Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 9 novembre 2016

Shantak - For the Darkening

#PER CHI AMA: Melo Death, In Flames
Ancora Italia, ancora Sliptrick Records, ancora metal estremo, questa volta con i metallers bresciani Shantak. Dalla cover cd cosi cupa, avrei pensato ad incandescenze black metal, in realtà la proposta del quintetto lombardo guarda alla Svezia, con un sound che chiama in causa un che degli In Flames degli esordi, soprattutto nell'utilizzo di quelle parti acustiche ("The Disinterment") che resero celebri i primi album della band di Anders Fridén e compagnia. Chiaramente, c'è da soppesare le mie parole perché i cinque ragazzi, al debutto con questo 'For the Darkening', sono lontani anni luce dai tanto chiacchierati gods svedesi. Gli ingredienti però per piacere ai fan ci sono tutti: dai succitati arpeggi (penso all'opening dell'oscura "Silent Birches"), alle linee di chitarra assai melodiche e dal piglio marcatamente heavy metal, soprattutto a livello di assoli ("Germination"), passando alle convincenti growling vocals per finire ad un'atmosfera di fondo tenebrosa, in un album che non ha grosse velleità se non quella di presentare con umiltà la propria proposta ad un pubblico più vasto, con la consapevolezza (auspico) di non aver inventato di certo l'acqua calda. Mi piace il taglio tribale a livello ritmico di "Oath of Shadows", song dall'incedere epico che contribuisce a rivelare ulteriori potenzialità della band. La durata non eccessiva dei brani contribuisce a fornire un approccio più easy-listening agli Shantak cosi come le linee di chitarra, non particolarmente pesanti ("Drowned Tears"), rendono il tutto molto più assimilabile. Di strada ce n'è da fare comunque parecchia se ci si vuole scrollare di dosso i facili accostamenti con gli In Flames o altre mille band affini. I dieci brani, dotati comunque di una certa professionalità, finiscono però in un calderone dal quale sarà difficile alla fine ricordarsi qualcosa, in quanto difettano ancora in personalità, che rappresenta il vero limite di questo primo disco targato Shantak. (Francesco Scarci)

(Sliptrick Records - 2016)
Voto: 60

https://www.facebook.com/ShantakBandOfficial/