Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 12 maggio 2016

Malevolentia - Répvbliqve


#PER CHI AMA: Black Symph, Fleshgod Apocalypse, Dimmu Borgir, Xerath
Rappresenta la normalità per il terzetto di Belfort prendersi lunghi periodi di pausa tra un disco e il successivo: era successo con il debut album nel 2005, per cui dopo sei anni uscì 'Ex Oblivion' (recensito dal sottoscritto su queste stesse pagine nel novembre 2011) e finalmente dopo altri cinque anni di silenzio, ecco giungermi tra le mani 'Répvbliqve', sempre edito dalla Epictural Production. Che dire di nuovo dei nostri sinfonici blacksters? In realtà non molto, visto che la proposta dei transalpini riprende là dove si era interrotto con 'Ex Oblivion'. Probabilmente l'unica novità sostanziale è l'aver enfatizzato la componente orchestrale, mantenendo comunque inalterata la ferocia di fondo. Lo dimostrano i fatti: "Annuit Cœptis" è la prima selvaggia traccia che irrompe nel disco dopo la classica intro. Sicuramente da più parti si dirà che i Malevolentia vogliano emulare i maestri Dimmu Borgir (o i nostrani Fleshgod Apocalypse), e in parte potrebbe anche essere vero. Tuttavia quello che colpisce maggiormente nella nuova fatica di Spleen e soci, è la carica cinematografica che intride ciascun singolo brano di 'Répvbliqve', che lo rendono cosi maestoso e ricco di contenuti. E cosi in "Völuspá", accanto alle torve e malvagie vocals di Spleen, ecco accostarsi il cantato operistico di una gentil donzella (la si ritroverà lungo tutto l'album), con la musica che comunque prosegue la sua corsa sui binari di magniloquenti orchestrazioni che ben si sovrappongono a sinistre sfuriate black. Chiaramente le tastiere e le orchestrazioni assumono il ruolo cardine nella matrice sonora dei Malevolentia, ma il risultato è sicuramente di rilievo, che mi rincuora del fatto che il black sinfonico ha ancora ragione di vivere e di dire la sua. Cosi "Etemenanki", lungo il suo imperioso scorrere, mi fa venire i brividi per le sue straordinarie orchestrazioni (fortissimo qui l'influsso dei Dimmu Borgir, devo ammetterlo) e mi fa arricciare i baffi per la maligna aura che possiede. Un epico bagno di sangue che avrà modo di esaltare i vostri sensi anche attraverso la pomposità dell'intermezzo "Virtù & Fortuna", che prepara la strada alla maestosità di "Magnus Frater Spectat Te", un brano che mette in evidenza anche alcune linee di scuola death metal, su cui si stagliano cori ritualistici. Splendido poi il break centrale, che ha il ruolo di generare una fortissima suspence. Questa sembra infatti essere la ricetta dei nostri nel loro flusso sonico: creare una certa tensione emotiva, da cui scatenare poi la propria tempesta ritmica. Ovviamente non è tutto oro quel che luccica, e se dovessi cercare un difetto a 'Répvbliqve', lo andrei a identificare nell'eccessivo numero di brani, ben 14, che alla lunga potrebbe distogliere anche l'attenzione di chi ascolta con piacere questa monumentale opera di black sinfonico, che a livello lirico chiama in causa il clima di autoritarismo e oppressione descritto da Orwell, ma anche una certa occulta simbologia massonica, che si ritrova nella grafica del digicd, il tutto poi cantato rigorosamente in lingua francese. Che altro aggiungere se non invitarvi caldamente all'ascolto di 'Répvbliqve', nuova maestosa opera dei Malevolentia. Prossimo appuntamento? Speriamo un po' meno dei canonici cinque anni, mi raccomando, ci tengo! (Francesco Scarci)

(Epictural Productions - 2016)
Voto: 80

https://www.facebook.com/MalevolentiaBM