Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 3 luglio 2015

Ossiyan - Hardrada

#FOR FANS OF: Heavy Doom
Receiving a pile of promo CDs to review is always a messy affair - lots of plastic sleeves strewn with prototype logos and not much else. However, in my most recent bundle, one beautifully packaged CD juts out from the rest. The artwork is utterly stunning, the band's logo is proudly adorned in a noble font, and the track-titles all sound elegant and grandiose. London's Ossiyan mean business, and their debut LP 'Hardrada' is nothing if not grandiose...and heavy as fuck. Describing themselves as 'valiant doom' was a smart move. Bearing this description in mind, and gazing at the truly fantastic cover art, will prepare the atmosphere appropriately for these up-and-coming doomsters to crush your skull. In a nutshell, the music on 'Hardrada' can be described as the Melvins receiving an informative lecture on vikings, led by Crowbar. The menacing whispers and dynamics of the former fuse happily with the down-tuned crushing sludge of the latter. Vocalist A. Wisbey even bears resemblance to King Buzzo at certain points; mainly during the quieter spoken sections - but even more so in the first verse of "Parting of the Seas". The concept behind this album is certainly unique, especially for an English band. Focusing on one particular historical event: the invasion of Stamford bridge by the vikings, led by Hardrada, who were crushed by the English - thus ending the reign of the vikings. The storytelling aspect of the music is well-executed through their use of contrasting dynamics and suitable lyrics. The introductory title-track is the perfect gateway to the rest of the album. Its gradual crescendo is expertly handled. The climax, where it finally explodes into pure doom metal goodness, is so satisfying! "Parting of the Seas" is a masterpiece, plain and simple. A. Wisbey's guttural, yet semi-melodic, growls are truly viking-esque, especially when his screams become desperate and emotive - magic stuff! O. Isaac's guitar tone is fat and meaty, and he certainly has no shortage of riffs! The opening riff to "Parting of the Seas" is grand and regal, and the closing riff of "War Weary" is my riff of the year so far - 'heavy' is too mild a word for it! J. Butler's bass carries some serious weight and is a delight to listen to. Unfortunately, M. Shankey's drums deflate the sound a little - the snare is far too dry and the whole kit is lacking reverb. A shame, considering his performance is more than admirable. Although the album tends to lose a sense of direction at its heart, the whole endeavour is refreshingly brief - letting it tell what it needs to and move on before any stagnation takes hold. The finale of "...And To Valhalla We Ride" is simultaneously melancholic and bombastic. Its closing chords seem to pound away with a sense of triumphant valour and mournful sorrow. I greatly anticipate more material from these newcomers, for if 'Hardrada' is any sign of things to come - it could signal the start of an English doom metal uprising. Much like Winterfylleth and their black metal cohorts. Make it happen, lads! (Larry Best)

