Cerca nel blog

sabato 16 gennaio 2021

Die Entweihung - Kings & Pawns

#PER CHI AMA: Black/Death
Chi pensava che la band di oggi fosse tedesca alzi la mano. Siate onesti. I Die Entweihung sono la creatura di tal Herr Entweiherr (all'anagrafe Denis Tereschenk), musicista russo trasferitosi a vivere in Israele. 'Kings & Pawn' è il decimo album per l'artista di quest'oggi, dieci dal 2007 ad oggi ed io, è la prima volta che li sento nominare. Da un punto di vista musicale, il polistrumentista di Vitebsk (che google mi darebbe in realtà in Bielorussia, il mistero s'infittisce) ci propone un black metal melodico che si apre sulle note strumentali di "Away into the Night" che lascia ben presto posto al suono scarno (colpa di una registrazione scadente) di "The Moustached God" un brano che, se potessi fare qualche paragone, vedrei come una versione black dei primi Amorphis. Si avete letto bene, in quanto le melodie folkloriche mi sembrano quelle che apprezzai ai tempi di 'Tales From the Thousand Lakes', dove la band finlandese mostrò al mondo le proprie qualità fuori dal comune. In questo caso non siamo a quei livelli stratosferici, ma più di una similitudine l'ho trovata con i colleghi finlandesi, sebbene questo sia invece il decimo album per Mr. Tereschenk che con la sua chitarra solista, guida un pezzo che mi piacerebbe sentire con ben altra produzione (più bombastica) e una ritmica più gonfia e potente. Questo per dire che le potenzialità ci sono tutte eccome, confermate peraltro da altri pezzi piuttosto brillanti come "As the Hangover Starts", la traccia più lunga dell'album, con i suoi otto minuti e mezzo di cupe melodie, intermezzi acustici ed eterei passaggi atmosferici, per non parlare poi di una entusiasmante sezione solistica. E ancora, interessanti sono i tecnicismi della strumentale "Confrontation", i solismi della title track (solo quelli, in quanto la traccia non mi ha fatto per nulla impazzire sebbene alla voce ci sia Alexander Ivanov dei Jinx) o la presenza al microfono di Alena Dark Zero dei Nocturnal Pestilence in "The Nonsense Games", in una sorta di emulazione della nostra Cadaveria. Due cover poi: "Working Class Hero" di John Lennon con la cantante ceca ancora alla voce e un altro ospite, Anton Shirl (Tales of Darknord) al basso per una scelta quanto mai azzardata, che fino ad un certo sembra ricalcare fedelmente l'originale, prima di prendere derive black. La seconda è "Sons of Moon and Fire" dei blacksters Der Gerwelt, di cui potevamo francamente fare a meno. Quello che mi perplime semmai e su cui lavorerei con maggiore alacrità, è la performance a livello vocale di Denis con quel suo screaming alquanto imbarazzante che mal si adatta ad un sound a tratti davvero raffinato. Insomma buona prova per i Die Entweihung, che se affinate un po' di più le armi, hanno tutte le doti per fare il salto di qualità. (Francesco Scarci)

(Wings of Destruction - 2021)
Voto: 69

https://wingsofdestruction.bandcamp.com/album/kings-pawns

Cyanide Grenade - Kind of Virus

#PER CHI AMA: Thrash Old School, Venom, Destruction
La scena thrash metal russa sembra essere improvvisamente in grande fermento, merito dell'etichetta Wings of Destruction che abbiamo avuto modo di apprezzare con innumerevoli uscite nell'ultimo periodo. La band di quest'oggi arriva da Yekaterinburg, si chiamano Cyanide Grenade e il qui presente 'Kind of Virus' rappresenta il secondo lavoro del terzetto dall'anno della loro fondazione, nel 2013. Dieci pezzi, inclusa una intro che ci accompagna a "Death in Anabiosis" la quale ci permette di far conoscenza della proposta musicale dei nostri, il cui sound ci permette un salto indietro nel tempo di oltre tre decadi. Si perchè il sound tipicamente old school della band chiama in causa vecchi classici che andavano di moda negli anni '80 quando il thrash si diffondenva a macchia d'olio a livello globale. Si partiva dagli States e da quella Bay Area in cui hanno visto svilupparsi band del calibro di Metallica, Exodus o Megadeth, o in contemporanea dalle parti di New York Anthrax e Over Kill sbocciavano con il loro sound. Per non dimenticare poi che nella piccola Newcastle upon Tyne in Inghilterra si formavano i Venom. Perchè tutti questi nomi? Semplice, sono solo alcune delle band a cui, in un modo o nell'altro, i Cyanide Grenade hanno pagato dazio nella stesura di questo disco. L'album irrompe infatti con quel sound thrash/punk che evoca gli esordi di James Hetfield e compagnia ma anche di Scott Ian e soci, senza dimenticare quell'aura maligna del duo Cronos/Mantas che avvolge l'intera release. Nella seconda "Birth of Hell" non nascondo ci abbia sentito un che dei primi Death nelle note corrosive della linea ritmica, qui un filo più articolata, complice un death mid-tempo. In chiusura poi quell'assolo allucinato ammetto mi abbia ricordato Bobby Gustafson, ascia impazzita dei primi Over Kill. Insomma, questo per dire che gli amanti di sonorità di questo tipo potrebbero anche versare una lacrima di nostalgia ascoltando 'Kind of Virus', visto che la super retrò "Salvation Denied", nel suo riffing lineare potrebbe evocare anche 'Killing is My Business...', con la più classica delle cavalcate dove le chitarre si muovono a cavallo tra thrash e speed metal, suoni che hanno cambiato la mia vita in quegli anni. E poi via giù di assoli super tirati che ci fanno ululare come matti. "Judgment Day" ha echi dei primi Testament, con la voce un po' disgraziata del frontman russo che potrebbe richiamare quella del buon vecchio Chuck Billy. Francamente, non mi vorrei dilungare oltre per dirvi che quello che ho fra le mani è un compendio del thrash metal anni '80, che ha ancora modo di citare il sound teutonico del trittico delle meraviglie formato da Kreator, Destruction e Sodom. Vi serve sapere altro? Non direi, se siete fan di tutte queste band, in 'Kind of Virus' troverete pane per i vostri denti necessari a organizzarvi la gita fuori porta che vi riporterà agli albori della storia. Ah, ovviamente il tutto senza un briciolo di originalità, ma questo era quanto meno scontato. (Francesco Scarci)

