Cerca nel blog

giovedì 22 ottobre 2020

Mad Dogs - We Are Ready To Testify

#PER CHI AMA: Hard Rock
Non è facile evitare di cadere in certi pregiudizi o clichè da trito e ri-trito, se nell’Anno Domini 2020 ci troviamo per le mani un disco hard rock. Ma bisogna pur ammettere che si avverte, eccome, quando le corde sono fatte vibrare con il cuore e con passione. O quando a prevalere über-alles è la trascinante carica di certe schitarrate, che ti obbligano a scuotere la testa, senza un preciso motivo. Lo fai e basta. Questa nuova uscita per la Go Down Records, nonché terzo album in studio per i Mad Dogs, racchiude appieno il rock’n’roll sanguigno e genuino della band, senza mezze misure. Di derivazione spiccatamente seventies, ma con un’energia affilata e straripante. L’opener del disco, “Leave Your Mark On What You Do”, si presenta già con un richiamo Zeppeliniano negli stacchi di batteria iniziali. Semplice riscaldamento muscolare prima delle folli cavalcate che ci attendono, scandite da una raffica di groove: reminiscenze australiane in questa direzione, ma senza scomodare Bon Scott e compagni una volta tanto. Citiamo piuttosto le influenze dei Radio Birdman per affinità (con i cui componenti tra l’altro, i Mad Dogs hanno condiviso il palco). Siamo a bordo ormai, su questa locomotiva che corre all’impazzata: i rockers marchigiani non cedono di un beat e si prosegue a tutta birra. Le sei corde sono letteralmente “on fire” e senza tregua danno vita a riff diretti e travolgenti ed assoli irrefrenabili. Bad Religion e MC5, saltellando freneticamente tra garage rock e street punk, poi una rapida apparizione delle tastiere nella title-track, ma sempre e comunque guidati dallo stesso filo conduttore, unico vero e proprio credo: il Rock. Anticipato dall’uscita di tre singoli ("Not Waiting", "Hard Fight" e "Postcard From Nowhere"), 'We Are Ready To Testify' è la consacrazione del rock’n’roll secondo la visione della band italica e allo stesso tempo ne incarna appieno il messaggio. Si respira a pieni polmoni la devozione che i nostri hanno da sempre dedicato alla loro vera fede. E non si può che apprezzare la semplice caparbietà con cui scelgono di imboccare questa strada: testa bassa, pochi giri di parole e qui si suona sul serio. (Emanuele 'Norum' Marchesoni)

(GoDown Records - 2020)
Voto: 78

https://www.facebook.com/maddogsrnr/

Testament - Titans of Creation

#PER CHI AMA: Thrash Metal
A quattro anni di distanza dal loro ultimo lavoro, 'Brotherhood of the Snake', i mostri sacri provenienti dalla Bay Area colpiscono nuovamente con questo 'Titans of Creation', con il quale dimostrano che, nonostante la bellezza di 11 album già alle spalle, i nostri hanno ancora diverse cartucce da sparare. Durante la loro carriera i Testament hanno dimostrato che, oltre all’originario thrash metal, potessero dire la loro anche in ambito power, groove e death metal, miscelando tutti questi generi fra loro. Stavolta sembra che i nostri soffrissero di nostalgia, in quanto il genere prevalente qui è proprio il thrash, ovviamente aggiornato ai giorni d’oggi. Il disco parte a bomba con "Children of the Next Level", un pezzo che nonostante i suoi sei minuti di durata è tutt’altro che noioso ma anzi, ti costringe ad alzarti dalla sedia quando parte quell’assolo spaventoso di Alex Skolnick. L’ascoltatore non viene deluso nemmeno dalle successive "WWIII", "Dream Deceiver" (con un sound che ricorda molto "Dark Roots of Earth") e "Night of the Witch" (con la doppia cassa di Gene Hoglan che nel ritornello fa letteralmente impazzire). Si giunge poi a "City of Angels", traccia che nonostante risulti leggermente estranea al resto del disco, potrebbe per il sottoscritto rappresentare la migliore hit di 'Titans of Creation', proprio per quel sound leggermente influenzato dal grunge e che ricorda anche il vecchio 'The Gathering'. Tutta la canzone suona interessante: dall’intro di basso di Steve di Giorgio al possente riff di Peterson, passando per la meravigliosa voce di Chuck Billy e all’emozionante assolo di Alex, per poi finire all’improvviso con un ultimo “Nocturnal hunt for the taste of blood”. A questo punto dopo cinque magnifici pezzi, ognuno dei quali capace di trasmettere emozioni differenti, non ci si può non aspettare un ulteriore aumento in termini di qualità per questo titanico lavoro. Purtroppo, sembra che i Testament esauriscano la maggior parte, se non tutte, le risorse a disposizione, in quanto la successiva "Ishtar’s Gate" chiude una prima parte a dir poco incredibile, la migliore dell’album. In realtà il pezzo in sé ci starebbe anche, tolto qualche break ripetitivo, finisce per crollare definitivamente per colpa di un ritornello poco ispirato e che sa di già sentito. Per fortuna ci salva la successiva "Symptoms", ideata da Skolnick, dove i primi 34 secondi sono dominati dal basso di Steve con le chitarre che fanno da seguito. Dopodiché arriva un riff bello incalzante che fa da apripista alla possente voce di Billy e poi come al solito un altro fantastico assolo di Skolnick. Ma si tratta solo di una parentesi, in quanto "False Prophet" si rivela pezzo assai noioso, durante il quale personalmente mi sono lasciato dare ad un paio di sbadigli. Stessa cosa la si potrebbe dire anche di "The Healers", un brano che perlomeno contiene un ritornello abbastanza carino. "Code of Hammurabi" e "Curse of Osiris" tornano a catturare l’attenzione dell’ascoltatore, in particolare la seconda che contiene uno spettacolare chorus dai forti rimandi death metal. Si chiude con "Catacombs", un outro quasi orchestrale che conclude il disco degnamente. Il sound dei Testament si conferma anche in 'Titans of Creation' assai granitico con quei forti richiami al passato. Per questo lo colloco al secondo posto nella mia classifica degli ultimi album dei gods statunitensi, da 'The Formation' in poi, e mi sento di consigliarlo a chi sa apprezzare i Testament moderni. Non ci possiamo certo aspettare un altro 'The New Order', dopotutto stiamo parlando del dodicesimo album (non del quinto o sesto) di una band che ormai ha ben 37 anni di storia alle spalle. Non mi rimane altro che augurarvi un buon ascolto! (MetalJ)

