Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 13 ottobre 2016

NightMyHeaven - Across the Dark Side


#PER CHI AMA: Black/Death atmosferico, Emperor
Gli Emperor hanno fatto scuola negli anni '90, e i NightMyHeaven, formatisi all'inizio degli anni 2000 in quel di Guimarães in Portogallo, possono essere annoverati nella schiera di adepti della band di Samoth e soci. Il genere? Facile no, black death atmosferico, certificato sin dall'intro del cd che ci introduce a "Nights Dark Side", song che a livello ritmico, segna un riffing tipicamente death metal, mentre a livello di atmosfere, evoca un che dei Cradle of Filth e appunto dei succitati maestri norvegesi, anche se lungo il corso di questa song, il pensiero mi ha spinto più volte verso i Limbonic Art, cosi come pure ai primi Samael, con la performance vocale di Alfredo abbastanza convincente, nel suo screaming molto borderline con un growling stile orco cattivo. I lusitani proseguono con questo registro anche con la successiva "Riders of the Apocalypse", brano parecchio ruvido, che sta più vicino al "metallo della morte" che a quello "nero". E "Kill Your King", scandita dal suono di spade brandite in cielo e di una battaglia che si sta consumando in campo aperto, continua in tal senso, mettendo a ferro e fuoco l'ascoltatore, con ritmiche dritte in cui a eccedere un po' troppo è il cantato del frontman; avrei prediletto infatti che venisse lasciato più spazio alla musica e alla melodia. In "Channel of Doom" invece, sembra che il quintetto portoghese abbia già intuito i miei pensieri e virato pertanto verso uno stile che lascia più spazio a musica e assoli, anche se ancora un po' elementari. E il disco da questo punto in poi, sembra subire un netto miglioramento anche con le successive "Slayer of Deities" e "Amidst the Wolves", dove le atmosfere trovano terreno fertile, pur mantenendo intatto lo spirito battagliero del death metal, con un riffing comunque scorbutico, spezzato da qualche solo che invece punta diritto all'heavy metal classico. "Daughter of Hecate" ha un approccio più orientato al black sinfonico e per questo più accessibile e anche più piacevole, grazie all'uso massivo di tastiere molto stile anni '90, che replica il suo mood anche nelle conclusive "The Flight of the Harpies" and "Hades Hellhound". 'Across the Dark Side' è alla fine un album onesto, anche se ormai suona piuttosto anacronistico nei suoi suoni e nella sua proposta in generale, il che dovrebbe indurre i cinque guerrieri lusitani a svecchiare un po' la propria proposta (anche in fatto di cover cd), visto che ormai siamo sul finire del 2016 e gli Emperor si sono ormai sciolti da tre lustri. (Francesco Scarci)