Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 18 maggio 2016

Fight Cloud - We'll Be Alright

#PER CHI AMA: Noise/Math
Richmond (USA) rappresenta la terra natia dei Fight Cloud, l'ensemble di quest'oggi, già attivo dal 2012 e 'We’ll Be Alright' è il loro secondo LP, preceduto da due ottimi EP, 'Simple Structures' e 'Where’s My Shakespeare'. Con i nostri si va fin dentro al DNA, come vedere un seme dall’interno che lentamente si trasforma in un albero immenso. Difficile però inquadrare in modo definito il sound della band della Virginia, a cavallo tra noise, math rock, qualche slancio shoegaze fino a sfiorare il metal. La delicatezza della voce e le linee vocali sognanti si scontrano con le chitarre vetrose, brillanti e al limite della dissonanza, immerse in una ritmica singhiozzante a tratti, e a tratti fluida come il vento che soffia tra i rami freschi di rugiada al mattino. La sensazione di rassicurante speranza permea tutte le tracce, che si lasciano ascoltare senza tanti intoppi o noie, senza lasciare indietro la malinconia ineffabile di un sottobosco umido e avvolto dalla nebbia. I Fight Cloud suonano come un incidente aereo tra Mars Volta e A Perfect Circle, con un risultato finale davvero convincente. Alla prova del play infatti, la band risponde egregiamente con un violento inizio dettato dalle ritmiche del brano “Bath Method”, song intervallata da ambienti spaziali e parti matematicamente incastrate come rovi di spine. La traccia è seguita da “Poppyseed” che con il suo arpeggio compulsivo e schizofrenico esplora zone sconosciute dell’immensa foresta pluviale dalla quale i Fight Cloud sembrano provenire. Imprezioniscono l’opera alcuni interludi strumentali come il laconico “Long Live Zorp” e “A Rare Thing like Neon”. Degna di nota è “The Real Ricky”, dove scrosci di chitarre in palm muting, guidate da una ritmica serrata e tribaleggiante, aprono la strada ad accordi risonanti che sostengono una voce lontana e ancestrale. Non mancano nel brano alcuni passaggi propriamente math, tuttavia ben mascherati nel sound da non risultare, come spesso accade per il genere, frammentati, ma anzi mostrano una certa scorrevolezza pur mantenendo intatta la particolarità dei tempi scombinati e delle ritmiche scritte attraverso funzioni matematiche. Pur essendo un'opera di alto valore, si sente ahimé la mancanza di un brano che spicchi sugli altri, che possa trainare la proposta della band anche alle orecchie più esigenti. Il talento dei quattro giovani è evidente, l’originalità pure, ci sono le potenzialità per arrivare molto in alto. Ad ogni modo, un plauso è dovuto per la capacità di equilibrata commistione tra generi in sè molto diversi che nella musica dei Fight Cloud convivono in placida armonia. Il disco chiude con “Year of the Bold”, che mischia scenari aritmetici e compulsivi con ambienti incantati quasi da fiabe Disney, a riprova ancora una volta dell’estro del quartetto. Questo disco è un’esperienza: immaginate di percorrere un sentiero incontaminato e surreale con la sola compagnia di pioggia, foschia e vegetazione aliena; la meta sembra molto distante e il viaggio assai lungo, ma nessun timore potrà raggiungere il viaggiatore perchè... 'We’ll Be All Right'. (Matteo Baldi)