(Nuclear Blast - 2020)
Voto: 75

https://www.facebook.com/testamentlegions/

domenica 18 ottobre 2020

Vitam Et Mortem - El Río De La Muerte

#PER CHI AMA: Black/Death, Dissection, Morbid Angel
Il "fiume della morte", questo il titolo ovviamente tradotto in italiano del duo colombiano dei Vitam et Mortem che si pone come parallelo tra il fiume colombiano Magdalena, teatro di violenza e l'Acheronte, il fiume degli Inferi nella mitologia greca. La band, formatasi nel 2002, ha all'attivo sei album all'insegna di un death black melodico che farà la gioia di tutti coloro che seguono Dissection, Marduk e Morbid Angel, che mi sembrano le prime influenze che si palesano in "Los Cuerpos en el Río" che segue a stretto giro l'intro del disco. Il sound dei due di El Carmen de Viboral è un gorgo musicale in cui fluiscono le melodie e graffianti linee di chitarra dei nostri che mi evocano immediatamente gli svedesi Dissection, con quelle grandi aperture melodiche che si affiancano ad arrembanti cavalcate death. "La Danza de Los Gallinazos", meravigliosi a proposito i titoli dei pezzi, evoca invece a livello ritmico i Morbid Angel con quei riffoni belli pesanti e quelle voci abbastanza catacombali, sebbene poi i chorus, sembrino smorzare la violenza dei due sudamericani. Addirittura in "Aqueronte", le growling vocals cedono il passo ad un cantato più teatrale (ricordate gli Angizia?) con il sound che cambia, partendo da un ritmo marziale esplode in vertiginose schegge metalliche impazzite, tra saliscendi frenetici e oscure melodie, in un sound che potrebbe addirittura ricordare i Melechesh. Niente male affatto. Di contro la successiva "El Animero" non ha nulla di particolarmente interessante da offrire, è il classico brano che rimane nel mazzo e fa da riempimento. Molto meglio allora il brano che ne segue, "Barquero de los Muertos", più che altro per quella sua chitarra di sottofondo che evoca ancora una volta lo spettro dei Dissection in un contesto estremo dai tratti vagamente orchestrali. Una chitarra acustica spagnoleggiante apre invece "Plegaria a los Muertos", un pezzo death metal bello tirato e oscuro, sebbene poi riesca a regalare delle melodiche linee di chitarra, sfoggiando peraltro un'ottima tecnica individuale, ma non è certo la prima volta che lo si apprezza nel corso del disco. "Nomen Nescio" sarebbe una sorta di outro del cd, in realtà funge da bridge per i rimanenti due brani, "Yo Soy el Siguiente Muerto" e "Ritos de Muerte". Il primo è un vecchio pezzo della band risalente all'uscita del 2008 del disco 'Commanding the Obscure Imperius', qui riletto in chiave più moderna, strizzando sempre l'occhiolino ai Morbid Angel. La seconda è una cover dei Masacre (di cui avrei fatto sinceramente a meno), estratta dall'album 'Sacro' del 1996 della band originaria di Medellin che va comunque a completare un disco intrigante per una band da tenere assolutamente sotto stretta osservazione. (Francesco Scarci)

(Satanath Records/Exhumed Records - 2020)
Voto: 72 
 

As I Lay Dying - Shadows are Security

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Metalcore/Swedish Death
I californiani As I Lay Dying devono la loro fortuna a Dark Tranquillity e In Flames, in quanto proprio alle due band svedesi fa riferimento principalmente il sound degli statunitensi. Questo 'Shadows are Security' ormai datato 2005, non aggiunge più di tanto alle produzioni precedenti della band, sebbene il prodotto si riveli assai valido: le melodie tipiche della scuola svedese si fondono con il thrash-metal core della scuola americana e quello che ne viene fuori è, come sempre, un lavoro di notevole fattura. L'assalto del quintetto proveniente da San Diego è quanto mai potente e dinamico; la produzione è ottimamente curata dal sempre valido Andy Sneap (Machine Head, Nevermore e Testament), così com’è molto buono il songwriting. Una devastante sezione ritmica (ottima la batteria) ci accompagna dall’inizio alla fine dell’ascolto del cd, con rabbiose vocals che si alternano ad un cantato assai melodico e come non citare poi i pregevoli passaggi melodici che caratterizzano un po’ tutto il disco. Che dire di più, sicuramente gli As I Lay Dying da sempre centrano il segno, regalando lavori di emozionante e granitico metalcore, spruzzato dal flavour caratteristico dello swedish death metal. 'Shadows are Security' include anche un bonus DVD contenente la registrazione del concerto al Substage di Karlsruhe, in Germania, del 28 novembre 2004. Da notare, che questo album segna anche l’ingresso di tre nuovi elementi nella band, che sicuramente apporteranno linfa vitale al combo americano. Ottima prova. (Francesco Scarci)

(Metal Blade - 2005)
Voto: 74

https://www.asilaydying.com/

Váthos - Underwater

#PER CHI AMA: Black/Death
Direttamente dalla capitale rumena, ecco arrivare i Váthos, giovane e promettente band in giro da solo tre anni, che con questo 'Underwater' raggiunge la prima tappa della carriera, ossia il debutto. Il genere proposto dai cinque di Bucharest è un black melodico che vede saltuarie accelerazioni nel post-black ma altrettante divagazioni sul versante death e post-rock. Quindi possiamo far conoscenza col quintetto di quest'oggi partendo dall'opener "Ruins of Corrosion", una song che lascia intravere le buone potenzialità della compagine rumena, ma ancora qualche lacuna sia in fase compositiva che sotto l'aspetto di personalità/originalità. La band parte subito bene con una buona linea melodica che però tende a perdersi laddove i nostri provano ad accelerare un pochino di più, mentre sembrano rendere al meglio in territori più ragionati, dove peraltro emergono le idee migliori. La prima traccia quindi scivola via in un riffing alla lunga stancante che solo nel finale vede qualche significativa variazione al tema. "The Suicide" la trovo decisamente più ispirata, con le chitarre delle tre (dico tre) asce a disegnare malinconiche melodie sulle quali si staglia la voce in screaming di Radu. L'intensità emotiva tuttavia non lascia scampo e presto s'incunea nell'anima generando un certo feedback depressive che mi colpisce davvero tanto, complice anche la voce del frontman che abbandona il suo stile urlato per dedicarsi ad un pulito più convincente. E le clean vocals tornano immediatamente anche in "Curse of Apathy", un altro buon pezzo che palesa le buone qualità del quintetto, ma non ancora cosi eccelse. Mi spiego meglio, se da un lato il tremolo picking, cosi come le parti arpeggiate di scuola post rock, generamo sempre quel feeling emotivo in grado di chiudere la bocca dello stomaco, dall'altro la potenza emozionale sembra perdersi nei momenti in cui i nostri provano a premere sull'acceleratore per mostrare il loro lato più rude, non è necessario. Ed infatti è un peccato, perchè in questo modo rendono l'ascolto di 'Underwater' molto più altalenante anche a livello di interesse. Lo stesso accade per dire con un brano come "Corrupted Mind", una sgaloppata death/thrash che non c'entra davvero granchè con quanto ascoltato sino ad ora e che francamente mi ha fatto un po' storcere la bocca. Un po' meglio con "Shape of…": classica introduzione riverberata, un po' di bordello per un paio di minuti almeno fino a quando la band ci regala ancora pregevoli attimi di atmosfera cosi come pure successivi riferimenti a post-punk e shoegaze che rendono interessante l'ascolto. Arpeggi ancora in apertura con "Hold My Breath" con tanto di ausilio di voce pulita che presto lascerà il posto alle harsh vocals del cantante, mentre le chitarre tornano implacabili a tracciare riff affilati come lame di rasoi, fondamentalmente senza aver nulla da dire. È però ancora una volta sulla componente melodica che torno a fermarmi e a sottolineare come la band dia il meglio di sè quando rallenta e offre frangenti più emotivamente interessanti. Nell'ennesima sgroppata finale invece, meglio lasciar perdere. Con "Sanctimonious Belief" ci avviamo verso il finale del cd, dove manca ancora all'appello "Flower of Death". Il primo è un discreto pezzo di black melodico dotato del classico break acustico centrale e di tremolante coda finale. La seconda traccia sembra prendere in prestito dal post rock le tipiche atmosfere oniriche, per poi proseguire con sonorità che paiono strizzare l'occhiolino agli Agalloch più primordiali. Interessante tentativo di imitazione degli originali che rimangono inevitabilmente in vetta all'Olimpo del genere, mentre i Váthos hanno ancora un bel po' di strada da percorrere per poter emergere e trovare la propria identità. (Francesco Scarci)

