Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 14 aprile 2016

Absent/Minded - Alight

#PER CHI AMA: Death/Doom/Sludge, Neurosis
La Baviera non è solo crauti, birra e wurstel, oggi potrebbe essere equiparabile a un piccolo spicchio di Bay Area, dove lo sludge imperversa da quasi trent'anni grazie ai Neurosis. Ne avevamo già parlato in occasione del loro secondo album, 'Earthone', torniamo a recensire gli Absent/Minded in occasione del terzo lavoro, 'Alight', uscito lo scorso autunno. Differenze sostanziali rispetto al suo predecessore non se ne scorgono, i quattro di Bamberg continuano nel proporre un death doom sludge dall'incedere monolitico, circolare, che tuttavia mostra una certa freschezza nei suoi suoni. Questo per dire che se ascoltando "Light Remains", la sensazione è quella di schiantarsi con l'automobile contro un muro di cemento armato, data una certa durezza nel rifferama contorto e melmoso (tipicamente sludge), con la successiva e strumentale (fatto salvo per alcune voci campionate) "Stargazin'", la musica cambia e di parecchio, acquisendo una certa celestialità che la rendono decisamente abbordabile ai più. L'arpeggio iniziale di "Clouds", accompagnato dalle flebili vocals di Steve, non fanno altro che confermare quanto detto, anche se poi la ritmica assume certi connotati di pesantezza e profondità, con il growling cavernoso del vocalist quasi a spaventarci. Nessuna paura però, perché il fluido sound dei nostri troverà ancora modo di addolcirsi per scatenarsi successivamente nel roboante rifferama di questi artisti. I suoni fluttuano nell'aria rincorrendo gli insegnamenti dei già citati Neurosis, ma anche dei bostoniani di nascita e los angeliani di adozione, Isis. La proposta degli Absent/Minded è un crescendo di intensità, che in "Arrivers" ha da offrire una ritmica sincopata, quasi etnica, che entra dentro come un battito del cuore e si insinua nell'anima cosi come nella testa. Il ritmo è tutto in salita e contribuisce ad aumentare l'adrenalina in corpo, per un finale, in cui le vocals sembrano le urla del muezzin in preghiera nel minareto. C'è una minacciosa calma apparente nelle note iniziali di "Skies of no Return", segno che presto la tempesta si abbatterà sulle nostre teste e infatti non mi sbaglio: il tonante riffing dei quattro teutonici torna a pestare, mantenendo comunque sempre intatto il mid-tempo che guida l'intera release. Splendido l'acustico break centrale che interrompe il pachidermico avanzare dei nostri anche se la sua oniricità sarà da li a poco frantumata dal più violento intervento ritmico, quasi al limite del post black. Con ‘So Dark, the Con of Man’ arriviamo all'epica conclusione di 'Alight': ancora un lungo e semplice incipit acustico accompagnato da voci campionate, e poi la rabbia degli Absent/Minded esplode sotto forma di riff incandescenti ultra distorti, volti a prenderci a pedate nel culo. 'Alight' conferma le ottime doti dell'ensemble bavarese, abile nel muoversi nei territori ostili dello sludge e mostra anche come, pur non avendo stravolto il mondo musicale con chissà quali trovate artistiche, sia ancora possibile offrire musica di qualità e di sostanza. Ben fatto ragazzi! (Francesco Scarci)

(Self - 2015)
Voto: 80