Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 21 gennaio 2016

Kardashev - Peripety

#PER CHI AMA: Progressive Deathcore, Fallujah
La parola peripeteia sta ad indicare il rovesciamento improvviso e inatteso delle circostanze. Cosi hanno voluto intitolare gli americani Kardashev il loro nuovo album che segue, a distanza di due anni, l'EP 'Excipio'. La band dell'Arizona suggerisce di ascoltare il loro lavoro accendendo un incenso, provo a seguirne il suggerimento e a godermi le dieci tracce qui contenute. Si parte con una breve intro e poi l'aria viene incendiata dal fragoroso e dinamitardo sound di "Sopor". Il genere proposto è un intelligente deathcore dalle oscure tinte progressive, un sound che miscela la rabbia dei Fallujah con un vocalist che spazia tra il growl e lo screaming black, mentre l'aria viene sferzata da un uso imponente di iper blast beat e sinistri synth. La song però appare un po' incompiuta anche dopo ripetuti ascolti, penalizzata da una produzione non proprio all'altezza, direi troppo impastata e amatoriale, che privilegia la gamma media di frequenza. Skippo a "Somnus" e ancora spettrali tastiere aleggiano nell'etere, prima che un rifferama djent ne prenda la guida, ancorato a delle ottime atmosfere e ad un vocalist che qui arriva a proporre anche la propria componente clean. Il sound vive di diversi cambi d'umore e saliscendi ritmici, che sfociano in "Somnium", un pezzo che ricorda per certi versi "Sapphire" dei già citati Fallujah, forse l'influenza primaria per l'act statunitense, senza tuttavia tralasciare i Cynic, nei frangenti più progressivi. La song è piacevole, carica di groove (cosi come l'intero lavoro) soprattutto nella sua componente solistica, che conferma la presenza di un ottimo strumentista alla 6-corde. Peccato solo che ancora una volta la sensazione sia quella di ascoltare un demo con tutte le grossolane imperfezioni che ne seguono. "Aurora" è una deliziosa traccia strumentale che incarna appieno lo spirito dei Kardashev e prepara nel frattempo l'ascolto di "Lucido", arrembante traccia dotata di un riffing secco e glaciale, "riscaldata" però dall'utilizzo di fantastiche keys, da un vocalist che si dibatte tra scream e vocals cibernetiche, ed infine eteree melodie. La traccia migliore del cd senza dubbio, ma anche quella dove una produzione più piena e bombastica, avrebbe sicuramente giovato maggiormente all'act di Tempe. Che diavolo di fine hanno fatto i bassi? Qui serviva potenza, profondità e in generale una maggiore pulizia dei suoni, la parte di solos conclusiva sarebbe stata a dir poco sublime con una registrazione professionale. "Umbra" è un'altra song bella tirata, che evidenzia il drumming esasperato stile "contraerea", contrappuntato da melodie che tracciano solchi di improbabile bellezza nel flusso sonico creato dai Kardashev. Un break ambient e poi tocca a "Conscium" sciorinare riff al vetriolo, belluine vocals, una batteria qui fin troppo caotica e delle melodie che renderebbero giustizia a 'Peripety' e ne farebbero davvero un grande disco; maledetta produzione! Le danze si chiudono con "Lux", l'ultimo brano che sancisce l'amore viscerale per i Fallujah e aumentano la mia frustrazione nei confronti di un cd che avrebbe sicuramente placato il mio desiderio di ascoltare la nuova release dei miei idoli Fallujah. I Kardashev hanno sprecato malamente la propria occasione, sfoggiando pessimi suoni che alla fine hanno gravato ampiamente sul mio giudizio conclusivo. Rimandati alla prossima occasione. (Francesco Scarci)

(Subliminal Groove Records - 2015)
Voto: 65