(Self - 2015)
Score: 85

Die Like Gentlemen - Five Easy Lies

#PER CHI AMA: Sludge Doom/Stoner
Che stoner e sludge siano generi particolarmente di moda (almeno da quando gli ultimi Queens Of The Stoneage e Mastodon li hanno fatti conoscere al mondo, facendo inorridire i puristi) è un dato di fatto: per questo motivo sono sempre scettico di fronte a nuovi lavori di questo tipo. Scetticismo che però scompare al primo ascolto di questo secondo lavoro del quartetto di Portland dei Die Like Gentlemen, capaci di prendere il meglio del genere e mescolarlo in modo inedito e davvero figo. Poco più di mezz’ora di ascolto per cinque brani: 'Five Easy Lies' è un lavoro veloce ma sempre tirato, potente, denso di idee, riff spaccacollo e un’attitudine per il groove davvero invidiabile. Dentro ci sono tutti i migliori riferimenti del genere: il songwriting dei Black Sabbath, i suoni e le idee folli dei Melvins; ma ci sono anche atmosfere più progressive, sonorità doom e, in generale, quella sensazione da costante pugno-in-faccia a volume esagerato che, ne sono certo, farà dei Die Like Gentlemen una macchina da guerra in sede live. Se la opening “Unstoppable”, tolta la veloce intro iniziale, è giocata in continua tensione tra la violenza tirata delle chitarre e una parte di basso-batteria che ricorda certi Tool, “Ahriss The Wizard” alza il tiro per portarsi su atmosfere più doom rette dall’ottimo lavoro di basso e chitarre, a sfornare un riff portante che difficilmente dimenticherete. In “Animals of Romance” la tensione aumenta: c’è meno rabbia si, ma molta più inquietudine grazie al tempo sincopato e la voce cantilenante, che presto evolvono in un’architettura doom-prog, fino a chiudere con una curatissima ninna-nanna semi-acustica. “Stray Demon” è il capitolo più stoner-rock di 'Five Easy Lies' – se non fate headbanging sul riff di apertura, non avete capito niente di musica: solido, diretto, senza fronzoli, è il brano più corto e immediato del disco. Chiude “Hidden Switch” che, dopo il lento crescendo iniziale, si sposta su coordinate sludge-metal più classiche, con lunghi assoli ed epici passaggi sui timpani della batteria. 'Five Easy Lies' alla fine è un disco che lascia molto spazio agli strumenti, pur potendo contare su una voce di grandissimo spessore e pregio. Adam Alexander fa infatti un lavoro eccellente dietro al microfono: ricorda a tratti il miglior Neil Fellon dei Clutch, ma con una capacità di destreggiarsi tra limpide voci urlate e potenti ruggiti gutturali metal che danno colore e profondità ad ogni brano. Un piccolo capolavoro, supportato da una produzione più che egregia (erano mesi che non sentivo un basso così pesante, presente e distorto), una sola cosa non capisco, ossia perché i Die Like Gentlemen non abbiano già un’etichetta a promuoverli in tutto il mondo. Nell’attesa, però, non fatevi scappare questo ottimo lavoro. (Stefano Torregrossa)

(Self - 2015)
Voto: 80

mercoledì 1 luglio 2015

Walk Through Fire – Hope is Misery

#PER CHI AMA: Sludge/Doom, Worship, Grief, Abandon
Immense distese oscure si espandono allo scorrere di quest'ultimo lavoro degli svedesi Walk Through Fire, in cui ogni minuto sgorga estrema sofferenza e malessere. L'album sfiora gli ottanta minuti di durata, e si erge su riff incredibilmente prolissi, sostenuti da ritmiche ossessive e prepotenti, nelle quali a tratti, compare una voce urlata, rigida ed incisiva. La preponderanza compositiva e la possanza sonora potrebbero mettere a dura prova il nostro ascolto, ma chi propende per le tetre emozioni, sacrificando la musicalità, troverà in quest'opera una perfetta dose di dolore - “Hope is Misery” e “Another Dream Turned Nightmare” vincono su tutte. A rendere il tutto più viv(id)o (anche se sarebbe più adatto dire “morto” in quest'occasione) è la performance del quartetto di Gotheborg che ha registrato live in studio tutto l'album, fatta eccezione per l'ultima “Laid in Earth”, una prova questa dell'intrinseca angoscia palesata dai nostri, privi della necessità di programmare o aggiustare le registrazioni in modo da ricercare la miglior resa. Angoscia resa perfettamente anche tramite l'utilizzo delle opere del pittore turco Cihat Aral, opere che compongono il booklet, espressione di una plumbea e soffocante atmosfera. Tirando le somme, questa terza uscita dei nostri è un pieno centro: anche se non si tratta certamente di musica per tutti o d'intrattenimento, 'Hope is Misery' riesce pienamente nel suo intento di annichilire animi e speranze. (Kent)

