Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 18 luglio 2016

Elio Rigonat - EgregoЯ I

#PER CHI AMA: Death/Thrash, Carcass, Arch Enemy
I confini del Pozzo dei Dannati si allargano sempre più: oggi ci conducono alla scoperta della one man band serba capitanata dal polistrumentista Elio Rigonat, che propone un roboante death melodico. 'EgregoЯ I' rappresenta l'album di debutto per l'artista di Belgrado, il cui risultato non è affatto male. Dieci i pezzi a disposizione (in realtà "Alpha" e "Omega" rappresentano intro e outro del cd) per poter catturare la vostra attenzione, convincervi della bontà della proposta, e poi abbattervi come alberi nella Foresta Amazzonica o se preferite, più ecologicamente, come birilli in una pista da bowling, grazie ad un sound potente che mostra i propri muscoli nell'onda d'urto prodotta dalle sue chitarre thrash (eloquente a tal proposito "Chaos Factory"), con vocals che si assestano tra il growl e lo scream, ma soprattutto una componente solistica davvero invidiabile, che forse ne fanno il punto di forza del musicista serbo. "I Am the Reason" ha uno sviluppo molto classico del brano con le componenti strofa-ritornello-strofa messe nel punto giusto che si riflettono in un riffing sincopato di scuola "carcassiana" ma che ancora una volta sorprendono per l'esito esaltante a livello di assoli, che esaltano le capacità tecnico-compositive del bravo Elio. Se l'album scorre via in modo molto lineare (senza particolari sussulti) nella sezione ritmica, richiamando alternativamente Carcass e Arch Enemy (indovinate qual è il punto di contatto tra le due band), sarà poi avvincente godere delle affilate stoccate di Elio in chiave solistica. Da brividi le evoluzioni sonore dell'axeman in "Rise", song che poggia su un tappeto chitarristico ribassato, ove il folletto serbo ci delizia con primizie appena colte. "Stitching My Soul" è palesemente debitrice ai gods sopraccitati, talvolta si sfiora il plagio e questo mi innervosisce non poco, ma quando è la chitarra indemoniata di Mr. Rigonat a prendersi la scena, la mia rabbia scema e mi lascio andare alle estasianti melodie heavy rock della otto corde di Elio. "Death Incarnates" parte piano, per poi lanciarsi in un'altra cavalcata di death melodico, dove il groove colante dai suoi arrangiamenti, preparano il terreno a quello che arriverà da li a breve: un bell'assolo rock. Erano anni che non sentivo ululare le chitarre in quel modo e il bravo Elio mi ha ricondotto indietro nel tempo di una ventina di anni (escludendo l'ultimo capitolo della saga Carcass). Nella cupezza sonora di "4th Dimension" sembra esserci spazio per una forma personale di metal anche a livello ritmico, in una song al limite del black, contraddistinta da tratti schizofrenici e altri al limite dell'ambient, con un finale affidato a sferzate di scuola Children of Bodom. Con "Remodeled" e "Norther", i Carcass tornano ad essere il punto di riferimento primario per il mio nuovo guitar hero, che si nasconde con le sue lame affilate, dietro al robusto riffing di accompagnamento. Insomma, direi che 'EgregoЯ I' è un bel biglietto da visita per Elio Rigonat, autentica sorpresa di questo luglio, non troppo infuocato, del 2016. (Francesco Scarci)