Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 22 novembre 2016

Hemotoxin - Biological Enslavement

#PER CHI AMA: Death Metal, Death, Pestilence, Atheist
Ecco quel che si dice un album dal forte impatto fisico: non ci sono intro, arpeggi, pianoforti o amenità del genere ad introdurre 'Biological Enslavement', seconda fatica dei californiani Hemotoxin, bensì solo una tremenda mazzata tra capo e collo. Questo il biglietto da visita servito da "Decadence" che divampa con un death metal di scuola americana da brividi, com'era tempo che non sentivo. Le ritmiche forsennate di "Regression" non possono che evocarmi i compianti Death di 'Human', ma anche qualcosa dei Pestilence di 'Testimony of the Ancients', per la perizia tecnica palesata negli splendidi assoli assassini che il quartetto di Pittsburg sciorina al suo interno. Attenzione perché con la terza "Minus Human", i facili paragoni chiamano in causa questa volta gli Atheist di 'Unquestionable Presence' per quel suo apripista progressive da pelle d'oca, per poi lanciarsi in funamboliche rasoiate estreme grazie a combinazioni ritmiche da infarto. "Not of This World" si manifesta invece come una roboante cavalcata sostenuta da riffoni death tirati a velocità sostenute, e un drumming di scuola thrash old school; spaventoso quanto acuminato poi l'assolo conclusivo che incendia la song. Gli Hemotoxin non mollano un secondo, continuano incarogniti a martellare come degli assatanati propinando un rifferama feroce che più volte chiama in causa quello di Chuck Schuldiner e compagni. Inutile girarci intorno, i Death costituiscono per i nostri il faro guida, non solo a livello strumentale, ma anche a livello vocale, con la timbrica corrosiva di Michael Chavez che chiama in causa quella del buon Chuck. È un piacere riassaporare quei suoni mai dimenticati, è come percepire la presenza di Chuck nei solchi di quest'album, le sue melodie indiavolate che si impossessano di questi fantastici musicisti. I nostri, traccia dopo traccia regalano incredibili magie alla sei corde, un tumultuoso drumming e frangenti progressivi evocanti Atheist o Cynic, come nell'intro di "The Alchemist" o nei primi vertiginosi secondi della splendida strumentale "A Journey Through Dreams", che mi verrebbe da accostare a "Cosmic Sea", traccia contenuta in 'Human'. Certo, gli Hemotoxin si confermano più convincenti nei momenti più efferati, con quel loro incedere torrenziale ("Bleak Prognosis"), dove ad emergere è comunque un virtuosismo mai esasperato che tributa anche altre grandi band della Bay Area, e penso a Slayer, Exodus e Forbidden. Come un fiume in piena, la band statunitense macina km di riff tortuosi, urticanti e coinvolgenti: ne è l'ultimo esempio la conclusiva "Transparent Eyes" che sancisce la fine di questo mio breve tuffo nel passato, con un assolo a dir poco impressionante. Che altro dire se non invogliare tutti gli amanti del death a stelle e strisce di far vostro questo piccolo gioiellino di musica estrema. Che l'anima di Chuck regni con voi. (Francesco Scarci)

(Unspeakable Axe Records/Dark Descent Records - 2016)
Voto: 80

https://unspeakableaxerecords.bandcamp.com/album/biological-enslavement