(Loud Rage Music - 2020)
Voto: 68

https://loudragemusic.bandcamp.com/album/vathos-underwater

venerdì 16 ottobre 2020

Slomosa - S/t

#PER CHI AMA: Stoner/Punk, Offspring
Quello dei norvegesi Slomosa è senza dubbio un buon disco di debutto, suonato bene, con giuste sonorità, tanto tipiche se non un po' scontate dello stoner rock. Un genere che annovera tra i più famosi e storici rappresentanti, i Queens of the Stone Age, creatori e divulgatori di un suono che ha fatto storia e che ha influenzato migliaia di band, rischiando di generare una vera e propria dinastia di cloni che però ha impedito allo stoner di evolversi in maniera libera come fu per il primo periodo negli anni '90/2000. Da perfetti estimatori della band di Joshua Homme, il quartetto di Bergen si è impegnato a ricreare conosciute atmosfere e scorribande rock che spingono molto sull'acceleratore, mostrando muscoli e sudore assieme ad una lieve propensione space rock, lodevole caratteristica che nei primi tre brani funziona assai bene, poi va un po' perdendosi. "Horses", "Kevin" e "There is Nothing New Under the Sun", accompagnati da un cantato che stranamente ricorda molto l'effetto epico del positive punk (tra Theatre of Hate e The Offspring), suonano splendidamente carichi di energia, creando quel coinvolgimento nell'ascoltatore, cosa che non si può dire della seguente "In My Mind's Desert", con l'inizio che anima un drammatico presagio, ovvero il ricordo di band mollicce come Lit o Sugar Ray degli anni '90, sfatato solo in parte da un suono ruvido e pesante. Fortunatamente a seguire, parte il giro in puro stile Kyuss di "Scavengers", giusto in tempo per rianimare le mie aspirazioni desertiche e ristabilire i canoni sonori per una band che quando esce dal seminato stoner non riesce ad essere convincente ed interessante fino in fondo. Quello che esce poi da questo disco, per i tre brani conclusivi, risulta essere un susseguirsi di richiami statici verso un rock mascherato di stoner, con suoni e riff, triti e ritriti, volti verso una assidua ricerca dell'orecchiabilità perfetta, della simbiosi musicale verso i maestri, come la conclusiva "One and Beyond" dove i chiaroscuri del brano riescono solo in parte, visti i soliti richiami al genere. A mio modesto avviso gli Slomosa avrebbero doti e capacità per aprirsi verso sonorità più grunge e underground della prima ora, oppure spostarsi verso un sound molto più europeo, liquido, acido e pesante alla 7Zuma7. Lavoro con otto brani altalenanti nel carattere, band con una personalità ancora acerba e un sound troppo derivativo. (Bob Stoner)

(Apollon Records AS - 2020)
Voto: 63

https://slomosa1.bandcamp.com/album/slomosa

giovedì 15 ottobre 2020

Crépuscule d'Hiver - Par​-​Delà Noireglaces et Brumes​-​Sinistres

#PER CHI AMA: Medieval Black, Summoning
Questo è il classico lavoro che avrebbe voluto recensire il mio compagno d'avventura Alain, visto il genere proposto in quest'album di debutto della one-man band transalpina dei Crépuscule d'Hiver, intitolato 'Par​-​Delà Noireglaces et Brumes​-​Sinistres'. Stiamo parlando infatti di suoni medievaleggianti, almeno per ciò che concerne la classica intro tastieristica che chiama in causa il dungeon synth. Poi quando irrompe la brutalità della seconda "Le Sang Sur Ma Lame", ritorniamo al buon aspro black metal di casa Les Acteurs de L'Ombre Productions, da sempre divulgatrice di suoni estremi ma assai ricercati. Il buon Stuurm, mente di questo progetto (qui aiutato da N.K.L.S degli In Cauda Venenum), mette in scena il suo desiderio di abbinare un feroce black con sonorità di stampo medievale con l'inserzione, seppur sporadica, di voci femminili. Il tutto evoca ovviamente i maestri Summoning, in una song peraltro dalla durata importante, con i suoi oltre 12 minuti. Interessante si, ma non eccezionale, molto meglio la successiva "Héraut de l'Infamie", che risalta le idee del mastermind originario de la Bourgogne, grazie a sonorità più mid-tempo oriented e a una maggior ricercatezza a livello musicale, anche se ci sono ancora parecchie cose da limare qua e là. Se da un lato ho apprezzato l'inserimento di una effettistica che conferisce una certa pomposità al sound di Stuurm, francamente ho fatto veramente fatica ad accettare l'asprezza delle sue vocals davvero maligne, cosi come certe linee di chitarra troppo dritte e scarne che alla fine non mi dicono granchè e abbassano il mio gradimento nei confronti della release. Fortunatamente, ci pensa poi un brano come "Tyran de la Tour Immaculée", la traccia più complessa, appettibile e melodica (seppur certi riffoni nudi e crudi) dell'intero lavoro, a risollevarne le sorti, anche qui con l'ausilio della gentil donzella a fare da sirenetta e addirittura un abbozzo di un chorus maschile. Chiaro, siamo ancora parecchio lontani dalla perfezione, l'abrasività delle chitarre non aiuta, però è quanto di meglio si possa ascoltare in questo lavoro e dovrebbe rappresentare un buon punto di partenza per il futuro del polistrumentista. Il disco però ha ancora altre tre brani (uno è un intermezzo in realtà) da sfoggiare. La lunga "Le Souffle de la Guerre" ci spara in faccia urticanti ritmiche spezzate da qualche fraseggio tastieristico e da un drumming che sembra volutamente zoppicare, immerso in un landscape tastieristico che ha modo di evocare anche un che dei Bal-Sagoth e nei synth più minimalistici, il buon vecchio Burzum. Interessante qui il comparto, per cosi dire, solistico, con quello che sembra assomigliare ad un vero assolo rock prima dell'ennesima sfuriata al limite del post black. Dicevamo dell'intermezzo medieval con "Les Larmes d'un Spectre Vagabond" che anticipa i 20 minuti (venti si, avete letto bene - l'intero album ne dura 69) della title track che riassumono, se cosi si può dire, la proposta della band in una song dal piglio sinistro immerso costantemente in quel magico ed epico contesto sonoro medievale, con una serie di trovate stimolanti. Ecco, se poi potessi dare un paio di suggerimenti, migliorerei la pulizia del suono, in alcuni frangenti un po' troppo impastato e li si corre il rischio di perdere di vista (meglio, l'orecchio) il suono dei singoli strumenti. Aggiusterei la voce principale, concedendo anche l'intervento di una porzione pulita maschile e non solo l'evocativo apporto della soave fanciulla che compare seducente anche qui. Poi quest'ultimo brano, nella sua infinita durata, è un compendio dicevo, di tutto quello che l'artista francese vuole o vorrebbe trasmettere con questo lavoro enorme e il risultato alla fine suona notevole e degno di un vostro ascolto molto molto attento. (Francesco Scarci)

