Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 29 novembre 2016

Less Than a Cube - S/t

#PER CHI AMA: Indie/Noise Rock/Grunge, primi Alice in Chains
Ascoltando per la prima volta questo disco, lo si potrebbe facilmente attribuire ad una qualche band americana, basata tra New York e Chicago, e non credo di andare troppo lontano dalla realtà pensando che questo potrebbe essere un gran bel complimento per i Less Than a Cube, che di nome fanno Fabio Cubisino (chitarra e voce), Alessia Praticò (basso e voce) e Alessandro Mautino (batteria) e vengono invece da Torino, Italia. Quest'album omonimo è il loro esordio e appare evidente come i tre siano riusciti a riversare in queste 9 tracce tutto il loro amore per quanto di meglio il rock americano abbia prodotto negli ultimi 25 anni, dal noise rock di stampo Touch & Go al grunge e al post rock, con un occhio però sempre ben puntato sulla forma canzone. In poco più di 40 minuti sono condensate le inquietudini nevrotiche dei Come (nell’opener "Monovolt"), la solennità sgraziata degli Afghan Whigs ("Not Forget", cantata ottimamente da Alessia Praticó), ma anche gli umori metropolitani degli Interpol (la solenne e marziale "Revolution"). In generale, il vero punto di forza del disco è un songwriting di tutto rispetto, solido e umorale, scuro e uggioso come l’immagine di copertina, ma sempre centrato, tanto è vero che nessuno dei brani in scaletta ha il sapore del riempitivo ma anzi ogni canzone è in grado di reggersi bene in piedi sulle proprie gambe, basti pensare alla drammatica e scurissima "Night Song", percorsa da un violoncello che la scuote e la fa vibrare dal primo all’ultimo istante dei suoi oltre 7 minuti, oppure alla splendida "Blue Grass", vicina a certe cose dei Dinosaur Jr, che ospita la chitarra di Amaury Cambuzat (Ulan Bator), da sempre vicino alle realtà più vitali della nostra penisola. Disco prettamente “chitarroso”, molto convincente anche se non privo di difetti (veniali), soprattutto nella produzione (qualcosa da registrare nel missaggio di alcuni brani) e nel cantato (non sempre perfettamente centrato), che stanno al limite tra scelte volutamente lo-fi e il rischio di un risultato un po’ sciatto, imputabili però più che altro all’inesperienza. In definitiva un lavoro di ottimo livello, e una band da tenere d’occhio per sviluppi futuri che potrebbero essere estremamente interessanti. (Mauro Catena)