Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 20 marzo 2016

Hyling - Decimate The Human Race

#PER CHI AMA: Black Scandinavo, Mayhem, Dark Funeral
Il verso della civetta, i suoni e i rumori del bosco nella notte, aprono l'oscuro viaggio degli Hyling (e altri ci accompagneranno tra un pezzo e l'altro) in quello che è il terzo lavoro in 15 anni per l'act veronese. 'Decimate the Human Race' è un disco che se fosse stato partorito in Svezia, sarebbe balzato agli onori della cronaca metal come una bomba in ambito black. Essendo stato concepito invece in quel della città di "Giulietta e Romeo", mi sembra sia passato un po' più in sordina, sebbene sia stato decantato da diversi web magazine. Non posso far altro che accodarmi a quanto scritto dai colleghi e dire che gli otto pezzi qui contenuti, possono rappresentare un buon viatico per i nostri verso una maggiore visibilità internazionale. Nel frattempo ascoltando il disco, vorrei soffermarmi su alcune caratteristiche vincenti di questo 'Decimate the Human Race', i cui contenuti lirici ci conducono all'oscuro decadentismo in cui è sprofondata la razza umana: innanzitutto, partirei dall'ottima prova vocale di Patrik Carlsson, vocalist degli svedesi Anachronaeon. Per lui una timbrica a metà strada tra Attila Csihar e Emperor Magus Caligula (ex frontman dei Dark Funeral), che ben si amalgama con la proposta estrema degli Hyling. Secondo punto di interesse è la presenza dietro le pelli di Enrico "Il Rosso", preso in prestito dai Riul Doamnei, uno che quando c'è da picchiare in modo violento ed ultra tecnico, non si tira certo indietro. Tra i punti di forza aggiungerei poi quel riffing acuminato di matrice scandinava che sicuramente riuscirà a metter d'accordo i fan di Mayhem, Unanimated, Immortal, Darkthrone, Marduk, Dark Funeral, Sarcasm, Gorgoroth, Dissection e Setherial, tanto per confinare a qualche nome della scena, l'ambito in cui i nostri si muovono. Per concludere, non sottovalutate neppure i contenuti lirici del disco, evitando di soffermarvi in modo superficiale al titolo provocatorio del platter. Detto questo, lasciatevi incantare dalla dinamica ferocia del combo veneto, per cui vi consiglierei l'ascolto della sinistra title track, e di "Moon", la song posta in apertura, che palesemente rievoca quel masterpiece che è 'De Mysteriis Dom Sathanas'. Suoni raggelanti, cambi di tempo che imperversano lungo l'intero lavoro, melodie sghembe e una dose di violenza con pochi eguali (che avvicina peraltro 'Decimate the Human Race' anche al death metal), completano il quadro di un disco ambizioso, che ha ancora modo di mostrare alcune interessanti soluzioni nell'acustica strumentale di "Quiet Waters" e nella conclusiva ed epica "Dust", che in questo caso sembra addirittura evocare 'Blood, Fire, Death' degli immensi Bathory. Per favore, ora non fermatevi! (Francesco Scarci)

(Self - 2015)
Voto: 75