(Wings of Destruction/Global Thrash Attack - 2020)
Voto: 65

https://wingsofdestruction.bandcamp.com/album/kind-of-virus-2

The Flop - Underground Slaves

#PER CHI AMA: Punk Rock/Post Grunge
Mi sa tanto che la label Wings of Destruction non si sia sbagliata e mi abbia anzi di proposito inviato tutte le proprie release dalla notte dei tempi a oggi. Si perchè quello che ho fra le mani è un lavoro del 2012, anche se riproposto nel 2020 dalla stessa etichetta russa. Sto parlando dei The Flop, un nome un programma, che ci propongono nove tracce di garage punk rock. Non certo il mio genere preferito, però nel corso della mia lunga carriera di scribacchino, album del genere ne ho masticati diversi. E allora sapete già fondamentalmente a cosa andiamo incontro. Brevi e scanzonati pezzi, attitudine simil Sex Pistols, però il tutto rapportato ai giorni nostri. Almeno questo è quanto mi dice "Go Home", traccia in apertura di 'Underground Slaves'. La seconda "Black Sheep" è infatti già diversa, ossia la ritmica è più lenta e mortifera, esiste forse una forma di punk doom? Si perchè qui c'è un po' meno da divertirsi, essendo un pezzo più decadente e maledettamente alcolico, quasi i nostri siano in preda ad un delirium tremens bello pesante. E "White & Sticky", iniziando con un giro di chitarra stile System of a Down, si incunea in un sound malinconico, una sorta di post grunge di (primi) Nirvana memoria, imbevuto di una dose non indifferente di alcolici e sostanze psicotrope, per un cocktail servito a sole anime disperate. Anche "The USA" sembra uscito da un disco dei Nirvana, con la voce del frontman qui un po' meno tormentata. Inoltre la song è più controllata, fatta eccezione per la parte di coro. Più ostica da digerire "Hello My Dear", dissonante e con un assolo flebilmente accennato in chiusura. Con "Fucking Children" si torna al punk della traccia d'apertura, anche se questa volta non sembra gioioso come nell'opener. Più cantilenante "Own Priest" ma con un riffing più lineare e pesante. "Alice" è un pezzo semplice con la voce accompagnata dalla sola chitarra acustica. Mentre la conclusiva "The Toilet" beh, darebbe adito ad una battuta scontata stile Fantozzi, ma in realtà è l'ultimo pezzo punk oscurissimo e malato di questo 'Underground Slaves', un album non proprio indispensabile nella collezione di tutti ma per chi ama il genere, perchè non dargli una possibilità? (Francesco Scarci)

(Wings of Destruction - 2012/2020)
Voto: 63

https://wingsofdestruction.bandcamp.com/album/underground-slaves

venerdì 15 gennaio 2021

Iron Flesh - Summon the Putrid

#PER CHI AMA: Death/Doom, Autopsy, Dismember
Da Bordeaux ecco arrivare gli Iron Flesh con il loro secondo album 'Summon the Putrid', rilasciato dalla Great Dane Records in un elegante digipack. La proposta della putrescente one man band transalpina, come avevamo già avuto modo di osservare in occasione del debut 'Forged Faith Bleeding', è un death metal che chiama inevitabilmente in causa i primissimi Carcass, gli Entombed e gli Autopsy e quindi quel famigerato death sound che andava parecchio di moda nei primi anni '90 e che ha visto mirabolanti release vedere la luce in quegli anni. Con queste premesse facciamoci investire dal tornado della opening track, "Servants of Oblivion", un brano che mette in luce le potenzialità di devastazione della band ma anche una capacità di districarsi in assoli dal forte sapore heavy classico. Questo quindi il punto di forza di Julien Helwin e dei suoi compagni a supporto, ossia annichilirci con ritmiche invasate, vocals al vetriolo e graffi di chitarra davvero efficaci, sia in fatto di affilatezza che di melodia. Il tutto è confermato anche dalla successiva "Relinquished Flesh", tiratissima, ma dai contorni grooveggianti. La prima deviazione al tema si ha con la doomeggiante "Demonic Enn", mega ritmata e dotata di un refrain della seconda chitarra alquanto melodico che ne stempera quella sua plumbea cupezza intrinseca. Sembra quasi di ascoltare un altro gruppo rispetto alle prime due tracce, che erano invece cosi brevi e lineari, un vero pugno nello stomaco, mentre la terza si presenta più lunga e oscura. Con "Purify Through Blasphemy" spazio ad aperture scuola Edge of Sanity, periodo 'The Spectral Sorrows', dove la melodia era parte abbastanza consistente nel sound di Dan Swano e soci, con un altro assolo qui davvero apprezzabile. In "Cursed Beyond Death" ecco un'altra piccola novità, le spoken words che affiancano il growling, in un pezzo comunque compassato, che ammicca agli Asphyx ma che non vede ahimè particolari accelerazioni o sussulti di sorta. "Death and the Reaper's Scythe" è l'episodio più lungo del disco con ben otto minuti di sonorità ben calibrate, cosi tanto calibrate che alla fine vengono a noia. Molto meglio "Incursion of Evil" che, pur non offrendo nulla di nuovo, ci riconsegna la band laddove sembra rendere al meglio, ossia con le classiche energiche sgaloppate death old school ed un assolo sempre efficace seppur di breve durata. "Thy Power Infinite" è un altro schiaffo in faccia come incipit, poi ancora ammiccamenti agli Edge of Sanity nelle parti più melodiche e infine una cavalcata furente di death metal che trova il suo apice nel funambolico assolo conclusivo. L'ultimo pezzo è "Convicted Faith" e tutto il suo carico doom che non mi convince ancora granchè, preferendo la band su pezzi più tirati e melodici. Alla fine 'Summon the Putrid' non fa che confermare le buone sensazioni che avevo avuto in occasione del debut album, sottolineando tuttavia che quello fra le mani è un disco che non mostra alcun segno di originalità rispetto alle influenze canoniche della band. Buona tecnica, ottimi suoni, ma le idee affondano ancora nella notte dei tempi. (Francesco Scarci)

