Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 20 novembre 2016

The Burning Dogma - No Shores of Hope

#PER CHI AMA: Death/Black/Gothic/Dark
Il classico digipack, la classica cover cupa. Un'altra goccia nell'infinito mondo dell'estremo. Invece no. I bolognesi The Burning Dogma ritornano dopo l'interessante 'Cold Shade Burning' del 2012, con molte idee, tante idee (pure troppe). Prima di ascoltarli sono andato a guardarmi la pagina FB, per farmi un'idea più approfondita di loro. Dal vivo usano scenografie, un face painting non esagerato e moderno, che potrebbe ricordare quello dei Fleshgod Apocalypse. Schiarite le idee, mi sono tuffato in questo lavoro con curiosità, e dopo svariati ascolti in situazioni e momenti diversi, mi sono reso conto che questi ragazzi sanno suonare molto bene, la tecnica non manca di sicuro, ed è frutto di anni di calli alle mani e sofferenza. Quello che latita fortemente è tuttavia un'idea di base, su come e dove dirottare tutte queste idee e capacità. In 'No Shores of Hope', album edito dalla onnipresente Sliptrick Records, si possono ascoltare riff "carcassiani" (di cui vado matto), ma un attimo dopo, il tutto si trasforma in passaggi black/gothic o sfuriate brutal in blast beat, fuoriescono voci femminili, voci maschili pulite, in screaming e growl, il tutto non troppo ben amalgamato. L'ascolto di quest'album di 50 minuti, diventa pertanto molto impegnativo e incline ad una certa facilità a distrarsi dal suo ascolto. Ci sono ben cinque tracce strumentali (13 in tutto) e vari intermezzi all'interno dei pezzi che mi hanno lasciato un po' perplesso, passaggi trance elettronici, che fanno tirare il fiato per un attimo, in attesa di ricominciare il tutto con un altro profilo stilistico, insomma un bel "popò di roba". Tutto ciò non favorisce un mio positivissimo giudizio all'album, anche se forse in una situazione live, potrebbe creare grande effetto, visto l'uso teatrale che usano spesso i nostri. La registrazione è buona e professionale ma non mi ha dato grande soddisfazione a livello del mixing: ci troviamo infatti una batteria costantemente in primo piano, qualunque sia il tipo di passaggio la canzone stia affrontando. E questo ahimè copre spesso lo splendido lavoro che fanno i chitarristi, che non si risparmiano di certo nel tessere riff rabbiosi e arrangiamenti molto curati. Le canzoni non sono assolutamente da buttare, sia chiaro, canzoni del calibro della title track e la seconda parte di "Dawn Yet to Come", sono le parti migliori di questo album. Sarei curioso di vederli dal vivo e farmi un'idea migliore di quello che vogliono rappresentare, felicissimo di farmi smentire. (Zekimmortal)

(Sliptrick Records - 2016)
Voto: 65