Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 5 marzo 2016

Grey Heaven Fall - Black Wisdom

#PER CHI AMA: Black/Psichedelia, Deathspell Omega, Oranssi Pazuzu
I Deathspell Omega ormai fanno scuola a livello planetario e quest'oggi la loro ombra si è allungata fino a Podolsk, nella regione di Mosca, incarnandosi nelle note di questo 'Black Wisdom', secondo capitolo dei Grey Heaven Fall. La band russa mette a disposizione sei tracce per dar sfoggio del proprio black death acido e visionario. Proprio la opener, "The Lord Is Blissful in Grief", dà dimostrazione di come il terzetto abbia fatto propri gli insegnamenti dell'act francese (ma anche di un qualcosa degli Oranssi Pazuzu) e li abbia espletati in una forma assai efficace di sonorità estreme che deliziano le mie orecchie con scorribande di ferocia inaudita, inframmezzate da sprazzi di cupa e delirante psichedelia. Il risultato che ne vien fuori dalla prima traccia è senza dubbio vincente (oltre che di valore) e con gli oltre undici minuti di "Spirit of Oppression", la band sembra addirittura far meglio, sprigionando una ritmica serrata, che di sovente muta, divenendo instabile e psicotica, coadiuvata anche dall'eccellente voce di Arsagor, dotato di una timbrica feroce ma le cui parole sono facilmente comprensibili. Il brano viaggia su ritmiche abbastanza infuocate, non disdegnando tuttavia in taluni frangenti, rallentamenti da brivido, proprio come mostrato nel bel mezzo della seconda traccia, glaciale e mortifera al tempo stesso. I ragazzi nella loro furia primordiale non si fanno neppure mancare deliziose aperture melodiche o assoli malinconici, mantenendo comunque un costante flusso tensivo per l'intero brano e in generale in tutto il disco, prediligendo peraltro un più dilatato approccio strumentale. Le ombre dei Deathspell Omega, pur serpeggiando lungo gli oltre 50 minuti di 'Black Wisdom', vengono dissolte dalla spiccata personalità dei nostri, anche nel lisergico intermezzo strumentale di "Sanctuary Of Cut Tongues". "Tranquillity of the Possessed" inizia lentamente con ritmiche sghembe che mostrano ancora una volta la disinvoltura dei Grey Heaven Fall nell'incanalarsi in territori non cosi semplici da affrontare. E proprio qui risiede la forza di questo ensemble, non suonare scontati, ma affrontare senza timore le proprie paure, guardando la bestia infernale direttamente negli occhi. La cavalcata non si placa neppure nella inizialmente corrosiva "That Nail In A Heart", ultimo schizoide atto di questo imprevedibile 'Black Wisdom', che rappresenta a mio avviso il top di quanto ascoltato sinora, soprattutto quando a parlare è un meraviglioso assolo che da solo vale il prezzo del disco e per cui i nostri meriterebbero tutta la vostra attenzione. (Francesco Scarci)

(Aesthetics of Devastation - 2015)
Voto: 75

https://greyheavenfall.bandcamp.com/