Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 14 giugno 2016

Dark Plague – Perverse Devotion & When the Last Christians Die


#PER CHI AMA: Black, Horde, Pest, Blut Aus Nord
Con il nuovo album della compagine transalpina, 'When the Last Christians Die', ci prendiamo il vanto di aprire una retrospettiva sulle due release dei tre artisti d'oltralpe, prendendo in causa anche il precedente cd del 2014, dal titolo 'Perverse Devotion', usciti entrambi sotto le ali della label coreana Fallen Angels Productions. Analizzando i due lavori, realizzati a distanza di un paio d'anni l'uno dall'altro, si denota subito il cambio di direzione stilistico del nuovo album, dal titolo ideologicamente inossidabile e senza compromessi nella lotta anticristiana. 'When the Last Christians Die' mostra fin dall'inizio che la gran parte dei brani è stata prodotta con un sound più secco e artificioso, meno ostico che in passato ma che per arrivare alle vette altissime della title track del debut cd, bisogna attendere l'arrivo di "Veil of Veneration", quarta song che comunque non soddisfa appieno quelli che hanno potuto apprezzare il lavoro precedente. Quest'ultimo album non è però da scartare anzi, è costruito bene e strutturalmente soffre e gode delle stesse belle e brutte cose dell'esordio. Manca fondamentalmente della stessa vena glamour/diabolica, perversamente abusata in passato e ora tramutata in militanza rigorosa e rispetto del genere. La musica riesce comunque a mantenere un fresco slancio creativo, anche se la scrittura dei brani non è cambiata poi di molto a livello compositivo ovvero, ritmiche secche, propensione ai mid-tempo, stacchi intelligenti ed omogenei, quindi non possiamo che innalzarlo ed acclamarlo come un disco ben riuscito. L'unica vera nota dolente a mio giudizio, è quella di aver voluto ripulire, anche se solo in maniera parziale, il sound originario della band. Infatti, l'impronta sonora è molto definita e professionale (un po' come l'evoluzione avvenuta nei mitici Pest degli ultimi anni), lontana anni luce da quella forma rudimentale, rumorosa, indefinita e fatta di barbara violenza che amalgamava, nella sua primitiva e radicale struttura sonora, lo spirito di una musica estremamente perversa e indomabile, libera di essere semplicemente contro e sotterranea. Lo stile dei Dark Plague non è mutato di molto se non nella tipologia del suono, ed alcuni brani del nuovo disco, come "Pure Fucking Hate" o "Sombre Invocation", risultano geniali per certi aspetti, assumendo un ruolo fondamentale  durante l'ascolto del cd, innalzandone notevolmente la qualità compositiva e facendo notare quanto, in 'When the Last Christians Die', tutto sia più focalizzato ed equilibrato. Anche se le parti violente ed estreme rimangono inalterate, il disco alla fine risulterà, passatemi il termine, più accessibile della precedente uscita. La produzione mette in risalto il nobile lavoro del bassista Infestus, cosa che nel primo disco, il suono zanzaroso e rude tendeva ad annullarne l'effetto. In entrambi i dischi vi è da segnalare l'ottima performance vocale di Daimon, demoniaco di nome e di fatto, che canta con uno screaming ossessivo, amplificato da alcuni effetti di matrice grindcore/brutal, decisamente centrati ed efficaci. Anche qui opto per l'uso più deciso e pesante dell'effettistica sulle parti di voce come avvenne in 'Perverse Devotion', che a tratti suonano veramente disturbanti anche se degno di nota in questo senso, è il bellissimo brano di chiusura del nuovo cd, "Dèliquescence" (il migliore del disco), che apre nuove strade stilistiche per il combo francese, violente, melodiche ed ipnotiche. L'assenza di un batterista nel terzetto si nota per quell'impatto assai freddo e gelido a livello ritmico che passa fortunatamente in secondo piano nascosto dall'ottimo lavoro alle chitarre svolto da Lord of Misery, che macina riff esagerati e muri sonori da ogni parte, facendo apparire interessante e personale ogni piccola sfumatura musicale, con caratteristiche tecniche da ricercare a metà strada tra i Blut Aus Nord di 'Memoria Vetusta I' e i seminali lavori degli Horde. 'When the Last Christians Die' è un passo in avanti verso un sound rivolto al grande pubblico del black metal che conta, è una prova di forza superata con coraggio e senza paura di ripetersi o perdere coerenza, dal gruppo proveniente da Lille. 'Perverse Devotion', che include un capolavoro assordante qual è "Aries Castle", sarà ricordato come un diamante grezzo dell'underground black metal, quello per cultori, che tra i confini di Francia, trovano sempre nuovi talenti, terreno fertile e prosperità, confermato alla grande dalla nuova tetra veste dei Dark Plague. Evolvere per non morire è la parola d'ordine per sopravvivere. Da ascoltare entrambi in maniera molto concentrata, due buone uscite di cui la Fallen Angels Productions deve andarne fiera. (Bob Stoner)

(Fallen Angels Productions - 2014/2015)
Voto Perverse Devotion: 80
Voto When the Last Christians Die: 75