Cerca nel blog

Caricamento in corso...

martedì 29 marzo 2016

Jimm - In(can)decence

#PER CHI AMA: Punk/Rock/Heavy/Alternative
Sarà una coincidenza, ma ultimamente le proposte che mi arrivano dalla Francia, sono di promettenti polistrumentisti alle prese con le più disparate proposte musicali; in questo caso, i Jimm (che altri non è che il nome del factotum della band), ci propongono il loro primo lavoro sulla lunga distanza, con testi in francese e un genere che presto andrò ad esporvi. Prima di entrare nel merito e nei particolari della proposta è giusto specificare che le 10 canzoni di 'In(can)decence' sono state interamente composte da Jimm, che ha suonato chitarra e basso oltre che cantare, avvalendosi unicamente dell'aiuto di un batterista, Fred Quota. Premetto di aver ascoltato il disco diverse volte, in un ristretto lasso di tempo, perché non volevo farmi sopraffare dai pregiudizi ma giudicare il lavoro nella maniera più distaccata possibile. Tutto questo perché la proposta qui contenuta, ad un ascolto distratto, potrebbe sembrare talmente anacronistica ed elementare da sembrare uno scherzo; ed invece questo disco, proprio così male non è. Sia chiaro, non è un capolavoro e non è il disco più innovativo del millennio, ma chi dice che un disco, per essere bello, debba essere a tutti i costi una novità assoluta? Io non l'ho mai sostenuto, e questo lavoro nel suo piccolo, ne è la dimostrazione. Partiamo col parlare dei suoni e della cura mostrata nel registrare il disco: i suoni sono ottimi, mai freddi, incasinati al punto giusto, bilanciati in maniera egregia, a dirla tutta, pagherei di tasca mia per sentire suonare dei dischi dei Megadeth così. Ecco, appunto, per fare il confronto ho preso probabilmente il gruppo più lontano dal genere dei Jimm, ma lo sapete, mi piace scherzare. Sì, perché all'interno di 'In(can)decence' possiamo trovare dal punk all'hard rock tradizionale, passando per il metal più spinto, ma possiamo addirittura toccare lidi mai pensati, una sorta di versione francese dei Litfiba di 'Terremoto'. Non so se ho reso l'idea, per lo meno avrò schiarito le idee per i fan italiani del gruppo toscano. A parte gli scherzi, qua dentro possiamo trovare influenze che vanno dai Bad Religion agli Accept, passando per i Gotthard fino ad arrivare all'alternative metal, quindi davvero, ci si può trovare un po' di tutto. E tutto questo, suonato e composto con un certo gusto e perizia, che trovano la loro maggiore espressione in pezzi come “Jour de Gloire”, “Occident Oxydant” e “Sur le Meme Modele”. Davvero una piacevole sorpresa questo lavoro, che pur senza toccare vette di eccellenza assoluta, si attesta su livelli capaci di far passare 37 piacevolissimi minuti a chi vorrà accostarsi all'ascolto. (Claudio Catena)

(Self - 2015)
Voto: 70