Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 21 maggio 2015

Crom Dubh - Heimweh

#PER CHI AMA: Black, Primordial, Drudkh
La cosa che mi ha colpito di più di questa band londinese è che riesce a suonare black metal pur non avendo i soliti retaggi stilistici. I canoni vengono sradicati quasi sistematicamente da una composizione insolita e intelligente, un suono tanto particolare che tutto ricorda tranne un furioso, scontato ensemble metallico! Il nome Big Country a molti metallari non dirà nulla, giustamente, poiché era una band scozzese dedita alla new wave/post punk negli anni ottanta (tutt'ora in attività) che non suonò mai heavy metal in vita sua ma un collegamento logico tra queste due diverse realtà c'è e ve lo spiegherò. Questa band aveva la splendida particolarità di usare le chitarre in una maniera tanto atipica da sembrare cornamuse scozzesi. Ecco, i Crom Dubh stanno al black metal come i Big Country stavano alla new wave tanti anni fa con la differenza che la loro musica è tribale, evocativa e violenta al tempo stesso. I nostri riescono infatti ad estrarre un suono astrale, sinfonico, suadente, desolato, romantico e inaspettato, diverso, cosi inconcepibile dal punto di vista musicale del genere che l'ascoltatore ne rimane sconcertato, ammaliato e spiazzato. È come un flusso magnetico che avvolge continuamente, che non confina forzatamente sentimenti malvagi o maligni ma che sprigiona sensazioni forti e ricercate, vortici maestosi e cadute infinite dell'anima, viaggi introspettivi guidati da un sound prevalentemente gestito da chitarre che sembrano emulare l'ancestrale grido di battaglia delle cornamuse scozzesi da me immaginate, in piena solitudine, con un vento gelido che graffia sul volto. Niente che sia gotico o barocco, niente di sinfonico nel senso stretto del termine, solo un flusso che porta affinità verso le cinematiche evoluzioni del post rock, che esalta il tocco etereo e la malinconia della musica celtica senza mai perdere il tiro e l'attitudine della musica estrema. "The Invulnerable Tide" è la canzone simbolo, geniale e guerriera a cavallo tra folk, atmospheric e black metal, influenzata da Drudkh, Primordial, Negura Bunget e primi Ulver, il tutto rivisitato con una personalità cresciuta in modo esponenziale in più di dieci anni di attività, con il vento glaciale e alternativo dei Solstafir nelle ossa e con chitarre memorabili, indimenticabili, una vera delizia per le orecchie. "Sedition" è un'altra perla che scardina e sconvolge i tratti del genere folk metal, animandosi di energia doom, magistrale enfasi e da un finale epico, un celtic black metal senza strumenti etnici e una batteria supersonica, con le vocals che ricordano i grandissimi Warhorse, straordinaria. Un artwork ricercato e curatissimo per un album da scoprire e ascoltare all'infinito! Uscito per la Van Records nel 2015, 'Heimweh' è composto da ben dieci brani in quarantaquattro minuti circa, un lavoro destinato a divenire presto un oggetto del desiderio... non fatevelo scappare! (Bob Stoner)

(Van Records - 2015)
Voto: 80