Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 24 novembre 2016

Algos - Amongst Monoliths

#PER CHI AMA: Death Doom Atmosferico
Algos è una one man band che si dedica con cura e passione alla causa del death metal melodico, ottenendo buoni risultati e considerando che suona, registra e cura il mixaggio della sua musica sin dal primo EP del 2014, possiamo considerare il musicista olandese un vero e proprio talento. Al quarto lavoro, comprendendo i primi due EP e il full length del 2015, il nuovo album del 2016, intitolato 'Amongst Monoliths', è di nome e di fatto un colosso sonoro di alta qualità e virtuosismo musicale, carico di melodia e soluzioni barocche assai ricercate, tanto attente a non deludere il genere quanto viziate da tecnicismi e manierismi tutti da gustare, un non troppo celato gusto per le opere metal in pompa magna stile Timo Tolkki e per ammissione dello stesso autore, ispirato e seguace di Be'lakor, In Mourning, Swallow The Sun, Novembre e Saturnus. Il disco supera l'ora di musica e i brani sono stracolmi di potenziale, chicche da ascoltare, richiami sonori provenienti da varie altre band, un tocco malinconico e gotico, un maestoso e classicheggiante uso delle tastiere, una batteria granitica e trascinante, una chitarra che sa mettersi in mostra e ritagliarsi sempre uno spazio in evidenza in un'opera gloriosa di musica estrema con attitudine progressiva. L'autoproduzione non sempre paga ed anche se di buona fattura, questo sforzo compositivo enorme avrebbe meritato una supervisione mainstream per essere consacrato nell'olimpo del metal. Comunque l'autore ha lavorato benissimo, muovendosi in autonomia e libertà. Jurre Timmer sa come gestire le sue architetture musicali e lo si sente fin dall'intro iniziale, mentre al partire del primo brano, "Metempsychosis", la sua voce oltraggiosa mette subito in chiaro gli intenti cruenti e battaglieri, mostrando tecnica e gusto, melodia e ricerca. "From the Dephts", con il suo superare i sei minuti, contagia con un'ambientazione evocativa e vicina ad certo black metal d'atmosfera; in "Blessed With Weakness" si sentono echi di un acustico folk a precedere una sperimentazione tra speed/black metal e un barocco quanto tecnicissimo uso delle chitarre, mentre "Pale Monolith" (il mio brano preferito) si abbandona totalmente in un romanticismo acustico dalle parvenze vintage, d'infinita bellezza con un finale elettrico in ascesa tutto da apprezzare. La particolarità dell'intero lavoro sta nel perenne stato di elevazione spirituale e ricerca melodica che lo rende costantemente astratto e sognante anche nelle parti più articolate e violente, un po' come gli ultimi Anathema o i primi Alcest, anche se il genere ovviamente non è lo stesso e il nostro poliedrico musicista olandese privilegia uno stile più duro e tirato in una veste vicina alle soluzioni sonore degli Augury. Di sicuro il lato progressivo del chitarrismo di Timmer esce allo scoperto in più di un occasione, ed è una chitarra veloce e determinata nel fraseggio e negli assoli al fulmicotone a venirci proposta. La distorsione non degenera mai nel puro caos e tutto risulta sempre sotto controllo, accessibile, con cambi d'atmosfera, di tempo e sfumature tipiche del prog metal, conservando intatto anche quel bel velo underground che di solito fa da comun denominatore e contraddistingue il sound delle doom metal band più tecniche e sofisticate. Il disco è lungo ed impegnativo, complesso, non presenta cadute o crisi d'identità, lo stile di Algos è ben definito e fa bella mostra di sé, delle sue idee e delle sue capacità compositive ed esecutive, a metà strada tra il metal epico e il sinfonico. Una prova di tutto rispetto, un album da ascoltare senza pregiudizio alcuno. (Bob Stoner)