Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 17 maggio 2015

Darius - Grain

#PER CHI AMA: Post Rock/Alternative/Post-core
I Darius sono una quintetto strumentale svizzero che debutta in questo 2015 con un album intitolato 'Grain', uscito via Hummus Records, carico di energia cinematica vicina al post-core e immerso nella malinconia più profonda del più classico post-rock. Niente di nuovo all'orizzonte: un'ottima produzione, chiaro scuri fruibili e intelligenti, melodie godibili e avvolgenti, suoni pesanti all'occorrenza e costruzioni lunghe, per un totale di circa cinquanta minuti di full immersion nel genere che vide i 35007 reali assoluti portabandiera. Non ci sono gli estremi per entrare totalmente nella categoria stoner e nemmeno la pesantezza per spacciarsi per sludge metal. La composizione musicale si evolve bene in tutte le tracce, alcune più fantasiose delle altre e mostrando una alta qualità, con suoni e pulsazioni vibranti. Le aperture strappano applausi e qui si sentono influenze canoniche ma efficaci, che passano dai Cult of Luna agli Isis; in alcuni tratti si calca la mano verso le escursioni ambient dei migliori e già citati 35007, gli immancabili Mogwai e i Mono, anche se i Darius suonano in maniera più dura e meno sognante. Immagino non sia facile emergere in un settore stantio come questo, che da anni gira e rigira sempre sulle stesse evoluzioni con pochissimo margine di innovazione. Quindi valutando la staticità di un genere così saturo, possiamo decantare le qualità di 'Grain' come una piccola vittoria raggiunta da questi musicisti svizzeri che, malgrado il sold out del post rock, riescono a ritagliarsi un palco su cui esibirsi e risultare interessanti e personali, nonostante l'affollata concorrenza di categoria. L'album deve essere ascoltato tutto d'un fiato, sebben la sua durata non sia indifferente, per apprezzarne a pieno l'atmosfera e lasciarsi trasportare dalle emozioni sonore. Arduo trarre una classifica dei brani migliori poiché tutti si mostrano senza lacune, di ottima qualità e carichi di una peculiare ricerca della perfezione; ottimi infine i musicisti, peraltro molto navigati, calati perfettamente nel loro ruolo. Consigliati vivamente ai devoti del post rock con indole alternative metal. (Bob Stoner)

(Hummus Records - 2015)
Voto: 75