Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 21 novembre 2016

Howling Giant - Black Hole Space Wizard

#PER CHI AMA: Stoner, Monster Magnet
Bello scoprire ancora gemme in un mondo, quello stoner, che definire inflazionato è un eufemismo. Ancora più bello se sono completamente inaspettate, come questo EP (che, come lascia presagire il titolo, dovrebbe avere presto o tardi un successore) degli Howling Giant, power trio proveniente da Nashville, Tennessee, terra di grandi musicisti e grande musica, anche se prevalentemente di altro genere. Prima parte di un concept album a tema sci-fi, questo 'Black Hole Space Wizard' mette in fila quattro pezzi di hard-psych-space rock di livello assoluto. Chitarre ultra sature, bassi distorti, batteria dalla potenza devastante, groove assassini, tre voci che s'intersecano senza mai perdere efficacia, il tutto confezionato con un suono e una produzione di altissimo livello. Fin dall’iniziale "Mothership" si rimane rapiti dalla compattezza del suono, arricchito da un hammond caldissimo, e da una scrittura che rimanda ai migliori Monster Magnet, quelli di 'Dopes to Infinity'. A colpire è la maturità con cui gli Howling Giant approcciano la materia, e la personalità con cui non hanno paura a misurarsi con modelli tanto ingombranti. Nello spazio di una ventina di minuti mettono in mostra una personalità già formata e sfaccettata, una perizia strumentale e un songwriting dal respiro davvero sensazionale (i sette minuti di "Clouds of Smoke", vero capolavoro del disco, sono in questo senso inarrivabili). C’è spazio anche per la sfuriata stoner-metal di "Dirtmouth", lanciata a folle velocità, dove i tre dimostrano di trovarsi comunque a loro agio. Se son rose prepariamoci ad una fioritura senza precedenti, per il momento, se le coordinate sono minimamente di vostro interesse, procuratevi questo dischetto e godetene appieno. (Mauro Catena)