giovedì 14 gennaio 2021

Blood Pollution - Raw Sovereignity

#PER CHI AMA: Thrash Metal, Motorhead
Non ho ben capito come mai la Wings of Destruction mi abbia riproposto un album del 2015, quando la band in questione ha peraltro già fatto uscire un nuovo lavoro. Detto questo, loro sono i russi Blood Pollution e l'album è 'Raw Sovereignity', uscito ormai sei anni fa. Una mezz'ora abbondante di suoni thrash'n roll per la band moscovita. Brani scanzonati, veloci, divertenti per una serata all'insegna di birra, wurster e crauti in compagnia degli amici, a partire dall'iniziale "Runaway" per poi proseguire attraverso pezzi più o meno interessanti, fino alla conclusiva "Tribes of Doom". Sapete per atteggiamento e proposta musicale chi mi hanno ricordato questi tre pazzoidi? Un ipotetico ibrido tra Motorhead, Tankard e primissimi Over Kill. Pezzi belli tirati, vocals impastate, chorus ruffiani e tanta spensieratezza. Brevi schegge impazzite come la seconda "Greetings From Nowhere", due minuti e mezzo di mosh indiavolato, tra schitarrate selvagge e una parvenza di assoli. Non grandi cose, ma tanta genuinità che forse andavano di moda 35 anni fa. Però che volete farci, il disco ce l'abbiamo fra le mani oggi, divertiamoci perlomeno. Ascoltare "Rocket Erection" è stato un tuffo nel passato quasi ad assaporare i primissimi vagiti dei Megadeth, con la voce del frontman a emulare l'esimio Dave Mustaine dei vecchissimi tempi. E poi ancora tonnellate di riffoni come non se ne ascoltava da anni con i miei pezzi preferiti identificati nella campanellosa "Monster Trucks Gone Wild", l'hard rockeggiante "Into the Abyss" e la conclusiva "Tribes of Doom", la traccia più lunga e strutturata del lotto, che mette in pista un po' tutte le influenze dall'heavy al punk passando attraverso il thrash concepito dal terzetto russo. Niente di serio, a parte puro rock'n roll. (Francesco Scarci)

La Città Dolente - Sales People

#PER CHI AMA: Mathcore/Sludge/Hardcore, Converge
Esordio in pompa magna per La Città Dolente, che si presenta con un full length dinamitardo, dopo il primo EP del 2018 dal titolo 'Opportunist'. La band, d'istanza a Milano, composta da quattro elementi di cui tre che provenienti da altre realtà come Pescara, Londra e Roma, si espone con un sound ben calibrato, potente e dai toni naturali. Un combo assai affiatato che, al cospetto dell'universo mathcore, ci propone una manciata di brani ben assemblati e di sicuro impatto. Si gioca in casa di band storiche tra Botch, Converge e Coalesce anche se qualche ruvida sfumatura old school alla 'End of Days' dei Discharge, li fa sembrare più originali e meno omologati. Mi piace la loro ricetta sonora, perchè non è né troppo patinata, né troppo tecnica o troppo diretta, perfettamente sobria, equa, ruvida e riflessiva al tempo stesso, snodandosi in una commistione sonora in equilibrio tra i vari maestri del genere, senza pendere direttamente dalle loro note, evitando cosi il facile rischio di plagio. I nostri con 'Sales People' riescono cosi a ritagliarsi una dinamica personale che dopo pochi ascolti risulta di buon gradimento e di grande effetto, accompagnata da un'ugola potente e qualificata, che ne esalta la forza d'urto e ne caratterizza le composizioni, suonate in modo più che eccellente, calde, emozionali, che difficilmente soffrono di una ripetizione creativa. Quello che sta dentro alle canzoni, l'alienazione urbana descritta nei testi è un punto in più, anche se mi sarebbe piaciuto sentirle cantate in lingua madre (apprezzabile infatti il moniker della band), scelta che avrebbe ampliato la comprensione dei concetti al popolo italico amante della musica estrema. Comunque, brani come "Corrupt" e "Profiteering", risalgono la corrente e si posizionano ai vertici della mia personale classifica di gradimento, senza nulla togliere all'intero cofanetto, che è prodotto e confezionato egregiamente, compreso il bel lavoro svolto per l'artwork di copertina. Un bel disco dal sapore internazionale che ha i numeri per farsi notare anche extra confini nazionali, teso, rumoroso, carico di risentimenti e che sapientemente usa innesti sludge e metalcore, per creare chiaroscuri e ritmiche più contorte, interessanti e variegate. Mi è piaciuto anche scoprire, leggendo un'intervista rilasciata sul web, che la band ha come fonte d'ispirazione formazioni interessanti come Infall e Anna Sage, provenienti dall'underground tricolore e francese (dove la scena transalpina ha peraltro band interessanti), tenendo un profilo basso senza sparare nomi esaltanti e troppo costruiti. Questo modo di porsi, a mio avviso, rende La Città Dolente ancora più vicina alla realtà di una scena italiana che ha bisogno di essere riportata ai fasti e all'originalità genuina di un tempo. In conclusione 'Sales People' è un album da prendere seriamente in considerazione, un disco interessante, di qualità, che non deluderà gli ascoltatori, nemmeno quelli più esigenti. (Bob Stoner)

(Toten Schwan Records/Fresh Outbreak Records/Hidden Beauty Records/Mother Ship/Shove Records/Violence in the Veins - 2020)
Voto: 75

https://totenschwan.bandcamp.com/album/tsr-120-sales-people

lunedì 11 gennaio 2021

Spectrale - Arcanes

#PER CHI AMA: Ambient/Neofolk
Fluttua gorgogliando, agitandosi lento il primo pezzo degli Spectrale di questo secondo lavoro intitolato 'Arcanes'. “ Overture”: vortici dalla forza centrifuga alimentano acuti inviolati. L’apertura senza colpo di scena non sarebbe degna. Eccoci a “Le Soleil” brano da cui è stato estratto uno splendido video. Cavalcano i suoni le valchirie di Odino con i tocchi acustici del maestro Jeff Grimal. Scompongono i suoni le ancelle di Zeus. Le baccanti danzano sinuose dinanzi al fuoco di Bacco. Capite che in questo corpo di emozioni potreste essere chiunque, senza scordare che la malia del suono vi può portare da Medea. Dagli dei ad un talamo di veli di lino mossi dal vento dell’est. “L’Impératrice”. Un arpeggio di chitarra ed il violoncello di Raphaël Verguin ci portano ad un loop scomposto, poi a singole note pizzicate, ed ancora all’emozione, perché questa song si congeda con un climax ascendente di suoni emotivamente sanguigni. Quest'album è un salto continuo tra continenti. Ora la foresta Amazzonica ci ospita nell’ascolto di “Le Jugement”. I tronchi sentono i suoni, rimbalzandoli di volta in volta per rendere giustizia ai pensieri degli Spectrale che sembrano riflettere qui, alimentando l’attesa del prossimo brano. Non si fa attendere “Le Pendu”. Musica e poesia. Ripetuti e Rabbia. Carezze e diamante. Un vetro scolpito. Una soglia che cela. Un manto invisibile che vorrebbe cadere. Lasciamo l’atmosfera per una colonna sonora al cardiopalmo. “Interlude”. E vi ho detto troppo. Cambia ancora la veste trasformista degli Spectrale. Eccoci a “La Justice”. Ebbene siete innocenti? O siete colpevoli? Questo brano, col suo ritmo vibrante, vi porterà alla soluzione catatonica delle vostre incertezze. Aspettate che debbo vestirmi appositamente per questa “Le Bateleur”. Senza forma non potremmo assorbire la sostanza invisibile di questo grido femminile che vede il sublime featuring di Laure Le Prunenec (Igorrr, Corpo-Mente, Öxxö Xööx, Rïcïnn) dietro al microfono. Noi sulle rive della Senna. Lei sulle vette piu alte di una città. Noi predati dal suono. Lei suono. Ed è come avessimo vissuto un istante in mille anni. Sempre sul suono strumentale. Sempre sul ghiaccio sciolto dall’armonia. Sempre chiara, lontana e nostalgica è “La Lune”, un pezzo oscuro quanto una notte di luna nuova. Gli Spectrale chiudono con “La Papesse” il loro album. Un labirinto di speranza ed attesa. Una caccia ed una preda. Una evoluzione sonora che può ravvivare il nostro ascolto o portarci in un ghiaccio che solo noi potremo sciogliere. Immaginoso. Folgorante. Enigmatico. In questo lavoro degli Spectrale, ascoltate e scrivete. Avrete sorprese in musica.(Silvia Comencini)