(Aesthetic Death/Wolves And Vibrancy Records - 2014)
Voto: 70

martedì 30 giugno 2015

Avoral - War is Not Over

#FOR FANS OF: Power Metal, Sacred Steel, Dragonhammer, Heimdall
From the always-fertile Power Metal soil in Italy, these newcomers offer a strong debut that any fan of the genre should appreciate. Eschewing the cheesiness so rampant in the genre, instead we get a more harder-hitting punch from a rampaging Traditional Metal spawning ground while still keeping this one firmly rooted in the Power Metal mold with the blazing melodies, furious riffing and power-packed drumming that all flow through the majority of Italy’s Power Metal acts. Utilizing the technically-proficient guitar-work that retains Neoclassical-styled melodies running freely throughout the music here also keeps this properly in the Italian vein, employing a generous symphonic quality to the music that offsets the melodic quality for lively, up-tempo music with quality melodic tones and bouncy rhythms that sounds truly grandiose. While what’s accomplished here is nothing new under the sun and certainly showcases the low-budget production job here with a weak vocal mix that really reduces his power, especially against the guitars, there’s far worse acts out there attempting this style that there’s a lot to like here just for the decidedly retro approach to the material. Intro ‘Ivory Gates’ works a series of strong galloping mid-tempo rhythms into blaring drum-work and dynamic riffing that incorporates plenty of screaming leads, epic marches and varying tempos for a stand-out intro here, while the far-more-dynamic ‘Unwanted Treason’ blazes forth with more technically-challenging sweeping riff-work, plenty of speed and the dynamic double-bass drumming that continues the hallmarks of the genre incredibly well. The power-packed ‘Take the Power’ starts with light, lilting guitar-work before turning into a ravenous barn-burner full of dynamic riffs, tight rhythms and powerful drumming keeps this one storming along nicely and offers plenty to like overall. ‘Ill Rise Again’ switches this out for more of a mid-tempo operatic approach that holds off the rampaging metal in favor of a more direct Trad-Metal approach that works nicely yet doesn’t match the rest of the flowing music on display. The instrumental ‘Dark Caves Melody’ serves as an appropriate breather with the light guitar work, pounding drumming and jaunty rhythms that make for quite an effective stop-gap between the two epics to follow. The first of these, ‘Journey to the Glory’ offers more of that traditional Italian Power Metal style with blazing speed-driven leads, bombastic rhythms, pounding drumming and the kind of energy that remains a part of the importance of the scene, while the title track is pure, simple speed-driven Italian Metal with ravenous riffing, blazing melodies and jaunty rhythms that allow the over-the-top melodies plenty of space to go for the bombastic that gives this one such a strong overall mark. Again, not the most original out there but certainly a lot of fun regardless. (Don Anelli)

(Club Inferno - 2015)
Score: 85

Oktor - Another Dimension Of Pain

#PER CHI AMA: Doom Gothic
Io proprio non riesco a cogliere la decantata “altra dimensione del dolore” in questo primo full-lenght dei polacchi Oktor che giungono a questo risultato dopo dieci anni di attività ed un solo EP a inizio carriera. Il disco si basa su tre corpose tracce principali (“Conscius Somaton Paradise”, “Mental Paralysis” e “Hemiparesis Of The Soul”) a cui vengono affiancati in preludio e coda degli intermezzi strumentali, ove è protagonista un plastico, brillante e fastidioso pianoforte. Nonostante una necessaria competitività della prima delle tre, la proposta è alquanto scontata e presenta alcune parentesi decisamente fuori luogo con la totalità del lavoro, che rendono ancor meno appetibile quel poco fatto validamente. Il cantato in lingua madre è intrigante ma fatica ad esprimersi in modo eccelso a causa di una musicalità discordante che non riesce ad amalgamarsi ad esso. Una gamma di parti frammentate tra loro, impediscono a tutte queste idee miscelate, di condurre da qualche parte questo album della durata di ben cinquantacinque minuti, che si chiude, ironia della sorte, con un brano intitolato “Undone”. Non ci siamo. (Kent)

