Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 21 giugno 2016

Nekhen – Entering the Gate of the Western Horizon

#PER CHI AMA: Doom/Drone/Dark Sperimentale
Sarà l'oscurità e l'aura mistica che circonda questa one man band italiana nata nel 2014, senza dichiarata dimora all'interno dei patri confini e capitanata dal polistrumentista Seth Peribsen, che rende spettrale ed appetibile questo primo ispiratissimo e sperimentale lavoro, uscito nel 2015 autoprodotto. Il tema trattato è l'antico Egitto, per l'esattezza il 'Trattato della Camera Nascosta', un libro connesso alla sepoltura trovato nella tomba del sovrano Menkheperra Thutmose. La band spiega sul proprio bandcamp l'esposto sonico in questo modo: l'album è inteso come un unico brano diviso in 12 tracce, composto seguendo la struttura del trattato stesso, come rappresentato nella tomba, raccontando il viaggio notturno del Dio Sole Ra nell'Amduat, ossia "Ciò che è nel mondo sotterraneo, nell'aldilà". La copertina, che rigorosamente richiama temi egizi e geroglifici, è ben curata graficamente mentre le dodici tracce, tutte di breve durata, sono legate dal filo unico conduttore di rendere l'ascolto un unico intenso viaggio nei misteri di un mondo sommerso e misterioso, espresso tramite una musica carica di evidenti aperture cinematiche e postrock, caratterizzate da sonorità doom influenzate da Electric Wizard, Ramesses, in parte dai Nibiru, dai Goatpsalm e dai Cathedral del brano "Halo of Fire", ovviamente senza il cantato, visto il concept strumentale proposto, il tutto corredato poi da un'alta concentrazione di suoni sperimentali e soluzioni musicali vicine anche allo sludge e all'ambient, con l'utilizzo di una strumentazione e percussioni di carattere folk etnico, ideali per ricreare il giusto pathos, dal sapore antico e dalla forte propensione mistica e sciamanica. Difficile trovare un brano sopra gli altri perchè l'album va apprezzato in toto ed ascoltato a volume alto o ancora meglio isolati da un paio di cuffie, in clausura e concentrazione, per assaporarne il vero valore. Anche se di non facile comprensione, dopo alcuni ascolti ripetuti, il concept diviene catartico ed ammaliante grazie ai suoi chiaroscuri e ad una macabra acidità sonica che colpisce, complice il retaggio degli immancabili Black Sabbath, i padri assoluti del genere doom. Il suono pesante delle distorsioni si incrocia sovente alle percussioni tribali ed etniche mediorientali, formando un'unica, infinita marcia funebre, un'iniziazione, un rituale pronto a farci scoprire segreti inimmaginabili. Questa fatica mastodontica di trenta minuti appena, deve essere valorizzata ed ascoltata perchè dischi del genere non escono tutti i giorni. Considerate poi l'autoproduzione che corrisponde ad una qualità impeccabile corredata da un'ottima produzione, 'Entering the Gate of the Western Horizon' dovrebbe trovarsi in cima alla lista dei desideri di ascolto di tutti gli amanti della sperimentazione in campo doom, drone e folk metal. Un' opera prima davvero notevole per questa promettente one man band italiana. (Bob Stoner)