(LADLO Productions - 2020)
Voto: 75


https://ladlo.bandcamp.com/album/arcanes

Quantum Panik - Human Bridge

#PER CHI AMA: Nu Metal, Slipknot
Di nu metal purtroppo non se ne sente più parlare, ma per fortuna c’è ancora qualcuno che, nonostante il genere sia ormai passato di moda, si cimenta ancora a sperimentarlo sfidando le mode del momento. È il caso dei toscani Quantum Panik che con l’EP 'Human Bridge', uscito lo scorso anno, dimostrano di essere devoti alla causa e di amare follemente suddetto genere. Un EP breve quanto intenso, tre tracce per una durata totale di 11 minuti in cui ci viene mostrato un sound che dimostra palesemente di essere influenzato dagli Slipknot old school, con un pizzico di personalità che s'incastona bene nel tutto. Gli elementi chiave del gruppo sono sicuramente il vocalist Tommaso Pescaglini, che con la sua ugola rimanda subito al Corey Taylor dell'Iowa al quale aggiunge anche qualche sfumatura death metal e il batterista Luca Iacopetti e i suo quattro arti che fanno sembrare la sezione di batteria al limite di una drum machine. Anche Yuri Fabbri sembra mettersi in gioco, mostrando un basso bello possente e dal suono metallico che si amalgama bene con il resto del sound. Ma parliamo dell’EP. Si parte con la titletrack, la traccia più strutturata del disco, la quale dopo un intro di chitarra abbastanza misterioso, parte con un riff trattenuto che ci introduce ad una voce apparentemente tranquilla, ma che durante i ritornelli si scatena totalmente. Altro momento da menzionare è il breve bridge composto da un basso bello pomposo che sa mettersi in luce al punto giusto e ci accompagna ad un assolo di chitarra che, seppur breve, funziona alla grande. Si passa poi alla mia traccia preferita ovvero “Stomp” che ha tutta l’intenzione di farci pogare come se non ci fosse un domani. Con questo pezzo il gruppo si meriterebbe l’appellativo di “Slipknot italiani”. Mentre la si ascolta viene quasi in automatico ripensare, attraverso vari flashback, a quel capolavoro di 'Iowa'; tutto il brano infatti viaggia su quella scia, dal potente intro ai versi accattivanti, in particolare il secondo, nonchè i ritornelli possenti ed impazziti. Dopo un bridge incalzante all’ennesima potenza, i nostri si scatenano nella seconda parte con i pedali del batterista pestati al massimo. E poi una parte finale entusiasmante, introdotta dall'urlo indemoniato del vocalist che si farà sentire da qui all’eternità. L’ultima taccia, “Medicina Amara”, è la canzone più rappata del disco cantata peraltro in italiano, lingua abbastanza sottovalutata nel rap metal, il che le dà quel tocco in più che rende speciale anche quest’ultimo pezzo. Qui possiamo sentire Yuri che, oltre a suonare il basso, nel ritornello si cimenta anche nel ruolo di seconda voce insieme al cantante. Un EP notevole per quello che vuole dimostrare e che può davvero gettare le basi per una nuova ondata nu metal in salsa italica, comunque punto di partenza per un album di debutto. Volevo chiudere dicendo che un elemento cardine che distingue l’artista che suona per soldi da quello che lo fa per passione è il fatto che se vuoi suonare un genere che ti piace, lo fai indipendentemente dal fatto che sia di moda o meno o che tu riesca o no a diventare milionario. Ecco, ascoltando 'Human Bridge' direi che i Quantum Panik lo facciano sicuramente per passione. Ne consiglio pertanto l’ascolto, e perchè no l’acquisto, a tutti gli amanti del nu metal. (MetalJ)

sabato 9 gennaio 2021

Ambassador - Care Vale

#PER CHI AMA: Alternative/Post-Grunge/Dark
Ecco una band che sul finire del 2020 ha conquistato un posto nella mia personale classifica dell'anno passato. Sto parlando degli Ambassador, compagine proveniente dalla Lousiana, che ha rilasciato sul finire dell'estate scorsa questo EP di sei pezzi intitolato 'Care Vale'. Che dire, il platter è fresco quanto mai tenebroso. Il tutto è certificato dall'opening track, "Colonial", un brano guidato da uno spettrale giro di chitarra e dalla voce di Gabe Vicknair, uno che deve essere cresciuto a pane e Fields of the Nephilim, visto che il mood oscuro degli inglesi lo riversa all'interno di un sound oltremodo delicato che tocca qua e là alternative rock, post-punk o dark metal. Il sound dei nostri tuttavia non si limita certo a questa o quell'etichetta, ma volge il proprio sguardo verso sentieri differenti, spaziando anche all'interno di post-metal, sludge, shoegaze e altre sonorità che potrebbero scomodare facili paragoni con gli ultimi Katatonia. Notevoli, è stato il mio primo pensiero. E malinconici quando la seconda "Voyager" ha cominciato a fluire nel mio stereo con i suoi raffinati orpelli chitarristici, come un soffio leggero che sposta impercettivamente i capelli davanti agli occhi. La voce di Gabe rimane il punto di forza dell'ensemble, ma anche la musicalità cristallina messa in piedi dalla band di Baton Rouge si rivela davvero formidabile con ariose aperture che potrebbero evocare un che dei Russian Circle. All'inizio menzionavo le divagazioni sludge, eccomi accontentato in "Subterfuge", con quel suo pesante riffing melmoso allegerito soltanto dal raddoppiare della seconda chitarra che, oltre a conferire un tocco di malinconia ad un brano per larghi tratti strumentale, ne stempera anche l'irruenza. Ma con l'ingresso della voce e della tribalità di un drumming che chiama in causa ancora i Katatonia, ecco che il gioiellino è servito, con quelle sue chitarre riverberate di chiara matrice post-rock. Ve lo dicevo che dentro a 'Care Vale' c'era di tutto e per tutti i gusti, quindi non esitate avanzando nell'ascolto. Verrete sorpresi dal temperamento nostalgico della title track, cosi emotivamente inquieta e cosi forte nello sconquassarci l'anima con il suo incedere delicatamente dilaniante. Con "Severant", quelle nubi che si stavano addensando nell'aria poc'anzi trovano modo di scaricare la propria rabbia attraverso un riffing dapprima pesante ma che in pochi secondi perde vivacità acquisendo un tono ancora malinconico. Ma i quattro americani sono abili nell'alternare luci e ombre, cosi come eterei passaggi acustici a fragorose scariche elettriche, ammiccando qui anche ai Deftones. La chiusura è affidata alle note di "Spasma", dove emergono infine accenni post-grunge che si vanno a sommare a una ricerca spasmodica del suono emozionale, maledetto e dannato, malinconico e irrequieto, che fanno di questo 'Care Vale' un lavoro intenso e da gustare tutto d'un fiato. (Francesco Scarci)

