Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 16 gennaio 2016

Zaibatsu - Zero

#PER CHI AMA: Stoner/Industrial
I Zaibatsu sono un trio romano di cui non si trovano molto informazioni in rete, ma va bene così, mica bisogna essere come la maggioranza delle band che riportano vita, morte e miracoli di loro stessi. Quello che si sa di certo è che la band è stata fondata nel 2011 e alla fine del 2015 hanno lanciato 'Zero', album di debutto prodotto dalla Killerpool Records, piccola etichetta romana che sta iniziando a farsi conoscere per la qualità delle sue band. 'Zero' contiene dieci brani che viaggiano sul filo dello stoner in stile QOTSA, quindi più elegante rispetto ad altre band votate al desert sound. Sicuramente non ricordano i Kyuss, in quanto i Zaibatsu sono più riflessivi, oscuri e con una vena industrial mica male; se dovessi far riferimento ad altre band recensite sul Pozzo dei Dannati, vi direi di andare ad ascoltarci i vicentini Limerick. Lo stile infatti è quello, anche se i romani hanno un taglio abbastanza personale, con l’aggiunta di synth a rinforzare le linee melodiche. L’album è stato registrato in presa diretta per cogliere al meglio l’istinto e l’attitudine della band e difatti il prodotto ne ha giovato. La qualità è più che buona e nonostante manchino sovraincisioni e quant’altro, il risultato si fa apprezzare. “Plastic Machine Head” è il brano che apre le danze e lo fa con un mix di stoner/alternative rock e industrial ben fatto; pensate ad una fusione dei QOTSA, Muse e Marilyn Manson che per l’occasione hanno partorito una cavalcata pulsante dove la batteria trascina i riff di chitarra e basso, mentre la voce è stata distrutta a livello molecolare e ricomposta per sembrare provenire da un’altra dimensione. Il crescendo finale strizza parecchio l’occhiolino alle band appena citate, ma è una sottigliezza che si può perdonare. “Mantra 3P” è sicuramente uno dei brani meglio riusciti del disco. Infatti la sua struttura è camaleontica con passaggi noise e riff di chitarre che ricordano lontanamente quel pazzo di Jack White. Sei minuti complessi, introspettivi ed oscuri che vi scaraventeranno nel mondo dei Zaibatsu. In generale il cantato è ben studiato, sempre un po' sommesso e sussurrato, ma che regala grande enfasi ai brani e permette all’ascoltatore di concentrarsi sulla musica e sugli arrangiamenti. “Technocracy” è un pezzo sbruffone, con una gran cassa al limite della musica techno e un parlato che decanta slogan come messaggi a filo diffusione per plasmare le menti di una società ormai schiava del sistema capitalista. La melodia rallenta e diventa ossessiva, quasi ipnotica e tutto si chiude in poco meno di tre minuti che comunque vi lasceranno in uno stato di malessere mentale, come verosimilmente la band desiderava. Un album di debutto ben fatto, studiato ed eseguito con cura che prende spunto certamente da altri artisti, ma che comunque riesce nell’intento di creare un mix personale che colpisce e non lascia indifferenti. Una band da seguire e che presenta tutti i presupposti per regalare in futuro un secondo album ancora migliore di questo 'Zero'. (Michele Montanari)

(Killerpool Records - 2015)
Voto: 75

https://www.facebook.com/zaibatsu.band/