Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 30 giugno 2016

Wendigo – Anthropophagist

#PER CHI AMA: Black'n Roll/Thrash, Venom
L'antropofagia è la pratica di consumare carne umana, spesso sinonimo principalmente di cannibalismo umano, ma è anche il titolo dell'album d'esordio di questo pazzesco duo norvegese, formatosi solo nel 2014 in quel di Oslo. Ingegnosi nel cavalcare una somma di generi molto popolari e spettacolari, nel rivisitarli con un'estrosità ed una maestria tale da renderli unici. Horror thrash metal con punte rivolte verso i Venom ed i Motorhead, quanto al black metal di Carpathian Forest, God Dethroned e Cobolt 60 ed ai quanto mai perversi Cryfemal, il tutto volto ad un universo malato e sacrilego infinito, correlato di istinto punk lacero ma geniale. Kvalvaag suona tutti gli strumenti, mentre il verbo insano è opera della violentissima e teatrale voce insalubre di Jon Henning, uno stupendo Iggy Pop degli albori, indemoniato e in salsa metal, in preda a convulsioni e tetri spasmi. La loro prima opera è a dir poco esaltante, un mix di vero rock sanguinario e sottogeneri del metal, dal thrash allo speed, passando per il black'n roll, un mix perfetto, originale e squisito per tutti i palati, una gemma imperdibile. Generato come fosse un nuovo nato in casa Venom di tanti anni fa, suonato alla velocità della luce come gli ultimi Children of Bodom (ma poco ha a che fare con la proposta dei finnici), omaggiando il Motorhead sound più violento, quindi senza far superstiti, il tutto condito con un glamour nerissimo da far invidia ai 69 Eyes più gotici ed all'horror punk più underground dei seminali e dimenticati T.S.O.L. Lo ammetto, i Wendigo mi hanno letteralmente folgorato: "The Anthropophagist", che dona il titolo all'album, è incredibile nel suo tiro vetriolico, mentre "Wendigo Psychosis" risulta devastante con il suo progredire in stile punk'n roll dal sapore noir. Una carrellata di brani strappabudella, carica di coscienza e conoscenza rock, stradaiola, putrida e malata, infetta e letale. Impossibile resistere ad un album così completo, curato nel sound e creato con l'intento di dare al metal il suo antico significato, generare trambusto e scompiglio e quando si aggiunge il maligno al rock, si sa, nasce una formula violenta, magica, incontrollabile, anarchica e indomabile, degenerata e dal fascino incredibile. Usciti nel 2015 e distribuiti dalla coreana Fallen Angels Productions, i Wendigo non possono passare inosservati. L'artwork di copertina è poi scarno e sotterraneo, ma soprattutto sbandiera apertamente la pericolosità di un disco del genere. Black'n roll e thrash all'ennesima potenza, un disco di carattere e personalità, tanto umore nero, niente di nuovo sia chiaro, ma sicuramente un disco dall'impatto paragonabile ad una pistola puntata dritta alla tempia della moralità. Album da ascoltare a tutti i costi. (Bob Stoner)

(Fallen-Angels Productions - 2015)
Voto: 85

https://wendigonorway.bandcamp.com/releases