Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 18 novembre 2016

Vayl - Eclipse The Sun

#PER CHI AMA: Sludge/Stoner
Dura poco più di 25 minuti questo EP dei berlinesi Vayl, che arriva dopo un demo e un full-length datato 2013. Meno di mezz’ora, quindi, in cui il power trio frulla innumerevoli influenze da diverse regioni del rock, dello stoner e del metal, per creare un’amalgama tutto sommato convincente e di grande impatto sonoro. Basso e batteria sono veloci, solidi, precisi e dritti in faccia, oscuri e zeppi di fuzz (“Face to Face”); la chitarra – che sembra ispirarsi più alle sonorità stoner-rock dei Monster Magnet che alla sporcizia sludge dei Mastodon – sforna riff e accordi pieni d’ispirazione quasi più metallara che desertica (“Left Undone”). Scordatevi quindi la psichedelia latente dei Kyuss e pure l’headbanging polveroso dei Fu Manchu: siamo piuttosto in un punto mediano, condito però da una vena metal, adrenalinica e violenta, fortemente supportata dalla voce del cantante/chitarrista Hagen Ohmstede. Una voce profonda, rauca, brutale e hardcore in quasi tutto il disco, capace anche di diventare melodica ed ossessiva quando serve (“Face to Face”, “Amnesia”). Un lavoro ingolfato di groove e up-tempo, potente come un pugno in pieno volto, solido e coerente con se stesso, pur senza annoiare. Ora aspetto solo il full-length, per verificare l’originalità dei Vayl sulla lunga distanza. (Stefano Torregrossa)

(Self - 2016)
Voto: 65

https://vayl.bandcamp.com/