Hatecrime - Music About Death

#PER CHI AMA: Black/Death
Uscito nel 2019, 'Music About Death' rappresenta il secondo album per il quartetto russo degli Hatecrime. La proposta del combo originario di San Pietroburgo, definito 'misanthropic death metal', è in realtà un rozzo e furioso black death con qualche accenno grooveggiante. Lo dimostrano i 133 secondi di "Dead Raven", che su una ritmica thrash metal, s'infervorano poi con accelerazioni death e screaming black. Fortunatamente, in questo marasma sonoro, i nostri ci buttano dentro qualche accenno melodico altrimenti credo l'ascolto di questo brano non sarebbe stato certo dei più facili. E infatti è assai più complicata la successiva "We Are Not Who We Are", in primis per una durata più sostanziosa rispetto a "Dead Raven" e poi per una proposta musicale controversa e dissonante, anche se i continui cambi di tempo e una tecnica più che discreta, ne fanno galleggiare le sorti oltre la sufficienza. Un'apertura acustica apre "Against", il pezzo più lungo del lotto (circa 6 min e 20) che ci consegna un rifferama più compassato, certo non proprio memorabile, ma perlomeno si lascia ascoltare. "You Hating" ha il riffing portante davvero potente, ancora meglio l'apporto vocale che si muove tra un semi-pulito, growl e scream, per quello che è il miglior pezzo del disco, soprattutto a livello melodico con un bell'assolo conclusivo che si accompagna ad una feroce galoppata black. Ecco, qui ci siamo, ma che fatica. Con la seguente "1984" si torna a ritmiche più misurate, alternate alle classiche sfuriate, ma il risultato non mi convince più di tanto, più che altro perchè si perde nell'anonimato generale. E anche l'episodio conclusivo del disco, "The Purge", non aggiunge granchè all'album, sebbene possa certamente affermare che gli Hatecrime riescono a dare il meglio di se stessi sui pezzi più tirati piuttosto che in quelli più ragionati e qui i nostri sono abili nell'aggredirci con un rifferama tagliente e selvaggio. Insomma 'Music About Death' è un lavoro che denota ancora diverse deficienze per approdare ad un pubblico più vasto, il consiglio è come sempre una maggior ricerca di originalità per scrollarsi di dosso quell'abito che indossano ormai milioni di band impantanate nell'anonimato totale. (Francesco Scarci)

(Wings of Destruction/Grotesque Sounds Productions - 2019)
Voto: 62

https://wingsofdestruction.bandcamp.com/album/music-about-death

venerdì 8 gennaio 2021

Hulder - Godslastering: Hymns of a Forlorn Peasantry

#FOR FANS OF: Raw Atmospheric Black
Hulder is a solo-project founded only two years ago by the Belgian musician Marz Riesterer who is currently located in Oregon, USA. From its inception the project showed some potential, combining raw black metal with some medieval influences, not only conceptually but also with some small musicial touches. Anyway, Hulder couldn't be defined as a pure medieval black metal project, at least in its first stage. In these two years, the project has been quite active releasing several demos, singles and a EP, always with a very raw production and a potential yet to be fully delivered.

Twenty-twenty has been a remarkable year for Hulder that finally released the debut album entitled 'Godslastering: Hymns of a Forlorn Peasantry' with the respected underground label Iron Bonehead Productions. This debut opus marks a great step forward in terms of composition and production and it is exactly what I was expecting from this project as a logical and needed musical evolution. 'Godslastering: Hymns of a Forlorn Peasantry' doesn't differ so much from the previous works but it is undoubtedly a more mature work. First of all, the production has still its rawness, but it is clearly cleaner and more powerful. All the instruments are much more audible and the sound is perfectly balanced. The compositions have an appropriate equilibrium between clearness and agression. Musically speaking, the songs are clearly rooted in the black metal genre, both instrumentally and vocally. Marz’s shrieks sound pretty rasped and powerful and they fit the music perfectly well. Pace-wise, the songs are generally fast though they have a good dose of tempo-changes with a quite well composed guitar lines, which sound archetypal but never boring or dull. The album opener "Upon Frigid Winds" is a nice example of well-composed riffs and a relentless pace, although thankfully the rhythm varies enough to prevent the song to become boring. Moreover, it has a nice and short atmospheric interlude in the middle of the song which gives a nice medieval touch to the track. The aforementioned medieval vibe is here clearly stronger if we compare it with previous releases. This feeling is achieved thank to different arrangements, like some keyboard sections in several songs, for example, the already mentioned album oponer, or traks like "Lowland Famine", among others. Other arrangements come in the form of acoustic guitars, like in the more calmed track "De Dilje", which serves as a peaceful moment in the middle of a sonic storm. These arrangements enrich the album making it has a credible medieval vibe, but they never overshadow the absolutely loyal black metal sound. The achieved balance is excellent and the expected aggressivity is well accompanied by these atmospheric touches, which improve the final result. Another nice example is the excellent track "A Forlorn Peasant’s Hymn", with a surprising calm and beautiful first half, where Marz also shows us her heavenly voice. This ethereal start is suddenly broken by a furious change, giving wat to a second full black metal part, where she shows its strenght, it is indeed a well-done great contrast.

