Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 24 ottobre 2016

Astral Path - An Oath to the Void

#PER CHI AMA: Post Black, Wolves in the Throne Room
Formatisi solamente lo scorso anno ad Ottawa, i canadesi Astral Path si confermano già band abbastanza matura sotto il profilo musicale. Questo non è passato ovviamente inosservato alla sempre attenta Avantgarde Music, che scandagliando tutto il globo, ha pensato bene di mettere sotto la propria egida il duo composto da Ana Dujaković, basso e tastiere e Justin Bourdeau, che siede dietro alle pelli, viaggia a ritmi poderosi con la sua sei corde ed è anche voce dei nostri. Cinque brani che oscillano tra sonorità ambient (quelle del lungo interludio iniziale di "Maroon Sea") e post black atmosferico che divampano nella seconda parte della opening track, con un sound minaccioso, ritmiche incalzanti e uno screaming posseduto. Con la title track, i due continuano a correre come indemoniati con ritmiche propulsive costituite da abrasivi riff zanzarosi e blast beat schizoidi, anche se poi le ottenebranti atmosfere contribuiscono a rendere il flusso sonico più controllato e arioso, andando quasi a toccare un che degli Agalloch. "Between Appalachia and the Shield" ha una andatura più compassata, un black doom introspettivo dal forte flavour malinconico, le cui melodie aleggiano nell'aria come il vento gelido del Polo Nord, tagliente e spettrale, e con un finale affidato alla chitarra acustica di Justin. Furia iconoclasta contraddistingue invece "A Virulent Delusion", un pezzo di cui si poteva anche fare a meno, non aggiungendo nulla a tanta musica piattina che gira sul web. Gli ultimi undici minuti sono affidati a "To Vega... Nebulous Anatomy" e a quel suono cosmico proveniente dalla stella Vega, scandagliato da Jodie Foster nel film "Contact". Speravo in una migliore evoluzione della traccia, in realtà il brano si lascia andare tra cavalcate black e intermezzi strumentali in una song fatta di melodie siderali. 'An Oath to the Void' è un discreto punto di partenza da cui spiccare il volo verso la volta celeste. (Francesco Scarci)