Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 27 giugno 2016

Utuk Xul - Goat of Black Possession

BACK IN TIME:
#PER CHI AMA: Satanic Black
Mi sa tanto che con questo album rilascerò la recensione più breve della mia vita, perchè prodotti di questo genere non ha alcun senso che esistano. In Italia ci sono tanti gruppi validi senza contratto e questi colombiani di Calì riuscirono nel 2005 a firmare addirittura con la Displeased Records (attraverso la sottoetichetta From Beyond Production)? Ci sarà pur una giustizia divina a questo mondo. Ridicola l’intro in apertura, dove si sente un rito di LaVey che declama i nomi di tutti i demoni dell’infermo. Dopo di che scatta il putiferio: produzione rozzissima, batteria tuntuntuntun, chitarre al vetriolo e urla da girone dantesco. Queste caratteristiche, insieme alla carenza di tecnica e alla totale assenza di soluzioni interessanti, sono valide dalla prima all’ultima traccia, ad eccezione di “Allax Xul”, dove fa capolino una flebile tastiera a smorzare il sound dannato di questo 'Goat of Black Possession' (titolo peraltro quanto mai banale, degno di una band di serie B degli anni ’90). Gli Utuk Xul dichiarano che il loro è un furioso Satanic War Black Metal (sulla scia, direi io, di Marduk o primi Enthroned), con un killer sound supremo; per quanto mi riguarda è soltanto una presa per i fondelli per chiunque debba sborsare la paghetta settimanale per acquistare tale immondizia. Forse sarò stato troppo duro, però per fare metal, non serve avere il face painting, essere satanisti convinti e suonare tre banalissimi accordi con la chitarra. Pollice verso anche per la casa discografica, che in passato è sempre stata attenta nel selezionare le band da mettere nel proprio roster. (Francesco Scarci)

(From Beyond Production - 2005)
Voto: 40

https://myspace.com/utukxul