Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 26 giugno 2016

Ogmasun - Out of the Cold

#PER CHI AMA: Psichedelia/Stoner/Post Metal
La piccola realtà crescente della Cold Smoke Records ci offre un appetibile cd su cui sfogare le nostre più svariate voglie psichedeliche. Uscito nel 2015, 'Out of the Cold' è il primo lavoro di questa splendida band di Friburgo, un riassunto live dell'elevata qualità compositiva ed esecutiva del quartetto svizzero, registrato e mixato da Christoph Noth (FireAnt Music) al Blend Studio in Svizzera nell'autunno del 2014. La performance in studio del quintetto è a dir poco stratosferica, impeccabile sia per tecnica che per varietà d'esecuzione, cosa che prende la sua forma eccelsa in "Cutty Sark, Pt.2", quando l'incedere nevrotico del brano, oscuro e complicato, sfocia in un intermezzo (ascoltate al minuto 04:13 cosa succede...una vera perla!) inaspettato fluido e caldo, classico e dal profumo estraniante, come solo Bugge Wesseltoft's, in certa musica acid jazz di classe, era riuscito a fare in un album come 'New Conceptions of Jazz', negli anni d'oro. Tornando ai nostri eroi Ogmasun invece, dobbiamo dire che musicalmente il disco si divide in quattro lunghe suite (in realtà tre, poiché "Cutty Sark" è divisa in due parti) indicate come nipoti di quel capolavoro che fu dei Pink Floyd 'Ummagamma' e tutta la progenie del genere che negli anni ha seguito, dai 35007 ai Russian Circle passando per i Long Distance Calling, disturbati dall'introduzione di muscolosi e lisergici atti sonici, con una velata punta di stoner alla Karma to Born, con trasversali scorribande nel mondo complicato e indomito del mathcore dei Candiria fino ad arrivare al post metal dei Callisto. Una miscela esaltante ed affascinante che richiede un ascolto impegnativo ma agevolato da una buona produzione e da una egregia regia che ne esalta la registrazione live, senza denigrare l'aspetto qualitativo del risultato finale, una specie di John Peel Sessions all'ennesima potenza, moderna e soprattutto fatta da musicisti capaci, produttori esperti, amanti e sperimentatori del genere. Un album da ascoltare tutto d'un fiato, immergendosi nelle variegate atmosfere e intercalandosi nei suoi meandri più cerebrali. Una via di fuga, un bagno cosmico ricostituente, pieno di vitalità, ricco di spunti riflessivi, di intelligente energia rock lisergica e free style, fatto da musicisti che hanno voluto varcare il confine cercando di spingersi oltre, al di là del già sentito ed anche se i paragoni sono quelli classici della psichedelia, questo live ci offre la possibilità di accostare nomi contrastanti tra loro come 35007, il Tricky più drammatico e sulfureo di 'Pre-Millennium Tension' e il post metal alla The Ocean. Album pazzesco! (Bob Stoner)

(Cold Smoke Records - 2015)
Voto: 90

https://www.facebook.com/cuttysarkofficial