Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 25 settembre 2016

Mental Disaster - Raping the Symbol of Humanity

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Deicide, Cannibal Corpse
Il secondo full length dei norvegesi Mental Disaster è intitolato 'Raping the Symbol of Humanity' e si distingue per il suo legame di sangue con band di culto come Deicide, e in parte Cannibal Corpse. Stiamo parlando di metal estremo, super compresso, velocissimo e compatto, un death concepito in modo originale e fuso con elementi thrash, privi di attimi di tregua, con un drumming tritacarne e riff di chitarra spaccaossa. Il suono è tipico del genere e i quattro musicisti di Kristiansand, sfoderando una buona dose di conoscenza dello stile e delle regole di questa forma di metal, riescono a creare una collana di brani ottimi per raccontare musicalmente un album dal titolo così iconoclasta e radicale. Brani veloci e di breve durata media che si aggirano intorno ai tre minuti o poco più, un sentore di claustrofobia disseminato ovunque, growling e screaming a gogo, oltre ad un cinico e macabro sarcasmo che vigila su tutti i titoli e presumo anche nei testi di ogni loro composizione, una visione provocatoria e drastica che accompagna uniforme i circa trenta minuti di violenza sonica del presente cd. Il suono della band, come già detto, è molto compresso e la batteria risalta che è un piacere (ottima "Crush the Opposition"), ove il virtuosismo è tutto in funzione dell'impatto, potente, distorto e letale, ed una buona produzione che ricalca le tracce e i suoni di album come 'Insineratehymn' dei già citati Deicide, rivisto con tecniche di registrazione odierne. "Thoughts of Rot...Thoughts of Hell" mostra i muscoli e una vena più fantasiosa, portando dentro di sé una forma sperimentale di thrashm metal, con una chitarra dal riff graffiante, una potente voce e una batteria al limite dell'impresa umana! L'album è omogeneo e per essere autoprodotto è un ottimo lavoro; indubbia la maestria della band ed il suo gusto compositivo, a tal proposito segnalo l'ottimo giro di basso messo in evidenza dalla bella costruzione del brano "Post-Apocalyptic Bumfight". L'ensemble è lanciatissimo e merita una chance per entrare nell'Olimpo delle death metal band che contano, anche se una ricerca futura volta ad una maggior personalizzazione del suono potrebbe giovare nel definitivo salto in avanti, ed ottenere l'emancipazione sonora nei confronti dei propri idoli, portando cosi i Mental Disaster ad alzare l'asticella e mirare veramente al gradino più alto del podio. Le potenzialità del quartetto nordico sono veramente enormi e questo secondo, nuovo lavoro del 2016, ne è la conferma, quindi, non fermatevi di fronte all'evidenza, sparatevi a volume altissimo un brano come "Cannibal Skull Cult" e gustatevi la sua prelibatezza! Long live to death metal! (Bob Stoner)