Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 1 maggio 2015

Chapter V:F10 - Syndrome

#PER CHI AMA: Black/Doom, Dissection, primi Katatonia
Seguo Astaroth Merc e i suoi Raventale, sin dal debut album del 2006. Da allora sei lavori all'attivo per il musicista ucraino. È dal 2012 però che se ne sono un po' perse le tracce e oggi finalmente il mastermind di Kiev torna a dar segno della sua esistenza con un nuovo progetto, i Chapter V:F10. D'accordo il nome lascia un po' a desiderare, ma badiamo al contenuto di questo 'Syndrome'. Si tratta di un album di sei tracce, edito dall'etichetta BloodRed Distribution, in cui Astaroth Merc trova un nuovo fido compagno alle vocals, tal Howler. Andiamo ad immergere quindi le nostre orecchie nel demoniaco sound della neonata band ucraina. Si parte con le graffianti chitarre di "Progression" e il turbinio sonoro creato dall'impatto feroce dei nostri è una sorta di armageddon sonoro che inghiotte tutto ciò che lo circonda. I ritmi sono convulsi, le chitarre acuminate e le screaming vocals diaboliche. Echi di Dissection e Unanimated trovano ben presto conforto in un approccio un po' più pacato che accenna ai Katatonia di 'Dance of December Souls'. Che ne dite, vi interessa la proposta? A me sinceramente parecchio, ma si sa che io sia un nostalgico di quelle sonorità, in bilico tra una brutalità sopraffina e una marea intrisa di malinconia. "Reclaim" conferma l'approccio black doom dell'oscuro duo, con ritmiche nere come la pece e un cantato malvagio. Basta l'inizio di "Nectar" a mettermi i brividi per il suo incontenibile impeto sonoro e le sue linee melodiche da incubo, cosi come per la sua divampante carica energetica, che automaticamente la eleggono mia song prediletta dell'album. La furia prorompente dei Chapter V:F10 dilaga in "Hollow", traccia dall'incedere aspro ma che mantiene comunque inalterata la melodia di fondo che costituisce la matrice sonora dei nostri. "Mercury" è ancor più orientata al versante death metal con una ritmica infernale che solo nelle taglienti chitarre in background, mantiene inalterato il suo legame con lo swedish black metal. Il risultato è decisamente accattivante anche quando i due indiavolati toccano vertiginose velocità corredate da un drumming stile contraerea degna dei cieli di Bagdad durante la guerra del Golfo. Il disco sembra non trovare sosta e anche con la conclusiva "Ending", si tornano ad esplorare i meandri del miglior black doom "katatonico", sebbene in una versione strumentale. Che altro dire se non suggerirvi l'ascolto di 'Syndrome', gran bel lavoro dei Chapter V:F10. Ben tornato Astaroth! (Francesco Scarci)

(BloodRed Distribution - 2015)
Voto: 80

https://bloodreddistribution.bandcamp.com/album/syndrome