Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 16 giugno 2016

Magoth - Der Toten Gesang

#PER CHI AMA: Swedish Black, Dark Funeral, Narvik, Dissection
Mi sembra che nell'ultimo periodo ci sia stata una sorta di recupero della primordialità del black metal per cui in giro per il mondo, esista un vero e proprio movimento che spinga per un ritorno alle origini del genere. Neppure la Germania è rimasta immune a questo richiamo e dalla regione della Westphalia, ecco arrivare i Magoth con il loro demo cd 'Der Toten Gesang' ('Il Canto Funebre'), che include sette brani di black old school che chiama in causa i maestri scandinavi degli anni '90. Tempo di una brevissima intro e poi il sound dei Magoth irrompe con il ruvido riffing della title track: chitarre semi-zanzarose, drumming serrato e screaming vocals demoniache. Per tipologia della proposta, oltre a rievocarmi per intensità e velocità i gods svedesi Setherial e Dark Funeral, ho trovato anche qualche similitudine con i loro conterranei Narvik. C'è da dire che la furia belluina dell'inizio lascia ben presto spazio ai toni sulfurei della seconda metà del brano, grazie a un black mid-tempo condito dalle urla dei dannati in sottofondo, destinati all'eterno dolore della città dolente. I ritmi si fanno ancor più cruenti ed esasperati con la successiva "Sheol", song che lascia comunque un certo spazio alla melodia delle chitarre e a rallentamenti occasionali, che permettono almeno alcuni attimi di tregua dalle scorribande dell'act teutonico. "Craving Blood", oltre a viaggiare su ritmiche glaciali ed impetuose, trova il modo di costruire impalcature da brividi, alternando interessanti giri di chitarra con sfuriate da manuale del black, scomodando qualche paragone con gente del calibro di Unanimated e Dissection. "Mental Fortress" è invece un pezzo che miscela il black al thrash con epiche galoppate in stile Old Man's Child, per un risultato che, per quanto possa essere palesemente derivativo, ha comunque il suo perchè. Si continua sulla linea del riffing melodico (e pure malinconico) con "Requiem Deus", altra traccia che in fatto di velocità e intensità, non lascia scampo. È però nei momenti più bui e meno caotici, che l'act di Bonn risulta più convincente e coinvolgente nella propria proposta. E l'ultima "Funeral" non fa che confermare le mie parole: spettrale, agghiacciante, tracimante odio e portatrice di atmosfere primigenie, è forse la mia canzone preferita, peccato solo che non vi sia traccia delle truci vocals di Heergott. 'Der Toten Gesang' alla fine è un buon biglietto da visita per i Magoth, in attesa che riescano ad affinare al meglio lo stile, plasmando una propria personalità. Comunque promossi con alti voti. (Francesco Scarci)