Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 12 maggio 2015

Lashblood – Plasticine People

#PER CHI AMA: Black/Death/Avantgarde, Deathspell Omega, Blut Aus Nord
Arriva dalla gelida Russia questa nuova avventura d'avanguardia metal. Un EP ricco di variazioni sul tema e costruzioni sonore dense di nuova linfa vitale per un genere in continua evoluzione. La band esce nel 2015 per la S.N.D. Productions, con cinque nuove mitiche tracce, dopo il full length del 2012. Una sequenza di devastante death/black moderno dalle venature epiche, potenti e futuriste rese veramente particolari e uniche dall'introduzione di uno stupendo e inaspettato sax che compare in ben tre tracce. Accattivante e lungimirante, la combinazione del pianoforte col sax dal gusto esageratamente melodico e dal sapore jazz, non fanno che riempirmi di gioia: avanguardia allo stato puro che in "Plasticine People", "Mercury" (eccelsa cover dei geniali Voivod) e "Cien Anos de Soledad" (basata sul romanzo 'Cent'anni di Solitudine' di Gabriel Garcia Marquez), tocca vette compositive davvero esagerate. Un death/black intelligente, fantasioso, lacero e tecnico che trova in esponenti quali i Deathspell Omega diversi punti di contatto. Unite il tutto ad una foga violenta, oscura e sinfonica di scuola Limbonic Art, composizioni dall'indole fusion, che mescolano alternative metal e jazz (leggasi Voivod) in un oceano di escursioni sonore che si fondono e confondono in una polvere esplosiva di violenta espressività sonica, e capirete cosa si cela in questo inatteso dischetto. Atmosfere bellissime, claustrofobiche, epiche e frastornanti, condite da un artwork ricercato e folle. Nessuno spazio alla normalità, tanto buon gusto e una ricerca della forma eccelsa per un songwriting perfetto nell'ambito della musica estrema d'avanguardia. "Lifeless" (cover dei Darkthrone) sposta il sound dei Lashblood in territori dal tono più doom, e pur mantenendo il taglio black metal, sfodera una velata verve heavy blues da far invidia a tanti, rallentando la velocità, mostrandosi sempre più psichedelica, come se i Grand Magus suonassero una cover dei Satyricon imitando gli Ephel Duath. La chiusura è lasciata alla spettrale e cosmica "Kaleidoscope", brano strumentale dal titolo azzeccatissimo, contraddistinto da atmosfere introspettive, taglienti e malate che ricordano vagamente i Blut Aus Nord dell'album 'Mort'. Un mini album da avere a tutti i costi! (Bob Stoner)

(S.N.D. Productions - 2015)
Voto: 80