Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 24 maggio 2015

In Cauda Venenum - S/t

#PER CHI AMA: Post Black Progressive, The Great Old Ones
La Les Acteurse de l'Ombre Productions ha dato il via a una nuova sottoetichetta, la Emanations, con la quale diffondere, in edizione limitata (digicd o tape, e prossimamente anche in vinile), le release delle band emergenti estreme più interessanti. Iniziamo col conoscere gli In Cauda Venenum, duo francese dedito ad un ferale e apocalittico post black. Due le tracce contenute nei quaranta minuti abbondanti di questo lavoro, che esordisce con "Alpha", song dall'intro ambient/noise volto a rendere più trepidante l'attesa per la musica che andrà a sprigionarsi da qui a breve. La tensione va via via aumentando per diversi istanti, prima che divampi la violenza dei nostri, a materializzarsi attraverso ritmiche intense e screaming vocals demoniache, stemperate tuttavia, spesso e volentieri, da frangenti atmosferici e break melodici. L'elemento cardine su cui poggia il sound dei nostri è un black metal sostenuto, a tratti dai contorni infernali, che tuttavia mette in mostra anche una certa abilità da parte del duo transalpino, nel sapere miscelare una certa veemenza sorretta da blast beat isterici, con eterei sprazzi post rock, rendendo la proposta dell'ensemble di Lyon, assai accattivante. La traccia viaggia comunque sui binari di una certa alternanza tra ritmi infuocati e pause più ragionate in cui emergono le influenze più disparate, dal progressive al doom ossessivo, dal black cascadiano fino a lambire i confini del rock, anche quando verso fine brano, irrompe addirittura un assolo, merce rara da queste parti. La seconda canzone, "Omega", inizia ancora con melliflui attimi di quiete che vanno irrobustendosi quando le chitarre elettriche squarciano l'etere e infiammano l'aria con bordate velenose, urla ferine e ritmi punk. Poi ancora un melodico assolo e cascate di note in tremolo picking, scardinano il concetto di black metal classico, incanalando la proposta degli In Cauda Venenum verso sonorità ancor più personali, intimiste e liturgiche, pur mantenendo intatto uno spirito indomito e battagliero, per un finale a larghi tratti malinconico. Se il buon giorno si vede dal mattino, sentiremo parlare parecchio degli In Cauda Venenum in futuro. Bravi. (Francesco Scarci)

(LADLO Prod/Emanations - 2015)
Voto: 75