Cerca nel blog

Caricamento in corso...

giovedì 27 agosto 2015

Norilsk - The Idea of North

#PER CHI AMA: Doom/Black, Celtic Frost
La Hypnotic Dirge Recors sarà anche rimasta in standby per un po' di tempo, ma dopo che le attività sono riprese presso l'etichetta canadese, le cose sono andate migliorando con una serie di uscite interessanti: i Verlies, gli Atten Ash e questi Norilsk. Curioso come il nome derivi da quello di una città siberiana, e quando penso alla Siberia, associo inevitabilmente il tutto a gelidi suoni funeral doom. I canadesi Norilisk non vanno proprio cosi distanti dal genere. Lo attesta il riff posto in apertura a "Japetus", che introduce il sound sofferto del duo del Québec; diciamo che rispetto al doom tradizionale o al funeral doom dell'est Europa, la proposta dei nostri rimane un po' più atmosferica ma assai complicata da digerire. La musicalità della band non è di cosi facile assimilazione, data una certa dissonanza di fondo nelle linee melodiche e dalla presenza di un avvolgente manto di malignità che pervade la song (e il disco), anche a livello vocale, con lo screaming acido di Nicolas ad alternarsi al suo malefico growl. In "Planète Heurt" ecco il rallentamento tenebroso che stavo aspettando, e a salire quella sensazione di respiro affannoso dovuto a un luogo angusto che degenera in uno stato d'ansia. Il senso di asfissia va peggiorando man mano che la song procede a rallentatore, per poi dissolversi improvvisamente quando uno splendido assolo restituisce quella serenità che sembrava andata perduta. In "Throa" il sound malsano dei nostri, qui dotato di una vena di Celtic Frost memoria, macella non poco i nostri timpani per la sua monoliticità di fondo, interrotta fortunosamente da "La Liberté Aux Ailes Brisées", song di più ampio respiro, soprattutto per la freschezza delle sue chitarre. Cosa attendersi invece da un brano intitolato "Nature Morte"? Poco in realtà, se non suoni che potrebbe accompagnare la visione di un frutto morso lasciato su un tavolo, o meglio, un teschio abbandonato. Il disco prosegue nella sua compattezza con l'orrorifica "Potsdam Glo", un breve pezzo strumentale e la title track, "The Idea of North", che lungo i suoi nove minuti, sfodera probabilmente la miglior performance del duo nord americano, offrendo un doom sorretto da una bellissima e suadente chitarra black che impreziosisce il brano con una certa vena malinconica, in quella che è la song più completa di questo aspro e indigesto lavoro, capace di incutere timore ma anche grande curiosità. La conclusione del disco è affidata a "Coeur de Loup", altra traccia costituita da suoni cupi e a tratti teatrali nella sua manifestazione vocale. Decisamente ardui da affrontare, i Norilisk in questo disco aprono nuovi orizzonti sonori nell'ambito doom. (Francesco Scarci)

(Hypnotic Dirge Records - 2015)
Voto: 75