Fooks Nihil - S/t

#PER CHI AMA: Vintage Rock/Psych/Blues
Per chi fosse interessato ad un tuffo nel passato del rock, quello colorato che parte da metà anni '60 e arriva circa a metà anni '70, psichedelico e floreale, dai suoni caldi e avvolgenti, eccovi una band tedesca pronta a soddisfare ogni vostra esigenza. I Fooks Nihil vengono da Wiesbaden, in Germania, ma a sentire il loro primo disco potremmo collocarli nella West Coast degli States in compagnia di Crosby Stills & Nash e i The Byrds, per percorrere strade polverose e acide o lunghe spiagge assolate in compagnia dei Ten Years After (quelli di 'Stonedhenge'), Jerry Garcia e Neil Young, tutti in corsa sulla scia del lisergico, magico e splendido 'Live Dead' dei Greatful Dead. Brano dopo brano si riscoprono usi e costumi, modi di suonare, fare e intendere la musica di un tempo che fu rivoluzionario per il mondo del rock, un collage di folklore e illuminante allucinazione. I Fooks Nihil hanno imparato bene la lezione e gli insegnamenti dei mostri sacri dell'epoca e molti delle loro influenze emergono tra le note di quest'album di debutto, fatto di dieci canzoni provenienti dal passato, suonate, registrate e volutamente rilette in chiave vintage, senza mai snaturare la fiamma della fonte d'ispirazione originale, americana o inglese che sia. La band teutonica lo fa in modo egregio, con un'ottima produzione, suoni ricercati, che portano sempre a buoni risultati. Ascoltate "Lady From a Small Town", che sembra uscita da un dimenticato cassetto della scrivania di Bob Dylan, il suono splendidamente dilatato di "Homeless" e l'incredibile vicinanza strutturale di "Misery" con la ben più famosa "Knocking on Heaven's Door" a creare una nostalgia paralizzante. Ma dentro al disco ci si trovano spunti presi da variegate band, dai Beatles di 'Sgt Peppers', passando ai Grateful Dead di 'Workingman's Dead', accenni di blues in salsa Derek and the Dominos, riff presi in eredità dai The Kinks, addirittura i primi Eagles e un sacco di chitarre cristalline e solari, accostate ad agili coretti e riverberi d'epoca, suonati oggi come se il tempo non fosse mai passato. Facile dire che il disco è ad esclusivo piacere degli appassionati di rock di quegli anni, che il sitar usato in "What's Left" sia folgorante e che l'intero album sia piacevolissimo anche se inevitabilmente derivativo. 'Fooks Nihil contiene alla fine una buona carica compositiva ed anche una certa dose di personalità, seppur privo di effettiva originalità. Un disco comunque da ascoltare e sognare immersi nei ricordi di allora. (Bob Stoner)

lunedì 12 ottobre 2020

Automatism - Immersion

#PER CHI AMA: Psych/Prog/Kraut Rock
Da Stoccolma ecco giungere dritto nel mio stereo gli Automatism a stemperare quella colata lavica di black che ha saturato le mie orecchie cosi tanto ultimamente. Si perchè il quartetto scandinavo in questo nuovo 'Immersion' è autore di uno psych rock strumentale, uno di quelli che ti permettono di stravaccarti in poltrona, mettere delle luci soft e assaggiare un bicchiere di whiskey con giusto un cubetto di ghiaccio, mentre in sottofondo vanno le ispiratissime linee di chitarra della band svedese in un ipnotico viaggio musicale. Si parte con le melliflue melodie di "Heatstroke #2", un pezzo che si muove tra prog e kraut rock con una vena psichedelica fortemente preponderante. È il turno poi della eterea "Falcon Machine", una song sinuosa dal piglio post rock, che parte con somma delicatezza e va salendo gradualmente in intensità, affidando il driving della traccia al fraseggio di una splendida chitarra solista che sembra muoversi all'interno di una fitta coltre di nebbia. Le melodie sono davvero fantastiche e sembrano sopperire alla solita cronica mancanza di un vocalist in questo genere. Tralasciando mestamente questa mia sterile polemica senza fine, non mi rimane che focalizzare la mia attenzione sulle ritmiche lisergiche trasmesse dai quattro ottimi musicisti nordici. In "Monochrome Torpedo" i ritmi sono assai cadenzati, quasi da lounge bar, tra luci soffuse e qualche donnina che si muove eroticamente attorno ad un palo da lap dance, in un'atmosfera fumosa ma intrigante, di scuola pink floydiana, che tuttavia sulla lunga distanza, tende un pochino a stancare. Allora meglio skippare sulla successiva "New Box", traccia che nel suo saliscendi chitarristico, sembra nascondere melodie mediorientali, comunque inserite in un contesto costantemente a cavallo tra psichedelia e rock progressivo. Citavo poc'anzi delle atmosfere fumose, sarebbe stato ancor meglio affibbiarle a questa "Smoke Room", song dal ritmo ovviamente assai lento, in cui le chitarre sembrano lanciarsi in improvvisazioni e rincorrersi tra loro mentre eleganti percussioni creano un substrato dal forte sapore blues. A chiudere 'Immersion', ecco "First Train" altri sette minuti abbondanti di suoni tenui ma al contempo palpitanti, complice l'utilizzo di una effettistica che sembra evocare l'utilizzo del mellotronin una traccia da vaghi richiami jazz che completa un disco ambizioso, non di facilissima presa ma sicuramente affascinante per mille motivi. (Francesco Scarci)

Prometheus - Resonant Echoes from Cosmos of Old

#FOR FANS OF: Black/Death, Disembowelment
The amount of fine releases coming from the ancient lands of Greece in this tricky year has been one of the best surprises, if we can define as a surprise the high quality of releases coming from a scene, which is highly respected by fans of the black metal genre around the World. Regardless of the time of existence, both new and classic bands seem to have found a moment of inspiration to release tasteful albums in 2020. The Greek trio Prometheus, coming from central Macedonia, a place well-known in Europe´s history, does not want to be the exception and has released its sophomore album entitled ‘Resonant Echoes from Cosmos of Old’. Prometheus was founded some years ago and it took nearly a decade from its early demos to be finally able to release a first effort, entitled ‘Consumed in Flames’. Even though the quality of that album made the wait worthwhile. That was a defining moment from which the trio became more active, releasing three years later an EP and a new full album.

