Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 20 gennaio 2016

Phased – Aeon

#PER CHI AMA: Psych/Doom
Contrariamente a quanto già visto per altre band in passato (penso agli Entombed, ma non solo) che, partendo da posizioni intransigenti, hanno poi evoluto il loro suono in qualche modo “ammorbidendolo” (sempre che sia questa la parola adatta), gli svizzeri Phased hanno invece compiuto il percorso inverso. Questo può dirsi vero se quest’ultimo 'Aeon' può definirsi a tutti gli effetti un disco doom, quando in passato l'ensemble di Basilea aveva offerto ottimi esempi di stoner garage incendiario. 'Aeon', che arriva sei anni dopo il precedente lavoro e due dopo una bella compilation retrospettiva, è un monolite fatto di chitarre accordate un tono sotto, tempi lenti e voci tonanti. Un affresco monocromatico di doom scurissimo ma fortemente psichedelico, che non rinuncia al groove ma che non lascia intravedere alcuno spiraglio di luce. Il trio formato dal fondatore Chris Sigdell (chitarra e voce), Marko Lehtinen (batteria) e Michael Greilinger (basso) riesce a condensare in questi sette brani tutti i miasmi malsani e sulfurei di una notte che sembra eterna. Il pachidermico incedere dell’iniziale “Seed of Misery” prosegue inarrestabile per tutti i 44 minuti del disco, senza accelerare praticamente mai e anzi rallentando fino alla perdita di coscienza nella raggelante “Into Her Gravity Well”, il suono di una sofferenza indicibile di un cuore che rallenta e in cui sembra di sentire spirare il vento gelido della fine di tutto. Come già accennato, il doom dei Phased è decisamente innervato di psichedelia, cosa che contribuisce a rendere la proposta dei tre elvetici sicuramente affascinante, fino a raggiungere l’apice, a mio parere, nella sulfurea “Eternal Sleep”. Assunto che la varietà non è la caratteristica principale di questo tipo di musica, in definitiva 'Aeon' è un album solido e denso come piombo fuso, senza veri punti deboli, che ad un ascolto attento rivela piú sfaccettature di quanto non sembri all’inizio. (Mauro Catena)

(Czar of Bullets - 2015)
Voto: 75