'Godslastering: Hymns of a Forlorn Peasantry' is undoubtedly a excellent step forward in Hulder’s career. It stays loyal to its core sound as it shows a necessary improvement in terms of production, compositions and a stronger medieval atmosphere. Absolutely recommendable for fans of the black metal genre. (Alain González Artola)


(Iron Bonehead Productions - 2020)
Score: 82

https://www.facebook.com/HulderUS/

Silent Eyes - S/t

#PER CHI AMA: Acoustic Prog Rock, Riverside
I Silent Eyes (monicker che ricorda il titolo di un brano di Paul Simon) sono una one-man-band dalle sfumature eccentriche e nostalgiche, un porto sicuro per un ascolto di un rock acustico mosso che incontra pace e generi variegati. La prima traccia di questo album omonimo, “Homeward Bound” ci porta letteralmente a casa. La voce del mastermind Keelan Butterick spezza il silenzio di un locale vuoto in cui si muovono chitarra ed ugola, un tutt’uno che accarezza un sound melancolico. Suoni dalle reminescenze prog (penso a Riverside o Porcupine Tree) si addolciscono in un pop rivisitato. Sonorità trasversali a vari generi sfumano nel racconto del cantare non del cantante. Il pezzo si chiude con virtuosismi chitarristici che non vogliono lasciare la scena, quasi ad esserne dipendenti. Epilogo lento e mellifluo. Veniamo a “The City”. Dondolo lentamente sul mio centro. Altrettanto lentamente provo ad entrare nelle pieghe di questa canzone. D’improvviso, un sorriso sghembo ed una ferita si aprono. Si. Perchè “The City” non lascia spazio alla mente, ma sussurra al cuore. E se ascoltando una canzone la commozione ci mastica l’anima, allora dobbiamo dare spazio alle fauci per riprenderci il cuore. Mi ridesto dal viaggio delle prime tracce quando parte “These Days”. Si librano sfere di luce nel buio della notte. Salvami. Perdonami. Conducimi. Ed il viaggio si ferma. Strappa il respiro. Poi ci rianima. Un prendere ed un dare. Un sussulto ed un sospiro. Una terra bruciata ed un fiore. Qui l’atmosfera si confonde in parole e musica. Ciclico. La terra trema leggera sotto “Ocean Blues”. La voce è avvolgente in una tensione superficiale che terrà sempre gli atomi in intorni coesi. Gli occhi si chiudono, il corpo no. Un messaggio da farsi passare attraverso. Un vivere di sensazioni, emozioni e musica. L’album del factotum australiano (qui aiutato da una serie di amici tra cui il Bloodwood String Quartet con tanto di viola, violino e violoncello) si chiude con “For You”. E siamo su una spiaggia dimenticata dal tempo e dallo spazio. Il fuoco è acceso. La fiamma imperante. Il silenzio tra i crepitii alimenta la voce di fondo che fa gongolare l’anima. Spengo la luce. Alzo il volume. Così dovete ascoltare questo'album. Un lavoro di classic rock acustico, dai tratti folk, fuori dagli schemi. Quest'album vi lascia lo spazio che si prende. (Silvia Comencini)

martedì 5 gennaio 2021

Mazikeen - The Solace Of Death

#PER CHI AMA: Black, Emperor
Il nome Mazikeen ho imparato a conoscerlo dalla visione della serie TV 'Lucifer', dove impersonava uno dei demoni a servizio di Lucifero, sebbene l'origine del suo nome sia da ritrovarsi nella DC Comics che la incornicia come una delle figlie di Lilith, la presunta prima donna di Adamo. A parte queste premesse, i Mazikeen sono anche la band di oggi, un quintetto originario di Melbourne che lo scorso anno, ha rilasciato il qui presente debut, intitolato 'The Solace of Death'. L'album include otto tracce di black/death più la bellezza di quattro cover. Ma andiamo con ordine raccontandovi un po' di che pasta sono fatti i nostri, che partono discretamente bene con la title track e una tempesta di sette minuti di black dalle tinte sinfoniche. Nulla di originale sia ben chiaro, però i musicisti sembrano preparati, le melodie piacevoli, anche un pochino ruffiane ma va bene, con tutti gli elementi del classico black anni '90 a disposizione dei nostri. Un tuffo nel passato quindi, sottolineato anche dalla successiva "Apostate" che con i suoi 10 minuti, e insieme agli altri 10 di "Vexation Through the Golden Sun", rappresentano i due brani più lunghi del disco (in un lavoro che comunque sfiora gli 80 minuti!). Anche in queste circostanze, la band si presenta con parti death atmosferiche che si alternano a sfuriate di scuola norvegese (Emperor/Carpathian Forest), con uno strano utilizzo delle vocals (tra screaming e qualcosa di corale). Certo gli originali sono tutt'altra cosa, però i nostri si difendono in un qualche modo, anche se avrei evitato di proporre quasi 21 minuti di musica in soli due pezzi, il rischio di incappare in una certa ridondanza si fa infatti più elevato. Ma i Mazikeen si mettono in gioco, rischiano e non ne escono nemmeno con le ossa rotte sebbene dopo un po' il desiderio di skippare lo avverta anche. I nostri musicisti australiani macinano riff a profusione con velocità sostenute, sempre contraddistinte però da una buona dose di melodia e addirittura da qualche assolo di scuola heavy classica (mi vengono in mente gli Iron Maiden nella seconda song) o addirittura da qualche break acustico che conferma le discrete qualità dei nostri. Per me il disco si poteva fermare alla soglia del quarto brano visto che qualche dolore in più inizia a palesarsi. Inutile infatti la tempesta sonora di "Fractricide" cosi come la più compassata, almeno all'inizio, "Psychotic Reign", un pezzo che francamente alla fine non è nè carne nè pesce, visto l'enorme baccano profuso fino a quando un ottimo assolo dilaga nel caos creato dai nostri; peraltro queste due tracce vedono il guest alla voce di Josh Young degli Astral Winter. Toni spettrali con l'interlocutoria "Harrowing Cessation" e ancora tocchi di piano con "Mors Vincit Omnia", per due brani la cui collocazione è quanto meno discutibile. "Cerulean Last Night" (qui il guest è del vocalist dei The Maledict) chiude il lotto di pezzi dei Mazikeen in modo a dir poco selvaggio. È il turno delle cover: si parte con "Freezing Moon" dei Mahyem e "Night's Blood" dei Dissection. Qui alla voce Nathan Collins dei Somnium Nox che presta i propri latrati a due grandi pezzi del passato, riletti quasi praticamente in un ugual modo rispetto agli originali dai Mazikeen. Poi uno dei miei brani preferiti di sempre, "The Mourning Palace" dei Dimmu Borgir, riproposti qui con una stravagante linea di tastiere che mi lascia un attimo perplesso. A chiudere quest'estenuante disco 'Transilvanian Hunger" dei Darkthrone, riproposta peraltro con la stessa pessima produzione dell'originale per mantenere intatto quel mood primigenio della band di Fenriz e Nocturno Culto. 'The Solace Of Death' è alla fine un disco che non fa dell'originalità il proprio credo, evidenzia ombre e luci (pochine a dire il vero) dei Mazikeen che per fare il salto di qualità, dovranno necessariamente mettere più personalità nel prossimo album. Per ora siamo oltre la sufficienza ma mi aspetto molto di più in futuro. (Francesco Scarci)

