Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 24 maggio 2015

Cyber Baphotmet & Karna - Void 2.0

#PER CHI AMA: Electro Industrial, Samael
Quello dei Karna è un caso più unico che raro: la band russa sembra infatti sciolta da qualche anno, eppure ne continuano ad uscire release. Questa volta il terzetto di Azov condivide questo split album con i russi Cyber Baphomet, side project dei disciolti Baal Zebuth. Andiamo comunque con ordine, visto che i primi ad entrare in gioco sono proprio gli industrial electro blacksters Cyber Baphomet, che con 6 tracce a disposizione, mostrano di che pasta sono fatti. Intro di rito e poi si scatena "In(Sekt)", song che palesa gli interessi elettro cibernetici dell'act russo. Montagne di synth sovrastano infatti oscuri growling vocals e una gelida drum machine. Un po' Plasma Pool (ve la ricordate vero la creatura di Attila Csihar?), un po' EBM, ma soprattutto parecchio industrial, i nostri si lanciano in una galoppata dai tratti techno. Disorientati? Io si, parecchio. Si continua con suoni dai contenuti post-apocalittici e il titolo della terza traccia non può che essere "Postapokaliptik", che strizza l'occhio alle sperimentazioni elettroniche degli Aborym, con tappeti morbosi di sintetizzatori, dall'effetto asfissiante. Un po' di dark ambient con la breve "Tapping the Nekrotikk Sun" e tocca a "Speed-freak Satanik" tornare a movimentare il disco, con sonorità convulse, oscure, malate e anche un po' stantie. La verve danzereccia della prima song si è persa per strada e quello che rimane è una colata lavica di suoni dannati. Con la conclusiva "Unfuture", si tornano ad apprezzare delle melodie dark ambient, che tanto furon care a Burzum nel suo periodo di prigionia e nelle sue ultimissime produzioni. Con i Karna si dovrebbe cambiare registro: intro noise, una sorta di tuning radiofonico e poi "Silent Scorn". Della band russa, avevo apprezzato parecchio 'Raven' nel lontano 2006, poi ne ho perso un po' le tracce. Tornano quindi in sella con questo lavoro dedito a un lugubre sound elettro industriale, ove, a differenza della band d'apertura, di chitarre vi è per lo meno traccia e i vocalizzi sono ben distinguibili e non caotici. In questo caso è più l'eco dei Samael più sperimentali ad emergere dalle tracce a disposizione dei Karna, che si rivelano marziali nel loro incedere. Ancora synth ed effettistica varia con "Tolerance Zero", traccia ritmata che conferma quanto già scritto in fatto di influenze palesemente votate ai ben più famosi colleghi elvetici. Fortunatamente la presenza delle chitarre rende la musica un po' più digeribile, ma non aspettatevi grossi cambi di tempo, il pattern ritmico rimane infatti per lo più uguale dall'inizio alla fine del brano, fatto salvo per un intermezzo più dark oriented. Un brevissimo (6 secondi!) intermezzo e poi il lungo finale è affidato a "Black Mirrore Blaze", noiosissima traccia ambient, che fa scemare del tutto il mio interesse verso il cd, valutandolo alla fine come appena sufficiente. Ci vuole ben altro per scuotere i sensi degli ascoltatori che pseudo provocanti sonorità industriali. (Francesco Scarci)

(S.N.D. Productions - 2015)
Voto: 60