal giubbotto in pelle e pollice all'insù più famoso al mondo. Anche qui le ritmiche sono dritte e coinvolgenti, senza bisogno di artifici strani per far si che il piede inizi a battere il tempo in maniera autonoma. I due chitarristi srotolano una miriade di note e riff che fanno passare i centocinquanta secondi di canzone in un attimo. "Cotton Club" piace invece per le grosse influenze blues e soul, un mix di nostalgia e rabbia in cui viene chiesto in continuazione all'interlocutore di trovare qualcosa di più profondo oltre alle lenti degli occhiali indossati dal protagonista. Le scariche di chitarra distorta in contrapposizione alla linea tranquilla di voce-batteria-basso, rappresentano la perfetta metafora dell'irrequietudine che alberga dietro l'apparente calma di una persona qualunque che incrociamo ogni giorno. Un brano meno facile, che mostra il lato più inquieto del quintetto padovano, quello oltre l'inesauribile energia, dove si nascondono le profonde ferite accumulate negli anni. Un bell'album 'Rocknado', di puro rock con le giuste influenze, fatto da persone che hanno lasciato la sperimentazione ad altri e si dannano per fare al meglio la musica che hanno ascoltato e vissuto negli anni. Il valore aggiunto è che gli UGDOF si impegnano a mettere in piedi uno spettacolo oltre il puro live, ricreando una certa scenografia e coinvolgendo il pubblico per portarlo nel loro mondo dove la follia è all'ordine del giorno. (Michele Montanari)

(Self - 2015)
Voto: 70 (75 Live)

http://www.ungiornodiordinariafollia.com