Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 4 ottobre 2015

La Fantasima - S/t

#PER CHI AMA: Drone/Experimental/Folk metal
"La Fantasima è l’immagine, il cuore, il suono ed il desiderio che è parte dei silenzi e dei colori della natura Italica. Dalle sue notti, dai boschi, da sotto i suoi monti, tra le pagine di antiche leggende e nel tepore della luce dei fuochi, rendiamo omaggio alla nostra terra, raccontandola". Cosi i nostri descrivono la propria proposta nelle loro pagine. Da ammirare innanzitutto il lato isolazionista e underground del trio romano che licenzia in download gratuito il proprio lavoro senza troppa pubblicità. Le cinque tracce che compongono il disco sono ispirate alle bellezze della natura italica e solo a pensare quante di essa versano in situazioni disastrose o dimenticate, l'omonimo album ne diviene un'ottima colonna sonora, una reale fotografia di quanto in Italia si stia regredendo in tal materia. Il sound dei nostri ha la veste oscura e il passo rallentato del freddo funeral doom siberiano, prediligendo suoni puliti e d'atmosfera, molto cupi e riflessivi; i brani sono totalmente strumentali, rallentano i battiti cardiaci, risultano depressivi e notturni, pieni di pathos e malinconia. Mostrano una magia ancestrale, una capacità ipnotica e magnetica, una collocazione fuori dal tempo, tra armonici di chitarra e un basso carico di atmosfera, orgoglioso del suo sound anni '80, con una batteria minimal ad effetto psichedelico che li fa entrare di diritto nell'olimpo del drone/depressive/metal pur non sfoderando mai una chitarra distorta. In realtà l'insieme dei pezzi ha una forma di romanticismo decadente, quasi occulto che si avvicina al misticismo sonoro di Ion (vedi Duncan Patterson) in "Madre, Protègenos" e richiama le sospensioni temporali soventi nella musica dei Sigur Ros e il concetto mistico uomo/natura perfettamente espresso dagli Agalloch in 'The White', anche se poi qui il risultato definitivo è un ambient folk metal dalle caratteristiche schive e riservate. Da ascoltare almeno una volta nella vita per cercare di capire il significato della propria esistenza! (Bob Stoner)