‘Resonant Echoes from Cosmos of Old’ is the name of the new beast, whose style is firmly rooted in the black metal genre. In contrast to other Greek acts, which have a greater melodic component, Prometheus delivers a truly crushing and sinister sound in this album, though its compositions don´t lack completely of a melodic touch. The initial part of the album contains truly heavy and dark tracks like "Astrophobos" or the impressive album opener "Gravitons Passing Through Yog-Sothoth". In these songs we can appreciate that sonically the riffs are deep, cavernous and truly shadowy. The style reminds me bands like the Portuguese The Ominous Circle, with this demolishing heaviness, which is maybe more common in the death metal genre. The pace follows the same patterns, with a combination of fast sections and super heavy slower parts, as said which are maybe more prominent in the death metal genre. Still, the genre can be tagged as black metal because of its atmosphere and also tough the vocals are as cavernous as the riffs are. When you think that ‘Resonant Echoes from Cosmos of Old’ is a furious and well-composed album, yet with a predictable development, the album changes in its second half, bringing some interesting surprises. The tastefully melodic end of the third track "Astrophobos" serves as little introduction of what we will find in this later section. The traditional structure of voice-guitars-drums, which have had the main role during the first part of this album is suddenly accompanied by some atmospheric keys in songs like the homonymous one and the excellent album closer "The Crimson Tower of the Headless God". Stylistically the compositions don´t change so much, as the vocals continue to be deep and aggressive and the riffs remarkably heavy. But Prometheus rightly adds a greater degree of melody in certain riffs of these songs and the aforementioned keys play a major role in order to give a new epic touch to these compositions. Suddenly, the album acquires new characteristics, while it evolves to its end making this effort surprising and fresh in its later stage. The epic final song of this album sums up the different angles of this album, combining the fast and slower parts, the monstrous riffs and a majestic atmospheric side, which enriches this song and makes it a glorious way to end this excellent album.

The talent that Prometheus shows in the later part makes me wonder how a full album with songs like "The Crimson Tower of the Headless God" could sound. Anyway, the contrasting two sides of this sophomore album make it a truly interesting work, because this unexpected evolution sounds refreshing and exciting. At any rate, both sides of this album have a high degree of quality and will please any fan of extreme metal. (Alain González Artola)
 

Vesania - God the Lux

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Death/Black, Emperor
I Vesania sono nati nel 1997 come side project di Orion (Behemoth), Heinrich (ex Decapitated) e Daray (ex Vader) a cui si aggiunsero poi Annahvahr e Hatrah (poi fatti fuori) e infine nel 2000, Siegmar (ex Hesperus). Un po’ di cronistoria per dire che di gavetta i nostri ne hanno fatta, tra promo e diversi concerti in giro per la Polonia, dai quali scaturisce nel 2003, il loro debutto 'Firefrost Arcanum', un black metal tastieristico sulla scia dei primi lavori degli Emperor, mentre nel 2005 esce questo 'God the Lux'. L’album non è male, muovendosi come in passato, su coordinate stilistiche vicine a Samoth e soci, ma con una forte componente death aggiuntiva. Le atmosferiche tastiere si miscelano infatti alla perfezione con la furia death metal di “americana” derivazione: “Synchroscheme” e la successiva “Phosphorror”, forse i brani migliori dell’album, possono ricordare vagamente quanto proposto dai Dimmu Borgir; si tratta infatti, di un feroce symphonic black/death metal sulla scia di quanto fatto da Shagrath e compagni. A me 'God the Lux' piace per quel suo feeling maligno, per quel suo alternare death metal con partiture sinfoniche, mi piace per l’alone di mistero e inquietudine che le sue tastiere riescono a infondere. Le liriche poi, messe insieme da Orion, trattano citazioni di R. Bach, A. Crowley e alcuni anonimi autori medioevali. Alla fine i Vesania non aggiungono nulla di nuovo all’orizzonte, ma suonano bene e con passione, quindi perchè non dargli un ascolto, secondo me non ne resterete scontenti. (Francesco Scarci)

(Empire Records - 2005)
Voto: 70

https://www.facebook.com/VesaniaOfficial

domenica 11 ottobre 2020

Cold Lands - In the Light

#PER CHI AMA: Prog/Alt Rock, Riverside, Demians
Grenoble l'ho sempre associata alle Olimpiadi invernali che si tennero nel 1968 e alle deliziose noci provenienti da quell'area. Da oggi potrò collegarla anche alla città di origine di questi Cold Lands, in realtà una one-man-band guidata da tale Alexandre Martorano, sebbene l'ensemble nacque nel 2011 come four-piece. Ora Alex ha preso le redini del progetto e si è circondato di una serie di amici che lo hanno aiutato a completare questo 'In the Light', concentrato di prog rock che strizza l'occhiolino fin dai primi brani, a Porcupine Tree, ma altre influenze verranno fuori nel corso dell'ascolto di questo disco. Dicevo della band di Steven Wilson e soci come punto di riferimento principale per Alex, ma già da "The Liars Prayer" e dalla successiva "My Vision", ci sento anche un che dei Riverside o dei conterranei Demians. Fondamentalmente nel sound dei Cold Lands, si condensano tutti gli elementi del genere: si parte dalle tiepide (ma non troppo) note dell'intro strumentale "The Moon Circle" per arrivare velocemente alle malinconiche melodie della già citata "The Liars Prayer", che apre con la voce dell'artista transalpino in primo piano, proprio a richiamare i suoi colleghi ben più famosi. Di supporto un riffing di tipica matrice prog con il delicato accompagnamento di una seconda chitarra ben più morbida. Ottimo sicuramente il songwriting e tutta l'evoluzione di una song che si candida immediatamente ad essere la mia preferita del lavoro, forse la più diretta ed orecchiabile. Le successive tracce non tradiscono poi le aspettative: "My Vision" ha un coro accattivante e anche una buona porzione solista. "City of Water" è forse troppo morbida per i miei gusti, in quanto il riffing risulta davvero relegato a pochi secondi e tutto si gioca sull'ottimo lavoro vocale di Alexander, in una traccia però dai tratti troppo pop rock. "Cold Lands" strizza ancora l'occhiolino alla band di Mariusz Duda e soci, anche se poi la chitarra, qui ben più rabbiosa, sembra richiamare i Katatonia di 'The Great Cold  Distance'. Il brano è comunque una girandola tra suoni alla Riverside, riverberi di katatonica memoria e giochini in stile A Perfect Circle, giusto per soddisfare un po' tutti i palati avvezzi a sonorità alternative rock, in quello che invece sembra essere il brano più strutturato del disco. Un bell'arpeggio di scuola Opeth apre "Face the Light" ed ecco che si aprono ulterirori strade per il buon Alex, che pescando qua e là nel panorama più intellettuale metal, cerca nuovi proseliti per la propria causa. E mentre la ballad "Waste in the Wind" gioca a fare il verso agli Anathema più intimistici (il tutto ritornerà anche sul finale con "Here You Are"), "I Begin" prosegue sfoggiando una vena depressive rock che stenta però a decollare almeno fino alla 3/4, quando la chitarra di Alex si slancia in un bel riffing in salire. In "The Blues Men" ci sento un che dei primi Klimt 1918, mentre la grande sorpresa arriva da "He's Coming", brano che chiama in causa i The Cure e pure i The Police, in un pezzo di facile presa, forte di un bel ritmo e un ottimo cantato. In chiusura, ecco "The Winged Fog", che colpisce per le armoniche di chitarra che sembrano emulare il suono di un carillon e con la voce sempre melodiosa del bravo frontman in primo piano a completare un lavoro interessante, forse un po' troppo derivativo, ma comunque la perfetta colonna sonora per questo autunno che incombe. (Francesco Scarci)

