Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 21 novembre 2016

Youngblood Supercult - High Plains

#PER CHI AMA: Psych/Blues/Stoner Rock
Vi sarà sicuramente capitato di camminare in un campo di grano in estate e ammirare le nuvole in cielo con una spiga in bocca ed il nulla in testa, ma molto nulla in testa. Se la risposta è no, questo disco rende vi permetterà di provare perfettamente quella sensazione. I Yougblood Supercult vengono dal Kansas, e portano con sé un carico di influenze che vanno dal blues allo stoner al progressive con un sound simile ai Black Mountain, suonato con l’attitudine dei Pentagram. La copertina ha un sapore smaccatamente psych: cieli stellati, fienili e strane macchie di colore in giro per l’artwork. 'High Plains' significa altopiani, ogni pezzo descrive un paesaggio bucolico e allucinato, quei posti in cui non ci si stupirebbe di vedere un UFO atterrare davanti ai propri occhi. Le canzoni sono godibili e spensierate, le strutture sono ben architettate. Sulla voce purtroppo vedo il punto più debole anche se non rende l’ascolto del disco spiacevole o superfluo. Il timbro è adatto al genere, con tanto di grattato blues sulle note più spinte, davvero ben riuscito, tuttavia sembra essere esile rispetto alla musica, direi poco incisivo. Penso che il problema sia causato dalla scelta delle linee vocali a volte forse troppo audaci. La caratteristica più interessante di questa band sono le cavalcate di chitarra alla Uncle Acid and the Deadbeats, per avere un esempio di cosa intendo, ascoltatevi “Nomad” e “Before the Dawn”, contengono due fantastici esemplari di riff andanti e ciccioni. Il disco scorre bene, i pezzi sono vari nella composizione e tengono alta l’attenzione per tutta l’opera. Da notare sicuramente la ballata “White Nights”, soffice intermezzo tra l’incedere trascinato delle altre song, la mia preferita dell'album, che peraltro contiene anche un assolo sensato e composto che impreziosisce il pezzo senza appesantirlo. Anche “Forefather” è un altro pezzo interessante, il più lungo del cd, un blues lento e sornione che cambia spesso forma, dal piano al forte dal vuoto al pieno, da paesaggi di praterie sconfinate all’interno del propria mente, quasi a perdere la coscienza di essere in un luogo definito nel tempo e nello spazio. Il commiato è suggestivo e sognante, “Down 75”, fatto di sola chitarra acustica e voce. È come stare nella stazione di una città fantasma, con un peso di un peccato addosso che spinge a terra ad assaggiare la polvere, mentre l’ultimo treno della giornata si allontana. (Matteo Baldi)