Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 4 aprile 2016

Onirism - Cosmic Dream

#PER CHI AMA: Black Symph, Limbonic Art, Bal Sagoth
Fatta esclusione per i Dimmu Borgir (che nel frattempo si sono un po' persi per strada), credo fosse da una decina di anni che non si sentisse in giro qualcosa dedito al black sinfonico. Emperor, Agathodaimon, Ancient Ceremony e Anorexia Nervosa si sono sciolti, i Limbonic Art hanno virato verso un altro genere, cosi come pure i polacchi Lux Occulta. Quella forma di black è ahimè morta. Ci prova la one man band francese degli Onirism a donare linfa vitale al genere, con il debut album 'Cosmic Dream'. Il disco non tradisce le aspettative sin dalla sua veste grafica con una cover cd che riporta a paesaggi intergalattici. I contenuti: un classico tappeto tastieristico (stile Summoning) introduce il disco per poi esplodere in "Beginning of a New Era". Come da copione sono splendide melodie sostenute da pompose tastiere e harsh vocals a guidare il sound di Antoine Guibert (alias Vrath), che si lancia in un'inebriante cavalcata in cui il mastermind francese arriva ad evocare anche lo spettro dei primi Satyricon e Ancient. Che tuffo di vent'anni nel passato. Più avanzo nell'ascolto e la sensazione che provo è quella di percorrere una galleria ove siano state riposte le statue di cera dei miei idoli degli anni '90 che proponevano quel genere. In "From the End to the Origins" ecco venir fuori 'Stormblast' dei Dimmu Borgir, nella etnica "Ephemeral World I" è l'eco di 'Under the Moonspell', piccola gemma arabeggiante dei lusitani Moonspell, ad emergere. Le barocche tastiere di "Ephemeral World I" rievocano il sound fantasy dei Bal Sagoth, mentre con le tonanti "The Curse of Ahriman" e "Weavers of Time" (quest'ultima peraltro vanta un ottimo assolo rock), andiamo a scomodare 'Moon in the Scorpio' dei Limbonic Art e 'Arntor' dei Windir (quest'ultimi richiamati in causa anche nella conclusiva title track). Tutti i grandi classici del passato convergono in 'Cosmic Dream' e questo probabilmente costituisce il vero limite di questa produzione, sicuramente ben suonata, ottimamente concepita e che ha da offrire tutti i cliché di un genere ormai scomparso da tempo e che forse ormai non ha più nulla da dire. Tuttavia, e spero sia il tempo a smentirmi, come l'Araba Fenice rinacque dalle proprie ceneri, auspico faccia altrettanto il black sinfonico, magari proprio grazie agli Onirism e al loro punto di inizio, 'Cosmic Dream'. Crediamoci fino in fondo! (Francesco Scarci)

(Self - 2016)
Voto: 65