sabato 10 ottobre 2020

Hyperborean Skies - Severances

#PER CHI AMA: Blackgaze, Agalloch
Altra creatura solista proveniente dagli States, questa volta da Oklahoma City. Si tratta degli Hyperborean Skies, guidati sin dal 2013 dal factotum Ben Stire, un altro che in fatto di progetti vanta anche Black Eyed Children, Annihilating Eden, Drowned Dead e Half-Light. Insomma Ben non riesce certo a stare con le mani in mano e dopo aver pubblicato un Lp nel 2017, un split album con gli Endless Voyage X nel 2018, eccolo tornare quest'anno con un trittico di song a dire che la band è viva e vegeta. Tre brani quindi per questo EP intitolato 'Severances', che apre con "Departing Song", un pezzo che ci introduce al mondo spirituale degli Hyperborean Skies, che apre a facili ed inevitabili accostamenti ad Agalloch e compagnia. Certo non siamo di fronte alla classe della compagine ormai sciolta di Portland, però qualche soluzione interessante nel black mid-tempo del polistrumentista americano ci sarebbe anche. Nulla da far gridare al miracolo però la vena black progressive del mastermind di quest'oggi è quanto meno da apprezzare. Le melodie ancestrali, lo splendido break atmosferico che spezza a metà il brano tra un inizio più tranquillo ed una seconda parte più tirata, lasciano intravedere le buone potenzialità del bravo Ben, capace peraltro di deliziarci con un bell'assolo conclusivo di stampo prog rock. Forse ancor meglio nella seconda "Wistful Wanders (Redux)", dove il latrato scream della voce, lascia posto ad un cantato (non eccelso a dire il vero) più orientato al versante shoegaze, accompagnato anche da una musicalità adeguata, che ci mostra un altro lato della medaglia di questa realtà statunitense. Le malinconiche linee di tremolo picking garantiscono poi un risultato emotivamente coinvolgente che non lascerà del tutto impassibili davanti alla proposta di oggi. Certo, sembra mancare un po' di spinta, una maggiore verve e originalità ma Ben sembra essere sulla strada giusta. Certo "Hold this Light" in chiusura è più un pezzo ambient che nulla aggiunge a quanto fatto finora e forse mi lascia un po' con l'amaro in bocca, in quanto mi aspettavo qualcosina in più anzichè una semplice outro. Attendiamo comunque fiduciosi nuove release in un immediato futuro. (Francesco Scarci)

Perdition Temple - Sacraments of Descension

http://www.secret-face.com/
#FOR FANS OF: Death Metal
This one is reminiscent of their debut, with solid rhythms, production quality, vocals and mixing. The actual leads aren't as top notch as they were on the debut, but the rhythms overshadow that. So this is OK, but it's not going to be as good of a rating on here. The riffs are wholly original and in your face FAST! There isn't a song on here that isn't worthy of some sort of praise, just wish they left out the solos. Gene doesn't seem to be hacking it out 10 years later upon virtue of their first release. But he still came up with sick rhythm guitar-work. That I can respect absolutely. And catchy, too!

The vocals go along well with the music and these riffs are fresh. It's chapter 2 in their book not sure what their previous album was about. They were a 5-piece and was nothing at all like the first and this release. I actually chose not to review that one I'll just leave it alone. Every song on here is good rhythm/vocal wise. The ton of the guitars and the originality of the riffs, PERFECTION, indeed! The music is what stole it for me. Totally awesome riffs! It took a couple of rounds hearing this album before it really sunk in at hit home with me. I enjoyed this album immensely. Truly!

There's nothing bad to say about this release except (as previously mentioned) the lead guitar work. It just got a little sloppy. The rhythms definitely made up for it. Total originality in the respect! It's totally reminiscent of the first album. The tempos and guitar work as well as the vocals bring the listener back to the days where their debut hit home. I would venture to say that this is their 2nd best release to date. It's worth the wait (5 years) because it totally crushes. The music is what stole it for me and the overall sound was definitely there, too. I didn't miss out on anything here.

I would encourage you to take a listen on YouTube this album because it sounds like the first one just a little more polished in the rhythm department. From start to finish the intensity is really high! Fast, brutal, unrelenting and chaotic! They don't miss a beat here! I was taken aback by this band releasing one that sounded like the debut and this one is it! A good progression from their last. Let's just hope next time the leads are a little better. But the songwriting was immensely insurmountable. I few listens to and I don't doubt that you'll be blown away by this blackened death metal devastation! Check it out! (Death8699)


(Hells Headbangers Records - 2020)
Score: 90

https://perditiontemple.bandcamp.com/album/sacraments-of-descension

Centinex - World Declension

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Swedish Death, Carnal Forge
Amici, questo 'World Declension' è una sonora mazzata nei denti. Non c’è infatti un attimo di tregua nell’ascolto di questo disco, se non nei rari breaks utilizzati dalla band. Per il resto, il combo scandinavo, con ormai undici album alle spalle, questo è l'ottavo, più altri svariati EP, ci attacca con un feroce mix di death-thrash metal. L’album è diviso in due capitoli, di cui il primo comprende i primi cinque pezzi, il secondo, i rimanenti quattro. La caratteristica che comunque contraddistingue l’intero lavoro è l’attacco frontale a cui ci sottopongono i Centinex: ritmiche serrate grazie a chitarroni da paura, sostenuti da una batteria ad alto livello tellurico, assoli taglienti come le più affilate lame di rasoio, saltuari breaks che ci danno il tempo di rifiatare giusto quell’attimo prima di massacrarci ancora le orecchie con i loro riff infernali. A tutto questo aggiungiamo anche una produzione cristallina, ben bilanciata, avvenuta nei famosi Black Lounge Studios (Carnal Forge, Scar Symmetry e Katatonia), in grado di esaltare enormemente la potenza di fuoco profusa dai nostri. Nessuna innovazione, nessuna contaminazione, nei solchi di 'World Declension' scorre solo tanto odio e rabbia, senza alcun compromesso. La seconda parte del disco lascia spazio anche al lato più melodico della band: ascoltate, infatti, la magnifica “Synthetic Sin Zero” per capire quanto questi ragazzi, oramai dei veterani, calcando la scena da 30 anni, siano bravi nel coniugare la furia death con le melodie tipiche svedesi. Devastanti. (Francesco Scarci)
 
