Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 13 aprile 2016

Demons of Old Metal - Dominion

#PER CHI AMA: Thrash/Heavy/Nu, Pantera, Slipknot, GWAR
Una macabra intro in stile King Diamond, apre il nuovo album dei britannici Demons of Old Metal, band grottesca nel look (in stile GWAR, tanto per intenderci) ormai in giro dal 2010, che con 'Dominion' giunge al traguardo della quarta uscita discografica. 'Dominion' è un disco di heavy metal corrotto, che nei suoi 11 pezzi vanta richiami a varie band del più recente passato. Le danze si aprono con il martellare grooveggiante di "Fakesin", una song che sembra miscelare il mosh di Exodus e Pantera con il Numetal degli Slipknot e sonorità un po' più classiche a la Megadeth e Anthrax. La ritmica arrembante non lascia scampo e l'assolo conclusivo rende più appetibile un brano che vivacchia nel limbo del "già sentito". Un bel riffone contaminato (una costante per il disco), accompagnato dalle vocals altrettanto sporche di Tombstone Cowboy, ci guida in "You Version 2.0", altra song che preferisco ricordare più per l'aspetto solistico che per quello ritmico, troppo tributante a Slipknot e a tutti coloro che cercano di donare un aspetto tribale al proprio sound. "Dance of the Damned", 'la Danza dei Dannati", probabilmente si addice con la filosofia del nostro sito, tuttavia un riffing troppo sincopato con flares elettro-industriali, lo rendono poco affine ai miei gusti. Chi invece ama sonorità rabbiose e al tempo stesso ruffiane, avrà di che divertirsi con questo pezzo. Si rimane nei meandri della contaminazione pesante con "Open Wide and Scream", un brano che sebbene un cantato "alternative", mi piace per quel suo intrigante e malsano feeling di fondo. Con "The Quiet Ones" solchiamo i territori di un rock oscuro e malmostoso, che se non fosse per quel vocalist che fatico a digerire, risulterebbe come mia song preferita, soprattutto per la thrashettona ritmica infernale che si scatena nella sua seconda parte. Non male, ma questo cd poteva essere affine ai miei gusti 20 anni fa, per questo genere non c'è più spazio nella mia collezione. Qualche altro brano interessante in 'Dominion' c'è ancora: la "panterosa" "Behind the Mask" ad esempio, però a non convincermi è la solita timbrica del vocalist. "The Star of Your Nightmare" è una traccia dove mal si adatta l'utilizzo delle tastiere in background e dove le chitarre sono forse un po' troppo leggerine e si riprendono solo nella fase solistica. Il disco volge al termine con "See How They Die" e "Get Outa Dodge", in cui  il quintetto britannico continua con un sound carico di groove, scomodando i System of a Down nella prima traccia e offrendo un'inutile forma di heavy southern rock'n'roll nella seconda. 'Dominion' alla fine è un lavoro che vive tra le ombre di un passato che fu e di un presente a cui nessuno sembra più essere interessato. Rinnovarsi please. (Francesco Scarci)

(Self - 2015)
Voto: 60