(Solitude Productions - 2015)
Voto: 50

domenica 28 giugno 2015

Griftegård - The Four Horsemen

#PER CHI AMA: Doom, My Dying Bride
La Ván Records ci delizia con un'altra perla musicale, cosi come ci sta abituando da qualche tempo a questa parte l'etichetta tedesca. Questa volta ci conduce in Svezia per farci meglio conoscere i Griftegård, band attiva dal 2004, ma con un solo Lp nella propria discografia e una manciata di EP e split cd alle spalle. Solo due i pezzi che costituiscono 'The Four Horsemen': la title track, cover song degli Aphrodite's Child, band progressive greca di fine anni '60, in cui militava il mitico Demis Roussos, scomparso proprio quest'anno. E forse "The Four Horsemen" vuole essere un tributo a uno dei bassisti più talentuosi del rock, che si rifaceva nel suo stile, a Paul McCartney e Brian Wilson. La canzone, nel suo oscuro incedere doom, riscopre la poesia psichedelica della band greca, e di quella song di primissimi anni '70, dischiudendo la magia musicale che trasudava dalle note immortali degli Aphrodite's Child. La seconda traccia, "A Beam in the Eye of the Lord", è un puro pezzo doom che potrebbe evocare i My Dying Bride, fatto salvo per la voce pulita di Thomas Sabbathi, che solo in alcuni frangenti, cambia registro e si getta su tonalità più profonde. Il brano è lento e disperato e racchiude l'essenza tipica del genere, galleggiando in un mare di cupa desolazione (e ottime melodie). Peccato che il dischetto duri solamente 16 minuti, mi sarebbe piaciuto approfondire maggiormente il sound dei Griftegård, vorrà dire che mi affiderò a internet per saperne di più di questi nuovi cavalieri dell'apocalisse. (Francesco Scarci)

(Ván Records - 2015)
Voto: 70

Dekadent - Veritas

#PER CHI AMA: Blackened Death Prog, Anaal Nathrakh, Old Man's Child, Devin Townsend
Il panorama metal sta espandendo sempre più i propri confini: il black non arriva più solo dal nord Europa, il doom non è ormai da tempo prerogativa dell'Inghilterra, e lo swedish death ormai potrebbe definirsi semplicemente melodic death metal. Il sound esplosivo di 'Veritas' arriva dalla Slovenia e da una band, i Dekadent, che sono in giro già da un decennio, con quello di oggi che rappresenta il quarto lavoro dell'act di Ljubljana. Musicalmente i nostri sono ben difficili da etichettare, in quanto l'impianto sonoro di 'Veritas' affonda le proprie radici nel metal estremo degli Anaal Nathrakh, ma tuttavia, punti di contatto con il melodic death e una certa vena progressivo/sperimentale del folletto Devin Townsend, è riscontrabile fin dalla opening track, "Of Acceptance & Unchanging", song che mostra una certa maturità a livello di songwriting, ma soprattutto una padronanza invidiabile nella matassa di pezzi furiosi, sprazzi acustici e chorus melodici. L'esito alla fine è davvero convincente, considerando la ragguardevole durata della opening track e i suoi quasi 10 minuti. "Dead Opening" irrompe con una splendida cavalcata stracolma di groove che genera anche un certo trasporto emotivo che tende ad una diffusa malinconia (complice anche il fatto che questa traccia la si ritrova a supporto del film che appare nel bonus dvd), grazie anche alle ariose tastiere, di scuola Townsend, che chiudono il pezzo. Un bombastico riffing stile Old Man's Child è la matrice sonora di "Pasijon", song che si avvicina al black dei norvegesi, arricchendolo di colate di groove e di chitarre death da metà brano in poi, mentre i vocalizzi del bravo Artur si mantengono più orientati al versante growl. Ma il sound dei Dekadent è un fiume in continua evoluzione, non stupitevi quindi se sul finire la traccia si spinga ancora una volta in territori progressivi. Ascoltare un brano del quartetto sloveno si rivelerà infatti come guardare un film con tre tempi, con un susseguirsi di colpi di scena. Con "Nervation's End" si ritorna alle scorribande stile Anaal Nathrakh, e un sound violento e oscuro che lentamente si arricchisce in melodia: la comparsa di una tastiera, un assolo che mi ha fatto rizzare i peli sulle braccia, in una miscela di suoni lenti e oscuri che nel frattempo hanno già dimenticato la veemenza iniziale del brano, che vira addirittura verso versanti onirici, prima di implodere su se stessa in un fragoroso come back death metal. Avete presente i Dimmu Borgir più orchestrali? Ecco come si presenta "Valburga", almeno inizialmente; ovvio che da li a poco, la song proverà a percorrere altre strade, grazie alla mutevole essenza dei suoi musicisti. Death metal e black avanzano a braccetto avvolti in una veste barocca e pomposa, sospinta da una suadente furia grind che trova attimi di riflessione in fraseggi e assoli di natura progressiva. "Beast Beneath the Skin" è un'altra cavalcata senza sosta, in cui il turpiloquio musicale è dettato dal riffing selvaggio dei nostri che in questa song non riesce stranamente a trovar pace. Il finale di 'Veritas' è affidato alle note di "Keeper's Encomium", song velata di una malinconia diffusa che richiama alla grande la follia di Devin Townsend, in un coacervo di suoni doom, death progressive e ambient, per quella che sembra essere la migliore traccia del lavoro. Lavoro che comprende anche un bonus dvd con un cortometraggio di 24 minuti di cui Artur è il regista, e con le musiche dei Dekadent a sugellarne l'essenza decadente. Altri contenuti bonus, tipo i trailer ufficiali della release stessa, ne completano il contenuto. Che altro dire, se non invitare voi tutti ad accostarvi a questo elegante e complesso bel lavoro. Bravi! (Francesco Scarci)

