Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 16 giugno 2016

Coroner - Grin

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Thrash Progressive
'Grin', ovvero come prendere una pistola, puntarla alla tempia del thrash metal più tradizionale e premere il grilletto, facendo si che da questo momento in poi, i canoni stessi di questo genere non siano mai più quelli di prima, proprio perchè con questo platter, l’asticella stilistica è stata spostata in avanti (e di molto), rispetto alla data di pubblicazione di quest'album (era il lontano 1993). 'Grin' fu l’album testamento degli sperimental-thrashers svizzeri Coroner. La band ha sempre avuto la formazione di un power trio ( Ron Royce, voce e basso; Tommy T. Baron, chitarra; Marquis Marky, batteria). Una caratteristica che ha sempre differenziato i Coroner rispetto ad altre bands thrash di fine anni ’80, inizio anni ’90 (i nostri sono stati discograficamente attivi dal 1987 al 1993, riformatisi nel 2010), sta nel fatto che essi abbiano sempre cercato una via più ricercata e cerebrale al thrash, sostituendo e affiancando alle classiche sfuriate veloci tipiche del genere, passaggi più cadenzati e ricercati, dove spesso, sopra la granitica base ritmica, si stagliavano assoli di chitarra finemente cesellati dal genio di Tommy T. Baron. Questa vena tecnica sperimentale del combo elvetico si è andata accentuando, disco dopo disco, (i primi quattro album sono: 'RIP', 'Punishment for Decadence, 'No More Color' e 'Mental Vortex', per chi volesse approfondire), ma è senza dubbio con 'Grin' che lo sperimentalismo di cui sopra, raggiunge il suo apice compositivo. A mio avviso l’album è fantastico ed andrebbe goduto nella sua interezza per poter essere apprezzato in tutte le sue sfumature, ma una menzione particolare meritano le tracce "Caveat (to the Coming)" e "Paralyzed/Mesmerized". Nella prima traccia i nostri ci sorprendono decisamente, stagliando sul muro basso/batteria un giro di chitarra acustica che si alterna perfettamente ai passaggi elettrici più aggressivi; in "Paralyzed/Mesmerized" addirittura, assistiamo all’inserimento di alcune brevissime parti synth, mentre la traccia precedente, la geniale "Theme for Silence" è un breve intro di rumori ambient naturali, una soluzione spiazzante che sino a quel momento non era mai stata neanche lontanamente pensata in ambito thrash metal. Una band non per tutti, ma solo per metallers che siano “open minded”, un act che ha scelto di percorrere sempre la strada meno battuta, avendo il coraggio di imporre la propria personalità e partorendo, prima di congedarsi dai propri fan, un autentico gioiello che si chiama 'Grin'. Semplicemente spettacolare. Ora li attendiamo al varco con un nuovo album. (Sam)

(Noise Records - 1993)
Voto: 85

https://www.facebook.com/pages/Coroner