Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 3 ottobre 2016

Scann-Tec - Unyt

#PER CHI AMA: Ambient, Electrowave, Minimal
Vladislav Isaev è un talentuoso compositore e musicista, scultore del suono attivo sin dal lontano 1996. L'ultimo lavoro a nome SCANN – TEC, uscito sotto le ali protettrici della Ultimae Records mostra tutta l'esperienza maturata dalle precedenti produzioni, le innumerevoli creazioni, partecipazioni ed invenzioni sonore dell'artista elettronico russo, compreso la sua esperienza in ambito di soundtrack televisive e l'importante collaborazione con la gloriosa The Future Sound of London. Autore di un mix intramontabile che spazia tra ambient, electrowave, minimal electronic e psichedelia digitale fredda e post moderna, l'artista russo offre la sua opera in una curatissima confezione digipack, affascinante e preziosa, in puro e unico stile Ultimae (disponibile anche in versione digitale a 24 bit sulla pagina bandcamp). La musica, orchestrata tra pulsioni analogiche e prodezze digitali, s'incarica di trasportare l'ascoltatore verso viaggi sensoriali, al confine tra musica new age e chill out che si assottiglia aprendo un mondo di magia carico di mille colori vividi e radiosi, illusioni percettive leggere e sfuggenti al tocco, come il brano che presta il nome alla raccolta, "Unyt", song piena di corposa fisicità al silicone e malinconia da lounge bar per poeti maledetti dell'iperspazio sconfinato. Trama cinematica ed arborea fluorescenza per la successiva "Quantum Evo", con la sua stratificazione di percussioni minimali, la cadenza al limite del dub e una coda da ipnosi assicurata. Il viaggio continua e l'effetto è garantito, costante e sicuro, tanto è alta la qualità della produzione e della scrittura dei brani. Una musica dotata di forza cibernetica, fluidità sonora, complessità e ricerca ritmica peculiare. Soventi sono le geniali introduzioni di parti psichedeliche, come l'ingresso di una chitarra sfuggente ed astratta che si eleva in "Ne Viden", ripercorrendo le opere notturne dei Bark Psychosis, epoca 'Hex'. Ambient music dicevamo, nello stile di Digiseeds, come concetto espressivo e coinvolgimento emotivo senza mai dimenticare il piacere dell'ascolto e dell'orecchiabilità, frutto di brani intensi ma mai oscuri, allucinazioni controllate e volte ad un benefico bagno nell'infinito ("Svet"). Cristallina ed evanescente musica d'ascolto, mutuata da un'infinità di rumori e suoni sparsi tra i solchi di bassi profondissimi e droni cosmici ("Kilnostat"), di cui Vladislav Isaev, con le sue intuizioni sonore, è degno portavoce e bravo compositore. "Parsec" è quasi una versione ambient, eterea e rarefatta degli Ozryc Tentacles più languidi. Irreali e futuriste, impalpabili ed avvolgenti, queste tracce, venute direttamente dall'iperspazio, vi lasceranno senza fiato, con le pupille dilatate a forza, paralizzati ad esplorare orizzonti sconosciuti, sofisticati e senza tempo. Fatevi trasportare e non ve ne pentirete! (Bob Stoner)

(Ultimae Records - 2016)
Voto: 80

https://ultimae.bandcamp.com/album/unyt-24bit