(Self - 2015)
Voto: 85

Ophite – Basic Mistakes

#PER CHI AMA: Blues Grunge Rock
Sono giovani e carini, risultano freschi e dinamici, vengono direttamente da Parigi ma sono multietnici e trendy e suonano un pop intelligente pieno di colori e variegate influenze. Il funk, il rock, il britpop e un certo tipo di hip hop, suonato veramente, con attitudine artistica e non esclusivamente commerciale. Ricordano la freschezza dei primi Texas e la verve di Martina Topley-Bird nelle atmosfere cool ed energiche, un soffio di riot girl alla Sleater Kinney, le indimenticabili Elastica e il blues rock spinto dal fascino retrò anni '90 dei The Duke Spirit. Un ingorgo di suoni che ruotano nell'ellisse del sistema solare del pop di buona fattura, ben suonato e ben calibrato, fatto appunto per il semplice piacere di essere ascoltato. Basso e voce danno un supporto eccezionale a tutte le sei tracce del cd ma anche la batteria e le evoluzioni chitarristiche, suonano deliziose con le sonorità che resero grandi i 4 Non Blondes e Alanis Morrissette negli anni '90. Un vero e proprio tuffo nel passato con un'ottica di ristrutturazione moderna ed efficace dai suoni pieni, centrati e filtrati a dovere. Ottimi suoni che vanno d'amore e accordo con le sonorità dei The Roots del capolavoro 'The Seed'. Una band atipica per il mondo odierno ma tutt'altro che scontata, se le venisse data una produzione d'alta classe e una visibilità adeguata, sicuramente ne aumenterebbero le possibilità di riuscita commerciale. Una musica inventata e ragionata per essere apprezzata sotto tutti i punti di vista. Magari non risulteranno del tutto originali ma sicuramente la proposta è molto buona e convincente, con una vocalist di tutto rispetto (ascoltate l'acustica "My Pretty Columbine" per rendervi conto delle sue qualità!) e una composizione talmente gustosa e di qualità da fare invidia a molti, anche nei richiami reggae alla Police di "Phoenician Sailors". Un EP ben riuscito e di gran classe. Questa giovane band ha tutte le carte in regola per crescere a dismisura e questi primi sei brani autoprodotti sono da ascoltare a timpani spiegati! (Bob Stoner)