(Satanath Records/Iron, Blood and Death Corporation - 2020)
Voto: 65

https://satanath.bandcamp.com/album/sat282-mazikeen-the-solace-of-death-2020

domenica 3 gennaio 2021

Hourswill - Afterhours

#PER CHI AMA: Heavy/Prog, Nevermore
'Afterhours' è il nuovo EP dei portoghesi Hourswill che avevamo incontrato grossomodo un anno fa in occasione del loro terzo album 'Dawn of the Same Flesh'. Ritornano con un dischetto di sei pezzi ove accanto a vecchi brani dal vivo, estratti dal già menzionato lavoro e da 'Harm Full Embrace', il quintetto lusitano ci presenta anche un nuovo pezzo, l'opener "Inevitable Collapse II" e una rilettura di "Now That I Feel (L.S. Version)". La prima attacca con quel suo fare tra Nevermore e Anacrusis, sempre contraddistinta da una solida base ritmica e da una ricerca (non troppo efficace) di emulare a livello vocale, il compianto Warrel Dane. Poi a livello solistico-melodico conoscevamo già le potenzialità della band e non posso fare altro che confermarne le qualità. È il turno di "Now That I Feel" già contenuta in 'Dawn of the Same Flesh' e che non mi aveva certo entusiasmato lo scorso anno, torna con una versione che francamente mi spinge nuovamente a passare oltre, visto che fondamentalmente la differenza rispetto alla vecchia traccia è l'assenza di Neide Rodrigues alla voce a bilanciare quella di Leonel Silva. Non si discutono le doti tecniche dell'ensemble di Lisbona, ma si poteva fare anche a meno. Cosi come non si discutono le capacità della band dal vivo, abili a sciorinare uno dopo l'altro i quattro pezzi inclusi, a coinvolgere il pubblico con il loro heavy prog thrash, ma che a me personalmente non ha lasciato davvero nulla. Se siete fan della compagine portoghese, 'Afterhours' potrebbe, ma non è un obbligo, far parte della vostra collezione, altrimenti si può vivere tranquillamente senza. (Francesco Scarci)

(Ethereal Sound Works - 2020)
Voto: 60

https://www.facebook.com/Hourswill

Hyrgal - Fin de Règne

#PER CHI AMA: Black, Deathspell Omega
Prosegue la massiccia campagna invernale della Les Acteurs de l'Ombre Productions, questa volta con l'uscita del secondo album dei connazionali Hyrgal, misterioso trio di Bordeaux che abbraccia tra le sue fila membri di Svart Crown, Deveikuth e Artefact. Questo secondo 'Fin de Règne' è un altro abrasivo esempio di black funambolico che sembra crescere nelle lande francesi oramai come funghi infestanti. Sette efferate tracce che seguono a distanza di tre anni quel 'Serpentine' che segnò l'esordio per i nostri. Si parte però con una proposta che è piuttosto affine a quel disco di debutto, ossia un black tiratissimo con aperture melodiche ma anche rallentamenti improvvisi. Questo quanto ci raccontano infatti le prime due song di 'Fin de Règne', "Colère Noire" e "Malthusien", che in quasi dieci minuti ci mostrano pregi e difetti del qui presente album. E i difetti sono ascrivibili ad una linea brutale forse troppo intransigente con sfuriate che non dicono nulla di cosi originale. Molto meglio i pregi, più rari però, con break atmosferici ricercati, soprattutto nella seconda delle due tracce menzionate. "Ennemi(e)s" potrebbe evocare spettri di un black svedese, complice una bieca violenza quasi fine a se stessa che non mi fa certo gridare al miracolo. Ci aspettano infatti chitarre taglienti, urla al vetriolo e poco altro fino al tanto agognato momento di ristoro, in cui nuovamente la band sembra acquisire un altr'altra postura, più raffinata ed evocativa, con linee di chitarra fortunatamente più ricercate che mantengono intato il mio focus d'attenzione, altrimenti francamente, avrei bollato questo disco come flop colossale. Siamo sulla strada giusta, tuttavia ancora lontani da altre eccellenze dell'etichetta transalpina. Con "Sépulcre" forse le cose iniziano a migliorare più vistosamente con suoni al limite del funeral, recitati puliti in francese e sonorità da fine del mondo, ma è solo un passaggio interlocutorio visto che con il riffing heavy punk dai tratti dissonanti della successiva "Glyphe de Sang", sembra si abbia a che fare con un versione black dei Ved Buense Ende, in un brano che comunque mantiene intatto l'appuntamento con il solito break ragionato che ci permette di tirare il fiato in mezzo alla bufera. Bufera, che prosegue sulle note infernali di "Héritier Mort-né" un brano che strizza l'occhiolino ai Deathspell Omega cosi come il glaciale finale affidato alla ferocia di "Triste Sire", in cui si mettono in evidenza delle soluzioni chitarristiche più alternative e per questo più apprezzabili. Quello degli Hyrgal è un lavoro discreto che sicuramente necessita di molteplici ascolti, ma che non raggiunge vette di qualità come più volte mostrato dagli amici della LADLO Prods. C'è da lavorare un altro pochino sicuramente. (Francesco Scarci)

(LADLO Productions - 2020)
Voto: 66

https://ladlo.bandcamp.com/album/fin-de-r-gne

sabato 2 gennaio 2021

 Looking for people willing to write reviews in The Pit of the Damned and be part of the staff? Are you interested in?


Write to: thepitofthedamned@gmail.com

---------------------------------------------

Sei interessato a scrivere recensioni e far parte dello staff del Pozzo dei Dannati?