(Regain Records - 2005)
Voto: 69

giovedì 8 ottobre 2020

Sargatanas Reign - Bloodwork - Techniques of Torture

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Death, Morbid Angel, Cephalic Carnage
Altra vecchia uscita di casa Regain Records: si tratta degli svedesi Sargatanas Reign conosciuti inizialmente con il semplice monicker di Sargatanas e dal 2012 evolutisi in Deathquintet (autori peraltro di un pessimo album, ma questa è storia recente). Formatisi nel 1997, dopo le solite tiritere musicali (avvicendamenti vari, demo e cambi stilistici), la band trova il suo giusto assetto e debutta nel 2002 con 'Euthanasia...Last Resort', un album dalle forti reminiscenze alla Morbid Angel e Death. Poi questo 'Bloodwork, Techniques of Torture' che sembra sterzare leggermente il tiro rispetto al passato. Sempre di death metal si parla, però ci sono influenze differenti all’orizzonte, che rendono l’ascolto di questo disco un po’ più complicato. Nonostante il flyer informativo citi Behemoth, Morbid Angel e Deicide come termine di paragone per il quintetto scandinavo, mi sembra di captare suoni provenienti da altri ambiti metal. Echi derivanti dai Cephalic Carnage si mescolano infatti alla follia dei The Dillinger Escape Plan, coniugandosi poi con lo swedish death metal, il techno death dei Death e i morbosi suoni alla Morbid Angel. Il risultato che ne viene fuori è assai interessante e vario, considerata poi l’eccellente tecnica individuale di questi ragazzi e poi per quella capacità di spaziare, alternare più generi nel corso di uno stesso brano, anche se l’ascolto può risultare alla lunga tediante. La produzione non è delle migliori, non venendo esaltati, in modo adeguato, i suoni, soprattutto quello della batteria. Comunque 'Bloodwork' non è un album malvagio e potrebbe anche meritare un vostro ascolto. (Francesco Scarci)
 

mercoledì 7 ottobre 2020

Jack Ellister – Lichtpyramide

#PER CHI AMA: Psych/Kraut Rock/Kosmische Musik
Jack Ellister è un artista difficile da catalogare, l'unica cosa che possiamo affermare è che la sua passione per la psichedelia è molto radicata e che le sue composizioni, seppur orientate sempre verso una calma apparente, sono visionarie, appassionate e allucinogene. Certo, non che tutto sia alla portata di tutti, certe composizioni necessitano di un buon background di Kraut rock radicale, kosmische musik, soffice ambient folk dalle tinte calde e colorate ("D.A.E.L." è un buon esempio), elettronica retrò e futurista. 'Lichtpyramide' è il seguito di 'Lichtpyramide 2' uscito qualche mese prima e punta la sua voce nel valore assai sperimentale della sua musica, con brani corti, fraseggi veloci, bozze di idee per un vortice multicolore di poliedricità compositiva. Una morbida colonna sonora acida, minimale ed accompagnata dalla voce narrante di Jack, proveniente da un'altra dimensione, per un'insieme di articolazioni sonore che saranno attrazione solo per i veri ossessionati cultori di psichedelia evoluta ed estrema, nel senso più astratto ed allucinato del termine. Come il trip mentale che attraversa la barrettiana, "You've Only To Say The Word" o il mantra sprigionato dalle note di "Festtagszug" ai confini con i lidi meno ritmati e più ipnotici del debut degli Ash Ra Tempel e di 'In Den Gärten Pharaos' dei Popol Vuh. Anche le sperimentazioni chitarristiche di Manuel Göttsching, come il folk acido dei 60's e lo shoegaze, giocano un certo ruolo nei brani di Ellister, che si conferma un grande conoscitore dei generi fin dagli arbori. Scritto, suonato e registrato in solitudine nel suo Bedroom studio, questo album ha una buonissima qualità sonora ed il formato vinile e digitale porta brani in più e alcune variazioni dalla forma in cd distribuita dalla Tonzonen Records/Fruits de Mer Records. Direi che l'artista londinese con questa ultima uscita, evolve naturalmente il proprio sound, nato dall'amore viscerale per Syd Barrett e portato avanti con caparbia, tenacia, sicurezza e ottime capacità esecutive in una forma decisamente più astratta, tralasciando la forma canzone classica per buttarsi a testa bassa in un calderone di suoni ed esperimenti ipnotici decisamente affascinanti e suggestivi. 'Lichtpyramide' alla fine è un disco interessante e pieno di ottimi spunti, ovviamente per veri e soli amanti della psichedelia più radicale. (Bob Stoner)

(Tonzonen Records/Fruits de Mer Records - 2020)
Voto: 71

https://jackellister.bandcamp.com/album/lichtpyramide-album

Satariel - Hydra

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Melo Death
Bel salto di qualità hanno fatto i Satariel dal loro precedente 'Phobos and Deimos', un album mediocre di death metal melodico che si combinava con black e power metal. 'Hydra' ci riconsegna invece una band più ispirata, con un lavoro dai contenuti abbastanza intriganti. Lasciato perdere il death/black degli esordi, in questo disco ci troviamo di fronte ad un sound che del death ha mantenuto esclusivamente la voce (peraltro solo per alcuni tratti). Il resto è un genere di difficile collocazione, che può essere assimilabile ad un ibrido tra nu metal e death melodico, non disdegnando puntatine in territori alla Nevermore e ultimi Throes of Dawn. Registrato egregiamente ai Dug Out Studios (quelli di Meshuggah, Soilwork e In Flames stessi) e masterizzato ai Cutting Room (Ramnstein, Dimmu Borgir), 'Hydra' è un lavoro che ha un suo fascino: pezzi semplici, lineari e diretti, caratterizzati da ottime vocals, sia growl ma soprattutto quelle pulite, ottimi passaggi melodici e gradevolissimi assoli. I pezzi che più mi hanno colpito sono: “Claw the Clouds” per il suo emozionante assolo finale, “Vengeance is Here” per il suo forte richiamo ai primi In Flames e “The Springrise”, sempre ispirata alla band di Anders Friden e soci, con una nostalgica aura creata dalle tastiere e dal cantato assai malinconico. Se eravate rimasti delusi dai precedenti lavori, è arrivato il momento di dare ai Satariel la chance che si meritano perchè 'Hydra' ha sicuramente da dire la sua, a fronte di idee abbastanza originali, della bravura dei singoli musicisti e alle emozioni che è in grado di generare. Bene così. (Francesco Scarci)

(Regain Records - 2005)
Voto: 75

https://www.facebook.com/satarielband

domenica 4 ottobre 2020

 Looking for people willing to write reviews in The Pit of the Damned? Are you interested in?


Write to: thepitofthedamned@gmail.com

---------------------------------------------

Sei interessato a scrivere recensioni e far parte dello staff del Pozzo dei Dannati?