(Self - 2014)
Voto: 75

venerdì 26 giugno 2015

Kera – Kera

#PER CHI AMA: Death Progressive
La band parigina dei Kera (di cui si sono riuscito a recuperare poche informazioni) si presenta con ottime prospettive in ambito death metal progressivo e melodico, con una potente produzione ed un'esecuzione di qualità superiore alla media, firmata Thanatos Production. Tre brani per un totale di circa venti minuti con un sound che incanala la forza d'urto dei Darkest Hour in un vortice di stili che si sposta dai Misery Index agli immortali Machine Head, passando per i Superjoint Ritual e Soilent Green, per quel pizzico di sludge metal in più. All'interno di questo mini cd si può inoltre trovare un certo classicismo oscuro alla Monstrosity e una buona dose del granitico sound degli High on Fire, cui la voce, in più situazioni, trova più di qualche riferimento. Un grande calderone dove tutto il mescolato ha un unico intento, creare un pesante e strutturato prodotto sulla falsariga dei maestri Mastodon e dei loro concept mastodontici, anche se i Kera calcano la mano e spingono l'acceleratore più sul metal che sull'heavy psichedelico. Tutti i brani sono degni di nota ma forse "Silence", in chiusura del disco, apre alla band nuove soluzioni sonore, verso lidi veramente progressivi, sfoderando un assolo pirotecnico, che occupa circa metà del brano, dotato di un sano retrogusto seventies. Un EP che va preso in seria considerazione anche se la band, che ha tutte le carte in regola per raggiungere vette altissime, deve cercare una sua esatta identità sonora che la possa contraddistinguere da altre inserite nello stesso ambito. Lo stile dei nostri attinge a piene mani dalle opere di tante realtà metal che a tratti rischiano di nuocere all'originalità stessa della proposta. Una band dalle enormi possibilità, per tre brani davvero molto interessanti! (Bob Stoner)

(Thanatos Production - 2015)
Voto: 70

Vlasta Popić - Kvadrat

#PER CHI AMA: Alternative Noise, Shellac, Sonic Youth, The Ex
Nuova vibrante uscita per la Moonlee Records. L’etichetta slovena continua la sua meritoria opera di scoperta e valorizzazione delle migliori rock band dell’area balcanica. Ora è la volta dei croati Vlasta Popić, che giungono con 'Kvadrat' al loro secondo album. Diciamo subito che il disco si pone ai vertici qualitativi dell’intero catalogo della label, assieme a quel 'Dobrodošli Na Okean' degli ottimi serbi Repetitor, risalente ormai a tre anni orsono. Come i “Sonic Youth di Belgrado” anche i Vlasta Popić collocano in maniera prominente il loro suono nell’ambito dell’alternative a stelle e strisce. Oltre alla band di Thurston Moore e Kim Deal, a cui viene spontaneo riferirsi (anche per via delle vocals femminili), i tre rocker di Zagabria sono assimilabili per certi versi agli Shellac, anche se l’impianto ritmico è sempre piuttosto sostenuto, una sorta di ibrido pop-punk dalle forti componenti noise, per cert versi vicino ai grandissimi The Ex. 'Kvadrat' mette in fila nove brani ruvidi ed energici, spigolosi e martellanti, cantati nell’idioma madre, che si dimostra lingua inaspettatamente versatile e adatta al rock. Si viaggia cosí senza un attimo di posa tra i riff granitici e tiratissimi dell’opener “Tržište”, al tiro irresistibile di “Ako Nisam Dobra”, fino alle sfuriate chitarristiche di “O Vodi”, la furia punk di “Slijepa Naša (Mržnja)” e il power pop al rumor bianco di “Maštanje”. Non ci sono cedimenti lungo questi 38 minuti scarsi, non ci sono momenti di stanca o di eccessiva pesantezza. Uno dei dischi che potreste finire per ascoltare di più in questi torridi pomeriggi d'estate. Piacevolissima sorpresa che vorrei tanto vedere alla prova del live. (Mauro Catena)

