Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 19 gennaio 2016

Koko - Koko EP

#PER CHI AMA: Experimental Electronica/Avantgarde/Alternative Rock
I Koko sono un quintetto austriaco formatosi nel 2012 a Vienna e questo EP è stato prodotto nel 2013, ora è disponibile anche il nuovo album autoprodotto, da poco recensito su queste stesse pagine. La band si definisce come una fusione di beat tropicali sotto una nube di stili in continuo mutamento. Le loro performance live sono definite in uno spazio intenso e ripiegato su se stesso, nella propria intimità irradiata da paesaggi pulsanti, profondi e leggeri. Dopo tale mission simil-aziendale resterete sicuramente interdetti nel loro approcciarvi, ma basteranno pochi minuti della loro musica per rendervi conto che la band ha bisogno di un team di strizzacervelli con molta passione e dedizione al lavoro per vivisezionare le loro menti malate. La prima traccia, "Wait", mescola percussioni tribali a feedback post rock, con l'inserimento di un riff profondo di basso in stile drum & bass, ma sul più bello un fragoroso accordo di chitarra vi ricorderà le radici rock dei Koko che, da li a poco si lanceranno in un fusione molto personale di un rock sperimentale miscelato a elettronica, con due voci in forte contrapposizione a contendersi il palcoscenico. Leggeri riff di chitarra, quasi funk, duettano con un sax, il tutto accompagnato dalla batteria che si destreggia tra jazz e affini. Nei sei minuti abbondanti della song vi sembrerà che i vecchi Radiohead abbiano incontrato il defunto David Bowie e dopo una sbronza colossale, abbiano deciso di lanciarsi in una jam furibonda. A tre quarti del brano ritorna la prepotenza rock, con le chitarre che crescono e scompaiono di nuovo per lasciare spazio al battito ipnotico di basso e grancassa per un finale dal sapore funky. Ma non finisce qua, saltiamo la seconda traccia e andiamo ad ascoltare il terzo ed ultimo brano "Doom", che ovviamente non sarà un brano tenebroso alla Cathedral, bensì l'ennesima sperimentazione del quintetto austriaco. Batteria minimale e ritmica ostica, difficile, che rende perfettamente l'idea di uno stato di inquietudine interiore, il tutto condito da chitarre lontane e dalle sonorità surf rock. La voce quasi teatrale di uno dei vocalist, rincara la dose, poi il brano accelera e tutto d'un tratto veniamo catapultati in un'altra dimensione sonora. Torna il sax e il vortice prende velocità diventando spasmodico per poi fermarsi improvvisamente e permettere l'inserimento di break melodici e ritmici che non possono di certo lasciarvi indifferenti. In otto minuti troverete probabilmente riff che avrebbero permesso ad altre band di comporre cinque o sei brani, con un uso delle voci costruito ad arte. Sicuramente una band che si fa notare, i brani non sono magari subito digeribili, ma cavolo, i ragazzi ci sanno fare e hanno voglia di sperimentare. Da tener d'occhio, ora vado ad ascoltarmi il nuovo album (le due tracce disponibili in streaming sono ancora più fuori di testa di questo EP, e ho paura che sia iniziata una mia nuova dipendenza..) e vi lascio a questi tre brani che sicuramente valgono la pena di essere ascoltati. (Michele Montanari)

(Self - 2013)
Voto: 80