Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 16 gennaio 2016

shEver - Panta Rhei

#PER CHI AMA: Funeral Doom/Sludge
Devo ammettere che fa un certo effetto incontrare il nuovo cd della band svizzera che ad oggi risulta essere tra le più coerenti e longeve attività artistiche in circolazione. Gli shEver, in attività costante dall'anno della loro costituzione, il 2003, hanno prodotto cinque album tra EP e full length, hanno suonato al Roadburn Festival tra l'altro in egregia compagnia di nomi da culto del genere tra cui, Ahab, Saturnus, ed Esoteric. Un curriculum invidiabile per una band che propone una musica di confine, penetrante e profonda come nella migliore tradizione doom, mai scontata né rivolta alla disperazione fine se stessa, ma sempre protesa verso una ricerca interiore. Il sound è devoto alla causa ma qui sempre per certi versi più frizzante (permettetemi il termine astruso per questo genere!), oscuro e naturale, completato da una magistrale esecuzione della divina cantante Alexandra che lascia una ferita aperta ad ogni suono lancinante emesso dalle sue corde vocali. All'ottima vocalist, espressione e interprete del disagio interiore dei nostri, si contrappone un impianto sonoro di tutto rispetto, contornato dalla consueta cura maniacale e da una certa profondità per i suoni, con risultati maestosi ed inquietanti. Il sound è naturale, tagliente e di splendida qualità, la cadenza è rallentata di dovere e nel brano "La Fin" arriva a rasentare l'ambient più tenebroso e drammatico, con una ciclicità cinematica deliziosa e un'ossatura rock, buia e desertica, anche se l'iniziale "Smile", a dispetto del titolo, mi lascia a bocca aperta e mi manda in estasi depressiva. Gli echi mistici e il retro rock dei Jex Thoth si percepiscono in varie parti del disco e persino un pizzico di OM in "Infinita Mente Triste", devastante brano stritola emozioni. La lunghissima "Path of Death" presente solo su versione cd (l'immancabile versione in vinile non contiene questa traccia) ci mostra la vocalist in una veste più dimessa e sofferente, come soffocata da un monolite, pesante e rumoroso che un passo alla volta viene scalato da uno screaming insuperabile; la musica poi è ossessiva, cupa e asfissiante, e pare costruita per un'oscura sfilata funerea. Un brano stupendo inserito in un contesto altrettanto ottimo, una band da adorare e inserire tra i grandi nomi del genere, un album di pregiato e affascinante doom, per un viaggio drammatico e necessario, per capire quanto importante sia l'esistenza (ed essenza) di questa musica. Da amare alla follia! (Bob Stoner)