Haissem - Kuhaghan Tyyn

#PER CHI AMA: Prog Black/Death
Gli Haissem sono una one-man-band originaria di Donetsk (Ucraina), il cui leader, Andrey Tollock, è mente anche dei Sunset Forsaken, due entità che sembrano condividere la stessa devozione al death melodico da parte del polistrumentista ucraino. La differenza sostanziale è forse legata al fatto che gli Haissem sono nati come black band, poi evolutasi verso un death black melodico, che vede questo quarto capitolo, 'Kuhaghan Tyyn', l'apice della carriera. Francamente, non conoscevo la band e quando ho ascoltato su bandcamp questo lavoro ne sono rimasto quasi folgorato. Il motivo? Semplice, ho sentito energia, idee, splendide melodie e una verve che non ritrovavo da tempo in un album. "Black Tide Dominion" è una opening track con i fiocchi, muovendosi tra sonorità primigenie stile Katatonia, con tanto di magistrali melodie di chitarra che guidano tutta l'architettura sonora della band, un grande utilizzo di sintetizzatori, urlacci black ma anche clean vocals di scuola Opeth, che si piazzano sulle parti più atmosferiche della song, nel finale per l'esattezza dove compare una porzione d'archi da brividi, a cura della violoncellista Alexandra Zima. Niente male direi, a voi che ve ne pare? "Arcanum" parte decisamente più aggressiva con le chitarre dal piglio più ringhiante, anche se poi troveremo modo di prendere fiato in un bel break atmosferico, in cui vanno a fronteggiarsi chitarra acustica ed elettrica. Poi il sound di Andrey sembra un fiume in piena, in un vorticoso incedere black, soprattutto nel roboante finale dove la ritmica sembra quasi raddoppiarsi. "Aokigahara", il cui nome si rifà alla foresta giapponese tristemente conosciuta per essere teatro di numerosi suicidi, è un pezzo che a livello ritmico miscela efficacemente partiture black con un death melodico, il tutto ovviamente corredato dagli aspri vocalizzi del polistrumentista ucraino e dalle splendide tastiere che ne arrichiscono costantemente la proposta, e che nel corso dei suoi quasi dieci minuti, riesce comunque a cambiare mood una miriade di volte, alternando davvero una sequela di cambi di tempo che mi danno l'idea di aver ascoltato almeno tre pezzi differenti. Non ne parliamo poi dell'ultima "Кuhаҕан Тыын": l'incipit sembra provenire da 'Brave Murder Day' dei Katatonia, poi il sound vira verso sonorità settantiane di scuola Opeth, ma solo per un attimo visto che poi il tutto si fa più ruvido sparandoci in faccia una ritmica annichilente che dura però solo pochi secondi perchè a subentrare questa volta è la voce (non troppo convincente ahimè) di una gentil donzella, alias Alyona Malytsa, che spezza l'ormai ubriacante ritmo, che troverà ancora modo di evolvere una svalangata di volte, quasi a polverizzare gli ultimi neuroni residui nella testa. Insomma, 'Kuhaghan Tyyn' è un album davvero interessante che coniuga alla grande più generi e che mostra quanto ci sia ancora spazio per dire qualcosa in ambito estremo, se si ha personalità e ottime idee. (Francesco Scarci)

Monumentum Damnati - In The Tomb Of A Forgotten King

#PER CHI AMA: Melo Death/Doom, Insomnium
Da zone non meglio identificate del mondo (ho appreso da metal-archives che uno dei membri è originario della Bielorussia, mentre bandcamp riporta le origini al Missouri - USA), ecco arrivare un progetto interessante e inquietante (date un occhio alle loro immagini grottesche sul web) che risponde al nome di Monumentum Damnati, fautori di un death doom melodico a tratti sinfonici. Questo almeno quanto si evince dalla seconda traccia, la prima è un'intro, del loro debut album 'In The Tomb Of A Forgotten King', edito dall'etichetta ucraina GrimmDistribution. Quaranta minuti di musica a disposizione dell'enigmatico sestetto per convincerci della bontà della loro proposta che dicevo, con la seconda "My Bloody JJ", fa capire come i nostri siano interessati a propinarci un sound robusto sorretto da un growling roccioso e da delle keys in sottofondo che accompagnano una ritmica costantemente votata a linee melodiche che per certi versi mi hanno ricordato un mix tra Saturnus e Insomnium. La voce nella terza e drammatica "There's No Place for Life", mi ha evocato un che dei Rotting Christ, mentre il sound prosegue lento nel suo malinconico incedere doomeggiante. L'approccio alla musica della compagine internazione si rivela piuttosto facile da adottare anche laddove la proposta sembra sprofondare nei meandri di un sound più catacombale, come nell'abissale "Anabiosis", altro pezzo doomish che vede la ritmica farsi più grossa e dinamica nella sua seconda parte, con i vocalizzi di Thanatos davvero convincenti e una vena orchestrale che si ritrova a più riprese lungo il pezzo, ma in generale lungo tutta la release: Nella title track sono invece gli echi dei primi Paradise Lost a palesarsi a livello ritmico, in una song che mantiene comunque intatto il marchio di fabbrica della band. È però "Infernal Sun" il pezzo in cui la compagine sembra dare il meglio di sè, combinando death, doom, spettrali melodie e ottime parti atmosferiche. Ancora una manciata di pezzi, con "Falling Snow" a proporre melodici fraseggi death doom che si confermano anche nella successiva "Sleepless Anger", finanche nella conclusiva e strumentale "Exorcist" che va a chiudere un disco onesto, piacevole, che nonostante il genere estremo, a mio avviso potrà essere avvicinato anche da chi non mastica quotidianamente simili sonorità. Insomma, io una chance la darei eccome a Monumentum Damnati, poi fate voi. (Francesco Scarci)

sabato 3 ottobre 2020

Cianide - Unhumanized

#FOR FANS OF: Death Metal
This is a pretty brutal EP, not to say that all of their LP's aren't because they are, just this one due to the production as well as access to the equipment that's desirable for the recording, this one is one monumental piece. The riffs are heavy and thick, the tempos slow (for the most part). And the vocals are hoarse. But anyway, getting to the "nitty-gritty" of the EP, you can say that it's a good use of 25+ minutes of your time, for death metal fans, that is.

As well as Chicago based metal fans, first and foremost. Each song is roughly five minutes in length. Every single one on here just kicks ass. For those guitarists out there, take note of this one. The songs aren't filled with an overabundance of tremolo picking, but a lot of palm muting and chunky chords. The riffs are pretty catchy and innovative. It's a good progression here, that is from their last LP was out. I believe that was 'Gods of Death' way back in 2011. They're a bit aged now, but still doing a good job of making awesome music, brutal as I mentioned. The production quality was probably one of their better ones and the vocals are a little bit lower in pitch. Well thought out EP and unique. This one is tricky to catch on CD.

You can get a listen to this on YouTube for an evaluation first. I think that one thing that mainly drew me in to this particular EP is the fact that it's very catchy. The riffs are unique and intriguing to listen to, their sound is still there, mainly their style. The vocals are a little deeper but still you can tell it's them doing the composing and singing. This is one EP that you cannot get sick of, at least for me. I've heard it countless times and hear something new every time I hear it. Really invigorating death metal. If you find death metal to be invigorating that is to say. Definitely has the anger and aggression in the music.

Support Cianide by getting a physical copy to this CD. It's really worth it. If you wish to stick to YouTube and listen to it on there, fine. But I'm saying to support the music AND the band by getting the CD. I'm a little old school about that but it's for a good cause. It really is, it's to keep the Cianide faith alive. And maybe if there is that undying support from the fans, the band will see it to have more LP's to come out, even though they're veterans at this point. But still, it's an EP that's one of the better ones from all I've heard in 2019. It may take a little time, to get into, but once you keep playing it, you'll keep playing it! (Death8699)


(Hells Headbangers Records - 2019)
Score: 90

https://cianide.bandcamp.com/album/unhumanized