Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 25 novembre 2016

Dead Register - Fiber

#PER CHI AMA: Dark/Post, Fields of the Nephilim, primi The Cult, Isis, Swans
È incredibile quanto in Italia, cosi come molto spesso in Europa, alcune uscite discografiche statunitensi passino del tutto inosservate. L'ho detto più volte che questa cosa può essere considerata delittuosa quando certe release non ottengono l'attenzione che realmente meritano. Questo preambolo serve a dare una tirata d'orecchi a tutti coloro che si sono persi il debut album degli americani Dead Register, band che incorpora nel proprio sound influenze dark e gothic (lo si evince da una cover cd che rievoca per certi versi - e solo graficamente - i Theatre of Tragedy di 'Velvet Darkness They Fear') ma che mostra punti di contatto anche con il post-metal e il post-punk. Il disco, uscito autoprodotto, consta di sei tracce con delle durate che oscillano tra i sette e i nove minuti. L'album apre con "Alone", la song più lunga del lotto, che i più attenti avranno già avuto modo di apprezzare nel demo cd, 'TRVNS BLVK', uscito nel 2014. Si tratta di una traccia dall'aura decadente, sofferta nel suo incedere depressive rock, corredata da un drumming tribale e da un cantato un po' lamentoso. Quello che mi impressiona sono le splendide melodie che chiamano in causa band quali Christian Death, Fields of the Nephilim, Swans e addirittura The Cure. Il riffing, che in alcuni frangenti evoca anche un che degli Isis, diviene un po' più corposo nella successiva title track (andatevi a vedere l'intrigante video, merita ve lo assicuro e vi farete anche un'idea più chiara dell'act di Atlanta), con la prova del frontman, M. Chvasta, che si rivela più convincente dietro al microfono e dove il basso pulsante dello stesso, crea delle atmosfere di tooliana memoria, arrivando a regalarci uno splendido assolo con la sua 4-corde in un epico finale in grado di smuovere sussulti emotivi davvero notevoli. Le atmosfere si fanno ancora più buie nella successiva "Drawning Down", song davvero spettrale, con il sound dai forti richiami dark di primi anni '80 (penso ai The Cult di 'Dreamtime' o ancora meglio alla precedente creatura Southern Death Cult) che ruota intorno alla performance vocale di M. Chvasta e ai synth della moglie Avril Che. Che i Dead Register non siano un band come le altre credo sia chiaro, lo dimostra la scelta coraggiosa di non avvalersi di un chitarrista a tutti gli effetti ad esempio, quella di coniugare suoni che spaziano dal post al pop-dark, senza disdegnare anche una spruzzatina di shoegaze e punk, ma anche di utilizzare una voce maschile davvero peculiare. È comunque musica davvero originale quella dell'act di Atlanta, forse dal gusto un po' retrò, ma che sicuramente ha il pregio di coinvolgere per le melodie e le atmosfere soffuse messe in scena. Con "Grave" emergono chiari riferimenti alla scena goth rock di scuola finlandese, essendo questa la song verosimilmente più morbida delle sei contenute in 'Fiber', nonostante i suoi bei riffoni carichi di pioggia. Con "Entwined" ritorniamo a percorrere torbidi ed improbabili sentieri post-dark, se solo questo genere esistesse. Arriviamo quindi alla conclusiva "Incendiary", traccia dal forte sapore doom, complici le ossessive ed oppressive melodie e atmosfere disegnate dal terzetto e dalla voce sempre più malata di Chvasta, un animale collocabile tra Swans, Peter Steel dei Type O Negative, Carl McCoy dei Fields of the Nephilim e anche Danzig. Alla fine 'Fiber' è davvero un bell'album, forse non cosi facile da digerire inizialmente, ma poi, quando le melodie entrano sotto la pelle, il godimento è assicurato. (Francesco Scarci)