Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 5 settembre 2015

Atten Ash - The Hourglass

#PER CHI AMA: Death Doom, Daylight Dies, Rapture, primi Katatonia
Li avevo menzionati in occasione della recensione dei Norilsk; finalmente ho modo di parlarne più dettagliatamente grazie a 'The Hourglass', disco originariamente registrato nel 2012, ma che solo a febbraio di quest'anno ha visto la luce, grazie alla Hypnotic Dirge Records. Sto parlando degli statunitensi Atten Ash, trio del North Carolina, fautore di un sound che ha più di qualche punto di contatto con i conterranei Daylight Dies. Si inizia con "City in the Sea" che propone un sound vicino al death doom, anche se poi certe aperture melodiche (al contempo malinconiche) palesano piuttosto influenze che spazziano dai Katatonia di 'Brave Murder Day' ai finlandesi Rapture. E con questa attitudine death doom darkeggiante, gli Atten Ash finiscono per coinvolgermi sin da subito per quella loro vena oscura, sorretta da ottime melodie e brillanti assoli, che rendono questo loro debutto a tratti parecchio accessibile. Come sempre, desidero sottolineare che non ci troviamo nulla di originale fra le mani, anche se l'ottimo songwriting, sorretto dalle inevitabili growling vocals e da egregi arrangiamenti, contribuiscono a consegnarci un lavoro maturo e di tutto rispetto. "See You... Never" è un pezzo che strizza maggiormente l'occhiolino alla musicalità dei Saturnus e l'eccelsa produzione non fa altro che enfatizzare la qualità di un lavoro già di per sé assai buona; metteteci poi uno splendido assolo alla fine del brano e potrete godere anche voi delle qualità di questo ensemble a stelle e strisce. In "Not as Others Were" è da segnalare l'utilizzo delle clean vocals a cura di James Greene (un po' il factotum della band) che si contrappongono al cantato feroce di Archie Hunt. "Song for the Dead" (cosi come "First Day" o nella conclusiva e notturna titletrack) vede di contro, il totale abbandono delle voci death a favore di un cantato in grado di agevolare maggiormente un avvicinamento anche per coloro che non hanno molta confidenza con il death doom. Ancora una volta, la componente solistica e una discreta dose di suoni progressivi, intervengono a favore dell'ottima riuscita del disco. Lo stesso si potrebbe dire per la successiva "Born", song che a parte qualche grugnito qua e là, che ci sta peraltro davvero bene, farà la gioia degli amanti del doom alla Doom:Vs, complici anche la presenza di interessanti break crepuscolari. Insomma che altro dire, se non consigliare caldamente un'altra uscita targata Hypnotic Dirge Records: poche releases ma sempre di ottima qualità! (Francesco Scarci)

(Hypnotic Dirge Records - 2015)
Voto: 75

https://www.facebook.com/attenashband