Le Grand Sbam - Furvent

#PER CHI AMA: Avantgarde/Progressive/Jazz
Il nuovo album dei Le Grand Sbam è uno di quei prodotti che fanno meravigliare gli appassionati e i ricercatori di musica d'avanguardia con la A maiuscola. Un lavoro indefinibile, imprevedibile, variegato e variopinto di mille colori e umori, costellato di pura e ricercata follia compositiva. L'ottetto francese scolpisce liberamente, attorno agli scritti, l'orda del controvento e dal simbolismo dello Yi King (I Ching), del neurologo/saggista portoghese Antonio Damasio, un lungo e articolato concept musicale dalle contorte intuizioni musicali, ai confini della realtà. Basta dare uno sguardo ai video live proposti dalla band sul canale youtube per capire di che pasta è fatto l'ensemble transalpino, che unisce la teatralità intellettuale dei The Residents alla follia iconoclasta Zappiana, passando per il jazz, il prog e persino spunti di rumorismo e punk, tutto rigorosamente d'avanguardia. Il primo brano, "La Trace", è una suite di oltre 18 minuti che stende l'ascoltatore per la semplicità con cui il collettivo di Lione, riesce a cambiare volto alle musiche, chiaroscuri e altalene armoniche, tenute insieme da una continua ricerca vocale polifonica sbalorditiva, schizofrenica ed ipnotica, sana pazzia, che s'intrecciano e sovrastano per creare qualcosa che esaspera le teorie musicali dei Magma di 'Mekanïk Destruktïw Kommandöh' (1973), mentre la seguente "Nephèsh", si muove a suo agio sulle tracce delle intricate e geniali, fantasie vocali di Joan La Barbara e Meredith Monk. Proseguendo con l'ascolto, ci aspetta una sfilata di brani decisamente più corti, dal taglio jazzistico, inteso alla maniera dei Naked City (stile 'Grand Guignol') ma più dolce ed armonioso, con i giochi vocali messi in particolare evidenza. Ci si muove tra sussulti punk alla Nina Hagen ed esperimenti alla Shub Niggurath, ma il suono si espande per lirismo e profondità, tra Eskaton, e riferimenti alti, di scuola Edgar Varese ed il must Zappiano, 'The Yellow Shark', senza dimenticare che musicalmente il suono di questo collettivo rimane sempre teso, intricato, schizoide e raffinato al tempo stesso, quasi fosse un album dei Psyopus, suonato con marimba, xilofono, percussioni, batteria elettroacustica, mellotron, basso, moog, rhodes, cimbalom e quant'altro serva per creare un'isola felice, oserei dire felicissima, di suoni cari al rock in opposition. La musica contenuta in 'Furvent' è incredibilmente teatrale, avvolgente e liberatoria, rivolta ovviamente ad un pubblico preparato e amante dell'avanguardia radicale di ogni epoca, che si aspetta sempre qualcosa di sbalorditivo, per qualità ed esplosività della proposta musicale. "La Trace" alla fine è il mio brano preferito dell'esteso lotto sonoro, ma anche "Yi Yin I Ken (La Montagne)", con il suo potentissimo, inaspettato finale ritmico, è da pelle d'oca, come del resto tutto l'album, che poteva giungere al grande pubblico solo tramite i canali della specialissima e unica label Dur et Doux, autentico caleidoscopio di musica jazz d'avanguardia. Un disco senza tempo, un contesto sonoro indecifrabile, un album splendido per una delle migliori uscite del 2020. Un collettivo di musicisti fantastici per un disco adorabile! (Bob Stoner)

Sodom - Genesis XIX

#FOR FANS OF: Thrash Metal
This is what I remember about Sodom way back in the early days when 'Agent Orange' was released...they were on top of their game. Seems like on this one their energy and riffs are back on top of DOMINATION. Totally kick ass and unrelenting. I don't know why any scores on here are negative about this one because the whole way through is KING. I think that Frank's leads could've been better like the old days, but the rhythms were more than adequate. The music is definitely intricate. These guys are veterans and still putting out high-quality thrash metal. I don't regret buying a physical copy of this LP.

The album features 12 songs and over 50 minutes of great German based thrash metal. This is probably once of the best recorded Sodom releases in years. They've managed to maintain a good career in thrash metal over the years even in Frank's absence. But now that he's recorded this album with the band, it just goes to show how awesome 'Agent Orange' was back in the day. It seems like their rebirth into great thrash metal once again having some of the old line-up in place. The music and vocals are the highlights of the album. Though I thought that Tom's vocals could've been better. They seemed to lack intensity.

The production quality was top notch. The sound of the album was wholly audible with every instrument heard quite well. The thrash metal intensity of the instruments were all there. Tom could've given it more grit, but still I liked what I heard. That's the only reason why I took off some points. But the songwriting was impeccable. Hope this goes on for more albums to come. I'm sure that they had some great ideas that they put on here during this pandemic. A great time to keep the intensity high and creativity up there as well too. As I say, I don't regret making a purchase and buying the CD.

Sodom has been making great thrash metal since the 80's. It's good that they have some of the original members of the band still around kicking ass. Though it sounds like Tom slowed way down. The music is intense as all hell, just his voice is deteriorating. It'd be nice to hear the future of the band. I hope that they keep this lineup for more albums to come. The music is high mighty strong and intense. It was great to know the return of Frank in the band. I think once again that's what made the album as awesome as it is. Him with the band seems to have utmost style and frivolity. Give this a listen to! (Death8699)


(SPV/Steamhammer - 2020)
Score: 82

http://www.sodomized.info/?l=en

venerdì 1 gennaio 2021

Plague Years - Circle of Darkness

#FOR FANS OF: Thrash/Death
The band is way young and already kicking ass! Fresh riffs and solid sound these guys put together some killer thrash metal. The whole album is super-charged. I was really impressed with their musicianship. They really are in their own with their sound. The vocals are petty hoarse and sound well intertwined with the guitars. Plus, the sound quality is top notch. The guitars are pinnacle to the album. I like them the most out of the whole album. They really know how to pack a punch to this one. The tempos vary but are necessary to a versatile release. This band formed pretty recently to have something like this dominating.

The sound quality here is top notch and the guitars are pretty original sounding and well thought out. The vocals make this release sound heavier. But still the guitars are quite thrash-filled. The leads are pretty good as well. Usually, newer bands can't hack it the first time around on lead but Plague Years disproves my theory. And the songwriting is top notch as well. One of the best releases of this year in the thrash metal category! I was blown away when I heard this. They're anything but amateurs. The only thing that I didn't like as much were to voice efforts. They sound a little like Warbringer but not completely. That's my only beef.

The production sound and recording was immaculate. I liked this from start to finish. It was filled with energy! And the riffs were pretty original to say the least. I really liked this album a lot. They have so much to offer. I hope that they stick around for a long time. The music like I said was the highlight to this release. It just blew me away hands down. The musicianship was top notch. This band is way likable to any metal fan, they would have to hear this to maybe in agreement with. They only reason like I said the drawback were the vocals. They were too hoarse for my taste. But otherwise, at least they fit with the sound.

I heard this first on digital and then I was so impressed with it that I bought it on Amazon. I'm an old timer that still collects CD's. But that doesn't make me like metal any less. So yeah, check out some videos on YouTube. They have some official videos on there that's when I first heard them. I made sure first to have the digital copy to hear the whole album and I liked it enough to buy it. The whole thing is good from start to finish. Brutal vocals, wicked rhythms, solid drum beats and terrific recording quality. I will continue to like this even when I wear the album out! Get to hearing this! (Death8699)