(Moonlee Records - 2015)
Voto: 75

Misty Morning - GA.GA.R.IN

#PER CHI AMA: Stoner Doom Psichedelico
Torniamo a parlare di band italiane e oggi andiamo a conoscere i Misty Morning, una band romana che vede la sua fondazione nel lontano 1995. Solamente nel 2007 la band concretizza i suoi obiettivi e grazie al consolidarsi della line-up, auto produce il primo album 'Martian Pope'. In seguito iniziano i live che raggiungono anche il nord europa e permette alla band di firmare con l'etichetta Doomanoid Records (UK). Alla band si aggiunge anche il quarto ed ultimo elemento che con le tastiere avrà il compito di dare più ampio respiro ai suoni dei nostri e divenire così una band stoner doom con influenze psichedeliche e prog. Nasce così questo 'GA.GA.R.IN' (Galactic Gateways for Reborn Intellects), un concept album complesso, ricco e dalle buone qualità. Dopo la prima traccia acustica introduttiva che fa molto 'Into the Wild' & Eddie Vedder, si inizia con la traccia che da il titolo all'album. Un pezzo sporco e cattivo, dai riff incalzanti, ritmica martellante e tastiere velocissime che scatenano un'energia incontenibile. Varie influenze serpeggiano tra le note, ma la band ne esce a testa alta con un brano costruito ed eseguito con stile e sapienza. I suoni sono vintage, ma con quelle sfumature "Silicon Valley", meriterebbe un voto superiore pari a 100 perché rappresenta la perfezione in tema di musica ambient elettronica, con suoni pieni ed avvolgenti, ricchi di misticismo spazio-temporale che pulsa all'unisono con l'universo. La traccia sfuma e annuncia "Mourn o’Whales", un inno alla antica specie cetacea che in universo parallelo domina e distrugge, una sorta di culto di Cthulhu rivisitato. Dopo alcuni campionamenti del soave canto del gigantesco orrore dei mari, le chitarre aprono con un riff epico e pregno di riverbero e delay. I suoni post rock accompagnati da batteria e basso, esplodono nel main riff, oscuro e tenebroso, in stile Black Sabbath. Il timbro del vocalist calza a pennello, ruvido e dissacratore che decanta le lodi di una natura marina che domina incontrastata e dove ogni specie ha il suo ruolo ben definito. Lo stesso dicasi degli strumenti e degli arrangiamenti dei Misty Morning, che utilizzano cambi di ritmica, assoli e quant'altro per plasmare gli oltre dieci minuti di canzone. Simpatica la trovata di introdurre una traccia cantata in giapponese, ovvero "Doomzilla" (presente anche nella versione inglese), una cavalcata rock classica che regala un'atmosfera interessante grazie alla lingua orientale, oltre che rappresentare una buona idea per agganciare il mercato giapponese. Direi che 'GA.GA.R.IN' alla fine è un bell'album che avrebbe potuto essere ancora meglio se le tastiere fossero utilizzate in modo attivo nella composizione dei brani. I vari interludi sono avvolgenti, mistici e spaziali, veri trip sensoriali che meriterebbero più spazio, e non solo quello tra un brano e l'altro. I testi sono belli e pregni di atmosfera, non la solita cantilena di frasi messe giù a caso che si infilano senza fatica nelle strofe e ritornelli. Quindi all'interno del disco c'è tutto quello che deve esserci; se la band riuscisse a focalizzare meglio alcune idee, direi che il botto che i nostri possono fare si sentirà non solo a Roma, ma fino nelle profondità oscure e tetre dell'abisso liquido. (Michele Montanari)

(Doomanoid Records - 2014)
Voto: 75