Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 17 gennaio 2016

Pil & Bue - Forget The Past, Let's Worry About The Future

#PER CHI AMA: Indie Rock, The Mars Volta, Deftones
I Pil & Bue (in norvegese significa “arco e frecce”) sono un duo norvegese, formatosi nel 2013 e composto da Aleksander Kostopoulos (batteria e percussioni) e Petter Carlsen (voce, chitarra baritona). Il loro sound è energico e multisfaccettato. 'Forget The Past, Let's Worry About The Future' rappresenta il loro secondo lavoro che uscirà a giorni, dopo l'esordio 'Push Start Button (Level 1)' che vide la luce nel 2014. Il disco apre con “No is the Answer” e una bella rullata di batteria, accompagnata poi da un ruffiano giro di chitarra e un ritmo lanciato, con la voce di Pil che ricorda quella dei Deftones o dei 30 Seconds to Mars. Il brano è energico e piacevole all'ascolto, ideale per dare la carica la mattina appena svegliati. Bue, il batterista, mostra grande capacità tecnica cambiando spesso ritmo. Si prosegue con “Shakkakakka”, traccia caratterizzata da un delizioso riff di basso, che viene raggiunto dalle percussioni: il sound non si discosta da quello del pezzo precedente, aggiungendo forse un po' più di rabbia a livello vocale. Suoni metallici e industriali fuoriescono da “Fire”, dove compare anche una chitarra baritona: il risultato sembra uscito da un disco dei Deftones, corredata da uno screaming sulla tosta matrice ritmica, e con qualche inserto delicato in cui la voce diviene nostalgicamente melodica. Impossibile collocare il duo in un preciso genere, in quanto il sound è ricchissimo di sfumature, il che prova la grande abilità di questi due giovani norvegesi. “Nevermind” si distacca leggermente dalle prime tre song, risultando più soft pur senza mai abbandonare la vena energica che contraddistingue il marchio di fabbrica dei Pil & Bue. “Fear Flee Freeze Fight” dimostra la fluidità con cui questa coppia artistica compone proponendo un sound in continua evoluzione che mantiene l'attenzione a livelli elevati senza mai risultare noiosa o ripetitiva. In questo brano azzardo anche una certa similitudine con i White Stripes, specialmente nelle parti di cantato più acute. Ma si tratta solo di un attimo, i nostri tornano infatti a ricalcare la matrice sonora iniziale. Con “Afterlife” si giunge al termine dell'ascolto, ma non senza tentare nuove sperimentazioni: le percussioni sono quasi unplugged, mentre la chitarra gioca con delay ed echo. Dopo i primi 2:30 le carte in tavola cambiano e la sei corde ci delizia con tutte le sue sfumature. Altrettanto fa la batteria, ove si possono chiaramente sentire piatti e grancassa. Tutta la canzone ha un'aura malinconica, quel pizzico necessario a garantire il sogno ad occhi aperti. Nonostante il duo venga da Oslo e si possa associare quella terra con il freddo, la musica dei nostri si dimostra al contrario calda, coinvolgente e mai banale: la mente è sempre all'erta, mentre le orecchie sono deliziate dalle continue novità. 'Forget The Past, Let's Worry About The Future' merita davvero più di un ascolto, perché dotato di cosi tante sfumature da richiedere una continua esplorazione. (Samantha Pigozzo)

(Indie Recordings - 2016)
Voto: 75